Taglio del nastro per i vigili del fuoco volontari

FONTANELICE
Grandi e (soprattutto) piccoli hanno partecipato sabato 12 alla giornata di festa per l’inaugurazione del Distaccamento dei vigili del fuoco volontari della vallata del Santerno. Al taglio del nastro c’era anche Gianpiero Bocci, sottosegretario del ministero dell’Interno, accompagnato dal Prefetto di Bologna Angelo Tranfaglia. Assieme a loro le più alte cariche del Corpo dei vigili del fuoco, come il prefetto Alberto di Pace, capo dipartimento dei Vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, Giovanni Nanni, direttore regionale dei vigili del fuoco dell’Emilia Romagna e Antonio La Malfa, comandante Provinciale. A fare gli onori di casa, oltre al sindaco di Fontanelice Vanna Verzelli, anche Simonetta Saliera, vice presidente della Regione.
La struttura, dislocata nell’area dell’ex Colormec, si trova in via del Lavoro 6, a lato della Montanara, ed è operativa già da agosto; ospita al piano terra una parte di logistica, con uffici, sala operativa e sala mensa, mentre al primo piano sono state ricavate tre camere da letto, per complessivi 7 posti e relativi servizi. Sul fronte operativo, in dotazione al Distaccamento vi sono 2 mezzi, di cui un APS (Autopompa – serbatoio) e un fuoristrada con installato un modulo per domare gli incendi boschivi. Per la custodia dei mezzi è presente un’autorimessa di 290 metri quadri. L’organico conta attualmente su 29 unità di Vigili del Fuoco Volontari (27 uomini e 2 donne), che hanno frequentato il corso di formazione di almeno 120 ore presso il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Bologna. Tale formazione viene poi mantenuta con un addestramento periodico realizzato presso il Distaccamento. Nello stesso complesso trovano posto anche gli uomini e i mezzi del Corpo forestale, i magazzini comunali e del Circondario e gli spazi della Protezione civile. Il complesso, di circa 1800 mq, è stato acquisito dal Comune di Fontanelice tramite un accordo di programma (256.000 euro sono stati messi a disposizione dalla Regione ed altri 99.000 dalla Provincia di Bologna, di cui 44.000 derivanti dal Fondo Speciale per la montagna).

Foto Isolapress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *