Articoli dell'autore: SabatoSera Redazione

Cronaca 20 Giugno 2019

Torna nel parco dell'Osservanza la Festa dell'Unità: al via venerdì 21 giugno e conclusione il 7 luglio

Le elezioni amministrative dello scorso 26 maggio hanno visto il centrosinistra mantenere nel circondario imolese il governo di 7 comuni sugli 8 complessivi andati al voto. E senza nemmeno dover subire il ballottaggio nei due comuni, Castel San Pietro e Medicina, con più di 15 mila abitanti. Un risultato che, dopo lo spoglio delle concomitanti elezioni europee, nessuno avrebbe immaginato. Insomma, verrebbe da dire, prima prova superata più che brillantemente dal giovane segretario (28 anni soli) della Federazione dem di viale Zappi, Marco Panieri, eletto dal congresso territoriale soltanto pochi mesi fa, a dicembre 2018. Che però minimizza, preferendo ad una gloria (per ora) effimera un sano realismo e condividere la vittoria. «Il timore – dice – era che, dopo la scioccante sconfitta subita ad Imola a giugno 2018, il centrosinistra perdesse altri Comuni. Timore che i risultati usciti dalle urne delle europee avevano amplificato. E invece i cittadini hanno premiato il valore e la credibilità delle nostre proposte. Però – aggiunge – non bisogna esaltarsi troppo, bisogna tenere i piedi per terra. Il risultato poco brillante ottenuto per le europee non autorizza infatti facili ottimismi. I problemi sono ancora tutti sul tappeto e le cose da fare sono tante e impegnative: ora c’è la festa, poi le elezioni regionali…».

Ecco, la festa. Per quest’anno cosa dobbiamo aspettarci?
«In questi mesi abbiamo avviato una riorganizzazione del partito e la festa di Federazione, la festa grossa, ovviamente, torneremo a farla. Inizierà venerdì 21 giugno, e durerà 17 giorni, fino a domenica 7 luglio compresa. E, ovviamente, si svolgerà in un unico luogo…»

All’Osservanza…
«Sì, all’Osservanza. Il trasferimento era già nell’aria due anni fa e ora si concretizza».

Perché proprio lì?
«Cercavamo un luogo che esprimesse la nostra idea di partito nuovo. E l’Osservanza è il luogo individuato, il luogo ritenuto giusto per più motivi. Lo è dal punto di vista urbanistico e della fruibilità, in quanto è un po’ il Central park di Imola. Lo è dal punto di vista dell’indissolubilità dell’appartenenza dell’ex ospedale psichiatrico, realizzato alla fine dell’ottocento e rimasto funzionante per un secolo, alla storia della nostra città, tanto da esservi stata nella memoria collettiva una sorta di identificazione tra l’uno e l’altra e viceversa. E lo è rappresentando anche un punto di svolta nell’inclusione sociale delle persone lì ospitate dopo l’approvazione della legge Basaglia che ha decretato la chiusura dei manicomi.Un luogo rimasto chiuso e vuoto per tanto tempo, avulso dalla città viva che lo circondava, che la precedente Amministrazione comunale di centrosinistra ha fermamente voluto riaprire alla comunità cittadina e oggi, dopo gli investimenti effettuati, divenuto un luogo sempre più vissuto, dove si svolgono iniziative non solo ludiche ma anche con finalità sociali».

La festa di Federazione che festa sarà?
«La festa graviterà attorno al viale delle palme, che è la via principale e snodo nevralgico del parco dell’Osservanza, è avrà diverse caratterizzazioni tematiche. Noi abbiamo immaginato una festa aperta e molto inclusiva, rispettosa del luogo, ma che apra gli ambienti alla loro fruizione. Una delle novità sarà costituita infatti dall’utilizzo di un paio di padiglioni per allestirvi mostre a tema e tenervi iniziative culturali. Ci sarà poi anche una libreria. Potrà sembrare una scelta un po’ retrò, ma noi pensiamo che il tema della cultura e dell’informazione, in una fase storica dove prevalgono slogan e superficialità, diventerà sempre più prevalente. Il “gruppo festa” ha poi fatto un grande lavoro per recuperare la pesca a premi, una grande attrattiva del passato che torna. E’ un po’ di anni che non la si allestiva più e la riproporremo sotto la supervisione di Giuliano Poletti e Marina Martelli». (fu.an.)

Un ampio approfondimento è su «sabato sera» del 20 giugno

Nelle foto: sopra il segretario dem Marco Panieri con alle spalle i primi allestimenti per la festa dell”Unità nel parco dell”Osservanza, sotto la mappa della festa

Torna nel parco dell'Osservanza la Festa dell'Unità: al via venerdì 21 giugno e conclusione il 7 luglio
Cronaca 20 Giugno 2019

Fermo sui binari mentre sta per transitare il treno, salvato da un carabiniere fuori servizio

Era immobile, a braccia aperte, in mezzo al primo binario, mentre stava sopraggiungendo un treno. Per fortuna ad assistere alla scena c”era un brigadiere dei carabinieri della Compagnia di Adria, in provincia di Rovigo, che in quel momento si trovava fuori servizio.

Il militare è così sceso velocemente sulle rotaie, l”ha afferrato e, con l”aiuto di un altro uomo presente nelle vicinanze, l”ha trascinato, non senza difficoltà, fin sulla banchina e poi allontanato dai binari.E” accaduto ieri pomeriggio nella stazione ferroviaria di Imola.

Il protagonista dell”assurdo gesto è un 48enne. Le verifiche successive hanno accertato che l”uomo risultava essersi allontanato da una comunità per persone con disagio psichico.  Sul posto sono poi intervenuti i carabinieri di Imola e i sanitari del 118. Questi ultimi hanno preso in carico il 48enne e l”hanno trasportato in una struttura per ulteriori accertamenti. (d.b.)

Foto concessa dai carabinieri di Bologna

Fermo sui binari mentre sta per transitare il treno, salvato da un carabiniere fuori servizio
Sport 20 Giugno 2019

Calcio a 7, questa sera la finale del torneo di Sasso Morelli tra Emmegi Bubano e Centro B&B-D’Azeglio

Sarà Emmegi Bubano – Centro B&B / Pizzeria D’Azeglio la finale della 30ª edizione del torneo di Sasso Morelli. Non una notizia, dal momento che le due formazioni erano tra le grandi favorite della vigilia, assieme alla Bottega della Venturina (assieme si sono aggiudicate le ultime 5 edizioni del torneo). Alla finale le due compagini sono arrivate nello stesso modo, ovverosia aggiudicandosi la loro semifinale per 6-4.

L’Emmegi Bubano (vincitrice nel 2016 e nel 2017) ha battuto la sorpresa del torneo, il Bar Cs Sasso Morelli, grazie alle reti di Selleri e Raffini, mentre il Centro B&B di Daniele Ferri (8 gol, capocannoniere del torneo assieme a Salomone) ha avuto la meglio proprio sui bolognesi della Bottega della Venturina, campioni uscenti. Stasera l’ultimo atto alle ore 21, preceduto dal triangolare Over 40 di calciotto tra paesi: a contendersi il titolo saranno Borgo Tossignano, Mordano e Castel Guelfo. (an.cas.)

Nella foto: l”Emmegi Bubano, già vincitrice nel 2016 e nel 2017

Calcio a 7, questa sera la finale del torneo di Sasso Morelli tra Emmegi Bubano e Centro B&B-D’Azeglio
Cultura e Spettacoli 20 Giugno 2019

Domenica 14 luglio concerto gratuito di Mario Biondi nel paddock dell'autodromo “Enzo e Dino Ferrari'

Ora è ufficiale: domenica 14 luglio Mario Biondi sarà il protagonista del concerto che si terrà nel paddock dell”autodromo “Enzo e Dino Ferrari”. Una nota congiunta dell”Amministrazione comunale e di Formula Imola ha dunque confermato le indiscrezioni che circolavano da qualche giorno. L”evento, che inizierà alle 21 (con apertura dei cancelli alle 20) è gratuito, promosso dal Comune di Imola insieme al gruppo Hera e organizzato da Formula Imola con la collaborazione di Studio”s srl e il sostegno di Cefla e Allianz Agenzia di piazza Matteotti.

Mario Biondi, 48 anni, incastrerà la tappa imolese tra due festival internazionali ai quali prenderà parte in Spagna e in Lettonia. L”artista catanese è infatti impegnato in un fitto calendario di concerti sia in Italia che all”estero, dove la sua attività live è particolarmente apprezzata. Il concerto in autodromo, inoltre, arriva a poco più di un mese dall”inattesa uscita del suo nuovo singolo “Sunny Days”, in duetto con l”astro nascente del jazz Cleveland P. Jones. «Gli occhi, che sono lo specchio dell”anima, si incontrano e raccontano con voci diverse la stessa storia – dichiara Biondi a proposito del nuovo brano -. C”è chi grida e chi parla sotto voce ma il dolore è la stessa croce». 

«Desideravamo fortemente regalare ad Imola e agli imolesi un altro emozionante momento di grande musica dopo il successo della 24° edizione della kermesse “Imola in Musica” – sottolinea la sindaca di Imola, Manuela Sangiorgi -. Mario Biondi è un artista straordinario, completo, apprezzato sia in campo nazionale che in quello internazionale dove è uno degli indiscussi ambasciatori della nostra musica». «Con l”Amministrazione comunale – aggiunge il direttore dell”autodromo Roberto Marazzi – ci siamo impegnati per riuscire a portare quest”anno un concerto all”autodromo e alla fine la nostra perseveranza e determinazione, con la imprescindibile collaborazione di Studio”s, è stata premiata». Per Hera parla, infine, il direttore centrale delle Relazioni esterne, Giuseppe Gagliano: «Siamo contenti di contribuire ad offrire alla città di Imola un concerto importante che vede la presenza di un artista internazionale. Un evento gratuito – conclude – favorisce la più ampia partecipazione, consentendo a tutti l”accesso a una offerta turisitca di livello».

Infine, qualche dettaglio di logistica: all”area concerto si accede entrando in autodromo dall”ingresso su viale Dante-piazza Ayrton Senna e si prosegue poi lungo il paddock. Sotto il palco ci sarà un”area con posti a sedere destinati in gran parte al pubblico, con priorità per anziani e donne in gravidanza, fino ad esaurimento posti. Un”area disabili sarà inoltre allestita a fianco di quella con i posti a sedere. (r.c.)

La foto è tratta dalla locandina ufficiale del concerto

Domenica 14 luglio concerto gratuito di Mario Biondi nel paddock dell'autodromo “Enzo e Dino Ferrari'
Sport 20 Giugno 2019

Il Giro d'Italia Under 23 di ciclismo entra nel vivo, Marco Selleri sulla Marmolada insieme ai giovani più forti

Entra nel fine settimana decisivo il 42º Giro d’Italia Giovani Enel, la più prestigiosa e seguita corsa a tappe al mondo per ciclisti Under 23. La gara è iniziata giovedì 13 giugno con uno spettacolare cronoprologo inaugurale sul lungomare di Riccione, con arrivo in viale Ceccarini, che ha visto la vittoria dell’inglese Ethan Hayter, campione del mondo ed europeo su pista. Una prima dimostrazione dell’altissimo livello tecnico di una gara che consente ai giovani talenti italiani di confrontarsi con i più forti Under 23 al mondo. In gara 176 corridori di 31 squadre, tra cui 14 straniere (da 11 diversi Paesi). A organizzare il Giro d’Italia Giovani Under 23 è la Nuova Ciclistica Placci 2013 di Mordano, presieduta da Marco Selleri, alla guida di una grande macchina organizzativa che muove per 10 giorni una carovana di ben 600 persone in 5 Regioni: Emilia Romagna, Toscana, Lombardia, Trentino e Veneto. Tra le persone impegnate nell’organizzazione, tantissimi volontari di Mordano, Bubano, Imola e comuni limitrofi, che ogni anno partecipano con entusiasmo a una vera e propria festa itinerante del ciclismo, che poco ha da invidiare al Giro d’Italia dei professionisti.

Dal punto di vista sportivo, dopo il prologo di Riccione la corsa è proseguita con altre due vittorie inglesi (Hayter e Walls), prima dell’affondo italiano di Fabio Mazzucco a Gaiole in Chianti, sullo sterrato, e del colombiano Ardila nel primo arrivo in quota al Monte Amiata. Dopo il giorno di riposo di martedì, la corsa ha presentato ieri il secondo arrivo in salita al Passo del Maniva, in provincia di Brescia dove è andato in scena lo show della maglia rosa Ardila che ora comanda la classifica generale con poco più di due minuti sull”italiano Covi (Team Colpack). Il finale però sarà rocambolesco: oggi doppia scalata del Mortirolo nella Aprica – Aprica, domani insidiosa tappa da Dimaro Folgarida a Levico Terme, sabato 22 altra tappa impegnativa da Rosà a Falcade e, domenica 23 giugno, il gran finale con una tappa in linea di 39 km, ma tutti in salita, da Agordo al Passo Fedaia (Marmolada). Un evento che sta suscitando grande interesse in Italia e nel mondo, sia sulle emittenti televisive che sui social network. In gara c’è anche il romagnolo Manuele Tarozzi, di #inEmiliaRomagna Cycling Team, che al Giro d’Italia U23 veste la maglia di una selezione mista tra Emilia Romagna, Veneto e Lombardia. (m.m.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 20 giugno.

Nella foto (Isolapress): Marco Selleri sul podio del Giro d”Italia Giovani Under 23 assieme all”inglese Ethan Hayter, campione del mondo ed europeo su pista

Il Giro d'Italia Under 23 di ciclismo entra nel vivo, Marco Selleri sulla Marmolada insieme ai giovani più forti
Sport 20 Giugno 2019

Calcio serie C, lunedì 24 giugno l’Imolese si iscriverà perché tre indizi fanno una prova

L’incontro fra Dionisi e Spagnoli in programma entro la fine di questa settimana, Ghinassi che attende il diradarsi delle potenziali nubi bianconere (leggi interessamento della Juventus Under 23 per l’allenatore toscano) per dare il via al mercato dell’Imolese, la tranquillità di tutti i giocatori sotto contratto. Se tre indizi, come amava ripetere Agatha Christie, fanno una prova, allora il prossimo anno l’Imolese sarà certamente al via della serie C, depositando entro lunedì 24 giugno la domanda di iscrizione completa, quindi anche tutto quello che servirà ad ottenere la deroga per il «Galli», ovvero il potenziamento con torri-faro mobili dell’illuminazione fino agli 800 lux richiesti.

L’impressione è quindi che il finale della storia vedrà la società rossoblù pagarsi le torrifaro per poter giocare la prossima C in  un impianto che, a stagione in corso, verrà poi pian piano («senza fretta» sembra essere la parola d’ordine di questa telenovela che da 2 anni si sta trascinando…) adeguato secondo quel progetto presentato da Area Blu che attende ancora il via libera dal Coni per l’accesso al contributo da 2 milioni di euro per finanziare il progetto. Insomma, il lieto fine è dietro l’angolo, ma bisognerà che una volta per tutte si trovi il modo di riconoscere all’Imolese gli sforzi sostenuti in questi anni nei quali la città poco ha dato e tanto ha ricevuto. (an.mir.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 20 giugno.

Nella foto: Federico Carraro e Lorenzo Spagnoli

Calcio serie C, lunedì 24 giugno l’Imolese si iscriverà perché tre indizi fanno una prova
Sport 20 Giugno 2019

«Camminacittà speciale», a Imola gruppo unico dalla Bocciofila in direzione «autodromo»

Con l’iniziativa «Camminacittà» si vuole promuovere l’esercizio fisico in modo semplice e accessibile a tutti. Si cammina su percorsi urbani, nei parchi, nelle aree verdi e sulle piste ciclopedonali. La partecipazione è libera e gratuita.

Oggi, giovedì 20 giugno, c’è un appuntamento speciale, con un gruppo unico, verso l”aitodromo. Il ritrovo è alle ore 20.30 presso il parcheggio della Bocciofila (lato Silvio Alvisi).

Per informazioni: Pierluigi (tel. 348-7932893).

Foto tratta dalla pagina facebook del Camminacittà di Imola

«Camminacittà speciale», a Imola gruppo unico dalla Bocciofila in direzione «autodromo»
Cronaca 20 Giugno 2019

Sabato Sera, questa settimana in Prima Pagina

Oggi esce in edicola il nuovo numero di “sabato sera”: ecco un breve riassunto di ciò che troverete in prima pagina.

CRONACA. Al via la festa del Partito Democratico all”Osservanza. POLITICA. Nuove Giunte a Castello ed Ozzano. PERSONAGGIO. L”economista imolese Alberto Forchielli tra il nuovo libro e la passione rinata per la bicicletta.

SPORT. Calcio. Ottimisto per l”iscrizione dell”Imolese alla prossima serie C. Basket. Dopo due anni torna il «Torneo Volta». Coach Salieri e la sua Orzinuovi sono promossi in A2. La Virtus Medicina stacca il pass per la C Gold. 

SERA DUE. Evento. Secondo appuntamento per «Imola di mercoledì».  Il centor sociale La Stalla tra festa e solidarietà. Torna il Fiume DiVino a Fontanelice. Musica. «Mogol racconta Mogol» a Castel San Pietro. XIX edizione dell”Emilia Romagna Festival. Editoria.  Emma & Laura, quando libro e pallone si incontrano. Cinema. Il programma estivo alla Rocca di Imola. (d.b.)

Nella foto: le «prime pagine» di sabato sera questa settimana

Sabato Sera, questa settimana in Prima Pagina
Pillole 20 Giugno 2019

Andare al mare a Cervia, con la bicicletta

Tra gli anni Venti e Trenta del secolo scorso nacque la passione per le vacanze al mare e le località della riviera Romagnola conobbero un grande sviluppo. Il viaggio, però non era semplice, le automobili in circolazione erano pochissime e ci si serviva principalmente di mezzi pubblici, sopratttutto il treno. C”erano però anche i più arditi, che usavano mezzi propri, come fecero i tre imolesi della foto, Martelli, Dirani e Biancastelli, che con le loro biciclette pedalarono fino a Cervia, col poco bagaglio fissato sul portapacchi o legato al cannone.

Andare al mare a Cervia, con la bicicletta
Cronaca 19 Giugno 2019

Il comico Paolo Cevoli mattatore della festa per il trentennale del Banco Alimentare al magazzino di via Zello

«Dopo le tue battute di questa sera, abbiamo perso molti dei nostri stakeholders». Così il presidente del Banco Alimentare Emilia Romagna, Stefano Dalmonte, ha salutato Paolo Cevoli e concluso la tappa imolese di «Compagni di Banco», il tour per i trent”anni della Rete Banco alimentare in Italia, che martedì 18 giugno si è svolta nel magazzino e sede logistica regionale del Banco a Zello.

L”attore romagnolo che ha creato il personaggio dell”assessore Cangini, è stato il mattatore della serata. Travolgente nelle sue battute rivolte a molti degli amici e sostenitori del Banco Alimentare che sono stati applauditi da amici, ospiti e volontari del Banco presenti alla serata. Piccoli scherzi in perfetto stile Cevoli che il comico ha riservato a chi sostiene il lavoro del Banco.

Cosa che anche lo stesso Paolo Cevoli fa da anni per aiutare una istituzione nata 30 anni fa per volontà del cavaliere Danilo Fossati, fondatore della azienda alimentare Star, e di Don Luigi Giussani, fondatore di Comunione e Liberazione. A Zello è stata una festa salutata anche da Bernhard Scholz, presidente della Compagnia delle Opere, l”associazione imprenditoriale che fa capo proprio a CL. Stefano Dalmonte ha spiegato nel video che segue il prezioso lavoro di aiuto svolto dal Banco Alimentare per il recupero del cibo e la sua distribuzione alle associazioni caritatevoli per dare un pasto a chi più ne ha bisogno. (pb)

Nella foto da sinistra: Paolo Cevoli, il presidente del Banco Alimentare Emilia Romagna Stefano Dalmonte e Claudia Penoni

Il comico Paolo Cevoli mattatore della festa per il trentennale del Banco Alimentare al magazzino di via Zello

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast