Articoli dell'autore: SabatoSera Redazione

Economia 31 Maggio 2020

Tante richieste all'azienda imolese C-Led del gruppo Cefla per i Led ultravioletti che distruggono virus e batteri

Oggi che il Covid-19 ha reso ormai necessario sanificare qualsiasi superficie, torna più che mai d’attualità il tema del potere antimicrobico dei raggi ultravioletti che, se utilizzati a una lunghezza d’onda sufficientemente corta, sono in grado di distruggere il Dna di muffe, virus, batteri e spore. L’azienda imolese C-Led, parte integrante della divisione Lighting di Cefla, da qualche anno sta sperimentando applicazioni che impiegano tecnologia led Uv. Nelle ultime settimane, però, a causa dell’emergenza sanitaria, le richieste da parte di aziende italiane e straniere si sono impennate.

«Produciamo moduli led funzionanti anche con frequenze Uv – spiega Alessandro Pasini, direttore della business unit Lighting di Cefla -. È una tecnologia piuttosto recente e ancora in evoluzione. Fino a qualche anno fa, infatti, si utilizzavano solo tubi al mercurio a bassa pressione o tubi fluorescenti che producevano un mix di onde ultraviolette. Poi, come è successo nell’illuminazione standard, anche nel mondo led si è cominciato a produrre specifiche lunghezze d’onda nell’ambito dei raggi Uva Uvbe Uvc. Gli Uvc, in particolare, hanno un trend importante a livello di mercato. Ancora prima del Coronavirus si stimava che nel 2026 avrebbero comunque quintuplicato la presenza sul mercato per i loro tanti vantaggi e ci stanno arrivando moltissime richieste da parte di aziende che li vogliono integrare all’interno delle proprie attrezzature», aggiunge Pasini. (lo.mi.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 28 maggio

Nella foto moduli led Uv prodotti dall’azienda imolese C-Led

Tante richieste all'azienda imolese C-Led del gruppo Cefla per i Led ultravioletti che distruggono virus e batteri
Sport 31 Maggio 2020

Sport, focus sulle ripartenze: ancora tutti fermi i «combattenti», vanno meglio pattinatori e ginnaste

Il percorso delle ripartenze procede, accidentato come da inizio maggio. Prima gli sport individuali, poi gli sport di squadra, ma senza contatto, con distanziamento di sicurezza e con tutte le norme e i protocolli da rispettare: un ginepraio dove le stesse società fanno fatica a muoversi.

Nessuna ripresa per gli sport di squadra. Con i campionati dichiarati conclusi (a parte la serie C di calcio), le società non intendono correre rischi sanitari inutili. A meno di grosse novità, quindi, tutto rimandato alla stagione 2020/2021. Da segnalare, di contro, alcune realtà giovanili che hanno ripreso una parte delle attività, come l’Amaranto Castel Guelfo di calcio. Situazione complessa per gli sport di combattimento che, per definizione, contemplano la vicinanza e il contatto fisico. Al momento tutti gli allenamenti sono sospesi e pare piuttosto complesso vedere la luce in fondo al tunnel, come ci racconta Vito Ponzi, tecnico e presidente del Judo Imola.

Per quanto riguarda la ginnastica artistica, la Biancoverde Imola, dopo la ripartenza di martedì 5 maggio con le atlete di interesse nazionale, ha individuato altri due «step» di ripresa attività. Lunedì 18 maggio sono ripartite tutte le ginnaste dell’agonistica Gold; da lunedì 25, invece, è stata la volta dell’agonistica Silver. Rimandata a giugno, invece, la ripresa dei corsi. Semaforo verde per le realtà che si occupano di pattinaggio, nonostante qualche ostacolo più che prevedibile. L’Imola Roller, ad esempio, è stata costretta ad «emigrare» a Casalfiumanese in attesa di poter tornare nella tensostruttura della Tozzona. Chi ha ricominciato l’attività nel proprio impianto è la Magic Imola, che lunedì 18 maggio ha svolto il primo allenamento post-lockdown al Centro Sociale Zolino. Ripartenza anche per la Magic Roller Ozzano: i primi a trovarsi per gli allenamenti sono stati gli atleti di interesse nazionale mentre, a partire da questa settimana, la società emiliana ha accolto anche tutti gli altri tesserati. Lunedì 25 maggio, infatti, è arrivato il via libera anche per la riapertura delle palestre. A Imola ci si sta organizzando: qualcuno è già ripartito, altri lo faranno solo dalla prossima settimana. Tra questi ultimi inseriamo anche la palestra Buenavida. (an.cas.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 28 maggio.

Nella foto: misurazione della temperatura corporea per le pattinatrici della Magic Imola al Centro Sociale Zolino prima degli allenamenti

Sport, focus sulle ripartenze: ancora tutti fermi i «combattenti», vanno meglio pattinatori e ginnaste
Cronaca 31 Maggio 2020

Sterpaglie in fiamme nella zona artigianale, vigili del fuoco salvano anche tre gattini

Incendio oggi pomeriggio, intorno alle 13.45,  nella zona artigianale di Borgo Tossignano, in via Montanara Nord. A prendere fuoco circa 1.000 mq di vegetazione vicino ad alcuni capannoni.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco volontari della Vallata del Santerno con 4 mezzi e 2 squadre che, in poco meno di due ore, hanno provveduto a spegnere l”incendio. Durante le operazioni, i caschi rossi hanno ritrovato tre gattini in mezzo alle sterpaglie, che avevano cercato riparo sotto ad un secchio. Sul posto anche il sindaco di Borgo Tossignano che ha preso in consegna i piccoli mici. (da.be.)

Foto concessa dai vigili del fuoco

Sterpaglie in fiamme nella zona artigianale, vigili del fuoco salvano anche tre gattini
Cultura e Spettacoli 31 Maggio 2020

Vent’anni di carriera per il musicista medicinese Omar Lambertini

2000-2020, vent’anni di carriera per Omar Lambertini, musicista, compositore e frontman medicinese dell’omonima orchestra, o band come preferisce chiamare lui il suo gruppo che conta otto professionisti del settore della musica. Dal 2000 Omar Lambertini porta la musica da ballo nei locali e nelle piazze di tutto il nord e centro Italia. E proprio ad Assisi, il 20 mag- gio al Teatro Lyric, avrebbe dovuto festeggiare i vent’an- ni di carriera con uno spet- tacolo speciale. Poi le attuali restrizioni per l’emergenza Coronavirus hanno fatto posticipare l’evento a data da destinarsi, ma «abbiamo solo rimandato il compleanno, la voglia di festeggiare insieme al mio pubblico è sempre alta».

Ricapitoliamo la tua carriera che quest’anno compie i venti anni…

«La passione per la musica mi accompagna fin da quando ero bambino e quasi per gioco ho iniziato ad esibirmi in duo con mia cugina all’età di dodici anni. Per anni ci siamo esi- biti come Duo Omar e Gloria, ancora c’è chi ricorda il nostro spettacolo di revival anni Sessanta. Ho studiato musica al conservatorio di Bologna, diplomandomi come professore di musica e ho suonato ininterrottamente fino a fondare la mia orchestra vent’anni fa tondi, con la quale da allora porto la mia musica, sorrisi e divertimento nei locali e nelle feste di paese, coinvolgendo un pubblico di tutte le età».

L’articolo completo su «sabato sera» del 21 maggio.

Nella foto: Omar Lambertini

Vent’anni di carriera per il musicista medicinese Omar Lambertini
Sport 31 Maggio 2020

Calcio serie C, il tecnico dell’Imolese Atzori scalpita per ricominciare: «Ci salveremo giocando e convincerò la società»

Si gioca o non si gioca in serie C? Dopo le decisioni della Figc le squadre della terza serie nazionale hanno fatto muro ribadendo la volontà di non voler concludere la stagione regolare e, alla fine, così sarà. A questo punto tutto porta alla disputa solo play-off e play-out con, ipotesi più plausibile, la promozione delle prime di ogni girone (Monza, Vicenza e Reggina) e la retrocessioni delle ultime tre di ogni raggruppamento (Gozzano nell’A, Rimini nel B, Rende, Bisceglie e Rieti nel C, in quanto al Sud i punti di distacco con le altre formazioni sono troppi per disputare i play-out). E l’Imolese? Se questa linea dovesse prevalere come pare i rossoblù si giocherebbero, forse già a fine giugno, la salvezza in una doppia sfida con l’Arzignano, con il decisivo match di ritorno in programma al Romeo Galli. In tutto questo caos non sappiamo quanti siano quelli che in serie C non vedono l’ora di tornare in campo. Ma di sicuro fra questi c’è il mister dell’Imolese Gianluca Atzori. «Sono carico e pronto per ripartire. Secondo me, però, i verdetti li deve dare il campo. Promozioni e retrocessioni non possono essere decise a tavolino e sono sicuro che la mia squadra si salverà giocando».

Sui giornali è stato scritto che le strade fra te e l’Imolese sono destinate a separarsi a fine stagione.

«Non mi sorprende, non mi disturba e tantomeno mi demotiva. Io penso ad allenare l’Imolese e se c’è da convincere qualcuno, lo farò nelle partite che mancano. È risaputo che punto alla riconferma. Sarei contento di forgiare fin dall’inizio una squadra tutta mia per ambire a qualcosa in più della salvezza. Se non sarà possibile, pazienza. Ci saluteremo e ognuno andrà per la propria strada. Ma spero non vada così». (a.d.p.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 28 maggio.

Nella foto (Isolapress): l’allenatore dell’Imolese Gianluca Atzori

Calcio serie C, il tecnico dell’Imolese Atzori scalpita per ricominciare: «Ci salveremo giocando e convincerò la società»
Cronaca 31 Maggio 2020

Ponte del 2 Giugno, tutti gli orari dei servizi al pubblico dell'Azienda usl di Imola

L”Azienda usl ha comunicato gli orari dei servizi al pubblico in occasione del ponte festivo del 2 Giugno. Domani, lunedì 1° giugno, saranno aperti la mattina e chiusi nel pomeriggio gli sportelli unici distrettuali (Cup/Cassa, Anagrafe assistiti, Assistenza protesica) e lo sportello accettazione ricoveri dell’ospedale Santa Maria della Scaletta. Chiuderanno invece per l’intera giornata il Centro raccolta sangue e plasma e Avis, il Centro disturbi cognitivi, il Consultorio familiare, l”area vaccinale pediatrica, l’Ufficio Relazioni con il pubblico.

Quanto agli ambulatori di continuità assistenziale territoriale resteranno aperti ad accesso diretto (seguendo le indicazioni affisse) da sabato 30 maggio a martedì 2 giugno dalle 8 alle 20 nelle loro sedi:  Imola, Via Caterina Sforza, 3 (di fronte al centro prelievi dell”Ospedale Vecchio); Castel San Pietro Terme, Casa della salute, primo piano viale Oriani n. 1; Medicina, Casa della salute, piano terra Via Saffi, 1. Alla Casa della Salute della Vallata (Borgo Tossignano, sede distrettuale via dell”8° centenario, l’ambulatorio di continuità sarà attivo dalle 10 alle 20 di lunedì 1° giugno e dalle 8 alla 20 di domenica 31 maggio e di martedì 2 giugno.

L”Ausl ricorda infine che in caso di sintomi suggestivi della malattia da Covid19 come febbre, disturbi respiratori, assenza di gusto o olfatto, non ci si deve recare personalmente agli ambulatori di continuità, ma occorre chiamare il numero verde 800 040 050 per una consulenza telefonica ed una eventuale visita domiciliare. Il numero verde è sempre attivo dalle 8 di sabato 30 maggio alle 8 di mercoledì 3 giugno per tutti i bisogni sanitari urgenti. (r.cr.)

Nella foto l”ingresso ai servizi Ausl di via Caterina Sforza

Ponte del 2 Giugno, tutti gli orari dei servizi al pubblico dell'Azienda usl di Imola
Cronaca 31 Maggio 2020

Ponte del 2 Giugno, il Commissario ha disposto la chiusura straordinaria per gli uffici del Comune di Imola

Chiusura straordinaria domani, lunedì 1° giugno, per gli uffici e i servizi del Comune di Imola. La decisione è stata presa dal Commissario straordinario, con i poteri del sindaco, attraverso un”ordinanza in cui si precisa che in questa giornata, che cade tra la domenica e la Festa della Repubblica del 2 Giugno, si prevede una scarsa affluenza di pubblico presso gli uffici e servizi (anche in considerazione dell”emergenza sanitaria e delle misure di contenimento) e numerose richieste di ferie da parte dei dipendenti. L”ordinanza prevede che «la produttività degli uffici e dei servizi in presenza delle concomitanti circostanze sopra esposte sia notevolmente compromessa, per cui la loro apertura si tradurrebbe in una diseconomia ed in uno spreco di risorse che potrebbero meglio essere utilizzate nei periodi di normale attività».

Saranno in ogni caso garantiti, come sempre in queste occasioni, i servizi essenziali, vale a dire la funzionalità della Polizia locale (di competenza del Nuovo Circondario imolese) e l”apertura dello Stato Civile per atti riguardanti i decessi, come anche l’operatività del centralino e della segreteria del Commissario. (r.cr.)

Ponte del 2 Giugno, il Commissario ha disposto la chiusura straordinaria per gli uffici del Comune di Imola
Cronaca 30 Maggio 2020

Coronavirus, da domani in Emilia-Romagna possono riaprire terme e centri benessere

Con un’ordinanza firmata oggi dal presidente Bonaccini da domani, domenica 31 maggio, in Emilia-Romagna potranno riaprire centri termali e centri benessere, ovviamente sempre nel rispetto delle linee guida regionali che fissano le disposizioni da seguire per garantire la sicurezza di ospiti e operatori causa emergenza Coronavirus. 

Il provvedimento stabilisce poi che, sempre dal 31 maggio, sia di nuovo consentita l’attività dei servizi di trasporto pubblico funiviario (funivie, funicolari, seggiovie), anche in questo caso secondo quanto previsto da linee guida regionali. Infine, ancora da domani, cessa il divieto di bruciare il materiale vegetale di risulta dei lavori forestali e agricoli, disposto lo scorso 20 marzo. (da.be.)

TESTO DELL’ORDINANZA E LINEE GUIDA 

Coronavirus, da domani in Emilia-Romagna possono riaprire terme e centri benessere
Sport 30 Maggio 2020

Basket, autoretrocessione in serie B quasi certa per l’Andrea Costa. La decisione giovedì 11 giugno

Manca poco alle prime scadenze, ma ogni giorno che passa appare sempre più scontata la rinuncia della Andrea Costa alla serie A2, per tornare ad accomodarsi in serie B dopo 25 anni e nel terzo campionato di basket dopo sei. Oggi, infatti, si è tenuta l’assemblea dei soci della società biancorossa che si sono radunati informalmente per vagliare le opzioni, messe a disposizione dall’amministratore unico Gian Piero Domenicali, per la stagione sportiva 2020-2021. Continuare in A2, quindi, o chiedere il riposizionamento in serie B? L’assemblea ha deciso di aggiornarsi a giovedì 11 giugno, sempre all’Hotel Donatello, per decidere ufficialmente che strada intraprendere per la prossima stagione, visto che entro il 15 giugno alla Lnp dovranno pervenire le scelte dei club per la ricollocazione.

A quanto trapela, però, in quella data Domenicali comunicherà la rinuncia alla serie A e la scelta di fare la B. Il pesante fardello economico è quello che però impedirà a via Valeriani di cedere il titolo sportivo (quello di A2) perché per farlo servirebbero conti a posto, che Imola non ha. Entro il 10 giugno l’Andrea Costa dovrà pagare una cifra tra i 25 e i 30 mila euro per chiudere i conti di questa annata.  La serie B costerà alle casse biancorosse (viste le squadre a noi più vicine come Ozzano, Faenza, Cesena, Cento e Rimini) tra i 400 e i 650mila euro a differenza del milione e 100mila euro che a Imola costava l’A2. L’obiettivo sarà quello di avere un gruppo (squadra e staff) dove ci siano solo due o tre protagonisti che vengano da lontano, ma che i restanti vadano a casa propria dopo l’allenamento. La strada appare tracciata e certi identikit cominciano a profilarsi come quello di Gabriele Foschi come «diesse». La scelta del coach puntava dritto sul castellano Stefano Salieri, che però è vicino a firmare per Piacenza in A2, quindi via Valeriani potrebbe virare sul 34enne riminese Gabriele Ceccarelli (ex Falconara, Montegranaro e Assigeco Piacenza). (p.p.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 28 maggio.

Nella foto (Isolapress): Gabriele Foschi, probabile il suo ritorno come diesse

Basket, autoretrocessione in serie B quasi certa per l’Andrea Costa. La decisione giovedì 11 giugno
Cronaca 30 Maggio 2020

Il Comune di Ozzano rinegozia 29 mutui con la Cassa Depositi e Prestiti per far fronte alle spese da Covid-19

L”Amministrazione comunale di Ozzano Emilia ha deciso di aderire alla proposta della Cassa Depositi e Prestiti di rinegoziare i mutui dell”ente. L”operazione, precisa il sindaco Luca Lelli «va ad allungare la durata dei mutui e di conseguenza l”indebitamento del Comune, ma in questo momento particolare abbiamo ritenuto che potesse essere un”operazione vantaggiosa per noi». La nuova scadenza dei mutui rinegoziati, in tutto 29, viene spostata in avanti nel tempo al 31 dicembre 2043, con il risultato di «liberare ben 217.343 euro nella parte corrente del Bilancio per l”anno 2021 e oltre 158.000 euro negli anni futuri a partire dal 2022», dettaglia il primo cittadino.  

La delibera di rinegoziazione dei mutui è stata approvata dal Consiglio comunale il 27 maggio all”unanimità, quindi anche dai gruppi di minoranza. «Li ringrazio per l”appoggio dato all”Amministrazione comunale, a dimostrazione che tale operazione e” stata valutata come un atto ben interpretato e con la sola finalità di offrire un ulteriore aiuto alle esigenze della collettività», sottolinea Lelli, che aggiunge: «Abbiamo valutato e portato avanti questa decisione ragionando sul fatto che questa emergenza sanitaria da Covid-19 sta determinando un impegno finanziario straordinario per gli enti e le istituzioni coinvolte ed anche per i Comuni che si sono trovati in prima linea sia per la gestione sanitaria delle persone residenti sul territorio che per i casi sociali amplificati ed aumentati dalla chiusura di molte attività commerciali per il contenimento della diffusione della pandemia. Poter disporre quindi di una maggiore liquidità nella parte corrente del bilancio ci consente di  avere un “tesoretto” che possiamo utilizzare per “tamponare” la riduzione delle entrate e le maggiori spese conseguenti agli effetti indotti dalla diffusione del Covid-19». (r.cr.)

Il Comune di Ozzano rinegozia 29 mutui con la Cassa Depositi e Prestiti per far fronte alle spese da Covid-19

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast