Un’orchestra a scuola, ocarina e archi per imparare a suonare

MEDICINA
E’ giunto ormai al terzo anno il progetto «Un’orchestra a scuola» dell’Istituto comprensivo di Medicina nato in collaborazione con l’associazione Medardo Mascagni. I giovani studenti medicinesi coinvolti hanno avuto la possibilità di imparare a suonare uno strumento ad arco (violino o violoncello) oppure l’ocarina.

«Coinvolgiamo tutte le classi di quarta elementare delle scuole Zanardi, Vannini e Biagi di Villa Fontana – spiega Paola Del Verme, responsabile della scuola di musica -. La sezione B delle Zanardi che include 24 bambini segue il corso di archi, le altre sette classi, invece, stanno frequentando quello di ocarina».

Per le classi delle scuole primarie il corso e il noleggio degli strumenti è totalmente gratuito a carico del Comprensivo e dell’associazione Mascagni con il contributo di alcuni sponsor (quest’anno il distributore di carburanti Nardi e Tabellini ha donato 1.500 euro, mentre Coop Reno 1.800 euro). Inoltre la Mascagni ha investito circa 1.200 euro per l’acquisto di 160 ocarine per i bambini e le insegnanti.

Nel tempo la media Simoni è nato un vero e proprio gruppo di archi, l’Archi Team che si esibirà sabato 13 maggio nell’Auditorium di Molinella e venerdì 23 giugno a Villa Modoni a Medicina all’interno del fine settimana dedicato alla musica. In questo caso sono i genitori a farsi carico dei costi con una spesa di 30 euro al mese.

Nella foto: gli alunni del Comprensivo di Medicina con le ocarine al Festival di Budrio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *