Vaccinazioni obbligatorie, dal 15 le certificazioni da 0 a 16 anni disponibili su Fascicolo elettronico e al Cup

IMOLA
Dopo la fibrillazione iniziale, la scuola è iniziata e pure le procedure per vaccinazioni e relative certificazioni. L’accordo tra Regione e l’Ufficio scolastico regionale, ovvero i presidi, con corollario di accordi sulla privacy, ha portato a poter incrociare i dati delle Aziende usl con quelli delle iscrizioni semplificando la vita alle famiglie rispetto ai documenti da consegnare. La Regione ha stabilito, inoltre, che a partire dal 15 ottobre potrà essere scaricato dal Fascicolo elettronico oppure richiesta ai punti Cup la certificazione di avvenuta vaccinazione rilasciata dall’Ausl.

Un ulteriore elemento di semplificazione, dato che le famiglie dei ragazzi della prima elementare e fino ai 16 anni, per legge, devono presentare la documentazione sulla regolarità delle vaccinazioni entro il 31 ottobre. Se hanno optato per l’autocertificazione (ad esempio i bimbi che si sono trasferiti da altre regioni o con domicilio diverso dalla residenza) hanno poi tempo fino al 10 marzo 2018 per consegnare la documentazione sull’avvenuta vaccinazione. Per le famiglie inadempienti dei ragazzi che frequentano la scuola dell’obbligo sono previste sanzioni economiche da 100 a 500 euro.

Nel frattempo, l’Ausl di Imola ha già inviato anche circa 60 lettere con un appuntamento ai bambini iscritti ai nidi che non erano in regola con l’obbligo vaccinale. Inoltre ha inviato 3288 attestati nominativi di “regolare svolgimento delle vaccinazioni previste” e 435 lettere con l’appuntamento ad altrettanti bimbi della scuola dell’infanzia. Il mancato rispetto degli obblighi di legge determinava l’impossibilità per i più piccoli da 0 a 6 anni di accedere ad asili nido, scuola materna e servizi per l’infanzia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *