Vandali scarabocchiano il murales realizzato durante lo Street Art

MEDICINA
Non era stato completato da neanche un mese che è già stato rovinato. Nei giorni scorsi, qualcuno ha ripetutamente scarabocchiato con una bomboletta spray il murales «I migranti» di Federico Trevisan realizzato in giugno in occasione dello «Street art festival» alle spalle del lavatoio di via San Paolo.

«Probabilmente un ragazzo ha scritto la propria firma, Filo, con il colore verde – spiega l’assessore alla Cultura, Valentina Baricordi -. Ho provveduto personalmente a cancellare la scritta, ma poche ore dopo ne è comparsa un’altra gialla, che abbiamo ripulito con la collaborazione di alcuni cittadini. Ha l’aria di essere una bravata, ma fa arrabbiare perché ci si può divertire in altro modo. Abbiamo comunque denunciato il fatto ai carabinieri. Sono atti sui quali non si può passare sopra».

Nella denuncia è rientrato anche il tentativo di sfondamento delle porte di accesso all’Arci presso la vicina Villa Pasi. L’ipotesi è che “la mano” sia la stessa.

Altri particolari nell’articolo su “sabato sera” in edicola da giovedì 27 luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *