Terremoto, l’aiuto della Fondazione Crimola e del calcio imolese

IMOLA
Proseguono le attività solidali dal nostro territorio verso le popolazioni delle zone colpite dal terremoto in Centro Italia. Dalla Fondazione Cassa di Risparmio fanno sapere che venerdì 26 agosto Giuseppe Savini e Giovanni Vignazia, hanno recapitato al centro di raccolta di Roccafluvione, in provincia di Ascoli Piceno, duecento sacchi a pelo (40 sacchi coperte donati da Decathlon di Faenza), dieci tende da otto persone, e beni di prima necessità come espressamente richiesto nel pomeriggio del giorno prima dalla Protezione civile operante in zona.

“Il materiale, dopo un’ora dalla consegna nel Centro di raccolta, era stato già nuovamente caricato dalla Protezione civile (di Acquasanta Terme) per essere distribuito nelle zone di accoglienza” fanno sapere dalla Fondazione “Rimaniamo pronti a valutare eventuali nuove richieste che dovessero ancora pervenire da quei territori o da associazioni della nostra città che si stanno organizzando per portare il loro contributo”.

Tra i tanti, da segnalare anche l’impegno di alcune società sportive, come l’Imolese Calcio 1919 che ha organizzato presso il centro tecnico Bacchilega, in via Salvo D’Acquisto 3, un centro di raccolta per il materiale che sarà poi consegnato alla Croce Rossa di Imola per essere inviato nelle zone colpite dal sisma. La raccolta parte oggi e proseguirà fino a venerdì 2 settembre, dalle ore 15 alle 19. “Sulla base degli elenchi della Protezione civile e della Cri – dicono dalla società sportiva – i beni da raccogliere sono piatti, bicchieri e posate di plastica, tovaglioli di carta, acqua, alimenti a lunga conservazione (scadenza oltre 6 mesi), prodotti per l’igiene personale, indumenti nuovi e batterie per cellulari”.

Poi, c’è la Sanpaimola (fusione tra Calcio Imola 2004 e San Patrizio), che ha avviato una raccolta di coperte, giacconi, medicinali, pannolini per bambini, piatti e bicchieri di plastica presso la sede del settore giovanile in via Serraglio 20b (dalle ore 17.30 alle 19). La società calcistica collabora con l’ambulatorio del dottor Ruggi che ha avviato la sua raccolta di materiali in via Digione 11 (giorni e orari di ambulatorio).

“E’ vero che si percepisce diffidenza circa l’efficacia degli aiuti così come è altrettanto vero che la stessa Protezione civile invita ad effettuare versamenti in denaro al posto che aiuti come questo, ma noi abbiamo stabilito un filo diretto con persone del posto, un rappresentante delle forze dell’ordine, un parroco e un maestro di Amatrice, ragione per cui confidiamo che quanto da voi fatto finora avrà lo scopo prefissato” dicono dalla Sanpaimola. Domenica prossima si recheranno personalmente in zona a consegnare il materiale.

La Protezione civile prende in consegna i materiali della Fondazione Crimola per portarlo nelle zone di accoglienza alle popolazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *