Terremerse, Giovanni Errani assolto in appello

BOLOGNA
La Corte d’appello di Bologna ha rovesciato il verdetto di primo grado. Giovanni Errani, fratello dell’ex presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco, è stato assolto dall’accusa di truffa. In primo grado era stato condannato a due anni e sei mesi. Il processo è quello relativo al finanziamento ottenuto dalla Regione per la coop Terremerse nel 2008, all’epoca presieduta da Giovanni Errani. I soldi servirono per costruire la cantina di via Bicocca a Imola (poi realizzata e tuttora funzionante) ma secondo la Procura erano stati ottenuti in modo non regolare. Assolto anche il progettista Giampaolo Lucchi. In primo grado era imputato anche Alessandro Zanotti, responsabile sicurezza, che fu però assolto.

E’ stata sempre questa inchiesta a portare indirettamente alla caduta politica di Vasco Errani, finito indagato in un altro filone per colpa di una lettera che nel 2009 scrisse e inviò insieme ad una relazione alla Procura, in qualità di presidente della Regione, per chiarire la “regolarità” del comportamento dell’amministrazione nell’erogazione dei fondi. Fu accusato di falso, insieme a due dirigenti: i tre furono assolti. Ma i Pm fecero appello e un anno fa in appello Vasco Errani venne condannato ad un anno insieme ai dirigenti. Da qui le dimissioni di Errani che poi hanno portato al voto anticipato del novembre scorso. Il 17 giugno è fissata l’udienza in Cassazione per il ricorso di Vasco Errani e dei due dirigenti contro la condanna .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *