Articoli dell'autore: SabatoSera Redazione

Sport 10 Maggio 2018

Superbike 2018 a Imola, niente bevande in bottiglie o bicchieri di vetro e lattine

Niente bevande in contenitori di vetro o lattine dalla mezzanotte di oggi e fino alla mezzanotte di domenica nelle “vie interessate dall’afflusso di pubblico” previsto per la Superbike. Questo il nocciolo dell’ordinanza emessa ieri dal Comune come “misure preventive che possano evitare azioni pericolose per l’ordine e la sicurezza pubblica durante lo svolgimento della manifestazione”. 

L’ordinanza prevede sia “il divieto di vendita per asporto e somministrazione di qualsiasi tipo di bevande, anche analcoliche, in contenitori di vetro e lattine” che il “divieto d’ingresso nell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari con bottiglie, bicchieri di vetro e lattine”. Le vie e piazze interessate “dall”afflusso di pubblico”, ergo dal provvedimento sono via Fratelli Rosselli, viale Dante, piazzale Leonardo da Vinci, via Pacinotti, piazzale Michelangelo, via Machiavelli, via Tabanelli, via Graziadei, via Pirandello, via Tiro a segno, via Boccaccio, via Goldoni, via Tasso, via Petrarca, via Ariosto, via Giusti, via Galli, via Malsicura, via Atleti Azzurri d’Italia, via dei Colli, via Nuvolari, via Musso, via Santerno, via Rivazza, via Pisacane. In queste zone solo all”interno dei locali sono ammesse le bevande nei contenitori di vetro.

Questo perché “in concomitanza con manifestazioni pubbliche, è tradizionalmente diffusa l’abitudine di consumare, in luoghi aperti, bevande normalmente contenute in lattine e bottiglie di vetro, che vengono poi abbandonate, con la conseguenza di possibili rischi per l’incolumità pubblica da uso improprio delle bottiglie e delle lattine e dalla presenza di cocci di vetro nelle aree delle manifestazioni” sta scritto nell’ordinanza stessa. Un provvedimento indicato anche dalla famosa circolare del ministero dell’Interno dell’estate scorsa sulla safety, la tutela dell’incolumità delle persone, durante le manifestazioni pubbliche.  

L’inosservanza delle disposizioni è punita una sanzione da 25 a 500 euro.(r.c.)

Immagine dell”edizione 2017 della Sbk a Imola

Superbike 2018 a Imola, niente bevande in bottiglie o bicchieri di vetro e lattine
Economia 10 Maggio 2018

Florim, due gruppi di lavoro per risolvere i disagi causati dal rumore e dall'odore

Creare due gruppi di lavoro distinti (odori da una parte, rumore e vibrazioni dall’altra) per cercare di risolvere, o quantomeno mitigare, i disagi lamentati dai residenti della borgata di Chiavica, che abitano vicino al nuovo stabilimento Florim entrato in produzione lo scorso autunno e dove attualmente è in funzione una linea continua per i grandi formati. E’ questa la proposta emersa nel corso dell’incontro pubblico davvero partecipato organizzato giovedì 3 maggio alla sala civica di Bubano dopo che, dallo scorso novembre, i cittadini hanno segnalato ripetutamente puzza, rumore e vibrazioni.

All’incontro erano presenti come relatori la direttrice di Arpae Bologna Maria Adelaide Corvaglia, il responsabile del presidio territoriale di Arpae a Imola Tiziano Turrini, il dirigente dell’area Igiene e Sanità pubblica Gabriele Peroni, il direttore tecnico degli stabilimenti Florim Oscar Iseppi e il direttore dello stabilimento mordanese Lorenzo Righini, oltre che il sindaco Stefano Golini e l’assessore all’Ambiente Gianni Duri. Tra il pubblico numeroso, invece, erano presenti i referenti del comitato costituito dai cittadini, ossia Massimiliano Benfenati, Gabriele Marani, Federico Squassabia e Cristian Venieri. «Sulla salute dei cittadini, dei lavoratori e sulla qualità dell’ambiente non si transige – ha esordito il sindaco Golini -. Dall’altra parte, l’investimento del gruppo Florim è un’opportunità importante per tutto il territorio e uno stabilimento così all’avanguardia mantiene e genera sviluppo economico». Azienda che, per bocca del direttore tecnico Iseppi, ha tenuto a ribadire «a nome del presidente e di tutti noi il dispiacere per il disagio riscontrato e la massima volontà di collaborare per individuare le cause dei disagi percepiti».

Dal canto suo, Turrini di Arpae ha precisato che «Florim sta rispettando le prescrizioni contenute nell’Autorizzazione integrata ambientale (Aia) e tutti i campioni effettuati da noi direttamente riportano valori inferiori ai limiti di legge e sovrapponibili con quelli effettuati dall’azienda. Per quanto riguarda gli odori, abbiamo fatto sei interventi e in tre di questi si percepiva un’emissione odorigena di intensità lieve, ma bisogna considerare il lasso di tempo che intercorre tra la segnalazione e l’intervento dei tecnici sul posto. Stiamo cercando di mettere in correlazione l’odore percepito con il tipo di inchiostro usato in quel momento, ma non c’è una normativa specifica. Per quanto riguarda il rumore e le vibrazioni, invece, per ora non siamo riusciti ad associarlo a nessuna sorgente. Come per gli odori, per le indagini serve tempo e chiediamo ai cittadini di segnalare sempre». 

Tuttavia, nei fine settimana e in orario serale (ore 18-8), quando il rumore è più percepito, è in funzione soltanto il servizio di pronta reperibilità ambientale gestito dai carabinieri forestali. In caso di rumore non viene considerata un’emergenza e i tecnici Arpae non intervengono immediatamente, mentre questo avviene per gli odori forti. Durante la serata, è stato ricordato anche che qualche cittadino ha segnalato casi di lingua gonfia, problemi respiratori e arrossamenti di pelle e occhi in concomitanza con i fenomeni odorigeni. «Uno studio epidemiologico su una popolazione così limitata probabilmente non avrebbe significato – ha tenuto a precisare Peroni dell’Ausl -. E’ difficile mettere in correlazione i fumi della fabbrica con gli effetti sulla persona».

L’idea emersa, come detto, è quella di creare due gruppi di lavoro per decidere i prossimi passi da fare e dei quali faranno parte referenti del comitato, Florim, Comune, Arpae e i tecnici competenti per i rilievi da effettuare. Per il rumore il comitato ha proposto lo Studio 2 di Gianluca Barbi di Ferrara per effettuare dei rilievi in continuo e confrontarli con quando lo stabilimento non è in funzione. Per gli odori, invece, si è pensato di coinvolgere il professor Paolo Zannini dell’Università di Modena. Per adesso si sa che il gruppo sul rumore si riunirà per la prima volta lunedì 21 maggio alle ore 9 presso lo stabilimento Florim. «Sono molto soddisfatto perché stiamo remando tutti nella stessa direzione, senza polemiche né pregiudizi – ha commentato l’assessore Duri -. Tra l’altro, Florim si è detta disponibile a farsi carico delle spese da sostenere per coinvolgere gli studi tecnici di fiducia del comitato dei cittadini».

gi.gi.

L”articolo completo su «sabato sera» del 10 maggio.

Nella foto: l”incontro pubblico

Florim, due gruppi di lavoro per risolvere i disagi causati dal rumore e dall'odore
Sport 10 Maggio 2018

Basket C Gold, stasera gara-2 play-off tra la Vsv Imola e i Flying Ozzano

Dopo la vittoria in gara-1 dei Flying Ozzano in casa contro la Vsv Imola per 79-64 questa sera al Ruggi (ore 20.30) andrà in scena gara-2. Una vittoria biancorossa consegnerebbe alla squadra di coach Grandi le chiavi per la finale, altrimenti domenica 12 si giocherà gara-3 a Ozzano. In attesa della palla a due spazio ai due tecnici.

Che partita è stata gara-1?

Federico Grandi (Ozzano): «Siamo partiti male in difesa, soprattutto sul piano della concentrazione. Siamo poi stati bravi a trovarla e mantenerla durante il resto della partita, insieme a quell’intensità che invece non è mai mancata. Nel secondo tempo abbiamo messo sul parquet le nostre migliori qualità ovvero la difesa e le ampie rotazioni per conquistare con le unghie questa vittoria».

Davide Tassinari (Imola): «Abbiamo pagato a livello fisico e non siamo più riusciti a rientrare in partita. Sapevamo che il loro roster è più profondo del nostro e dovevamo cercare di ruotare con più giocatori. Purtroppo, però, se ognuno di noi non fa la propria parte poi fatichiamo e il risultato è questo. Nel finale abbiamo sofferto anche le loro mani addosso in difesa».

Ora le «Palle Volanti» sono già a metà dell”opera, mentre i gialloneri sono in pratica spalle al muro.

Federico Grandi (Ozzano): «Gara-2 a Imola sarà un’altra sfida difficile e nei play-off i match così ravvicinati tra loro spesso non seguono un filo logico. Dovremo essere bravi, minuto dopo minuto, a capire cosa servirà per vincerla e chiudere così la serie. Sicuramente l’ambiente sarà caldo, con due tifoserie che anche a Ozzano hanno dimostrato di valere una categoria superiore». 

Davide Tassinari (Imola): «Daremo l’anima, consapevoli che sarà una battaglia. Non abbiamo alternative se non quella di vincere per rimettere in piedi una serie che, ovviamente, Ozzano ora ha indirizzato dalla propria parte».

r.s.

L”articolo completo su «sabato sera» del 10 maggio.

Nella foto: un momento di gara-1

Basket C Gold, stasera gara-2 play-off tra la Vsv Imola e i Flying Ozzano
Cultura e Spettacoli 10 Maggio 2018

Gocce di musica 2018, comincia la sfida tra band organizzata da Avis con “sabato sera' e Ca' Vaina

È pronto a partire il contest Gocce di musica per la solidarietà, organizzato da Avis Comunale Imola in collaborazione con il settimanale sabato sera, con l”app Sabato Sera Notizie e con il Centro giovanile Ca’ Vaina. Domani, venerdì 11 maggio alle 21, nei locali del centro in viale Saffi 50/b a Imola, andrà in scena la prima sfida a colpi di note per aggiudicarsi un posto alla finale e quindi avere la possibilità di iscrivere il proprio nome nell”elenco dei vincitori storici, elenco che annovera Metalmeccanica, Sour Whine, Morgana, Plastercast Rose, Lou and B, Walkabout, N and Noise, Random Effect, Metropolitcs e P-Jam.

Gocce di musica per la solidarietà prevede tre serate di selezione (11, 18 e 25 maggio a Ca” Vaina), durante le quali si sfideranno nove concorrenti, e una finale tra i primi classificati di ogni serata che si terrà giovedì 28 giugno in piazza Gramsci, prima del weekend di Imola in musica.

Domani alle 21 saliranno sul palco gli Off the road (Riccardo Saverio Fameli, Andrea Pelliconi, Simone Pizzuto, Marianna Ramanzin e Lorenzo Crocetti) con il loro progressive rock, Fabio Mazzini e i suoi suoni folk, gli Hlp (Nicola Fronte, Leonardo Dominici, Davide Di Biase e Francesco Sagrini) con le loro note punk.

Venerdì 18 maggio il palco sarà tutto per Criss (cioè Cristian Serotti) con il suo rap, Milena Mingotti che propone musica pop, e Aster & the X Band con i loro suoni indie folk rock e blues. Venerdì 25 maggio, si sfideranno i Black Stripes (Fabio Dardi, Michele Martelli, Enrico Bassani e Nazzareno Scaglioso) che propongono prog rock, i Tm Sky (Francesca Guccini, Oscar Astorri, Roberto Bortolini e Diego Chillo) con il loro alternative italiano, e i Colimbo (Riccardo Barelli, Martino Menetti, Giacomo Gaddoni, Tommaso Ambrosini, Francesco Pausini e Filippo Rotante) che suonano indie-rock.

Per ciascun gruppo scelto per la finale è previsto un buono acquisto di 200 euro per materiale musicale o per sale prova presso un negozio o studio di registrazione abilitato (da utilizzare entro il 31 ottobre 2018), e per il vincitore un ulteriore buono di 500 euro. Inoltre è stato istituito il Premio Speciale Sabato Sera. (r.c.)

Informazioni: 0542/32158 Avis Imola, 0542/43610 Ca” Vaina.

Nella foto (di Isolapress) i P-Jam, vincitori dell”edizione 2017 di Gocce di musica

Gocce di musica 2018, comincia la sfida tra band organizzata da Avis con “sabato sera' e Ca' Vaina
Sport 10 Maggio 2018

Superbike 2018 a Imola, si preannunciano tribune gremite. Con il «supplemento paddock» si possono vivere le premiazioni da vicino

Se è vero, come si afferma da più parti, che il Mondiale Superbike sta vivendo il suo momento più basso a livello di popolarità, lo verificheremo nel prossimo week-end a Imola, in un autodromo che storicamente, per quel che riguarda il motociclismo e a parità di avvenimento, non ha mai temuto confronti con nessun altro. I bilanci ovviamente li faremo alla fine, ma intanto registriamo che la prevendita è andata bene e che le tribune si preannunciano piene. Una novità gradita agli spettatori riguarda l”acquisto del «supplemento paddock» con la quale si può assistere da vicino a tutte le premiazioni  di tutte le categorie (le tre superpole e la gara-1 Superbike al sabato, le 4 gare della domenica). Quest”anno il palco sarà posizionato nel paddock e i piloti vi arriveranno in moto direttamente dalla pista. Una bella iniziativa, unica nel panorama delle corse motoristiche a due ruote. 

Passando alla gara ora tocca ai piloti regalare lo spettacolo che tutti si aspettano dalle maximoto derivate dalla serie, il cui fascino, crisi o non crisi, non può essere minimamente messo in discussione. Neanche adesso che, a livello di risultati, di novità ce ne sono poche sotto il cielo della Superbike. Il colore predominante resta sempre il verde della Kawasaki, che negli ultimi tre anni, col britannico Jonathan Rea, ha vinto altrettanti titoli iridati. Stavolta però il dominio appare meno netto rispetto al passato. E questo grazie all’algoritmico regolamento che prevede limitazioni elettroniche a seconda dei piazzamenti. In maniera complessa la formula calcola le riduzioni da applicare ai giri della moto in base alle penalizzazioni legate a vari parametri, fra i quali il numero di vittorie.

Semplificando, più si vince e più ci si ritrova coi giri del motore limitati; da 750 fino a un massimo di 1.500. E il bello (o il brutto) è che la stessa riduzione viene estesa anche alle altre moto della marca che vince. Quindi tutte le Kawasaki Zx-10RR presenti in griglia sono al momento le più penalizzate, avendo vinto 4 delle 8 gare disputate; tre con Rea in Australia, Thailandia e Olanda, tutte in gara-1, e una con Tom Sykes ad Assen in gara-2.Comunque, aldilà di questo complicatissimo regolamento che fa tanto discutere piloti e team, è sempre l’iridato Rea a vincere di più e a comandare la classifica.

r.s.

L”articolo completo sullo speciale all”interno di «sabato sera» del 10 maggio.

Nella foto: Chaz Davies

Superbike 2018 a Imola, si preannunciano tribune gremite. Con il «supplemento paddock» si possono vivere le premiazioni da vicino
Cultura e Spettacoli 10 Maggio 2018

Oggi alla biblioteca comunale la presentazione degli archivi dei manicomi imolesi

Gli archivi storici del manicomio di Santa Maria della Scaletta (Osservanza) e del manicomio provinciale di Bologna in Imola (Lolli) saranno presentati alla cittadinanza nel corso di un”iniziativa durante la quale interverranno Alba Natali, direttrice del Dipartimento di salute mentale dell’Ausl di Imola, Giampiero Romanzi della Soprintendenza archivistica e bibliogra?ca dell’Emilia Romagna, Mirella M. Plazzi dell’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, Paola Mita dell’Archivio storico comunale di Imola, Federica Cavina ed Elisa Ricci Petitoni della cooperativa sociale Giovani Rilegatori.

La presentazione sarà l’occasione per conoscere la storia della città di Imola attraverso le vicende dei due manicomi, il manicomio di Santa Maria della Scaletta detto dell’Osservanza, istituito nel 1844, e il manicomio provinciale di Bologna in Imola (Lolli), entrato in attività nel 1900, come anche le relazioni sociali ed economiche dell”azienda manicomiale con il tessuto urbano e il territorio. 

Appuntamento oggi alle ore 16.30, Biblioteca comunale, via Emila 80. 

r.c.

Nella foto (dagli archivi del Comune di Imola): una veduta aerea del Manicomio Osservanza nella metà del XX secolo

Oggi alla biblioteca comunale la presentazione degli archivi dei manicomi imolesi
Cronaca 10 Maggio 2018

Pronto e operativo il nuovo centro inalazioni delle Terme di Castel San Pietro

Spazi colorati per identificare le varie terapie e attenzione per l’illuminazione: calda nelle sale d’aspetto, più fredda e tecnica negli spazi di cura. Sono solo alcuni particolari che completano la ristrutturazione dell’area inalazioni dello storico stabilimento termale castellano. Un investimento da circa 2 milioni di euro messo in atto durante la chiusura invernale delle Terme e che venerdì scorso è stato presentato ufficialmente con il tradizionale taglio del nastro con le autorità. Da lunedì 7 i nuovi spazi al primo piano sono operativi con le nuove cento postazioni polivalenti in grado di utilizzare sia l’acqua sulfurea che quella salsobromoiodica, entrambe provenienti dai pozzi ad uso esclusivo delle Terme. Una trentina di postazioni sono riservate alle terapie dei più piccoli, unitamente alle cure per i problemi di sordità rinogena, un «reparto bimbi» dedicato solo a loro.

«Ora saremo aperti anche al pomeriggio e non solo al mattino – aggiunge l’amministratore delegato Stefano Iseppi -. Inoltre le nuove macchine permettono una micronizzazione dell’acqua maggiore che raggiunge così anche le alte vie aeree, quindi viene migliorata l’efficacia dei trattamenti. L’impiantistica utilizzata è particolarmente costosa perché occorrono acciai particolari per resistere all’idrogeno solforato contenuto nell’acqua solforosa, una sostanza che fa benissimo per la nostra salute ma corrode i metalli».

Soddisfatto il sindaco Fausto Tinti (il Comune è da sempre azionista di minoranza della Terme di Castel San Pietro Spa proprietaria della struttura dove oggi azionista di maggioranza è l”Anusca): «Il miglioramento strutturale segna un percorso per uno stabilimento fiore all’occhiello della nostra comunità ed esempio di positiva imprenditoriale. Il presidente nazionale di Federteme, Costanzo Jannotti Pecci ha ricordato un tema caro ad Attilio Menconi Orsini (direttore sanitario e fino all’estate scorsa anche azionista di maggioranza di Terme Spa): «Questo rinnovamento qualificherà ulteriormente lo stabilimento castellano vocato ad un termalismo terapeutico».

L’assessore regionale Andrea Corsini, dal canto suo, ha puntualizzato come il termalismo, nonostante alcune difficoltà nel recente passato, sia una delle eccellenze dell’Emilia Romagna e come tali anche un elemento dell’offerta turistica: «Lo stabilimento castellano può sicuramente farne parte, in un territorio di cerniera come quello castellano sul quale stiamo lavorando per renderlo sempre più attrattivo».

In conclusione, il direttore generale dell’Ausl di Imola, Andrea Rossi ha anticipato l’intenzione di un sempre più stretto rapporto tra Terme castellane e Azienda sanitaria: «Lavoreremo insieme su percorsi e formazione in una logica moderna di termalismo che guarda a tutti gli attori del territorio». (l.a.) 

Nelle foto il nuovo reparto inalazioni; un momento dell”inagurazione con Stefano Iseppi, Paride Gullini presidente Anusca, Costanzo Jannotti Pecci presidente Federterme, Corrado Zaccaria, presidente delle Terme di Castel San Pietro Spa, Fausto Tinti, sindaco di Castello 

Pronto e operativo il nuovo centro inalazioni delle Terme di Castel San Pietro
Imola 10 Maggio 2018

#ElezioniImola2018, i candidati della lista di Forza Italia

 Novità nelle file e nella lista presentata da Forza Italia per le prossime amministrative del 10 giugno. La lista, che sostiene Giuseppe Palazzolo, candidato sindaco della coalizione di centrodestra, vede come capolista Nicolas Vacchi, già capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale. 

In tutto i candidati sono ventiquattro, quattordici uomini e dieci donne. Nicolas Vacchi, Mara Barbanera Magistretti, Gianluca Battilani, Silvia Belluzzi, Alberto Biondi, Emilia Buffi, Michele Camporeale, Maristella Carusillo, Donatella Cerabona, Chiara Condello, Franco Dal Re, Alberto Di Giovanni, Francesco Fattore, Graziana Gardelli, Simonetta Gualandi, Matteo Elia Luigi detto “Gigi” Iervolino, Nicola Malatesta, Giulia Massaro, Davide Nanni, Massimo Pollidori, Roberto Rossi, Antonio Silvestro, Luigi Silvestro, Carlotta Toschi.

#ElezioniImola2018, i candidati della lista di Forza Italia
Cronaca 10 Maggio 2018

Sabato Sera, questa settimana in Prima Pagina

Oggi esce in edicola il nuovo numero di “sabato sera”: ecco un breve riassunto di ciò che troverete in prima pagina.

Occhi puntati sul weekend della Superbike. All”interno del giornale, infatti, non perdetevi lo “speciale” con programma, interviste e curiosità. Altro appuntamento imperdile gli approfondimenti sull”arrivo della tappa, giovedì 17 maggio, del Giro d”Italia.

A Imola l”anteprima sulla nuova struttura per il pattinaggio al Centro La Tozzona, mentre nalla frazione della Chiavica sono stati organizzati gruppi di lavoro le fonti di puzza e rumore provenienti dalla Florim. Intanto monta la protesta dei soci lavoratori della Cims.

Medicina e gli investimenti sullo sport: parola all”assessore Montanari. Sempre nella città del Barbarossa la richiesta è che la Trasversale arrivi fino a Villa Fontana. A Castel San Pietro è stato inaugurato il nuovo centro per le inalazioni alle Terme.

Spazio allo sport. Stasera gara-2 di semifinale play-off in C Gold al Ruggi tra Vsv Imola e Flying Ozzano. Nel calcio l”Imolese esordirà nei play-off il 20 maggio, mentre l”Ozzanese è chiamata già questo fine settimana a giocarsi la permanenza in Prima categoria. Domenica a Osteria Grande, infine, si corre la Coppa Varignana di ciclismo per Under 23.

Su «sabato sera due» grande risalto al via del contest musicale Gocce di Musica. Bacchilega Editore e Junior sono presenti al Salone internazionale del libro di Torino. Date un”occhiata anche, nella sezione spettacoli, a tutti gli spettacoli di primavera e chiudiamo con una curiosità: il set dell”ispettore Coliandro è sbarcata ad Ozzano.

r.c.

Sabato Sera, questa settimana in Prima Pagina
Economia 10 Maggio 2018

«Co Pro Working», da oggi sei incontri organizzati da Innovami, Giovani Cooperatori e Ca’ Vaina per parlare di futuro e nuove forme di lavoro

Inizia oggi a Casalfiumanese «Co Pro Working», ciclo di incontri organizzati da Innovami, Giovani Cooperatori di Imola e Ca’ Vaina per parlare di futuro, nuove forme di lavoro e per presentare il nuovo spazio serale aperto al centro giovanile imolese. I sei appuntamenti sono inseriti nel cartellone di CooperAttivaMente. Il primo appuntamento è dunque oggi alle ore 17 alla Biblioteca comunale (via A. Costa 27) di Casalfiumanese.

Relatori degli incontri Christian Gironi (direttore di Innovami), Mirco Mongardi (portavoce e collaboratore dei Giovani Cooperatori di Imola), Enrico Gianstefani (referente del Centro Giovanile Ca’ Vaina).

Gli altri appuntamenti sono martedì 15 maggio (ore 17) a Castel Guelfo (Sala Viola accanto alla biblioteca comunale, via Gramsci 22); lunedì 21 maggio (ore 18) a Medicina (villa Pasi, via Osservanza 84); giovedì 24 maggio (ore 17) a 
Toscanella di Dozza (Sala Martelli, Piazza della Libertà); giovedì 31 maggio (ore 18) a Castel San Pietro (Bocciodromo, viale Terme 740) e giovedì 7 giugno (ore 17) a Imola (Centro giovanile Ca’ Vaina, viale Saffi 50/B).

«Co Pro Working», da oggi sei incontri organizzati da Innovami, Giovani Cooperatori e Ca’ Vaina per parlare di futuro e nuove forme di lavoro

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast