Castel Guelfo

Cultura e Spettacoli 20 Agosto 2020

Docufilm e comicità, alla Summer Arena di Castel Guelfo due serate per l'Istituto Ramazzini

Cultura per la solidarietà. L”associazione Pro Loco di Castel Guelfo ha in programma due appuntamenti alla Summer Arena il cui ricavato sarà devoluto all’Istituto Ramazzini fondato dal Professor Cesare Maltoni per la ricerca nella prevenzione contro i tumori.

La prima serata in calendario questa sera, giovedì 20 agosto, è proprio dedicata alla straordinaria storia del Professor Cesare Maltoni, oncologo di fama mondiale che ha dedicato la propria vita alla prevenzione dei tumori. In programma, alle 21, la proiezione del film documentario “Vivere che rischio”, con regia di Michele Mellara e Alessandro Rossi. Un”occasione per conoscere lo scienziato attraverso i racconti in prima persona e interviste e documenti inediti per il grande pubblico.

Venerdì 21 agosto, sempre alle 21, spazio alle risate e al puro divertimento con il “Costipanzo Show” di Daniele Pizzocchi.

Entrambe le serate prevedono ingresso ad offerta libera (il cui ricavato sarà, come detto, devoluto all”Istituto Ramazzini) fino ad esaurimento dei posti disponibili alla Summer Arena (allestita presso il campo da calcio di via 2 Giugno).

(r.cr.)

Nella foto: la locandina del docufilm “Vivere che rischio”

Castel Guelfo

Docufilm e comicità, alla Summer Arena di Castel Guelfo due serate per l'Istituto Ramazzini
Cronaca 7 Agosto 2020

A Castel Guelfo interventi di Hera e Comune per limitare i rischi di allagamento da «bombe d'acqua»

Diversi interventi sono stati effettuati a Castel Guelfo negli ultimi mesi da Hera, in accordo con l”Amministrazione comunale, con l”obiettivo di limitare il più possibile e se possibile prevenire gli allagamenti provocati dalle «bombe d”acqua», vale a dire le piogge intense che si abbattono in un tempo ridotto e che sono sempre più frequenti a causa dei cambiamenti climatici. Dopo gli episodi verificatisi l”anno scorso, infatti, il Comune e la multiservizi hanno svolto una serie di sopralluoghi nelle zone più critiche, facendo poi seguire interventi specifici.

In particolare, sono stati fatti lavori sulle reti fognarie di via 2 Agosto, via Gramsci, via Roma, la zona Canalazzo e via Nadi. Nelle vie 2 Agosto, Gramsci e Roma, sono state effettuate videoispezioni e prove funzionali, dal momento che si tratta di zone in cui le condotte sono di piccolo diametro, con caditoie che si ostruiscono più facilmente malgrado le pulizie periodiche. Alla fine Hera ha provveduto alla sostituzione di alcuni pozzetti e ad altri piccoli interventi di miglioria. Al Canalazzo, invece, sono stati sostituiti circa dieci metri di condotta principale, cui si aggiunge un lavoro di pulizia di tutta la tubazione da via Marconi al Canalazzo stesso, operazione che dovrebbe aiutare anche le zone di via 2 Agosto, Gramsci e Roma.

Per quanto riguarda via Nadi, dopo l”ispezione è stato realizzato un intervento di magliatura della rete e di separazione tra rete meteorica e rete nera, in modo da migliorare il flusso dei reflui ed evitare rigurgiti. Infine, il sindaco di Castel Guelfo, Claudio Franceschi, insieme ai tecnici della Città metropolitana, ha effettuato in prima persona la pulizia e sondaggi sulla rotonda della Bettola, mentre con la Bonifica Renana è stata fatta la pulizia del canale di via Dozza, con il ri-sezionamento del medesimo. Dopo alcuni sopralluoghi del Canalazzo e dei bacini denominati “Mulinetto” si è poi chiesto un potenziamento di questi ultimi. (r.cr.)

Nella foto il canale di via Dozza dopo la pulizia

A Castel Guelfo interventi di Hera e Comune per limitare i rischi di allagamento da «bombe d'acqua»
Cronaca 5 Agosto 2020

Lasciano il figlio da solo in auto e vanno a rubare al centro commerciale, coppia arrestata

Abbandonano il figlio di due anni nel seggiolino dell’auto, per andare a rubare dei capi di abbigliamento al centro commerciale «The Style Outlets» di Castel Guelfo. L’episodio è avvenuto ieri pomeriggio, alle 16.

Tutto è partito da una chiamata al 112 che informava come all’interno di un’automobile chiusa a chiave e parcheggiata, c’era un bambino da solo. Appresa la notizia, i carabinieri di Medicina si sono diretti velocemente sul posto e quando sono arrivati hanno arrestato i genitori del piccolo, lui trentasei e lei trentaquattro anni e domiciliati in provincia di Bologna, per concorso in furto aggravato e continuato.

La refurtiva del valore di alcune centinaia di euro, è stata recuperata e restituita ai legittimi proprietari. Il bambino, invece, è stato affidato agli assistenti sociali. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, la coppia è stata trattenuta in camera di sicurezza, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto, prevista per la giornata di oggi. (r.cr.)

Foto d’archivio

Lasciano il figlio da solo in auto e vanno a rubare al centro commerciale, coppia arrestata
Cronaca 3 Agosto 2020

A Castel Guelfo una serata con i «professionisti del cielo» per osservare Luna e pianeti

Dopo il successo dell’anno scorso, a Castel Guelfo torna la serata dedicata all’osservazione del cielo condotta dagli astronomi Federico Di Giacomo e Simone Brazioli, in collaborazione con Comune e Pro Loco, dove i presenti potranno così godere delle ultime luci del tramonto e all’arrivo del buio per osservare la Luna, Giove e Saturno. 

L’appuntamento, originariamente previsto per domani, è stato posticipato a mercoledì 5 agosto, alle ore 21 presso la Summer Arena, via 2 Giugno angolo via 2 Agosto. I due astronomi si cimenteranno nella descrizione delle caratteristiche di questi affascinanti corpi planetari, accompagnati dalle immagini provenienti da alcuni telescopi puntati in tempo reale sulla Luna e sui due pianeti giganti del Sistema Solare, separati in cielo di pochissimi gradi, in una sorta di grande balletto cosmico.

A causa delle misure di sicurezza contro il Covid19, non sarà possibile per il pubblico effettuare l’osservazione diretta dai telescopi, come avvenuto lo scorso anno. Verrà quindi montato sul palco un grande schermo attraverso il quale, grazie all’ausilio di uno speciale sensore, si potrà seguire “da remoto” l’osservazione del cielo.  In caso di maltempo, la manifestazione sarà rinviata alla serata successiva. Non è necessaria la prenotazione. Gli ingressi sono regolati dal sevizio dei volontari fino all’esaurimento dei posti. Sarà obbligatoria la mascherina fino al posto assegnato.

Per informazioni: proloco@castelguelfodibologna.info (r.cr.)

Nella foto: un momento della scorsa edizione dell’evento, quando senza le norme anti-Covid si potè organizzare anche un picnic

A Castel Guelfo una serata con i «professionisti del cielo» per osservare Luna e pianeti
Cultura e Spettacoli 21 Luglio 2020

Settimana ricca di appuntamenti per il festival «Strade» prima della pausa

La quattordicesima edizione del Festival teatrale itinerante Strade prosegue il suo giro nel circondario imolese con una settimana densa di appuntamenti.

Mercoledì 22 luglio, alle 21.15, al campo sportivo di Castel Guelfo, l’abilissimo Luca Ronga, che è considerato tra i più interessanti interpreti di guaratelle e che ha vinto premi e riconoscimenti nazionali e internazionali, ci trasporterà nel mondo di Pulcinella-burattino che affonda le sue origini nei primordi di questa antica arte teatrale.
Giovedì 23 luglio si farà tappa al parco di Villa Manusardi di Casalfiumanese con I burattini di Mattia (nella foto) in La vendetta della strega Morgana.
Sabato 25 luglio, in piazza della Repubblica a Castel del Rio, sarà la volta della compagnia bolognese di burattini Nasinsù con lo spettacolo Crepi l’avarizia! che è un inno alla generosità e alla condivisione.
L’ultimo appuntamento di luglio sarà mercoledì 29 luglio, di nuovo a Castel Guelfo, con I burattini della Commedia nella pièce Al Castello di valle cupa (r.cr.).

Settimana ricca di appuntamenti per il festival «Strade» prima della pausa
Cronaca 21 Luglio 2020

Al via domani da Castel Guelfo il viaggio estivo di Radioimmaginaria

Partirà domani mattina, dalle 8, a Castel Guelfo il viaggio in apecar dei ragazzi di Radioimaginaria, la prima web radio italiana gestita interamente da adolescenti, che insieme alla Regione incontreranno tantissimi coetanei per raccogliere dalla loro stessa voce pensieri, riflessioni, desideri. A dare il via all’iniziativa, chiamata OltrApe 2020, sarà l’assessore regionale alla Scuola, Paola Salomoni. «Un progetto spiega l’assessore Salomoni – pensato e realizzato dalla Regione con l’obiettivo non solo di parlare alle studentesse e agli studenti, ma soprattutto di sentire dalla loro voce cosa pensano, quali speranze hanno e quali aspettative e desideri ripongono nel futuro, personale e della scuola. Un modo nuovo, ci auguriamo efficace, per parlare ai nostri ragazzi attraverso Radioimmaginaria. E proprio grazie a risorse europee destinate alla scuola domani possiamo partire con OltrApe 2020, sperando che da questa iniziativa, che con la collaborazione della Rai farà il giro di tutta Italia, possa nascere un Focus sulla scuola che per la prima volta vede protagonisti indiscussi gli studenti».

Un viaggio estivo in 41 tappe, da Comacchio ai Lidi ferraresi, da Ravenna a Cervia a Cesenatico, da San Mauro Pascoli a Bellaria, Rimini, Riccione, Cattolica, per passare ai comuni dell’entroterra della Valconca e della Valmarecchia, per incontrare i ragazzi e le ragazze dell’Emilia-Romagna e ascoltare dalla loro voce come hanno vissuto l’isolamento forzato, come stanno passando questa anomala estate, cosa si aspettano dal futuro, a partire dalla ripartenza della scuola a settembre. In ogni tappa, che partirà la mattina, la spedizione OltrApe raggiungerà il comune e allestirà la postazione mobile, consegnando al sindaco la bandiera di Radioimmaginaria. I ragazzi andranno poi a caccia dei propri coetanei per preparare la puntata, invitandoli a partecipare a un videogioco durante il quale risponderanno ad alcune domande sulla scuola di oggi e di domani. Ogni giorno alle 14,10 i ragazzi di Radioimmaginaria saranno in diretta con il TG3 regionale per raccontare le tappe di questo viaggio straordinario.

Il tour ricalca il format del viaggio attraverso l’Europa realizzato nel 2019 su una stazione mobile radiofonica caricata su una vecchia Ape car  opportunamente riadattata in chiave green dai ragazzi di Radioimmaginaria. Con questa iniziativa, organizzata dall’assessorato regionale alla Scuola, università, ricerca e agenda digitale e finanziata con risorse del Fondo sociale europeo 2014-2020, la Regione vuole infatti sentire dalla voce diretta dei ragazzi come hanno vissuto l’esperienza della scuola a distanza, che aspettative hanno dal ritorno sui banchi il 14 settembre, come immaginano e cosa vorrebbero dalla scuola di domani, oltre che dal proprio personale futuro. (da.be.) 

Nella foto: il viaggio dei ragazzi di Radioimmaginaria nel 2019 in Svezia

Al via domani da Castel Guelfo il viaggio estivo di Radioimmaginaria
Cronaca 21 Luglio 2020

Litiga con un’automobilista e spara alcuni colpi di pistola dal finestrino, 32enne di Medicina nei guai

Minaccia aggravata e alterazione di armi. Con queste accuse i carabinieri della stazione di Castel Guelfo hanno denunciato un trentaduenne residente a Medicina. Il provvedimento è stato adottato al termine di un’attività investigativa che i militari avevano avviato per risalire all’identità di un’automobilista irascibile che, sabato sera, aveva sparato dei colpi di pistola dal finestrino di un’auto per intimorire una cinquantunenne con cui aveva avuto una lite per una mancata precedenza lungo la via San Carlo, vicino a Castel Guelfo.

La donna, spaventata a morte dall’accaduto, stava tornando a casa ed ha così informato subito il 112 dell’accaduto. Appresa la notizia, i carabinieri hanno rintracciato l’automobilista nelle vicinanze. Sottoposto a una perquisizione, l’uomo è stato trovato in possesso di una scacciacani, sprovvista del tappo rosso che è stata sequestrata dai militari. (da.be.)

Foto concessa dai carabinieri

Litiga con un’automobilista e spara alcuni colpi di pistola dal finestrino, 32enne di Medicina nei guai
Cronaca 20 Maggio 2020

Fase 2, Castel Guelfo riparte con l’inaugurazione di un nuovo negozio. L’assessore al commercio Tozzoli «Segnale di speranza e coraggio»

«Una bella e incentivante novità. Un segnale per tutti di speranza e coraggio». Così Gianluigi Tozzoli, assessore al commercio del Comune di Castel Guelfo, commenta l’inaugurazione di “Lino & lana”, negozio di tendaggi da interno ed esterno, zanzariere, materassi e biancheria per la casa che ha aperto i battenti in via Gramsci, nelle vicinanze del municipio.

«Era da molto tempo che accarezzavo questa idea – racconta Alberto Marchesini, titolare residente a Castel Guelfo da anni e già conosciuto per la bancarella di biancheria per la casa e tendaggi che ha dal 1995 –. Amo il paese in cui vivo ed amo le piccole botteghe. Era da tempo che mi ronzava in testa questo progetto. L’apertura sarebbe dovuta avvenire ai primi giorni di aprile poi, causa questa pandemia, i programmi hanno avuto un rallentamento. Con questa nuova apertura voglio credere nel mio sogno e portare il mio contributo alla rinascita del nostro centro storico».
Le premesse sono positive: «Devo dire che sono molto felice del sostegno ricevuto dagli altri miei colleghi commercianti che hanno accolto con benevolenza questa mia apertura – aggiunge Marchesini –. Auguro a tutti noi una bella ripartenza». (r.cr.)

Fase 2, Castel Guelfo riparte con l’inaugurazione di un nuovo negozio. L’assessore al commercio Tozzoli «Segnale di speranza e coraggio»
Cronaca 12 Maggio 2020

Tonino Ricci Maccarini racconta la sua passione per le decorazioni

Prossimo agli ottant”anni, Tonino Ricci Maccarini si occupa del negozio di famiglia a Castel Guelfo da quando di anni ne aveva 14.
«La mia non è stata una scelta ma piuttosto una necessità di famiglia – racconta –. Allora non si poteva scegliere liberamente cosa fare. A me sarebbe piaciuto fare la scuola d’arte, invece mi sono ritrovato nel negozio di famiglia, che allora era proprio un negozio di campagna a tutti gli effetti, dove mio padre vendeva anche stivali e petrolio agricolo. Poi negli anni abbiamo eliminato tanti articoli, ma specializzandoci negli articoli da regalo. Negli anni Cinquanta e Sessanta, quando le campagne hanno iniziato a spopolarsi in favore dei nuovi agglomerati industriali di città, come Bologna o Castenaso, è stata grande la soddisfazione di servire i concittadini che tornavano a Castel Guelfo per le feste o le cerimonie, che qui trovavano confezioni regalo che nemmeno in città». (mi.mo.)

Il racconto completo sul numero del Sabato sera del 7 maggio

Tonino Ricci Maccarini racconta la sua passione per le decorazioni
Economia 8 Maggio 2020

«Un salto in edicola» passa da Castel Guelfo per conoscere l'attività di Elisa Ricci Maccarini

Da bottega alimentare presto divenuta un punto di riferimento storico per l’intero paese, a negozio di tabaccheria, edicola multiservizi e articoli da regalo due generazioni dopo. Siamo a Castel Guelfo e l’edicola di cui scriviamo è quella che porta il nome della famiglia Ricci Maccarini ormai da ottanta lunghi anni. «Mio nonno, Aurelio Ricci Maccarini, ha acquistato questo negozio nel 1939 – racconta Elisa Ricci Maccarini, che lo gestisce dal 2005 -. Allora era una bottega di alimentari con annessa rivendita di tabacchi che nel tempo si è fatta un nome in città. Mio padre Tonino ne ha portato avanti la gestione dalla fine degli anni Sessanta a quando è stato il mio turno. Io ho rilevato l’attività negli anni Duemila; ho ristrutturato l’intero negozio, anche se era assai ben tenuto, per eliminare la rivendita di alimentari alla luce dell’arrivo in paese del supermercato Coop. Ho scelto di puntare su tabacchi, edicola, che nel 2002 aveva già attivato mio padre, e soprattutto sui servizi».

L’elenco di quanto offre l’edicola tabaccheria Ricci Maccarini sarebbe lungo da fare: basti pensare che si vada Lotto e Superenalotto al pagamento di bollettini e voucher,dalle fotocopie a stampe e fax, dai servizi finanziari e bancari a quelli postali, dalla vendita di giocattoli agli articoli da regalo. All’esterno del locale, sotto il portico di piazza Dante, c’è anche la rivendita self service di tabacchi e ricariche. «Ho fatto una scelta che richiede tanto lavoro ma che funziona», spiega la titolare, che conta sull’aiuto di due collaboratori famigliari, papà Tonino e mamma Gianna, e una dipendente, Mirella Dal Pozzo. (mi. mo.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 7 maggio

«Un salto in edicola» passa da Castel Guelfo per conoscere l'attività di Elisa Ricci Maccarini

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast