Tumori al seno e fiocchi rosa, ad ottobre visite senologiche gratuite con la Lilt

IMOLA
Una su dieci. Questa è la cifra che definisce l’incidenza del tumore al seno. E’ una percentuale alta, ma la buona notizia è che da ormai un decennio la mortalità per questo tipo di tumore sta calando in tutta Europa, con una punta di maggiore consistenza proprio in Italia. L’elevata partecipazione delle donne agli screening consente di affermare che, se la patologia viene scoperta in fase precoce, le probabilità di sopravvivenza sono altissime (fino al 98% dei casi per le forme iniziali). La prevenzione è quindi fondamentale ed è proprio su questo aspetto che punta la campagna Nastro rosa, promossa dalla Lilt (Lega italiana lotta tumori) e sostenuta da Airc e Anci. Anche il Comune di Imola aderisce all’evento, riconosciuto in tutto il mondo, e associato alla campagna internazionale Breast cancer awareness month, che giunge quest’anno alla sua 25ª edizione.

Per tutto il mese di ottobre la delegazione imolese della Lilt, organizza eventi informativi e non solo. Fino al 31 ottobre, infatti, le donne fino a 44 anni possono prenotare una visita senologica gratuita negli ambulatori Lilt, telefonando allo 051/430435 (lunedì-venerdì, ore 10-12.30). Per le over 45 è invece sempre attivo lo screening mammografico regionale (per informazioni pagina Facebook Lilt Imola).

Il 30 settembre scorso le volontarie della Lilt hanno allestito in piazza Gramsci un albero con il colore distintivo della campagna; lunedì 9 ottobre, alle ore 18, al Circolo Sersanti, in piazza Matteotti 8, è in programma una conversazione con l’oncologo Francesco Rivelli; sabato 28 ottobre (ore 20.30), torna il teatro ironico e graffiante di Aldo Nicolaj con tre atti unici messi in scena dagli attori della compania Il Piccolo di Imola: Sergio Pizzo, Floriana Casadio, Maurizio Boldrini, Elèna Agostini, Lucia Ricalzone e Giorgio Barlotti. Infine, domenica 29 ottobre (dalle ore 16), la Società di danza imolese, sempre al Circolo Sersanti, presenta le danze di società di tradizione ottocentesca e scozzese.

Nella foto: l’albero allestito in piazza Gramsci dalle volontarie Lilt con i fiocchi rosa della campagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *