Articoli dell'autore: SabatoSera Redazione

Cronaca 14 Ottobre 2019

Prorogato il termine per le domande di servizio civile, ancora possibile iscriversi al progetto Linkontro

C”è ancora qualche giorno di tempo per i ragazzi dai 18 ai 28 anni compiuti che intendono presentare domanda per il Servizio civile universale. E” stata infatti prorogata alle 14 di venerdì 17 ottobre 2019 la scadenza del bando nazionale per la selezione dei volontari per il Servizio, che sarebbe altrimenti scaduta il 10 ottobre. Tale proroga è stata richiesta da vari enti e Regioni al fine di agevolare i giovani interessati che quest”anno si sono trovati ad affrontare una procedura completamente nuova rispetto al passato.

Venendo al nostro territorio, è dunque ancora possibile candidarsi a partecipare al progetto “Linkontro” del Servizio civile universale 2019-20, proposto da cinque Comuni del circondario e rivolto a ragazze e ragazzi nella fascia d”età sopra indicata, interessati a svolgere un”esperienza in servizi educativi, scuole, biblioteche e uffici di relazione con il pubblico di Medicina (4 posti), Castel Guelfo (4 posti), Castel S. Pietro Terme (6 posti), Dozza (5 posti), Mordano (4 posti). Il servizio durerà un anno e si articola in 25 ore settimanali, cinque giorni alla settimana. Il contributo forfettario previsto è di 439,50 euro mensili.

Il progetto Linkontro consente ai ragazzi e alle ragazze partecipanti di partecipare a percorsi di sensibilizzazione e promozione della cultura dell”accoglienza e dello scambio culturale ed affettivo fra le generazioni, poiché si prefigge di promuovere l”incontro (o meglio Linkontro) tra giovani e anziani, nella convinzione che grazie allo scambio intergenerazionale gli anziani possono trasmettere saperi, storia e tradizioni, oltre al bagaglio delle competenze ed esperienze accumulato negli anni. Gli anziani hanno così l”opportunità di partecipare alla vita della comunità attivamente, mentre i ragazzi conosceranno, attraverso testimonianze dirette, aspetti delle proprie radici culturali o di altre culture, creando al contempo relazioni significative con persone di età differenti. Inoltre, i giovani potranno a loro volta trasmettere alle persone più anziane consigli e conoscenze nel campo delle nuove tecnologie, come l”uso del pc, del tablet e dello smartphone.

Per quanto riguarda le domande, da quest”anno devono essere presentate esclusivamente online sulla piattaforma DOL raggiungibile con pc, tablet e smartphone, utilizzando le credenziali Spid. (Info su come richiedere le credenziali Spid e per presentare domanda on line: https://domandaonline.serviziocivile.it – https://www.serviziocivile.gov.it/main/area-volontari-hp/faq/03-domande-di-partecipazione.aspx#domanda1). (r.cr.)

Nella foto un”immagine della campagna ufficiale governativa per il Servizio civile universale

Prorogato il termine per le domande di servizio civile, ancora possibile iscriversi al progetto Linkontro
Cronaca 14 Ottobre 2019

Imola scelta da Lamborghini come location per lo spot del nuovo suv «Urus»

Domani e mercoledì 16 ottobre la Lamborghini sbarcherà ad Imola per girare lo spot del nuovo modello «Lamborghini Urus». La location, però, non sarà l”autodromo «Enzo e Dino Ferrari», ma bensì il centro ed alcune vie attigue. 

Per questo motivo il Comune, con un”ordinanza, ha disposto la chiusura di alcune strade. Domani (dalle ore 14.30 alle ore 18.00) e mercoledì (dalle ore 8.30 alle ore 18.00) divieto di transito in  via Emilia (tratto tra via Orsini e via Morelli), via Appia (tratto tra via Emilia e via San Pier Grisologo), piazza Matteotti, via Aldrovandi, via Mazzini (tratto tra via Mameli e via Emilia), piazza Gramsci e via XX Settembre.

Inoltre, domani (dalle ore 13.00 alle ore 18.00) e mercoledì (dalle ore 8.30 alle ore 18.00) divieto di sosta e rimozione dei veicoli in via XX Settembre e via Emilia (tra via XX Settembre e via Mazzini). Infine, entrambi i giorni (dalle ore 8.30 alle ore 18.00) divieto di transito in viale Pirandello (tratto tra via del Tiro a Segno e viale Dante), viale Dante (tra via Goldoni e viale Pirandello), via Graziadei (tra viale Dante a via Manzoni), via Tabanelli (tra via Goldoni a via Graziadei), via F.lli Rosselli (tra viale Dante e Piazza A. Senna), via Musso, via Ghiandolino (tra via Tenni e via Sabbioni), via Sabbioni e via Cappelli. (d.b.)

Nella foto: un modello di Lamborghini Urus

Imola scelta da Lamborghini come location per lo spot del nuovo suv «Urus»
Cronaca 14 Ottobre 2019

Vedrà la luce a Ozzano grazie a un finanziamento regionale la pista ciclabile dalla stazione ferroviaria a Ponte Rizzoli

Entra nel vivo la realizzazione della pista ciclabile che collegherà la stazione ferroviaria di Ozzano con la frazione di Ponte Rizzoli. Un’esigenza molto sentita dai residenti che ora troverà attuazione grazie a un finanziamento della Regione Emilia Romagna nell’ambito della realizzazione di ciclovie per la mobilità sostenibile. Complessivamente, si tratta di un intervento da 450 mila euro, che verrà finanziato per il 70 percento dalla Regione, mentre i restanti 135 mila euro sono a carico dell’Amministrazione comunale. Nel Consiglio comunale di lunedì 30 settembre è stato approvato all’unanimità il progetto esecutivo.

«Ora, entro dicembre 2019, dovremo aver già affidato i lavori per non perdere il finanziamento regionale – dettaglia il sindaco, Luca Lelli -. I tempi saranno comunque rapidi perché abbiamo la possibilità di fare una gara ad invito per 15 operatori». La nuova ciclabile si estenderà su 2,7 chilometri, un po’ meno rispetto agli oltre 3 chilometri previsti inizialmente. Questo perché è stato necessario modificare un po’ il percorso. Infatti, l’ultimo tratto, ovvero quello che va dall’innesto degli Stradelli Guelfi con via Tolara di Sotto fino al centro abitato di Ponte Rizzoli, è stato modificato in quanto sarebbe dovuto rientrare tra le opere compensative derivanti dalla realizzazione della quarta corsia dell’A14 (a Ozzano spettano 2 milioni di euro per realizzare una rotonda all’incrocio tra via Tolara di Sotto e gli Stradelli Guelfi e allargare il ponte sul Quaderna a Ponte Rizzoli), ma il cantiere dell’autostrada ancora deve partire.

Così l’Amministrazione ozzanese ha deciso di modificare un po’ il tracciato. In pratica, dalla stazione la ciclabile parte in via Marconi «che diventerà ciclopedonale con accesso consentito solo ai veicoli dei residenti, che dovranno rispettare il limite dei 30 chilometri orari – precisa Lelli -. Proprio sfruttando la viabilità esistente, riusciremo a realizzare una ciclabile così lunga con la cifra stanziata». (gi.gi.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 10 ottobre

Nella foto il tracciato della ciclabile stazione-ponte Rizzoli

Vedrà la luce a Ozzano grazie a un finanziamento regionale la pista ciclabile dalla stazione ferroviaria a Ponte Rizzoli
Sport 14 Ottobre 2019

«Camminacittà», a Imola dalla Bocciofila si va in direzione «Carlina»

Con l’iniziativa «Camminacittà» si vuole promuovere l’esercizio fisico in modo semplice e accessibile a tutti. Si cammina su percorsi urbani, nei parchi, nelle aree verdi e sulle piste ciclopedonali. Si entra e si esce dal percorso a piacere e non è richiesta nessuna iscrizione.

Ogni lunedì vengono proposti due percorsi distinti, il primo di 8 km. circa ad andatura veloce e il secondo ad andatura più blanda di circa 5 km. aperto a tutte le persone che per età o altri motivi hanno piacere di fare del moto, in compagnia, senza dover sottoporre il fisico a stress eccessivi. La partecipazione è libera e gratuita. Anche stasera, lunedì 14 ottobre, il ritrovo è alle ore 20.30 presso il parcheggio della Bocciofila (lato Silvio Alvisi), per poi avviarsi in direzione «Carlina». (r.s.)

Per informazioni: Pierluigi (tel. 348-7932893).

Foto tratta dalla pagina facebook del Camminacittà di Imola

«Camminacittà», a Imola dalla Bocciofila si va in direzione «Carlina»
Sport 14 Ottobre 2019

Aperture autodromo, stasera tutti in pista all'«Enzo e Dino Ferrari»

Nel periodo che prendiamo in considerazione, fino a giovedì 17 ottobre, l’autodromo prevede una sola giornata di apertura al pubblico. Cancelli aperti, quindi, stasera, lunedì” 14 ottobre, dalle 17 alle 18.30. A questo punto, a meno di variazioni, mancheranno solo altri tre ingressi prima della chiusura invernale. E’ ovviamente consentito l’accesso alla pista a piedi e con mezzi meccanici non a motore.

Le giornate potrebbero subire delle modifiche. Consigliamo di controllare sempre nel sito autodromoimola.it, sezione eventi, open days. (r.s.)

Nella foto (Isolapress): appassionati all”autodromo

Aperture autodromo, stasera tutti in pista all'«Enzo e Dino Ferrari»
Sport 13 Ottobre 2019

Basket A2, l'Andrea Costa cade anche contro San Severo

Sconfitta per l”Andrea Costa che a San Severo cade 84-82 e centra così la seconda sconfitta consecutiva in campionato.

Imola parte bene con Morse e Bowers che provano a rispondere colpo su colpo ad uno scatenato Demps III. Suo, infatti, il canestro che manda i pugliesi al primo riposo avanti di un punto (22-21). Nel secondo, parziale, San Severo rimane sempre avanti, fino al canestro del pareggio di Masciadri a metà quarto. Da lì in poi si viaggia punto a punto e serve un canestro di Bowers per regalare a Imola il +1 all”intervallo lungo (42-43). Nel terzo quarto i biancorossi, sempre con il solito Morse, scappano a +11, ma i padroni di casa piano piano rosicchiano punto su punto e dimezzano lo svantaggio all”ultimo riposo (58-63). Nell”ultimo parziale San Severo parte a mille e impatta quasi subito il punteggio e vola a +3 con la tripla di Saccaggi. Antelli si scatena, Masciadri suona la carica per gli ospiti e con una «bomba» porta Imola avanti di uno ad un minuto e mezzo dalla sirena. I quattro punti di Saccaggi e i due di Spanghero, però, ribaltano tutto. Bowers dall”altra parte sbaglia, così come Demps III ai liberi. La partita, però, ormai è finita ed a nulla servono i tiri dalla lunetta di Fultz.

Nel prossimo turno, in programma domenica 20 (ore 18) l”Andrea Costa sarà impegnata a Roseto (d.b.)

Nella foto: coach Di Paolantonio

Tabellino

San Severo-Naturelle 84-82 (22-21, 42-43, 58-63)

San Severo: Spanghero 2, Kennedy 9, Demps III 21, Saccaggi 13, Maspero 10, Conti 3, Angelucci ne, Magnolia ne, Niro ne, Mortellaro 10, Di Donato 3, Antelli 13. All. Cagnazzo.

Imola: Masciadri 11, Bowers 21, Taflaj 5, Fultz 10, Morse 27, Valentini 4, Baldasso, Calvi ne, Ingrosso 4, Ivanaj. All. Di Paolantonio. 

Basket A2, l'Andrea Costa cade anche contro San Severo
Sport 13 Ottobre 2019

Basket C Gold, Castel Guelfo espugna il palaRuggi. Vsv Imola ancora ferma al palo

Bella vittoria di Castel Guelfo che espugna 95-91 il palaRuggi e centra la prima vittoria in campionato. Niente da fare, invece, per la Vsv Imola ancora ferma a quota zero punti.

Partenza che, però, sorride ai gialloneri di Regazzi, trascinati da una Barattini in gran serata (29 punti alla sirena). Guelfo fatica nel primo tempo ma rimane a galla grazie a Musolesi, Amoni e l”ex Murati. Nel secondo tempo la squadra di Cavicchioli aumenta l”intensità e la precisione, complice anche la scarsa mira degli imolese, e prova a scappare via. Imola, però, non molla e nell”ultimo parziale rimane incollata agli ospiti. Una tripla di Agatensi a poco più di un minuto e mezzo alla fine vale il -2 dei padroni di casa, che poi vanno +1 con un gioco da tre (tiro più libero) con il solito Barattini a 38 secondi dalla sirena. Amoni e Pieri non ci stanno, Dal Pozzo è l”ultimo a mollare ma alla fine i liberi premiano Castel Guelfo.

Nel prossimo turno Castel Guelfo sfiderà, venerdì 18 (ore 21), in casa Fiorenzuola, mentre la Vsv Imola sarà di scena, domenica 20 (alle 17), a Castelnovo Monti. (d.b.)

Nella foto: Begic

Tabellino

Intech-Prosic 91-95 (22-12, 45-38, 61-64) 

Imola: Barattini 29, Dalpozzo 11, Biandolino 6, Spampinato 15, Begic 15, Marcone, Agatensi 15, Errera ne, Orlando, Piani Gentile, Savino. All. Regazzi.

Castel Guelfo: Pederzini 9, Musolesi 17, Pieri 13, Govi 11, Wiltshire 6, Amoni 13, Murati 13, Bergami 9, Bernabini, Baccarini ne, Bonazzi 4, Bonetti ne. All. Cavicchioli. 

Basket C Gold, Castel Guelfo espugna il palaRuggi. Vsv Imola ancora ferma al palo
Calcio 13 Ottobre 2019

La prima vittoria: Sall fa respirare l’Imolese

La prima vittoria arriva da Fermo, un gol nel finale del neo-entrato Abdoulaye Sall, che devia in rete un cross di Pio Schiavi, anche grazie alla mancata deviazione di Latte Lath. Tre punti d’oro, che fanno lasciare l’ultimo posto solitario (l’Imolese è pari all’Arzignano) e che la mettono addirittura a soli 3 punti dalla salvezza diretta. Insomma, sarà una lotta acerrima per non retrocedere con squadre che faticano assai a fare punti, proprio come i rossoblù.

Un successo nato da una partita che aveva dato zero emozioni e quasi zero tiri in porta. Una specie di match-sonnifero fino agli ultimi giri di lancetta. Atzori aveva cambiato molto, schierando la difesa a 3 (Checchi, Carini e Della Giovanna), il centrocampo a 4 (Schiavi, Marcucci, Alimi e Valeau) e quindi Provenzano e Tentoni a supporto di uno spento Bismark. Insomma un pareggio quasi scritto che è stato cancellato per due motivi: il rosso diretto a Mane e l’iniziativa finale che ha portato al gol. Non abbiamo paura di smentite se diciamo che l’unica vittoria è arrivata dalla peggior partita dell’anno, almeno dal punto di vista estetico.

La cronaca. Zero emozioni, zero gioco, zero di tutto. Se proprio vogliamo grattare il fondo del barile, al 10’ c’è una discesa con tiruccio di Valeau parato da Gemello. Al 15’ una mischia dopo un angolo fa avvicinare la Fermana al gol, ma Checchi si getta a terra e blocca mezza porta col suo corpo. Al 34’ ci prova Maistrello senza tante ambizioni e così fa Cognigni al 47’. Due squadre di una pochezza disarmante.

La ripresa. Fino al 71’ non succede davvero nulla. Poi la palla giunge a Persia, che lascia partire un gran tiro da fuori area. Ma la botta è centrale e Rossi molto attento. L’unica vera cosa da segnalare è al 77’ il rosso diretto a Mane, per un fallo su Alimi. Per un po’ l’Imolese sembra non approfittare del vantaggio numerico, ma poi, anche grazie all’ingresso di Padovan e Sall, riesce a trovare uno spunto, con l’unico tiro in porta della partita. Cross dalla destra di Schiavi, Latte Lath colpisce male (o non colpisce affatto) di testa e la sfera termina addosso a Sall e quindi in rete da pochi passi. (p.z.)

Fermana – Imolese 0-1 (0-0)

Imolese (3-4-2-1): Rossi; Checchi, Carini, Della Giovanna (87’ Padovan); Schiavi, Marcucci, Alimi, Valeau; Provenzano (62’ Latte Lath), Tentoni (80’ Sall); Bismark. All. Atzori.

Gol: 88’ Sall (I).

La prima vittoria: Sall fa respirare l’Imolese
Sport 13 Ottobre 2019

«Piacere, Atzori», intervista «insolita» al nuovo mister dell'Imolese

A pochi giorni dal suo arrivo sulla panchina dell”Imolese ecco un ritratto del nuovo mister Gianluca Atzori, tra calcio, idee e passioni. Iltutto alla vigilia del match di domani dei rossoblù che, alle 17.30, sfideranno in trasferta la Fermana.

Questa è un’intervista diversa dal solito, cominciamo dal tuo motto…

«Una buona squadra è fatta da chi para, chi segna, chi insegna… Ve lo spiego. Se dovessi mai costruire una squadra partirei da quei 3 aspetti perché chi para porta punti, chi segna porta punti, l’allenatore porta punti, quindi queste sono le 3 pedine che io andrei a scegliere».

Hobby: dove ti trovo se ti cerco nel tempo libero?

«Mi piace tutto quello che è sport dove si fa fatica. Appena ho smesso di giocare a calcio mi sono dato al tennis: se fosse per me giocherei 3-4 volte alla settimana, ma con il mal di schiena mi sono dovuto fermare. Quel dolore mi ha fatto smettere anche di correre: ho fatto 2 maratone e una mezza: non quelle di Boston o New York, ma quella di Ravenna o qui attorno. Ora mi sono innamorato della bicicletta da 6 anni, sia da strada che mountain bike».

Chiudiamo con una domanda sul calcio «allenato». Hai vissuto stagioni diverse finora nella tua carriera: preferisci partire ad inizio stagione o subentrare?

«Come tutti, mi piacerebbe arrivare ad inizio stagione. Ci sono dinamiche diverse, quando subentri a stagione in corso devi raccogliere tutto più in fretta e non puoi pensare di mettere 25 persone tutte d’accordo. Oggi entro con la mia testa: pian piano cerco di imporre la mia idea e la squadra mi viene dietro progressivamente. Quando invece alleni dall’inizio dell’anno e come quando prendi un cucciolo a casa: l’imprinting iniziale glielo dai in ritiro, dove nasce il rapporto fra me e loro su quello che deve essere il nostro cammino».

L”articolo completo su «sabato sera» del 10 ottobre.

Nella foto (Isolapress): il mister dell”Imolese Gianluca Atzori

«Piacere, Atzori», intervista «insolita» al nuovo mister dell'Imolese
Cronaca 13 Ottobre 2019

Semaforo verde per Emilia 4Lt in Australia, parte la gara per macchine ad energia solare

Semaforo verde per Emilia 4 Lt, la macchina ad energia solare dell’associazione castellana Onda solare da oggi e fino al 20 ottobre sarà impegnata per le strade australiane che collegano Darwin e Adelaide, un totale di tremila chilometri di gara, da un parte del Paese all’altra. Emilia 4 Lt è iscritta alla World Solar Challenge, massima competizione riservata alle vetture solari che si tiene in Australia. La vettura è un’evoluzione di quella che lo scorso anno si è aggiudicata l’American Solar Challenge. Si chiama Lt come long tail, per la lunga coda che caratterizza la cruiser 4 posti, ennesima tappa di un’avventura, quella di Onda solare, iniziata oltre un decennio fa come un hobby ma anche con una visione precisa e lungimirante, che nel tempo si è guadagnata anche il sostegno dell’Università di Bologna: sviluppare la tecnologia ad energia solare per i veicoli.  

Nata nell’officina castellana Metal Tig e cresciuta lungo la via Emilia (da qui il numero di gara che è sempre il 9 come la statale), da una prima bici a pedalata assistita si è passati alla prima cruiser a 4 posti ed ora ad Emilia 4 Lt. Una vera auto, potenzialmente omologabile per la strada. Anche l’obiettivo delle competizioni riservate alle auto ad energia solare, gare di efficienza e non di velocità, non è solo sportivo quanto per uno sviluppo pratico delle applicazioni dell’energia solare. Emilia 4 Lt ha un’autonomia di oltre mille chilometri a pieno carico, cioè quattro persone a bordo. Caratteristiche che dimostrano le potenzialità della mobilità elettrica, ma le componenti sono di ultima generazione, materiali performanti quanto costosi, come il carbonio per la scocca, tutt’altro che pensabili per vetture economiche, almeno oggi. 

L’obiettivo di Onda solare, per ora, è «sbancare» in Australia, competizione massima fra quelle riservate alle vetture solari. «Abbiamo migliorato ed alleggerito l’auto quanto possibile per restare competitivi e correre in sicurezza» ha spiegato prima di partire il castellano Mauro Sassatelli, che fa parte del direttivo di Onda solare. «L’obiettivo è tenere una media di gara di 75 chilometri orari con quattro persone a bordo. È la prima volta che andiamo in Australia con una vettura per giocarci il risultato massimo». Tra l’altro, Onda solare è l’unico team italiano in gara. Fra le aziende del territorio che sostengono il progetto vi sono le castellane Carrozzeria Augusta, e-Max, Metal Tig e il suo marchio Grafite Compositi, Fratelli Bergami di Castel Guelfo, Solmec e Curti Meccanica di Castel Bolognese. In passato hanno contribuito anche altre realtà locali. (mi.mo.)

Nella foto Emilia 4 Lt durante i test pre-gara in Australia

Semaforo verde per Emilia 4Lt in Australia, parte la gara per macchine ad energia solare

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast