Tracce pre-romane sotto la bocciofila

IMOLA
Nuovi reperti spuntano nel corso dei lavori alla rete del teleriscaldamento, effettuati in questo caso nel parcheggio della bocciofila. “Non si trattava di una strada come in un primo tempo si era supposto – spiega Valentina Manzelli, funzionaria archeologa della Soprintendenza per i beni archeologici dell’Emilia Romagna – ma di un terrazzo fluviale con tracce di insediamento di età pre-romana”. In pratica, sono state ritrovate alcune buche di palo e una piccola buca di scarico. “L’analisi delle ceramiche, non ancora effettuata – aggiunge l’archeologa – chiarirà meglio l’orizzonte cronologico”.

I reperti sono stati rinvenuti a fine settembre, nel parcheggio della bocciofila, in un’area adiacente la pista ciclabile che costeggia il Canale dei Molini. L’intervento, commissionato da Hera, ha la finalità di ampliare la rete del teleriscaldamento, collegando i rami che già servono il Silvio Alvisi e Casa Alzheimer, in via Venturini. I lavori, il cui importo è di circa 100 mila euro, ora stanno proseguendo lungo il campo da calcio della bocciofila e dovrebbero concludersi entro fine anno.

La zona dove sono stati trovati i reperti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *