Articoli dell'autore: SabatoSera Redazione

Cronaca 11 Febbraio 2019

Auto investe pedone in via Vivaldi, muore 86enne a Imola

Un incidente mortale si è verificato ieri sera in via Vivaldi nel quartiere Pedagna a Imola. La vittima è Anna Andreani, imolese di 86 anni che abitava poco lontano dal luogo della tragedia.

Seconda una prima ricostruzione della polizia municipale l”anziana sarebbe stata travolta mentre attraversava la strada da una Renault Megane, guidata da un 61enne imolese che procedeva su via Vivaldi in direzione via Emilia. La donna è così finita sul cofano dell”auto, picchiando violentemente la testa sul parabrezza fino a sfondarlo, prima di cadere rovinosamente sull”asfalto. La vettura si è arrestata immediatamente e sono stati subito chiamati i soccorsi. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 ma la donna è morta, a causa delle gravi ferite riportate, durante la corsa verso l”ospedale.

Al momento la dinamica dell”incidente è al vaglio degli agenti della polizia municipale. (d.b.)

Nella foto (Isolapress): il luogo dell”incidente

Imola

Auto investe pedone in via Vivaldi, muore 86enne a Imola
Sport 11 Febbraio 2019

Pallamano A2, ritorno al successo per il Romagna

Dopo due ko consecutivi il Romagna torna alla vittoria e lo fa superando 29-22 alla Cavina il Verdeazzurro Sassari.

Bianconeri, a differenza delle ultime uscite, in grande spolvero in attacco con il trio formato da Rotaru, Folli e Babini autore di 20 reti complessive. Dietro, invece, Martelli e la difesa regolano abbastanza agevolemente ogni attacco dei sardi, con il portiere bravo a firmare 22 parate, alcune delle quali determinanti. spesso determinanti per il controllo del vantaggio.

Il Romagna torna così al successo e nel prossimo turno, in programma sabato 16 (ore 15), affronterà in trasferta il Rapid Nonantola. (d.b.)

Tabellino

Romagna-Verdeazzurro 29-22 (p.t. 15-10)

Romagna: Martelli, Sami, Andalò, O. Boukhris, Folli 7, Panetti 2, F. Tassinari 1, Amaroli 3, Bosi 2, A. Boukhris, Leotta, Medri 1, Rotaru 8, Babini 5. All. D. Tassinari.

Sassari: Munda, Casu, Lampis 2, Scanu 2, Idili 4, Delogu 1, Bianco, Venerdini, Sini, Cherosu, Piatti 6, Pavel 7. All. Cossu.

Nella foto (di Annalisa Mazzini): Fabrizio Folli

Pallamano A2, ritorno al successo per il Romagna
Sport 11 Febbraio 2019

«Camminacittà», a Imola dalla Bocciofila si va in direzione Parco Tozzoni

Con l’iniziativa «Camminacittà» si vuole promuovere l’esercizio fisico in modo semplice e accessibile a tutti. Si cammina su percorsi urbani, nei parchi, nelle aree verdi e sulle piste ciclopedonali. Si entra e si esce dal percorso a piacere e non è richiesta nessuna iscrizione.

Ogni lunedì vengono proposti due percorsi distinti, il primo di 8 km. circa ad andatura veloce e il secondo ad andatura più blanda di circa 5 km. aperto a tutte le persone che per età o altri motivi hanno piacere di fare del moto, in compagnia, senza dover sottoporre il fisico a stress eccessivi. La partecipazione è libera e gratuita. Anche stasera, lunedì 11 febbraio, il ritrovo è alle ore 20.30 presso il parcheggio della Bocciofila, per poi avviarsi in direzione «Parco Tozzoni».

Per informazioni: Pierluigi (tel. 348-7932893).

Foto tratta dalla pagina facebook del Camminacittà di Imola

«Camminacittà», a Imola dalla Bocciofila si va in direzione Parco Tozzoni
Sport 11 Febbraio 2019

Pallavolo B2 femminile, la Clai Imola sbriga la pratica Rovigo e prosegue la marcia trionfale

Tutto facile per la Csi Clai che in casa si libera 3-1 della pratica Rovigo ed in campionato rimane così sempre a punteggio pieno dopo quindici giornate. 

La squadra di Turrini va subito avanti di due set, soffrendo (se così si può dire) solo nel primo parziale. Nel quarto set il Rovigo ha una reazione d”orgoglio e, complice un leggero calo delle imolesi, accorcia le distanze. Imola, però, non vuole assolutamente portare il match al quinto e chiude i giochi.

Nel prossimo turno, in programma sabato 16 (ore 21), la Clai sarà ospite della Gramsci Reggio Emilia. 

Tabellino

Csi Clai Imola-Rovigo 3-1 (25-21, 25-18, 14-25, 25-18)

Foto (di Annalisa Mazzini) tratta dalla pagina facebook della Csi Clai Imola

Pallavolo B2 femminile, la Clai Imola sbriga la pratica Rovigo e prosegue la marcia trionfale
Sport 10 Febbraio 2019

Basket serie B, la Sinermatic regge un tempo e poi lascia strada a Milano

Altro ko per la Sinermatic Ozzano che cade 92-61 in casa contro Milano, nonostante un match giocato alla pari almeno fino all”intervallo lungo.

Nel primo quarto gli ospiti partono forte guidati da un super Scanzi (16 punti in 10 minuti e 26 in totale), ma è nel secondo parziale che Ozzano piazza subito un break di 10-0 e ribalta l”inerzia del match, chiudendo addirittura avanti a metà gara con i canestri di Galassi e Klyuchnyk. Al rientro dagli spogliatoi però Milano non perdona nessuna disattenzione difensiva dei padroni di casa e punisce a ripetizione i biancorossi che in attacco, invece, faticano da matti a trovare la via del canestro. Capitan Agusto è l”ultimo a mollare, ma i soli 6 punti segnati nell”ultimo parziale condannano la Sinermatic ad una sconfitta dalle proporzioni enormi sia nel punteggio che nel morale.

Nel prossimo turno, in programma domenica 17 (ore 18), Ozzano farà visita al Lecco.

Tabellino

Sinermatic-Milano 61-92 (11-20, 39-36, 55-64)

Ozzano: Klyuchnyk 13, Corcelli, Salvardi, Agusto 10, Folli 5, Morara 6, Mastrangelo 7, Giannasi ne, Chiusolo, Galassi 8, Dordei 8, Ranocchi 4. All. Grandi.

Milano: Piatti 2, Paleari 16, Sedazzari, Albique, Toffali 3, Scanzi 26, Piunti 4, Simoncelli 10, Eliantonio 13, Negri 5, Santolamazza 13. All. Villa.

Nella foto (dalla pagina facebook dei Flying): Marco Morara

Basket serie B, la Sinermatic regge un tempo e poi lascia strada a Milano
Sport 10 Febbraio 2019

Basket A2, Imola inizia a giocare dopo 20 minuti e Ferrara si prende il derby

Le Naturelle arrivano in ritardo a Ferrara che vince perché nei primi due quarti uccide la partita. Nel tabellino si legge che Imola ne manda quattro in doppia cifra mentre gli estensi “ingordi” sono appena tre. Ma sono i numeri che contano di meno, quello che ha pesato di più è stata la fame di punti di Ferrara. Le Naturelle perdono dopo 3 vittorie consecutive e rimandano l’appuntamento con una stagione più nobile, accontentandosi di guidare la pancia della classifica del girone Est della A2. Sopratutto condannandosi a dover ancora giocare partite di qualità per raggiungere spiagge sicure.
Il primo quarto è un massacro per Imola con la difesa che prende un parziale di 18-2 dopo un inizio incoraggiante (8-7 dopo 3 minuti). Anche il secondo quarto per Le Naturelle è un calvario che inchioda i biancorossi (30 punti in 10 minuti sono una condanna senza appello). Non va nulla così come invece va quasi tutto nel terzo parziale che Imola trasforma in una speranza grazie ai due americani e a Simioni che gioca una partita dai numeri importanti (solo un errore al tiro, 2/3 da due e 2/2 da tre). L’ultimo quarto inizia con un quintetto guidato in regia da Montanari. Le certezze di Ferrara iniziano a scricchiolare e un tecnico a Fantoni consente a Imola di arrivare a -7 quando mancano 5 minuti alla fine. Le Naturelle ci provano, ma i danni della prima metà di partita sono troppo pesanti. Ferrara con Panni, Molinaro e il solito Ganeto rimette due cifre tra lei e Imola quando di minuti ne mancano meno di 3. Pochi per raddrizzare il punteggio anche se i secondi 20 minuti rimettono in ordine almeno l’onore. (Paolo Bernardi)
Bondi Ferrara – Le Naturelle Imola 105-91 (33-20, 30-18, 18-28, 24-25)
Ferrara: Panni 11, Swann 9, Calò 8, Molinaro 8, Fantoni 5; Campbell 29, Liberati 6, Ganeto 23, Barbon 6, Mazzoleni. Ne Conti, Petrolani. All. Leka.
Imola: Fultz 10, Bowers 26, Crow 9, Raymond 24, Simioni 19; Rossi 3, Magrini, Montanari. Ne: Ndaw, Calabrese, Wiltshire. All. Di Paolantonio.
Nella foto Isolapress Simioni.

Basket A2, Imola inizia a giocare dopo 20 minuti e Ferrara si prende il derby
Sport 10 Febbraio 2019

Basket C Gold, «ventello» facile per la Vsv Imola contro Castelnovo

Secondo successo consecutivo per la Vsv Imola che al Ruggi supera 77-54 Castelnovo Monti.

Avvio strepitoso per i gialloneri che di fatto chiudono già il match dopo il primo quarto, con un Nucci in grande spolvero. Nei restanti tre parziali Castelnovo prova la timida reazione, ma è poca cosa contro la gran serata di Casadei, Zhytaryuk e Aglio. Il divario tra le due squadre sale e scende come lo spread, fino alla sirena finale che vede i gialloneri vincere di un bel «ventello».  

Nel prossimo turno, in programma domenica 17 (ore 18), la Vsv Imola giocherà ancora al Ruggi contro Bertinoro.

Tabellino

Npc-Lg Competition 77-54 (31-9, 45-23, 60-42)

Imola: Casadei 15, Magagnoli 7, Giuliani 3, Zhytaryuk 11, Aglio 15, Dal Fiume ne, Nucci 19, Percan ne, Murati, Zani ne, Dalpozzo 7. All. Tassinari.

Castelnovo Monti: Franko13, Magnani 7, Longoni 2, Guarino, Mallon 12, Mabilli, Lentini, Varotta 12, Levinskis 6, Parma Benfenati ne, Prosek 2, Torlai. All. Diacci.

Foto tratta dal sito della Vsv Imola

Basket C Gold, «ventello» facile per la Vsv Imola contro Castelnovo
Sport 10 Febbraio 2019

Pallavolo B2 femminile, a Cervia un tie-break al… miele per la Vtb Ozzano

Ritorna al successo la Vtb Pianamiele Ozzano che espugna 3-2 il campo di Reggio Emilia, squadra anch”essa invischiata nella lotta per non retrocedere. Con questa vittoria le ragazze di Casadio rimangono sempre all”11° posto in classifica, ma ora ad una sola lunghezza dalla prima squadra salva, ovvero Rimini.

In Romagna, Ozzano parte male e cede il primo set alle padrone di casa. Nel secondo e terzo parziale, però, le emiliane ribaltano la situazione, prima di capitolare nel quarto set. Si va al tie-break, il terzo in stagione per la Vtb, che si conclude agevolmente in favore delle ragazze di Casadio.

Nel prossimo turno, in programma domenica 17 (ore 18), la Vtb Ozzano affronterà in casa l”Arbor Reggio Emilia. (d.b.)

Tabellino

Cervia-Vtb Ozzano 2-3 (25-18, 19-25, 19-25, 25-20, 8-15)

Nella foto (di Annalisa Mazzini): la Vtb Ozzano

Pallavolo B2 femminile, a Cervia un tie-break al… miele per la Vtb Ozzano
Cultura e Spettacoli 10 Febbraio 2019

L'energia geniale di Uto Ughi in concerto a Imola per l'Erf giovedì 14 febbraio

Erede della tradizione che ha visto nascere e fiorire in Italia le prime grandi scuole violinistiche, Uto Ughi è considerato uno dei maggiori interpreti del violino. Sarà lui il protagonista della serata di giovedì 14 febbraio al teatro Stignani di Imola quando, per Erf#StignaniMusica, il celebre violinista si esibirà in un programma per quartetto d’archi insieme a Maryse Regard (secondo violino), Raffaele Mallozzi (viola) e Luca Pincini (violoncello). I quattro musicisti daranno vita al Quartetto per archi n. 14 in re minore, D. 810 «Der Tod und das Mädchen» (La morte e la fanciulla) di Franz Schubert caratterizzato da una melodia che terrorizza e attira, che sconvolge e innamora, con la Morte che incessante avanza verso la Fanciulla che, resasi conto del pericolo, sotto forma della melodia leggiadra del primo violino, comincia a fuggire. Seguirà il Quartetto per archi n. 12 «Americano» in fa maggiore, op. 96 di Antonin Dvorák, un quartetto d’archi che riprende molte delle melodie del folklore statunitense, che tanto aveva influenzato il Maestro russo, capace di spaziare, all’interno della stessa composizione, da atmosfere malinconiche e gravi ad altre leggere e spensierate.

Uto Ughi, nome leggendario nella musica, ha mostrato uno straordinario talento fin dalla prima infanzia esibendosi a sette anni per la prima volta in pubblico eseguendo la Ciaccona dalla Partita n° 2 di Bach ed alcuni Capricci di Paganini. Ha eseguito gli studi sotto la guida di George Enescu, già maestro di Yehudi Menuhin. Ha iniziato le sue grandi tournées europee esibendosi nelle più importanti capitali europee. Da allora la sua carriera non ha conosciuto soste, suonando nei principali festival e con le più rinomate orchestre sinfoniche,  tra cui quella del Concertgebouw di Amsterdam, la Boston Symphony Orchestra, la Philadelphia Orchestra, la New York Philharmonic, la Washington Symphony Orchestra e molte altre. Intensa è la sua attività discografica con la Bmg Ricordi S.p.A. per la quale ha registrato: i Concerti di Beethoven e Brahms con Sawallisch, il Concerto di Tchaikovsky con Kurt Sanderling, Mendelssohn e Bruch con Prêtre, alcune Sonate di Beethoven con Sawallisch al pianoforte, l’integrale dei Concerti di Mozart, Viotti, Vivaldi, Le Quattro Stagioni, tre Concerti di Paganini nell’edizione inedita di direttore–solista, il Concerto di Dvorak con Leonard Slatkin e la Philharmonic Orchestra di Londra, le Sonate e Partite di Bach per violino solo. Ha fondato il festival «Omaggio a Venezia», al fine di segnalare e raccogliere fondi per il restauro dei monumenti storici della città lagunare, poi, dal 1999 al 2002, ha seguito il festival «Omaggio a Roma», mirando alla diffusione del grande patrimonio musicale internazionale ed alla valorizzazione dei giovani talenti formatisi nei Conservatori italiani. Tali ideali sono stati ripresi nel 2003 e portati avanti dal festival «Uto Ughi per Roma» di cui Ughi è ideatore, fondatore e direttore artistico.

Maestro Ughi, lei ha iniziato a suonare da bambino. C’è un autore che, più di altri, le ricorda l’infanzia? E perché?

«Mozart, Mendelssohn e Vivaldi, per quella freschezza e spontaneità creativa che danno un senso di eterna giovinezza».

Ricorda un momento sul palcoscenico in cui si è sentito inspiegabilmente sorpreso? Dal pubblico o dai musicisti con cui suonava o dal brano…

«La sensazione non è mai uguale perché dipende dal grado di consapevolezza e di ricettività del pubblico che quando entra in sintonia d’onda con l’interprete sprigiona un’energia straordinaria».

Qual è il compositore che preferisce? E perché?

«Non esiste un autore preferito, dipende dallo stato d’animo in cui ci si trova, dal percorso di vita che si sta facendo in quel momento… dipende dalla tua necessità spirituale del periodo che stai attraversando».

Ore 21, teatro Stignani, via Verdi. Biglietto da 20 a 12 euro, ridotto da 17 a 10, biglietto a 1 euro per gli studenti imolesi e per gli allievi della Scuola di musica Vassura Baroncini. Info: 0542/25747.

L”intervista completa a Uto Ughi è nel numero di «sabato sera» in edicola da giovedì 7 febbraio

Nella foto Uto Ughi

L'energia geniale di Uto Ughi in concerto a Imola per l'Erf giovedì 14 febbraio
Cronaca 10 Febbraio 2019

Smog, oggi 10 febbraio è domenica ecologica: i limiti alla circolazione di auto e moto a Imola e Ozzano

Oggi, domenica 10 febbraio, è domenica ecologica nel territorio bolognese. Le limitazioni alla circolazione riguardano dunque, oltre al capoluogo, i comuni dell”agglomerato urbano di Bologna, tra cui Ozzano, e il comune di Imola.

Dalle 8.30 alle 18.30 saranno pertanto in vigore i seguenti divieti: autoveicoli a benzina fino all”Euro 1, autoveicoli diesel fino a Euro 3, ciclomotori e motocicli fino a Euro 0, veicoli diesel di tipo M2, M3, N2 o N3 fino a Euro 3, veicoli diesel commerciali di tipo N 1 fino a Euro 3.

Accanto alle limitazioni saranno comunque valide anche le deroghe riconosciute per particolari necessità, come i lavoratori turnisti, chi si muove per ragioni di cura e assistenza e le persone meno abbienti.

Dopo quella odierna, sono previste altre tre domeniche ecologiche per la stagione 2018-2019: il 17 febbraio, il 3 e il 24 marzo.

Nella foto la centralina Arpa di via De Amicis a Imola

Smog, oggi 10 febbraio è domenica ecologica: i limiti alla circolazione di auto e moto a Imola e Ozzano

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast