Articoli dell'autore: SabatoSera Redazione

Sabato Sera TV 16 Settembre 2020

#Imola2020, il presidente della Regione Stefano Bonaccini ribadisce il sostegno a Marco Panieri: «Sono fiducioso per il voto»

Dall”hotel Guercino di Bologna, ospite del salotto di Patrizia Finucci Gallo, il presidente della regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini ha ribadito il suo appoggio al candidato sindaco Marco Panieri, confermando la sua presenza in città venerdì” 18 per chiudere la campagna elettorale. Lo stesso Bonaccini si è poi soffermato ancora una volta sul «magic moment» di Imola che tra pochi giorni sarà al centro dello sport mondiale con i Campionati del Mondo di ciclismo e il Gp di F.1. (da.be.)

Nella foto: Bonaccini e Panieri

Imola 16 Settembre 2020

#Imola2020, a Zolino ai parla di ambiente con tutti e cinque i candidati sindaco

«Quali impegni per la tutela dell”ambiente?» è il titolo dell’incontro pubblico a cui parteciperanno oggi tutti i candidati in corsa per le prossime elezioni comunali. L”evento, organizzato dal Comitato Vediamoci Chiaro, servirà «per conoscere la loro
posizione sulle tematiche ambientali e nel merito quali impegni ritengono
di prendere adesso sulle problematiche che li attendono» si legge nel comunicato.

Appuntamento, dalle 18.30, al Centro sociale di Zolino. (da.be.)

Nella foto: la locandina dell’evento

#Imola2020, a Zolino ai parla di ambiente con tutti e cinque i candidati sindaco
Cronaca 16 Settembre 2020

TéXTe, la tavola del tè itinerante dell'associazione PerLeDonne arriva a Borgo Tossignano

Oggi, dalle 18, presso il Lungofiume di Borgo Tossignano (vicino al chiosco in fondo a via Marzabotto) è in programma l’iniziativa TéXTé, la tavola del tè itinerante, ideata dall’associazione PerLeDonne per «Net-work: azioni metropolitane integrante per donne native e migranti». Quest’ultimo è un progetto finanziato dalla Regione Emilia-Romagna che coinvolge soggetti istituzionali e privati della Città Metropolitana di Bologna con l’obiettivo di rafforzare le azioni degli sportelli antiviolenza e incrementare

Per scoprire tutto sull’iniziative e per unirti ai partecipanti è possibile visite il sito dell’associazione PerLeDonne o chiamare i numeri 347-1474869 e 335-5893702. Chi vuole può portare con sé una sedia o una coperta. 

Per informazioni: perledonneimola@gmail.com (da.be.)

TéXTe, la tavola del tè itinerante dell'associazione PerLeDonne arriva a Borgo Tossignano
Economia 16 Settembre 2020

Robert Lang è il nuovo Amministratore Delegato del Gruppo Wienerberger Italia

Novità in casa Wienerberger Italia, il più grande produttore mondiale di laterizi con uno stabilimento anche a Mordano. Il dottor Robert Lang, infatti, ha assunto il ruolo di Amministratore Delegato dal mese di settembre subentrando all’ingegner Gülnaz Atila che lascia la guida italiana per ricoprire una posizione internazionale all’interno della Business Unit Wienerberger Building Solutions nella sede a Vienna.

La pluriennale esperienza del dottor Lang all’interno del Gruppo Wienerberger parte proprio dalla casa madre in Austria (Vienna), dove ha iniziato il suo percorso nel dipartimento Corporate Controlling. Dopo diversi incarichi professionali ricoperti per alcune sedi del Gruppo Wienerberger Belgio, Croazia e Cina, dal 2015 si è unito al team italiano fino a ricoprire oggi il ruolo di Amministratore Delegato in Italia. «Il nostro obiettivo è quello di continuare ad essere un partner affidabile, garantendo elevati livelli di qualità, innovazione e servizio – ha commentato Lang-. Vogliamo pertanto costruire partnership solide e costruttive a lungo termine per fornire soluzioni complete mirate alla sostenibilità ambientale. Saremo quindi al fianco dei clienti con le nostre soluzioni, supportandoli per qualsiasi esigenza costruttiva. Già da diverso tempo abbiamo implementato progetti orientati alla digitalizzazione e oggi più che mai, rappresentano un’opportunità nel nostro lavoro quotidiano. Continueremo quindi ad intensificare i nostri sforzi nella interazione e comunicazione con i clienti, nella digitalizzazione della produzione e delle nostre procedure interne. Il miglioramento continuo dei processi produttivi, il servizio completo offerto ai clienti e l’elevata qualità delle nostre soluzioni orientate alla sostenibilità ambientale, saranno i pilastri per una solida crescita futura». (da.be.)

Nella foto: Robert Lang, nuovo Amministratore Delegato del Gruppo Wienerberger Italia

 

Robert Lang è il nuovo Amministratore Delegato del Gruppo Wienerberger Italia
Imola 16 Settembre 2020

#Imola2020, il candidato del M5S Ezio Roi incontra il viceministro alla Sanità Pierpaolo Sileri

A pochi giorni dal voto oggi il candidato sindaco del M5S Ezio Roi ha in programma un incontro pubblico con il viceministro alla Sanità Pierpaolo Sileri. Laureato in medicina e chirurgia, con Dottorato di Ricerca in Scienze informatiche applicate alla chirurgia, Sileri vanta molteplici meriti accademici e pubblicazioni.

Appuntamento, dalle 13, al Caffè della Rocca, piazzale Giovanni dalle Bande Nere 10/A. (da.be.)

Nella foto: la locandina dell’evento

#Imola2020, il candidato del M5S Ezio Roi incontra il viceministro alla Sanità Pierpaolo Sileri
Imola 15 Settembre 2020

#Imola2020, i cinque candidati sindaco rispondono alle domande di «sabato sera» su centro storico, quartieri, frazioni, scuola e lavoro

«sabato sera» ha nuovamente intervistato i cinque candidati sindaco che correranno per la poltrona di primo cittadino nelle prossime elezioni a Imola. I temi trattati, in questa seconda puntata, sono in primis centro storico quartieri e frazioni e in secundis scuola e lavoro. Due le domande poste a Panieri, Marchetti, Roi, Longhi e Cappello.

Prima domanda. Centro storico, quartieri, frazioni, come si tiene insieme lo sviluppo della città secondo lei? Qual è la sua visione di Imola del futuro? Quali le priorità per il prossimo mandato del sindaco?

Seconda domanda. Scuola, formazione, lavoro. L’università è un’opportunità che Imola sta cogliendo, quali ambiti ritiene siano ancora da sviluppare? Può l’amministrazione intervenire per fare in modo che la formazione intercetti le richieste di lavoro del nostro territorio? Soprattutto qual è il tessuto produttivo che si immagina per Imola in futuro? La cultura può essere un’opportunità in questo senso?

Le risposte dei candidati su «sabato sera» del 10 settembre.

Nella foto: i cinque candidati sindaco a Imola

#Imola2020, i cinque candidati sindaco rispondono alle domande di «sabato sera» su centro storico, quartieri, frazioni, scuola e lavoro
Cronaca 15 Settembre 2020

Trovata senza vita l’anziana scomparsa a Castel San Pietro

E’ deceduta la 78enne di Castel San Pietro di cui si erano perse le tracce domenica scorsa mentre si era allontanata alla guida della sua Fiat Punto grigio metallizzata. Nella ricerca erano impegnati carabinieri, protezione civile, polizia locale, vigili del fuoco e alpini, con il Comune castellano che sui social avevo divulgato anche il numero di targa della vettura per facilitare le operazioni.

Oggi pomeriggio, verso le 15, purtroppo, la triste notizia. L’auto della donna è stata avvistata da alcuni cittadini in un calanco lungo la via che porta a Monte Calderaro. A confermare la notizia della morte della 78enne i carabinieri e il Comune di Castel San Pietro con un post su Facebook. Ai militari ora il compito in queste ore ricostruire l’accaduto. (da.be.)

Foto d’archivio

Trovata senza vita l’anziana scomparsa a Castel San Pietro
Cronaca 15 Settembre 2020

Contributo del ConAmi per il Mondiale di ciclismo, i sindaci approvano l’investimento: «Ricadute per tutto il territorio»

Prima il Gran premio dell’Emilia Romagna di Formula 1, poi i Mondiali di ciclismo. L’anno del Covid è stato trasformato in un’opportunità che ruota attorno all’autodromo di Imola ma coinvolge tutto il circondario e non solo. «Le ricadute per il territorio saranno enormi anche se dovessero essere a porte chiuse» dichiara sicuro Fabio Bacchilega, presidente del ConAmi.

Una delle prime riunioni fatte in primavera come neopresidente del Cda era stata con gli albergatori e gli operatori del turismo, preoccupati per la stagione dei grandi concerti 2020 annullata dal Coronavirus. Ora, al contrario, si tratta di gestire una corsa che riporterà sul Santerno il Circus della F1 da venerdì 30 ottobre a domenica 1 novembre e, prima ancora, i campioni del ciclismo che sfrecceranno tra le colline e l’Enzo e Dino Ferrari, da giovedì 24 a domenica 27 settembre, tra due settimane appena. Chi azzarda dei numeri prospetta l’arrivo di circa 300 giornalisti per il ciclismo, oltre 2.500 persone tra atleti, società sportive, sponsor, più o meno le stesse attese per la F1. Sin da quando è stata diffusa la cartina del tracciato, si vedono biciclette che provano il percorso o gironzolano curiosi in cerca della posizione migliore dove appostarsi, magari con un occhio al distanziamento. «Il Mondiale ha avuto un richiamo enorme – conferma Bacchilega -. Sappiamo già che a Brisighella, Riolo Terme e Castel San Pietro si stanno riempiendo gli alberghi, e non dimentichiamo le possibilità per il settore della ristorazione e del beveraggio. Tutti i sindaci del ConAmi sono contenti».

Il Consorzio racchiude 23 enti locali, dal circondario imolese al ravennate e lughe- se, fino alla Toscana. Realtà grandi come Imola, Faenza, Castel San Pietro, o piccole e lontane come Castel del Rio, Marradi e Palazzuolo. I provvedimenti proposti dal Cda sono stati approvati all’unanimità dai sindaci-soci nonostante ai circa 500 mila euro da sborsare di lavori sull’autodromo, previsti da tempo per ospitare al meglio la F1, si sia aggiunto un contributo di 300 mila euro per l’organizzazione dei Mondiali. (l.a)

L’articolo completo su «sabato sera» del 10 settembre.

Nella foto: il presidente di ConAmi, Fabio Bacchilega 

Contributo del ConAmi per il Mondiale di ciclismo, i sindaci approvano l’investimento: «Ricadute per tutto il territorio»
Economia 15 Settembre 2020

F.1 e Mondiale di ciclismo a Imola, le stime sulle ricadute economiche

Per Imola si preannuncia davvero un autunno mondiale. L’annus horribilis della pandemia Covid, che ha registrato la cancellazione di eventi importanti (vedi la tappa del mondiale Superbike) e il rinvio di altri, come i grandi concerti previsti per l’estate (Cesare Cremonini, Vasco Rossi e Pearl Jam), avrà però una coda piuttosto interessante, almeno dal punto di vista sportivo. Al Gran premio dell’Emilia Romagna di Formula 1, inserito in calendario nel weekend dal 30 ottobre al 1° novembre, che riporta il Circus a Imola dopo 14 anni di assenza, si è infatti aggiunta la perla dei Mondiali di ciclismo (dal 24 al 27 settembre). In questo caso, per ritrovare la rassegna iridata nel circuito dei Tre Monti occorre andare indietro di oltre mezzo secolo, al 1968 del trionfo di Vittorio Adorni.

Ma quanto può valere dal punto di vista economico questo doppio colpo per il territorio imolese? Difficile a dirsi, stando al fatto che le incognite sono ancora parecchie, soprattutto per quanto riguarda l’evento ciclistico. «Difficile valutarne l’impatto – sottolinea infatti il presidente di If Imola-Faenza, Gianfranco Montanari -. Non abbiamo ancora tutti i dettagli organizzativi, gli incontri per definirli sono in corso». Per la Formula 1 una stima, almeno per quanto riguarda la parte alberghiera, è stata possibile farla grazie al contributo tecnico di Massimo Feruzzi, dell’agenzia di consulenza turistica e territoriale Jfc. Contando i soli addetti ai lavori (piloti, team, organizzatori, gommisti, giornalisti), il gran premio imolese frutterà al settore ricettivo la cifra di 3 milioni e 112 mila euro, di cui 2,7 milioni per le strutture alberghiere e i restanti 400 mila euro circa su quelle extra-alberghiere. (r.e.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 10 settembre.

Nella foto: una veduta aerea dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari

F.1 e Mondiale di ciclismo a Imola, le stime sulle ricadute economiche
Cronaca 15 Settembre 2020

Al Medicivitas riapre il bar ma per ora solo al pomeriggio

A piccoli passi verso la normalità. Dopo oltre sei mesi, mercoledì 16 settembre riaprirà il bar del Medicivitas di via Oberdan a Medicina. Si tratta del centro sociale duramente colpito dal Coronavirus, che ha fatto diverse vittime anche tra volontari e clienti. Il bar gestito da volontari, per stessa volontà del comitato direttivo, era stato chiuso a inizio marzo. Poi, con il normalizzarsi della situazione, la riapertura per gradi. In luglio con le celebri crescentine, prima solo d’asporto e poi anche al tavolo, che saranno preparate tutti i mercoledì fino a fine settembre. «Ora riapriremo anche il bar, tutti i giorni tranne il martedì, al pomeriggio dalle 13 alle 18, ma non alla sera – aggiorna Simona Santoli del direttivo del Medicivitas -. Abbiamo una decina di volontari e non riusciremmo a garantire tutti i turni. Anzi, se qualcuno avesse piacere di unirsi a noi può scriverci un’email a csbocciofila@gmail.com oppure un messaggio sulla pagina Facebook Medicivitas».

Ovviamente, per accedere al bar valgono le ormai note regole. «Igienizzazione delle mani e mascherina, anche nel dehor all’esterno – dettaglia la Santoli -. Apriremo anche i tavoli da gioco per le carte e i biliardi, che abbiamo dimezzato come numero, ma l’accesso sarà possibile soltanto ai giocatori e non al pubblico». (gi.gi.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 10 settembre.

Nella foto: il Medicivitas di Medicina

Al Medicivitas riapre il bar ma per ora solo al pomeriggio

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast