Posts by tag: imolese

Sport 14 dicembre 2018

Serie C, l'Imolese ritrova Belcastro contro la Fermana che sembra l'Altetico Madrid

«Arriva una partita giusta contro una squadra che è partita con il nostro stesso obiettivo e che sta facendo meglio di noi». L”allenatore dell”Imolese Alessio Dionisi si prepara alla partita di sabato 15 dicembre (ore 18.30, stadio Romeo Galli). «Insieme ai miei collaboratori – continua il mister rossoblù – abbiamo l”impressione che la Fermana assomigli in piccolo all”Atletico Madrid. Ma noi non siamo il Real» dice sorridendo in esclusiva per www.sabatosera.it Alessio Dionisi; che poi spiega: «La Fermana gioca con grande fisicità, in contropiede, sbaglia il meno possibile e verticalizza molto. Caratteristiche molto diverse dalle nostre. Sta ottenendo molto e riesce a far giocare male i propri avversari».
Il Cholismo (definizione del gioco dell”Atletico Madrid allenato da Diego Simeone detto El Cholo) della Fermana contro il calcio propositivo dell”Imolese di Alessio Dionisi che conclude. «E” una squadra che ha molta personalità mentre noi siamo più giovani e meno sgamati. Non sono sicuro che riusciremo a giocare bene sabato sera».
Sabato l”Imolese riproporrà tra i titolari Luca Belcastro dietro le punte dove sono in ballottaggio per un posto di fianco a Rossetti, Lanini e Giovinco. A centrocampo, assente per squalifica Gargiulo, Saber (o Bensaja) e Valentini saranno ai fianchi di Carraro. In difesa conferma per i titolari del grande successo di martedì scorso a Salò contro il Feralpi dell”Airone Caracciolo. (Paolo Bernardi)

PROBABILE FORMAZIONE IMOLESE
IMOLESE (4-3-1-2) 22 Rossi; 18 Garattoni, 5 Checchi, 26 Carini, 25 Fiore; 24 Saber, 21 Carraro, 8 Valentini; 10 Belcastro; 28 Giovinco, 27 Rossetti. (1 Zommers, 2 Sciacca, 4 Bensaja, 6 Tissone,, 11 Giannini, 14 Zucchetti, 17 Lanini, 19 Boccardi, 23 Rinaldi, 29 Mosti, 30 De Marchi). All. Dionisi.

Nella foto Isolapress, Luca Belcastro

Serie C, l'Imolese ritrova Belcastro contro la Fermana che sembra l'Altetico Madrid
Sport 11 dicembre 2018

L’Imolese torna subito bellissima ed espugna Salò, Lanini vola più in alto dell’Airone

Una bellissima Imolese ha espugnato Salò (1-0, rete di Lanini al 70’). Nel giro di tre giorni la squadra di Dionisi ha cambiato decisamente passo, almeno dal punto di vista della qualità e, per la prima volta, ha infilato due vittorie consecutive, tornando ad avvicinarsi ai quartieri altissimi del girone. Il principe Carraro è stato probabilmente il migliore in campo, ma stavolta trovare una prestazione negativa è veramente difficile.

Nel primo tempo solo l’inizio è targato Salò, a parte qualche raro sprazzo dalle parti di Rossi, mentre è quasi sempre l’Imolese a tenere in mano il pallino del gioco. Il gol però non arriva, nonostante le buone occasioni capitate soprattutto sui piedi di Rossetti, Lanini e Mosti. Subito dopo il fischio iniziale la palla capita sul destro di Caracciolo, che però spara alto nel tentativo di piazzare il pallone. Al 10’ è ancora l’Airone, su cross di Ferretti dalla destra, a rendersi pericoloso, però il suo tiro di testa è ben contrastato e non si avvicina neppure alla porta. Ecco allora che inizia la rumba rossoblù. Ci prova Gargiulo da fuori al 15’ e il suo tiro esce di poco. Due minuti dopo Carraro pennella un pallone verso Rossetti che però, solo davanti al portiere, non riesce a coordinarsi per un buon tiro. E’ l’occasione più ghiotta, assieme a quella di Lanini, decentrato sulla destra, ma qui è bravo il portiere delle Tigri del Garda. Al 44’ ancora Imolese, con Lanini che serve benissimo Mosti, ma il suo tiro è troppo debole per impensierire la Feralpi.

Nella ripresa il canovaccio è sempre lo stesso. L’Imolese tiene palla e i padroni di casa fanno quello che possono, con l’unico vantaggio di avere uno come Caracciolo che, anche quando non fa nulla, fa tremare i polsi. E’ proprio lui al 53’ a calciare fuori una punizione. Al 58’ lo stesso Airone dà un pallone di rara bellezza a Vita, che però è ben fermato da Carini, in angolo. Al 62’ arriva il… gol, ma viene annullato. Su un tiro di Carraro c’è una deviazione di Lanini e il guardalinee sbandiera. Ma il vantaggio si annusa. Ed infatti (subito dopo le entrate di Belcastro e De Marchi), al 70’ un lancio di Checchi arriva tra i piedi di Lanini, che si beve un paio di difensori e spara dal limite dell’area una bordata che termina alla sinistra di Livieri. Il Feralpi è in bambola e due minuti dopo l’Imolese può raddoppiare con Garattoni che serve De Marchi a centro area: tiro debole e parata facile. Gli ultimi minuti sono un po’ in sofferenza (all’89’ Guerra spara addosso a Rossi da posizione favorevole), ma questo martedì diventa trionfale per la banda rossoblù. (p.z.)

Feralpisalò – Imolese 0-1 (0-0)

Imolese (4-3-1-2): Rossi; Garattoni, Checchi, Carini, Fiore (81’ Sciacca); Saber (87’ Giovinco), Carraro, Gargiulo; Mosti (63’ Belcastro); Lanini (81’ Valentini), Rossetti (63’ De Marchi). All. Dionisi.

Gol: 70’ Lanini (I).

L’Imolese torna subito bellissima ed espugna Salò, Lanini vola più in alto dell’Airone
Sport 10 dicembre 2018

Serie C, Belcastro e Valentini partono in panchina a Salò contro la Feralpi dell'Airone Caracciolo

Non chiamatelo turnover, perché l”Imolese di Alessio Dionisi ha alcuni punti fissi ma concede spazi e ruoli da protagonisti a tutti i suoi interpreti. A Salò ci saranno quindi novità sostanziali nello scacchiere che inizierà la partita alle 20.30 di  martedì contro l”Airone Caracciolo (58 gol in serie A, 132 in serie B) e le altre stelle della Serie C che giocano nel Feralpi.
Il mister imolese Dionisi, sentito in esclusiva durante il viaggio verso la città sul Lago di Garda, offre la sua lettura della partita che aspetta l”Imolese: «Col Feralpi dobbiamo essere bravi perché non fanno grandi prestazioni ma hanno giocatori che non dobbiamo scoprire, dopo la Ternana sono i singoli più forti. Questa partita se la giochiamo uno a uno non c”è storia, ma fortunatamente giochiamo squadra contro squadra».
Contro il Feralpi la squadra di partenza dell”Imolese non vedrà schierati i due goleador di sabato scorso, ovvero Valentini e Belcastro. Spazio per Saber e Gargiulo ai fianchi di Carraro, e per collegare centrocampo e attacco sarà ancora Mosti. «Belcastro in questa settimana ha fatto più partite che allenamenti e quindi dobbiamo usarlo quando c”è bisogno visto che è reduce da un lungo periodo di assenza» spiega mister Dionisi. In attacco i ballottaggi saranno risolti solo dopo la rifinitura di martedì mattina sulle rive del Garda. Per ora i favoriti sono Lanini e Rossetti. In difesa conferme invece per quattro quinti dei titolari nella vittoria di sabato scorso: unica incertezza il terzino sinistro dove oltre a Fiore e Sciacca è in corsa per una maglia da titolare anche Zucchetti. (Paolo Bernardi)

PROBABILE FORMAZIONE IMOLESE

IMOLESE (4-3-1-2) 22 Rossi; 18 Garattoni, 5 Checchi, 26 Carini, 2 Sciacca; 24 Saber, 21 Carraro, 20 Gargiulo; 29 Mosti; 17 Lanini, 27 Rossetti. (1 Zommers, 3 Sereni, 4 Bensaja, 6 Tissone, 8 Valentini, 10 Belcastro, 11 Giannini, 14 Zucchetti, 19 Boccardi, 23 Rinaldi, 25 Fiore, 28 Giovinco, 30 De Marchi). All. Dionisi.

Nella foto Isolapress, Alessio Dionisi

Serie C, Belcastro e Valentini partono in panchina a Salò contro la Feralpi dell'Airone Caracciolo
Sport 7 dicembre 2018

Serie C, Imolese di qualità con Carraro e Bensaja con la Vecomp Verona

L”Imolese punta sulla qualità per battere la Vecomp Verona. Nella quindicesima giornata della serie C l”Imolese attende la terza squadra di Verona alle 18.30 del sabato dell”Immacolata. «E” una partita difficile perché dopo un po” di tempo partiamo favoriti sulla carta» ha detto l”allenatore dell”Imolese Alessio Dionisi in esclusiva a «sabato sera». La Virtus Vecomp Verona (questo il nome completo della squadra scaligera) è sì ultima in classifica e ha raccolto 10 punti facendo soffrire squadroni come il Vicenza e la Samb. Dionisi risolverà molti ballottaggi nell”11 dell”Imolese solo prima della partita: «Loro verranno a Imola spensierati e noi dobbiamo mettere in campo molta qualità». Per questo a centrocampo giocheranno insieme Bensaja e Carraro (Valentini parte avanti nel ballottaggio con Gargiulo e Saber). In attacco torna disponibile Belcastro (che partirà dalla panchina) e quindi Mosti agirà dietro le punte che in partenza potrebbero essere Lanini e De Marchi. In difesa Fiore sembra favorito sulla sinistra e Boccardi per il ruolo di centrale a fianco di Carini. Inamovibili Rossi in porta e Garattoni sulla fascia destra.

Dirigerà la sfida il signor Adalberto Fiero della sezione di Pistoia. (Paolo Bernardi)

PROBABILE FORMAZIONE IMOLESE

IMOLESE (4-3-1-2) 22 Rossi; 18 Garattoni, 19 Boccardi, 26 Carini, 25 Fiore; 4 Bensaja, 21 Carraro, 8 Valentini; 29 Mosti; 17 Lanini, 30 De Marchi. (1 Zommers, 2 Sciacca, 3 Sereni, 5 Checchi, 6 Tissone, 10 Belcastro, 11 Giannini, 14 Zucchetti, 20 Gargiulo, 23 Rinaldi, 24 Saber, 27 Rossetti, 28 Giovinco). All. Dionisi.

Nella foto Isolapress: Rossi in uscita aerea

Serie C, Imolese di qualità con Carraro e Bensaja con la Vecomp Verona
Sport 7 dicembre 2018

Calcio serie C, Il pensiero di Davide Bombardini e «Bobo» Vieri sull’Imolese

Pur non raccogliendo quanto seminato sul campo, a livello di risultati, questa Imolese continua a piacere a tutti. Anche a chi ha calcato l’erba degli stadi ai massimi livelli. Come l’ex calciatore imolese Davide Bombardini e l’inseparabile amico «Bobo» Vieri, che in tribuna a Monza due domeniche fa hanno potuto apprezzare dal vivo la compagine rossoblù guidata da Alessio Dionisi. «Ma ho rischiato di non vedere la partita, perché il mio amico Brocchi (allenatore del Monza, nda) non voleva accreditarmi, sapendo che avrei tifato per l’Imolese. Ma poi non ho esultato al gol di Reginaldo, bensì a quello di Rossetti» ha rivelato «Bomba».

A dimostrazione che il primo amore non si scorda mai.

«La mia vecchia squadra ha fatto un’ottima impressione anche a Bobo. Sicuramente meglio del Monza, che ha dei grossi limiti. L’Imolese è molto ben organizzata, e la mano dell’allenatore si vede chiaramente. E non è scontato che questo accada. Io che dall’Eccellenza alla Champions ho giocato in tutte le categorie, posso dire che in tanti ci provano, ma sono pochi i tecnici che riescono a trasmettere i loro concetti come sta facendo Dionisi. D’altronde non è facile manovrare partendo dalla propria area. Tutti fanno fatica a farlo, perché è alto il rischio di sbagliare e perdere il pallone a ridosso della propria area».

Chi ti ha impressionato di più fra i giocatori?

«A Bobo è piaciuto moltissimo Rossetti. Forse perché gli ricorda lui da giovane. Anche a me è parso un bel centravanti. Uno all’antica, potente, che ha i numeri per sfondare anche in categorie superiori. E’ la classica punta che garantisce un’alternativa di gioco come il lancio lungo, perché è forte fisicamente, difende bene la palla e fa respirare la squadra. Ma anche De Marchi ci è piaciuto. Grande progressione e tanta fisicità. Su attaccanti del genere bisognerebbe insistere, e invece vedo che giocano solo mezze partite. Non so fino a che punto paghi l’avvicendamento continuo che pratica Dionisi là davanti».

L”articolo completo su «sabato sera» del 6 dicembre.

Nella foto: l”ex calciatore dell”Imolese Davide Bombardini insieme all”inseparabile amico Christian «Bobo» Vieri

Calcio serie C,  Il pensiero di Davide Bombardini e «Bobo» Vieri sull’Imolese
Sport 30 novembre 2018

Serie C, con la Triestina l'Imolese senza Belcastro e Carraro, gioca Bensaja

Balcastro rimane ai box, Carraro gli fa quasi compagnia. L”Imolese che gioca al Nereo Rocco sabato contro la Triestina non recupera il fantasista Belcastro che ad inizio settimana aveva ripreso ad allenarsi con i compagni ma che ha visto riacutizzarsi i problemi fisici ed è stato costretto a rimanere ancora in disparte. Sarà a Trieste ma solo in pachina Federico Carraro. Il play maker dell”Imolese difficilmente entrerà anche a partita in corso contro la Triestina. Al suo posto giocherà Bensaja che avrà ai fianchi due fra Valentini, Saber e Gargiulo. In difesa a sinistra giocherà Sciacca al posto dei mancini naturali Fiore o Sereni, non ancora al meglio. Solito rebus in attacco dove sono sicuri del posto Mosti e Rossetti mentre seconda punta dovrebbe giocare Giovinco con Lanini e De Marchi in rampa di lancio a partita in corso.

«Incontriamo la Triestina in un momento molto positivo – ha detto mister Alessio Dionisi in esclusiva a sabato sera -. In casa hanno vinto quattro partite e pareggiato solo con Ternana e Vicenza. Hanno segnato 12 gol ne hanno subiti solo 3. Sono numeri importanti». La forza dell”avversario non è però un freno alle speranze dell”Imolese. «Io avevo indicato tre partite difficili in questo periodo: le prime due con Ternana e Vicenza ci hanno portato un punto con prestazioni che avrebbero meritato i tre punti. Ci è già successo altre volte di non raccogliere quello che ai punti avremmo meritato, questo significa che abbiamo una lacuna da colmare, soprattutto nella testa e quindi nelle gambe. Siamo al nono posto, avremmo firmato all”inizio per esserci e firmeremo alla fine questa posizione, se riusciremo a fare meglio sarà merito dei ragazzi e della società che non sta caricando di responsabilità superiori la squadra. Questo non toglie che abbiamo l”ambizione di mettere in difficoltà la Triestina». (Paolo Bernardi) 

La gara del Nereo Rocco sarà arbitrata da Giovanni Nicoletti della sezione di Catanzaro, coadiuvato dagli assistenti Domenico Fontemurato di Roma 2 e Amir Salama di Ostia Lido.

PROBABILE FORMAZIONE IMOLESE (4-3-1-2) 22 Rossi; 18 Garattoni, 19 Boccardi, 26 Carini, 2 Sciacca; 24 Saber, 4 Bensaja, 8 Valentini; 29 Mosti; 28 Giovinco, 27 Rossetti. (1 Zommers, 3 Sereni, 5 Checchi, 6 Tissone, 14 Zucchetti, 11 Giannini, 17 Lanini, 20 Gargiulo, 21 Carraro, 23 Rinaldi, 25 Fiore, 30 De Marchi). All. Dionisi.

Nella foto: Nicholas Bensaja (isolapress)

Serie C, con la Triestina l'Imolese senza Belcastro e Carraro, gioca Bensaja
Sport 27 novembre 2018

Calcio serie C, la conferenza stampa dopo il rinnovo del tecnico dell'Imolese Alessio Dionisi. IL VIDEO

Oggi al Centro Tecnico Bacchilega si è svolta la conferenza stampa organizzata dalla dirigenza dell”Imolese per suggellare il rinnovo del contratto, fino al 30 giugno 2022, del tecnico Alessio Dionisi.

Presenti, oltre al tecnico toscano, il presidente Lorenzo Spagnoli, il direttore sportivo Filippo Ghinassi e il direttore generale Marco Montanari.

Nella foto: il giorno della presentazione in estate di mister Dionisi

Calcio serie C, la conferenza stampa dopo il rinnovo del tecnico dell'Imolese Alessio Dionisi. IL VIDEO
Sport 25 novembre 2018

Serie C, Dionisi ne cambia tre nell'Imolese che sfida il Monza di Berlusconi e Galliani

“L”unico neo negativo della settimana è stata la firma del mio contratto fino al 2022″. Più che una battuta è un paradosso quello che esprime l”allenatore dell”Imolese Alessio Dionisi alla immediata vigilia della partita a Monza contro la squadra guidata dalla mitica coppia Silvio Berlusconi – Adriano Galliani. “Spero che il rinnovo del mio contratto non abbia spostato l”attenzione dal Monza che è una squadra fortissima nonostante le difficoltà del momento. I miei ragazzi si sono comunque allenati bene”. Nello stendere la formazione iniziale Dionisi sceglierà con la filosofia ormai consolidata: “Sono contento di non aver trovato ancora un undici titolare fisso. Vuol dire che ci sono ragazzi che possono essere protagonisti e sarebbe riduttivo escludere qualcuno di un gruppo che merita tutto”.

E allora interpretando le parole dell”allenatore rossoblù individuiamo nel rientro di Boccardi al centro della difesa, di Valentini in mezzo al campo e di Rossetti davanti tre probabili novità nella formazione di partenza. Lanini e Giovinco si giocano l”altro posto in attacco dove invece è ancora indisponibile Belcastro che lascia ancora il ruolo di trequartista a Mosti.

A dirigere la gara sarà il signor Nicola Donda di Cormons (Go), coadiuvato dagli assistenti Francesco Biava di Vercelli e Carmelo De Pasquale di Barcellona Pozzo di Gotto. (Paolo Bernardi)

PROBABILE FORMAZIONE IMOLESE (4-3-1-2) 22 Rossi; 18 Garattoni, 19 Boccardi, 26 Carini, 25 Fiore; 8 Valentini, 21 Carraro, 20 Gargiulo; 29 Mosti; 28 Giovinco, 27 Rossetti. (1 Zommers, 2 Sciacca, 3 Sereni, 5 Checchi, 6 Tissone, 14 Zucchetti, 4 Bensaja, 11 Giannini, 17 Lanini, 23 Rinaldi, 24 Saber, 30 De Marchi). All. Dionisi.

Nella foto: Alessio Dionisi

Serie C, Dionisi ne cambia tre nell'Imolese che sfida il Monza di Berlusconi e Galliani
Sport 24 novembre 2018

Calcio serie C, le parole al miele di Stefano Vecchi per Alessio Dionisi e la sua Imolese

«Eh, avanti di questo passo l’allievo supererà il maestro…». Non lo disse Cimabue osservando i capolavori di Giotto, lo afferma Stefano Vecchi parlando di quanto sta facendo Alessio Dionisi, suo giocatore nella Tritium dei miracoli che dal 2009 al 2011 compì il doppio salto dalla D alla Prima Divisione (come si chiamava allora la C1). Vecchi, attualmente senza squadra dopo l’esonero subìto ad ottobre a Venezia, è stato l’allenatore che più ha valorizzato Dionisi in quel biennio magico in riva all’Adda. «Con un po’ di fisicità in più Alessio avrebbe potuto giocare in categorie superiori – riavvolge il nastro l’allenatore che in passato ha diretto anche l’Inter per 4 gare nella stagione 2016/17, – perché dal punto di vista tecnico e tattico è stato il giocatore più forte che io abbia avuto. Riusciva a guidare al meglio la linea difensiva e tutto ciò che faceva allora in campo lo ha messo nella propria squadra. E’ sempre stato uno che usava più la testa del fisico, trasmettendo calma in ogni momento della partita».

Quello che traccia Vecchi è l’identikit di una persona che in panchina non dà mai l’impressione di perdere la bussola, come non la perdono in campo i suoi giocatori.

«Credo che l’attitudine al gioco e l’importanza del gruppo siano i due valori più importanti che ci portarono lontano con quella squadra e che ora Alessio ha fatto recepire all’Imolese. L’ho vista all’opera contro il Renate e ho fatto i complimenti a Dionisi a fine partita, perché i suoi rossoblù meritavano la vittoria, sono ben allenati e mostrano una bella e chiara idea di calcio».

Insomma, se l’Imolese è piaciuta a Vecchi in quel di Meda, nella versione più grigia dell’anno, chissà cosa direbbe dopo un match come l’ultimo con la Ternana. Domenica 18 novembre però, l’allenatore ex della Primavera dell’Inter era al Brianteo a vedere Monza-Pordenone. Guardacaso la prossima avversaria dell’Imolese…

«Anche il Monza cerca di giocare la palla come l’Imolese, con il trequartista e 2 punte, ma al momento è in difficoltà perché lo stesso gruppo di giocatori che era partito per fare un buon campionato, con l’arrivo di Berlusconi ha visto aumentare a dismisura le aspettative: la pressione quindi è diversa, senza dimenticare che anche il cambio di allenatore va ancora digerito dalla squadra: Brocchi deve ancora conoscere bene i giocatori e viceversa».

Quindi ad oggi meglio l’Imolese del Monza?

«Giocano bene entrambe, ma per adesso direi di sì… A Dionisi auguro che la società resti consapevole degli obiettivi per i quali è stata costruita la squadra: verranno certamente momenti difficili in questo campionato ed in quel momento l’Imolese dovrà avere equilibrio e non dimenticarsi mai che questa squadra è stata costruita con l’obiettivo della salvezza». (Andrea Mirri)

L”articolo completo su «sabato sera» del 22 novembre.

Nella foto: Stefano Vecchi, ex allenatore del Venezia e dell”Inter, ma anche della Tritium dove giocava Dionisi, attuale mister dell”Imolese, dal 2009 al 2011

Calcio serie C, le parole al miele di Stefano Vecchi per Alessio Dionisi e la sua Imolese
Sport 23 novembre 2018

Calcio serie C, il mister dell'Imolese Alessio Dionisi ha rinnovato fino al 2022

E” la notizia che molti tifosi dell”Imolese aspettavano. Alessio Dionisi guiderà la squadra rossoblù fino al 30 giugno 2022 e nei prossimi giorni sarà indetta una conferenza stampa per comunicare i dettagli dell’accordo.

L”ottimo lavoro svolto dal tecnico toscano in questa prima parte di stagione ha convinto il presidente Spagnoli e tutta la dirigenza a rinnovargli il contratto. Un grande attestato di stima, quindi, che sottolinea ancora una volta come a Imola si navighi con un progetto serio e ambizioso alle spalle, e non a vista come in altre realtà. Questa «mossa» di mercato, poi, mette al riparo l”Imolese stessa da eventuali sorprese e dalle sirene di alcune società, anche di categoria superiore, che nelle ultime settimane hanno messo gli occhi addosso proprio sull”ex mister del Fiorenzuola. Il nome di Dionisi unito al bel gioco della sua Imolese, infatti, da qualche tempo sono sulla bocca di tanti addetti ai lavori che lo identificano come il debuttante più promettente di questa serie C.

I rossoblù, invece, hanno anticipato tutti e domenica andranno a Monza, nella nuova casa di Berlusconi e Galliani, con una buona notizia in più. E chissà se in tutto questo Spagnoli (ma qui bisogna andare indietro fino alla stagione 86/87) non abbia ripensato anche a quando uno sconosciuto Arrigo Sacchi con il Parma folgorò l”allora numero uno del Milan a tal punto da affidargli da lì a breve la panchina rossonera. Il resto è storia… (d.b.)

Nella foto (dalla pagina facebook dell”Imolese): da sinistra il diesse Filippo Ghinassi, mister Alessio Dionisi e il presidente Lorenzo Spagnoli al momento della firma del rinnovo del contratto

Calcio serie C, il mister dell'Imolese Alessio Dionisi ha rinnovato fino al 2022

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast