Castel San Pietro Terme

Cronaca 24 Marzo 2022

La Giunta di Castel San Pietro approva la variante dell’area residenziale ex Cementubi

La Giunta di Castel San Pietro ha approvato la variante al progetto di piano particolareggiato di iniziativa privata relativo al comparto residenziale denominato «ex Cementubi» approvato nel giugno del 2003. Una lottizzazione rimasta sospesa per diversi anni a causa del fallimento del soggetto attuatore, la cooperativa San Giuseppe, e di un ritardo dovuto a una variante del 2008 non approvata per mancanza della definitiva regolarità formale dei documenti presentati.

«Dopo tanti anni in cui tanti dei cittadini residenti erano rimasti bloccati per il completamento delle pratiche edilizie volte ad ottenere l’usabilità delle loro abitazioni, con questa approvazione l’Amministrazione completa un percorso volto a dare una fisionomia definitiva al comparto residenziale – sottolinea con Fausto Tinti, primo cittadino –, con la realizzazione della rotatoria Scania-Moro (già completata e in attesa solo di rifiniture già programmate), la presa in carico da parte del Comune di tutte le aree pubbliche per la loro gestione e anche la regolarizzazione dello stato edilizio delle residenze, con anche la possibilità di usufruire quindi della norma regionale che prevede la trasformazione dei sottotetti in superficie abitabile».
La realizzazione della rotonda e dei i raccordi ciclopedonali alla rete esistente è stata possibile grazie alle somme derivanti dalla polizza fideiussoria e dalla procedura di liquidazione della cooperativa San Giuseppe. (lu.ba.)

Nella foto: La planimetria generale della variante presentata nel 2017 e approvata dalla Giunta martedì 22 marzo

La Giunta di Castel San Pietro approva la variante dell’area residenziale ex Cementubi
Cronaca 23 Marzo 2022

Un calcio… alla guerra, da Osteria Grande aiuti per l’Ucraina

Tra le iniziative di sostegno alla popolazione ucraina colpita dalla guerra, merita una segnalazione la raccolta di beni organizzata dall’Associazione Calcio Osteria Grande. L’operazione, condotta dal vicepresidente Mario Poli e da Eva Morbidelli del direttivo dell’associazione, ma condivisa da tutto il Consiglio, si è svolta in coordinamento con il negozio Il Bebè di Osteria Grande, gestito da una famiglia ucraina in contatto con la rete di distribuzione degli aiuti.

Un centinaio le persone che hanno aderito all’iniziativa, portando alla sede dell’associazione beni di vario genere, alimentari, prodotti igienici di vario tipo, medicinali, giochi e cartoleria varia per bimbi, indumenti e biancheria. «Giovedì 24 marzo caricheremo il camion con quanto raccolto, che andrà a portare il materiale sia ai profughi, sia a chi si trova ancora nelle zone di guerra in Ucraina – spiega Eva Morbidelli a nome degli organizzatori -. Abbiamo chiesto la collaborazione a tutta la nostra rete di associati e alle famiglie dei bambini iscritti. Inoltre, abbiamo fatto girare la notizia attraverso i social». (mi.ta.)

Nella foto: i beni raccolti dall’Osteria Grande Calcio

Un calcio… alla guerra, da Osteria Grande aiuti per l’Ucraina
Cronaca 22 Marzo 2022

Cantiere in centro storico a Castello, lavori in via Cavour «rimandati» a settembre

Rivoluzione per il maxi cantiere di Hera nel centro storico di Castel San Pietro. I lavori in via Cavour, che sarebbero dovuti iniziare il 21 marzo, sono stati posticipati alla fine di settembre. «A causa dell’insorgere, nel cantiere di via Matteotti alta, di problemi legati alla regimazione delle acque pluviali, che è risultata non appropriata e non a norma, è stato necessario rivedere profonda-mente il programma dei lavori – spiega il sindaco Fausto Tinti -. Per evitare il rischio di successive rotture negli scarichi, abbiamo deciso di intervenire ora, affrontando maggiori costi e ulteriori lavorazioni, che comporteranno tempi più stretti per il rispetto delle scadenze previste».

La scelta dell’Amministrazione «è stata dunque quella di concen-trare le energie per puntare a completare i lavori in via Matteotti alta entro la metà di giugno, condizioni meteo permettendo – aggiunge – e di posticipare l’apertura del cantiere di via Cavour, che era prevista in questi giorni, al termine delle tradizionali manifestazioni del Settembre castellano».

In particolare, «da metà settembre a fine novembre si lavorerà solo nella parte bassa di via Cavour, compresa tra via Mazzini e via San Pietro – continua –, mentre l’intervento nella parte alta della strada, compresa fra via San Pietro a piazza Garibaldi, è rimanda-ta al primo semestre del 2023». (lu.ba.)

Foto del Comune di Castel San Pietro

Cantiere in centro storico a Castello, lavori in via Cavour «rimandati» a settembre
Cronaca 22 Marzo 2022

Addio al partigiano e presidente onorario dell’Anpi di Castello Ennio Frabboni

«Annunciamo con dolore la scomparsa di Ennio Frabboni, partigiano della 66a Brigata Garibaldi e presidente onorario di Anpi Castel San Pietro. Grazie Ennio, buon viaggio. Che la terra ti sia lieve». Con questo post su Facebook l’Anpi Castel San Pietro ha voluto rivolgere un pensiero a Ennio Frabboni, morto il 21 marzo all’età di 95 anni.

Il funerale si terrà domani, mercoledì 23, alle ore 15.15 si terrà nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Maggiore di Castel San Pietro Terme. Celebrerà il parroco Don Gabriele Riccioni, grande amico di Ennio.

Da destra, Ennio Frabboni, Gabrio Salieri (presidente Anpi Imola) e Davide Cerè (presidente Anpi Castel San Pietro) 

Addio al partigiano e presidente onorario dell’Anpi di Castello Ennio Frabboni
Cronaca 22 Marzo 2022

Castello piange la scomparsa di Enzo Vallisi, presidente onorario di «Città sicura»

Castel San Pietro piange Enzo Vallisi, presidente onorario dell’associazione «Città sicura» scomparso lo scorso 19 marzo. Vallisi, 74 anni, lascia la moglie Patrizia, anche lei volontaria dell’associazione. Il funerale si terrà domani, mercoledì 23. Dalle 9,30 alle 10,30 la salma sarà nella camera ardente a Imola. Alle ore 11 si terrà la Messa a Castel San Pietro nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Maggiore.

«Vallisi è stato per tanti anni volontario e presidente e, negli ultimi tempi, presidente onorario dell’associazione Città sicura di Castel San Pietro –  commenta il sindaco Fausto Tinti -. Siamo vicini a Patrizia e all’associazione Città Sicura anche a nome di tutte le persone che lui ha aiutato, delle famiglie e delle scuole. L’Amministrazione comunale vuole rendergli onore, ringraziarlo e riconoscere il suo valore, insieme a quello di tutti i volontari, che si sono sempre impegnati e si impegnano per la sicurezza della nostra comunità, collaborando costantemente con la nostra polizia municipale».

«Enzo Vallisi ha fatto parte dell’associazione Città sicura sin dalla sua fondazione nel 2001  – ricorda il comandante della polizia locale Leonardo Marocchi -. Era molto conosciuto, soprattutto perché per tanti anni ha prestato servizio davanti alle scuole. Oltre alle manifestazioni di gratitudine e stima che riceveva da parte dei genitori, era molto orgoglioso dell’affetto dei bambini, che gli avevano anche regalato dei disegni che lo ritraevano mentre li aiutava ad attraversare la strada a Osteria Grande. Inoltre fino all’ultimo si è occupato della chiusura dalla zona a traffico limitato in via Matteotti nei giorni festivi». (r.cr.)

Nella foto: i volontari di Città sicura nel 2015 con Enzo Vallisi, secondo da sinistra

Castello piange la scomparsa di Enzo Vallisi, presidente onorario di «Città sicura»
Cronaca 19 Marzo 2022

Accordo tra Hera e Bonifica Renana, al Laghetto di Castello un’area «green» con 331 nuovi alberi

È stato presentato ieri mattina a Bologna, in previsione della Giornata mondiale dell’acqua che ricorre il 22 marzo, l’accordo tra Bonifica Renana e Gruppo Hera per la messa a dimora, entro il 2023, di 1.354 nuovi alberi (farnie, carpini, aceri campestri, frassini, salici ed altre specie minori) che andranno ad arricchire la biodiversità del territorio bolognese. L’accordo si colloca all’interno di Eco Alberi, l’iniziativa della multiutility per la promozione e la salvaguardia del patrimonio naturale, con la quale Hera ha aderito al programma della Regione Emilia-Romagna «Mettiamo radici per il futuro», finalizzato alla messa a dimora di 4,5 milioni di alberi, uno per abitante. Con un impegno economico di 250mila euro, il Gruppo Hera permetterà la messa a dimora e la cura di 10 mila piante nel prossimo triennio. 

Il Consorzio ha quindi reso disponibili proprie aree di pertinenza di nodi idraulici che si stanno rinaturalizzando. Tra queste, il nuovo invaso Laghetto a Castel San Pietro, località Poggio Grande, dove saranno piantati 331 alberi. Il Consorzio sta realizzando l’impianto degli alberi (piantumazione, irrigazione e cura dei piccoli alberi) ed Hera ha assunto l”impegno di sostenere le spese connesse per l’attecchimento dei giovani esemplari, nel primo triennio di vita.

«Il Gruppo Hera ha l’obiettivo di aiutare i clienti nella decarbonizzazione dei propri consumi energetici. Per sostenerli, mettiamo a loro disposizione un ampio ventaglio di soluzioni che aiutano a consumare meno, meglio e produrre energia rinnovabile, consentendo di risparmiare in termini ambientali ed economici» ha commentato Cristian Fabbri, Amministratore delegato di Hera Comm. «Questo progetto rientra nell’ottica di sostenibilità ambientale che caratterizza le attività del nostro Consorzio- ha concluso Valentina Borghi, presidente del Consorzio della Bonifica Renana -. Sottolineo che la gestione ambientale delle proprie aree green consente al Consorzio di raggiungere una capacità media di assorbimento pari a circa 14 mila tonnellate di CO2 all’anno». (r.cr.)

Accordo tra Hera e Bonifica Renana, al Laghetto di Castello un’area «green» con 331 nuovi alberi
Cronaca 14 Marzo 2022

Nuovi giochi e interventi di manutenzione nelle aree ludiche di Castel San Pietro

Con l’approssimarsi della primavera, il Servizio Ambiente del Comune di Castel San Pietro è al lavoro per installare nuovi giochi e fare interventi di manutenzione nelle tante aree ludiche esistenti nei parchi e nei cortili delle scuole del territorio comunale, per un costo totale di quasi 88 mila euro. In particolare, è in corso la sistemazione dell’area adiacente alla Fonte Fegatella con la sostituzione del vecchio gioco modulare in legno, ormai deteriorato, con un nuovo gioco modulare, oltre all’installazione di un nuovo gioco a molla con doppia sagoma di pecorella e di un’altalena (giochi inclusivi). Inoltre sarà completamente rifatta l’area antitrauma con un nuovo getto in opera, che permetterà di avere un disegno colorato dell’area comprendente i giochi e l’adiacente altalena.

«Con questi interventi e nuove installazioni intendiamo garantire la necessaria riparazione, messa a norma e sostituzione dei giochi diventati ormai obsoleti – spiega Andrea Bondi, vicesindaco e assessore all’Ambiente – e ribadire l’attenzione dell’Amministrazione comunale per l’inclusività e la qualità, anche estetica, degli arredi destinati alle aree dedicate alle attività ludiche e ricreative che devono poter accogliere, senza barriera alcuna, tutti i bambini castellani». (lu.ba.)

Nella fotografia del Comune, i lavori nell’area adiacente alla Fonte Fegatella

Nuovi giochi e interventi di manutenzione nelle aree ludiche di Castel San Pietro
Cronaca 13 Marzo 2022

A Castello portici «collegati» in via Matteotti 
per diminuire i disagi del cantiere

«Promessa» mantenuta dal Comune di Castel San Pietro che, come anticipato sul numero di sabato sera del 3 marzo scorso, ha creato un varco (nella foto) tra i due porticati di via Matteotti. Suggerimento accolto  per venire incontro alle esigenze di commercianti e cittadini, alle prese dal 1° febbraio, data di inizio lavori del maxi cantiere di Hera in centro storico, con inevitabili disagi che continueranno anche nei prossimi mesi.

Così da lunedì 7 marzo, con il tratto di strada interessato ovviamente sempre chiuso al tra­ffico, per chi si trova in centro è possibile muoversi più facilmente sui due porticati, grazie ad un passaggio pedonale circa a metà percorso che si appoggia sull’area dei lavori, senza la necessità quindi di arrivare all’inizio o alla fine del cantiere per attraversare via Matteotti. (da.be.)

Nella foto (dal Comune di Castel San Pietro): l’attraversamento pedonale in via Matteotti

A Castello portici «collegati» in via Matteotti 
per diminuire i disagi del cantiere
Cronaca 6 Marzo 2022

Villaggio Salute Più… grande, il Sillaro arriverà a Porretta

Una presentazione in grande stile per un progetto di grande portata. Il gruppo Monti, proprietario del Villaggio della Salute Più, lungo la strada che da Castel San Pietro porta a Sassoleone, aveva acquisito da alcuni mesi gli stabilimenti termali di Porretta e lunedì scorso in Regione ha presentato il grande lavoro di rilancio della struttura che rappresenta un altro punto di riferimento nell’Appennino tra Bologna e Firenze.

In Regione si è parlato prima di tutto della nascita a Porretta del primo e unico centro nazionale di riabilitazione e cura per pazienti Inail, frutto di un accordo tra Inail e Gruppo Monti Salute Più promosso dalla Regione. Per questo erano presenti gli assessori regionali Andrea Corsini (Turismo e Infrastrutture) e Raffaele Donini (Politiche per la Salute) insieme al general manager del Gruppo Monti Salute Più, Graziano Prantoni, e al direttore scientifico, Antonio Monti. Lo stabilimento di Porretta si appresta a diventare a breve un vero e proprio centro di benessere e cura nel cuore dell’Appennino bolognese e riaprirà già il 2 aprile.

Entro l’estate verrà riqualificato an- che il parco termale con la creazione di una piscina termale scoperta e verrà effettuato il recupero delle Naiadi. Una delle cupole diventerà una spa termale, in sinergia con la parte clinica delle terme. È prevista anche l’inaugurazione della via termale Porretta – Villaggio della Salute Più, un percorso ciclopedonale con 15 diramazioni verso luoghi di particolare interesse naturalistico, storico e culturale attraversando la valle del Sillaro, Vidiciatico, Lizzano, Corno alle Scale. Un punto di partenza per il turismo green, che permetterà di valorizzare il territorio coinvolgendo le numerose realtà e aziende del luogo. (r.cr.)

La valle del Sillaro dove sorge il Villaggio Salute Più

Villaggio Salute Più… grande, il Sillaro arriverà a Porretta
Cronaca 6 Marzo 2022

Pro Loco Castel San Pietro, eletto il nuovo Consiglio direttivo. Raimonda Raggi confermata presidente

Ieri, sabato 5 marzo, si sono svolte, nella sala espositiva di via Matteotti, alla presenza dell’Assemblea ordinaria dei soci, le elezioni per il nuovo Consiglio direttivo della Pro Loco di Castel San Pietro che rimarrà in carica per tre anni fino al 2024. I sette consiglieri eletti sono Laura Carati Laura, Adele Martelli, Marilena Manzitti, Mauro Mingotti, Stelio Montebugnoli, Antonio Morrone e Raimonda Raggi. Il Direttivo neoeletto ha nominato ancora presidente Raimonda Raggi, con vicepresidente Stelio Montebugnoli, segretario Laura Carati e tesoriere Mauro Mingotti.

All’assemblea era presente anche il vicesindaco Andrea Bondi, l’assessore Giuliano Giordani e il consigliere delegato Andrea Dall’Olio, che hanno portato il saluto e il ringraziamento dell’Amministrazione comunale al direttivo uscente per il lavoro svolto negli ultimi tre anni. Il vicesindaco ha poi sottolineato il proficuo percorso svolto dall’associazione insieme all’Amministrazione comunale e augurato al direttivo entrante di proseguire nella direzione intrapresa, con la sempre positiva tendenza di crescita e valorizzazione delle progettualità che ha contraddistinto il lavoro di Pro Loco negli ultimi anni. (r.cr.)

Nella foto: il nuovo direttivo della Pro Loco di Castel San Pietro

 

Pro Loco Castel San Pietro, eletto il nuovo Consiglio direttivo. Raimonda Raggi confermata presidente

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA