Articoli dell'autore: SabatoSera Redazione

Sport 11 Agosto 2019

Calcio serie C, l'ottimismo del presidente dell'Imolese Spagnoli: «Più certezze di un anno fa»

Per chi nutrisse dei dubbi su quali pensieri gli stiano passando per la testa a poco più di due settimane dall’inizio del campionato, ecco a voi un Lorenzo Spagnoli più pimpante che mai e disponibile a parlare di tutto. Il presidente ha idee molto chiare sul presente e sul futuro dell’Imolese, ma soprattutto sul ruolo che deve (e dovrà) continuare ad avere nel calcio professionistico. E’ lui a invitare tutti a pensare positivo. E allora cominciamo da questa seconda stagione in serie C dell’Imolese, già partita ufficialmente (e bene) domenica scorsa nella Tim Cup, con la qualificazione al secondo turno a spese della Sambenedettese dove i rossoblù sfideranno questa sera (ore 20.45) in trasferta la Juve Stabia.

Riflessioni e aspettative?

«Siamo una squadra in gran parte nuova – ha detto Spagno -. E questo perché abbiamo fatto troppo bene l’anno scorso, dando delle opportunità importanti a giocatori e ad alcuni uomini dello staff tecnico come Spighi e Bertaccini (rispettivamente preparatore atletico e allenatore dei portieri, andati al Venezia di Alessio Dionisi e al Trapani di Francesco Baldini, nda). L’Imolese adesso è questa. Deve fare scouting e valorizzare il più possibile i componenti della rosa. In squadra ora ci sono tanti ragazzi di qualità e di prospettiva, alcuni già convocati in Nazionale, e con loro bisogna avere pazienza e lavorare con cura. Siamo contenti e fiduciosi, perché stiamo mettendo assieme il giusto mix fra elementi giovani ed esperti. La difesa per quattro quinti è quella dello scorso anno. In più abbiamo ancora Belcastro, che è il punto di riferimento nel rombo di centrocampo». Oltre all’allenatore, la squadra è completamente rinnovata dalla cintola in su.

Quali rischi comportano cambiamenti così radicali?

«Quello di non essere pronti subito. Ma tante altre squadre avranno lo stesso problema. Per fortuna abbiamo dei ragazzi che conoscono il calcio di Coppitelli, come D’Alena e Marcucci, quindi per loro sarà più semplice adattarsi al modo di giocare e a dare un’identità precisa al centrocampo. C’è da impegnarsi, perché qualcuno viene da mesi di inattività come Garattoni e lo stesso D’Alena, quindi dobbiamo avere lucidità, freddezza e pazienza. Se c’è da aspettare dobbiamo farlo, perché sono profili che da un momento all’altro esploderanno».

Calcio serie C, l'ottimismo del presidente dell'Imolese Spagnoli: «Più certezze di un anno fa»
Cronaca 11 Agosto 2019

Tre serate musicali alla Casa del fiume di Borgo Tossignano

Per tre domeniche in agosto, in collaborazione con il Combo Jazz Club, la Casa del fiume di Borgo Tossignano presenterà “Down By the Riverside-Un fiume in musica”, un primo ciclo di iniziative dedicato alla musica (naturalmente in versione acustica) con l’intento di valorizzare questo splendido angolo della nostra vallata anche con iniziative culturali compatibili con il rispetto del Parco.

Il primo appuntamento in programma, domenica 11 agosto, vedrà l’esibizione dellabrava cantante imolese Lisa Manara in duo con il chitarrista, anche lui imolese Riccardo Ferrini.

Decisamente jazz sarà invece la proposta della domenica successiva. Infatti il 18 avremo, con il titolo Peri’s Scope (come una sua nota composizione), un sentitotributo alla musica del grandissimo pianista statunitense Bill Evans scomparso nel 1980 considerato uno dei maestri più influenti del jazz moderno nel proprio strumento.
A proporlo sarà un ottimo duo che vede insieme il giovane blasonato pianista Pietro Beltrani e il contrabbassista Roberto Bartoli, tutti e due imolesi e figure di spicco dellascena jazz sia regionale che nazionale.

Infine si chiuderà il 25 con un’altra voce femminile come protagonista. Si tratta dell’affermata cantante jazz Valentina Monti, già voce dell’Imola BigBand, in trio, accompagnata dal chitarrista Dagmar Benghi e dal contrabbassista Gianluca Ravaglia. (fa. ra.)

Nella fotografia tratta dal profilo Facebook di Lisa Manara, Lisa Manara e Riccardo Ferrini

Tre serate musicali alla Casa del fiume di Borgo Tossignano
Cultura e Spettacoli 11 Agosto 2019

Con il concerto «Unlimited» l'Emilia Romagna festival inaugura l'arena dell'agriturismo «Le siepi di San Giovanni»

Sarà Enrico Pieranunzi a suonare, domenica 11 agosto alle 21, a Fontanelice nel teatro tra i vigneti dell’agriturismo «Le Siepi di San Giovanni», nell’ambito dell’Emilia Romagna festival. «Unlimited» è il titolo del concerto, a sottolineare l’abilità di questo pianista nel muoversi con disinvoltura fra classica e jazz, senza limiti di genere, senza limiti alla musica. «Il blues, Scarlatti, una canzone di Gershwin, una sarabanda di Haendel: il piano solo di Enrico Pieranunzi sfida luoghi comuni e leggi della geometria facendo di jazz e classica due rette parallele che si incontrano – si legge nella presentazione del concerto -. È accaduto già prestissimo nella sua vita musicale, quando i suoni di Charlie Parker, Django Reinhardt, Lee Konitz e Chet Baker vivevano accanto a quelli di Bach e Chopin. Accade ancora oggi, sempre di più, nel suo pianismo libero, personalissimo, senza confini: “Unlimited”, appunto, comerecita il titolo del concerto a Fontanelice».

Nato nel 1949, Enrico Pieranunzi è tra i protagonisti più noti e apprezzati della scena jazzistica internazionale. Suona prevalentemente all’estero, in città come Parigi, New York o Tokyo. Pianista, compositore e arrangiatore, ha registrato più di settanta dischi a suo nome spaziando dal piano solo al trio, dal duo al quintetto. Ha collaborato, in concerto o in studio d’incisione,con musicisti come Chet Baker, Lee Konitz, Paul Motian, Charlie Haden, Chris Potter, Marc Johnson, Joey Baron. Eletto tre volt emiglior musicista italiano nel referendum Top Jazz della rivista Musica Jazz, vanta tra i suoi riconoscimenti il «Django d’or» come miglior musicista europeo nel 1997, l’Echo Award in Germania come Best International Piano Player nel 2014, e il premio «Una vita per il jazz» assegnatogli (sempre nel 2014) da Musica Jazz.

Il concerto dell”Emilia Romagna festival sarà l”occasione per l”apertura ufficiale al pubblico di un teatro all’aperto di quasi novecento posti, nel cuore della vallata del Santerno, che rappresenta l’ultimo progetto dei proprietari dell’agriturismo «Le Siepi di San Giovanni» di Fontanelice. L’agriturismo, aperto nel settembre 2017, appartiene alla famiglia Zuffa ma son osoprattutto tre fratelli – Gabriele, Giangaspare e Maurizio Zuffa – a occuparsene. Fino ad oggi si erano dedicati principalmente alla ristorazione e alla produzione vinicola ma una combinazione di opportunità e intuito ha portato alla creazione di questo teatro da cui con un’occhiata si abbraccia la Vallata e si scorgono i tetti di Imola. Clelia Lazzari, moglie di Maurizio Zuffa, spiega come è nata l’idea: «Non c’è stato un vero progetto dietro, più una serie di opportunità che noi abbiamo colto. L’agriturismo appartiene alla famiglia Zuffa fin dai primi anni’30, quando era stato acquistato dal padre di mio marito, Pietro Zuffa, ma dagli anni ’80 è rimasto disabitato. Abbiamo cominciato la ristrutturazione nel 2011, già con i primi lavori avevamo raccolto molte pietre che avevamo momentaneamente messo da parte, senza sapere bene come utilizzarle. Ma non avevamo buttato via nulla convinti che ogni cosa avrebbe trovato il suo posto. Inoltre avevamo avuto un massiccio spostamento di terreno quando abbiamo costruito la strada e si era creato un teatro naturale con una magnifica vista. L’anno scorso Gabriele ha lavorato alcuni campi circostanti e dal terreno sono emerse molte altre pietre. Dato che c’era questa grande disponibilità di materiale l’anno scorso abbiamo costruito un primo pezzo di arena ispirandoci allo splendido teatro greco di Lipari. Quest’anno abbiamo continuato, e ormai quasi concluso, i lavori». (re.co.)

L”articolo completo è su «sabato sera» dell”8 agosto

Nella foto di Rebecca Conti l”arena dell”agriturismo “Le siepi di San Giovanni”

Con il concerto «Unlimited» l'Emilia Romagna festival inaugura l'arena dell'agriturismo «Le siepi di San Giovanni»
Cronaca 10 Agosto 2019

San Lorenzo – Gli altri appuntamenti

Non sono poche le occasioni per avvistare le stelle cadenti in compagnia a Imola e nel circondario.

Al centro giovanile “Ca’ Vaina” di Imola va in scena la “Flower Power Night” (ore 21.30). Dress code: fiori e stelle. E si balla sulle note dei pezzi di surf music che hanno scritto la storia del rock.

A “In bottega” a Casalfiumanese, concerto di Francesco Bombaci (ore 21.30). 25 anni, di Imola, Francesco ha partecipato alla sesta edizione -l’ultima andata in onda- del talent show “The Voice of Italy”.
A Sassoleone, camminata “Due passi sotto le stelle” (ore 21, ritrovo in piazza dalle 19.30), di cinque chilometri. Si raccomanda di indossare indumenti ad alta visibilità e scarpe comode, e di portare con sé pile o torce.

All’area lungofiume di Castel del Rio, “Festa del ponte”, con possibilità di visitare le stanze interne del Ponte degli Alidosi (ore 16-19), concerto della Shotgun Blues Band tributo ai Blues Brothers (ore 21) e concerto di Nearco (a seguire).

San Lorenzo – Gli altri appuntamenti
Cronaca 10 Agosto 2019

San Lorenzo – Tutto pronto a Fontanelice per “Calici di stelle'

E’ tutto pronto a Fontanelice per la ventesima edizione di “Calici di stelle”, l’appuntamento della Notte di San Lorenzo per eccellenza del circondario.

A partire dalle 20, entrando dalla Porta del Castello, sarà possibile acquistare al costo di 9 euro un calice di cristallo che darà diritto a cinque degustazioni di vino presso i produttori locali dislocati lungo i caratteristici vicoli del centro storico.
Con l’acquisto di un ulteriore buono dello stesso costo si avrà l’opportunità di assaggiare gli squisiti prodotti tipici della nostra terra, quali pasta artigianale, formaggi, piadina romagnola, salumi, piè fritta, marmellate e squacquerone, miele e dolci.

Il visitatore più curioso potrà ammirare le stelle con l’aiuto dell’Associazione astrofili imolesi. Nell’archivio-museo “Giuseppe Mengoni” sarà allestita la mostra “Terra e gente di Fontana e della Val Santerno dipinti dal neocromatismo di Nevio Galeotti”. Inoltre. si potrà salire sulla torre civica ed ammirare le stelle ed il panorama in notturna del centro storico. Allieterà la serata con un tributo a Mina il gruppo The Harmonic Quartet.

«“Calici di stelle”, raggiunto il traguardo dei vent’anni, in questa nuova edizione 2019 è pronta ad affrontare il terzo decennio che l’aspetta con la stessa voglia di accogliere e stare insieme che ha caratterizzato la manifestazione fin dagli esordi – commenta Gabriele Meluzzi, primo cittadino di Fontanelice –. Il comitato “Sapori in piazza” anche quest’anno ha messo in campo il massimo dell’impegno per realizzare una piacevole serata in cui tanti produttori di vino di qualità potranno proporre le loro eccellenze ai cittadini appassionati di buon vino e buon cibo». (r. cr.)

Fotografia di Marco Isola/Isolapress

San Lorenzo – Tutto pronto a Fontanelice per “Calici di stelle'
Cronaca 10 Agosto 2019

San Lorenzo – Tutti con il naso all'insù per avvistare le stelle cadenti (ed esprimere un desiderio)

La tradizione -agevolata dalla Chiesa cattolica- vuole che siano le lacrime versate da Lorenzo, uno dei sette diaconi di Roma messo a morte in seguito a un editto emanato dall’imperatore Valeriano nel 258, durante il martirio sulla graticola nelle catacombe di Pretestato.

La scienza ci spiega che sono frammenti di roccia lasciati dal passaggio della stella cometa Swift-Tuttle, che ha toccato il perielio (il punto più vicino al Sole) della propria orbita nel 1992 e ritransiterà nel 2126.
E vengono chiamati Perseidi perché il radiante da cui il fascio meteorico sembra avere origine si trova all’interno della costellazione di Perseo.

La pioggia meteorica si manifesta dalla fine di luglio fino oltre il 20 agosto, e attorno al 12 agosto è concentrato il picco di visibilità, con una media di circa un centinaio di “stelle cadenti” osservabili ad occhio nudo ogni ora.

Nel passato, le “stelle cadenti” erano considerate presagi infausti. La connotazione positiva legata al sacrificio del Santo e alla possibilità di chiedergli una grazia -e dunque di esprimere un desiderio- ha fatto sì che si trasformassero in un’occasione di grande speranza. (r. cr.)

San Lorenzo – Tutti con il naso all'insù per avvistare le stelle cadenti (ed esprimere un desiderio)
Cronaca 10 Agosto 2019

Scade a fine agosto il bando regionale per finanziare le opere pubbliche dei Comuni sotto i 50 mila abitanti

E” aperto fino al 31 agosto il bando della Regione Emilia-Romagna che mette a disposizione dei Comuni sotto i 50 mila abitanti 2,5 milioni di euro per le opere pubbliche. I contributi possono arrivare fino a 100 mila euro per ciascun progetto, con una copertura massima dell”intervento da realizzare dell”80%. Non solo: le caratteristiche del bando prevedono meccanismi di premialità per le fusioni di Comuni e le aree montane. 

Tra le opere che potranno essere finanziate ci sono strade, scuole, interventi di messa in sicurezza degli edifici, impianti sportivi, spazi di aggregazione culturale, praticamente tutte le opere che i Comuni possono mettere in campo per rispondere ai bisogni delle loro comunità. «Un aiuto concreto – sottolinea la consigliera regionale Francesca Marchetti –  per le comunità in risposta alla sforbiciata che il Governo ha dato ai territori – dice Marchetti –. In particolare, il bando si rivolge anche a quei Comuni che stanno vivendo una situazione di estrema difficoltà nella progettazione a causa dei minori trasferimenti statali. Questo bando è l”occasione per vedere entro l”anno avviati oltre 30 cantieri». (r.cr.)

Scade a fine agosto il bando regionale per finanziare le opere pubbliche dei Comuni sotto i 50 mila abitanti
Cronaca 10 Agosto 2019

Al via domani la Festa di San Cassiano

E’ tutto pronto per la prima festa di San Cassiano -patrono di Imola- alla presenza del nuovo vescovo monsignor Giovanni Mosciatti, nominato il 31 maggio e consacrato il 13 luglio.

Gli appuntamenti da segnare in agenda sono:
– il concerto della Filarmonica imolese nel chiostro di palazzo Monsignani, domani, alle 21.15
– la biciclettata dalla cattedrale al cippo di San Cassiano, lunedì, dalle 17
– il Grande gioco dei Santi e dei santini nel chiostro di palazzo Monsignani, lunedì, alle 21.15
– il solenne Pontificale in cattedrale, martedì, alle 10.30
– l’apertura straordinaria dell’Archivio diocesano, per la visita dell’esposizione “Le terre del vescovo-Poderi e fondi della mensa vescovile di Imola nel cabreo del cardinale Giancarlo Bandi” (dalle 9 a mezzogiorno e dalle 14 alle 18), del Museo diocesano, per la visita della mostra “Panis angelicus-Pissidi dal xvii al xix secolo in diocesi di Imola” (dalle 16 alle 19) e del Museo delle carrozze (dalle 16 alle 19)
– il corteo storico dalla cattedrale a piazza Matteotti, martedì, alle 18
– il concerto della corale “Lorenzo Perosi” nel chiostro di palazzo Monsignani, martedì, alle 21.

«Il centro degli eventi sarà la celebrazione del nostro patrono – spiega don Andrea Querzè, vicario generale della diocesi –. Ci sono momenti che fanno parte della vita religiosa, come i vespri in cui la Chiesa si ritrova e vive la sua preghiera ufficiale, o la Messa celebrata dal nostro vescovo, monsignor Mosciatti, che vive per la prima volta queste celebrazioni. E momenti più di festa, che sono comunque pieni di significato e di vita. Esattamente un mese dopo la festa per l’ordinazione del vescovo, ci ritroviamo quindi di nuovo insieme, perché il popolo cristiano è un popolo in festa». (r.cr.)

Nella fotografia di Marco Isola/Isolapress, il comitato organizzatore della Festa

Al via domani la Festa di San Cassiano
Cronaca 10 Agosto 2019

Sponsorizzazioni del basket locale false e gonfiate, nuovo sequestro di 2 milioni di euro

Nuovo sviluppo nell’inchiesta della Guardia di Finanza che nel settembre dello scorso anno aveva portato alla scoperta di un giro internazionale di fatture gonfiate e false per più di 75 milioni di euro nell’ambito delle sponsorizzazioni della pallacanestro che coinvolgeva anche una famosa società di Imola.

A seguito di ulteriori approfondimenti, la Compagnia cittadina delle Fiamme gialle ha ricostruito la reale situazione finanziaria e contabile di una fra le società interessate dal precedente sequestro di beni mobili e immobili, autovetture, conti correnti, polizze assicurative e quote societarie per circa 25 milioni di euro.

Il proseguimento delle indagini ha consentito di scoprire che un imprenditore bolognese vantava dei crediti nei confronti della società interessata, che venivano utilizzati per pagare il canone di locazione di una villa del valore di quasi 2 milioni di euro che gli era stata affittata dalla società debitrice. E sono stati proprio questi crediti l’oggetto del nuovo provvedimento di sequestro. (r. cr.)

Immagine di repertorio

Sponsorizzazioni del basket locale false e gonfiate, nuovo sequestro di 2 milioni di euro
Cronaca 10 Agosto 2019

Caldo: oggi e domani disagio bioclimatico. I consigli dell'Azienda usl

Sono attese oggi e domani le temperature più alte della nuova ondata di calore che sta attraversando anche la nostra regione. Le previsioni dell’Arpae per la provincia di Bologna, in particolare, indicano condizioni di disagio bioclimatico.

Per ridurre i rischi di salute legati alle ondate di calore, l’Azienda usl di Imola ricorda di «bere molto e spesso, almeno 2 litri di acqua (8 grandi bicchieri) al giorno, anche quando non si ha sete, evitando bibite gassate, zuccherate e ghiacciate – spiega viale Amendola –. La bevanda migliore è sempre l’acqua, a temperatura ambiente o fresca».
Inoltre, «mangiare molta frutta e verdura, preferibilmente cruda e di stagione, anche frullata o centrifugata – aggiunge l’Ausl cittadina –. Vietati i cibi pesanti: fritti, umidi ed intingoli. Pesce e carni bianche vanno preferite a formaggi, insaccati e carni rosse. Sì a pasta, riso e patate, ma in modica quantità e con condimenti leggeri. Bene latte, yogurt e gelati o sorbetti alla frutta».
Ancora, «aumentare la frequenza dei bagni o delle docce, con acqua tiepida, che abbassa la temperatura corporea – continua viale Amendola –. Dopo il bagno è anche bene idratare la pelle con prodotti adeguati (crema all’amido di riso, crema base, ecc.)».
Poi, «vestire abiti leggeri, chiari e non aderenti; in fibre naturali (cotone, lino, ecc..) che favoriscono la traspirazione. Indossare cappello ed occhiali da sole quando si esce – conclude l’Azienda usl di Imola –. Uscire di casa solo al mattino presto e dopo il tramonto, e solo se l’aria si è rinfrescata. Evitare assolutamente di uscire di casa tra le 11 e le 17».

Fra i sintomi provocati dalla disidratazione e presenti nel colpo di calore, viale Amendola ricorda «lingua e mucose orali secche, occhi infossati, aumento della temperatura corporea, nausea, aumento del battito cardiaco (tachicardia), abbassamento della pressione, aumento della respirazione, confusione mentale, torpore e debolezza».
In presenza di tali sintomi «è bene chiamare subito il proprio medico (o la continuità assistenziale nei prefestivi e festivi e la notte 800 040 050) – avverte l’Ausl cittadina – e nel frattempo stendersi con le gambe sollevate, posandosi una pezzuola bagnata o una borsa del ghiaccio sulla fronte. Bere acqua». (r.cr.)

La mappa che indica i diversi livelli di criticità

Caldo: oggi e domani disagio bioclimatico. I consigli dell'Azienda usl

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast