Imola

Cronaca 27 Gennaio 2018

Al Carnevale di Imola ogni Fantaveicolo vale (se si iscrive entro giovedì 1 febbraio)

Bizzarro, folle, stravagante ed ecologico. In poche parole il Carnevale dei Fantaveicoli. Domenica 11 febbraio torna, infatti, l”imperdibile ed originale evento nato in collaborazione con l”Ascom, il Comune e la Pro Loco di Imola, ormai giunto alla ventunesima edizione e che, quest”anno, festeggia il ventennale della sua nascita (come si vede dalla locandina speciale ideata da Carlo Ferri). Per iscrivere il proprio Fantaveicolo c”è tempo ancora fino al 1 febbraio.

“Siamo molto contenti del successo di questo evento – ha commentato Elisabetta Marchetti, assessore alla Cultura, Spettacolo e Politiche giovanili – perchè rappresenta uno dei primi Carnevali non solo a livello regionale, ma anche nazionale. Un bel traguardo essere arrivati al ventennale e la gratificazione maggiore è vedere molta gente venire da fuori Imola per apprezzare la specificità della manifestazione. Saranno distribuiti gadget offerti dalla banca Bcc Ravennate Forlivese e Imolese e, se per i dieci anni era stato fatto un libro fotografico, per questa ricorrenza ci sarà una sorpresa. Ai fini della promozione, quest”anno è nata anche una collaborazione con Fico – Eataly e, per l”occasione, parteciperanno alla sfilata le Fico Bikes, mentre domenica 4 due fantaveicoli delle passate edizioni saranno nella loro area a Bologna”.

La partenza della sfilata è prevista, per il quinto anno consecutivo, dall”autodromo Enzo e Dino Ferrari, con i box che saranno aperti fin dal mattino per permettere, a chi volesse, di vedere da vicino gli allestimenti, per poi proseguire lungo viale Dante e arrivare, infine, in centro storico. I fantaveicoli possono essere costruiti da singoli cittadini o da gruppi di ogni genere e l”iscrizione, che chiuderà giovedì 1 febbraio, è gratuita. L”unica regola tassativa è che i mezzi siano costruiti con materiali poveri e alimentati solo di fantasia, in pratica a spinta o trazione umana, a pedali o provvisti di motore ad emissione zero, come energia solare o elettrica. In quest”edizione si pensa di raggiungere il trend degli anni scorsi con circa quaranta equipaggi in concorso più una selezione di quelli di maggior successo delle passate edizioni. Per chi non volesse mettere alla prova la propria ingegnosità c”è la possibilità di gareggiare, se si è un minimo di cinque persone, come gruppo mascherato e concorrere alla premiazione dedicata. I premi, offerti in buoni spesa da Coop Allenza 3.0, riguarderanno, tra i fantaveicoli, le tre categorie in gara, ovvero Maxi Fantaveicoli (superiori ai 3,5 mt.), Fantaveicoli e Scuole (il Grifon d”Oro è riservato alle scuole di Imola e del circondario), mentre tutti concorreranno all”assegnazione delle “Ricicletta”, offerta dal Comune e del Gruppo Hera per il fantaveicolo meglio assemblato con materiali di recupero, e due biglietti offerti da Radio Bruno per quello più musicale. Tutti i partecipanti, infine, riceveranno una targa in ceramica realizzata dalla Cooperativa Ceramica d”Imola.

Il programma. Tanti saranno anche gli ospiti che animeranno la manifestazione. Per festeggiare questi vent”anni, che idealmente rappresentano un”era geologica, cosa c”è di meglio di un dinosauro? Per questo motivo e per la curiosità dei più piccoli sarà presente Baby T, un grande Tyrannosaurus rex, incredibilmente verosimile, che verrà proposto all”inizio della sfilata e guidato sui trampoli da un attore di strada. Inoltre, non mancheranno le majorette, i percussionisti africani, la banda di Imola e Castel del Rio in versione carnevalesca e il gruppo di rievocazione medievale dei Difensori della Rocca, insieme al Rione Rosso di Faenza. Sarà l”occasione anche per seguire alcuni eventi collaterali come il concorso fotografico dal titolo “Immagini pazze per una festa pazza”, valido anche per il Carnevale dei bambini, che premierà i tre primi vincitori e il XII raduno dei camper (9-10-11 febbraio) presso l”area Tribuna centrale dell”autodromo, organizzato dall”associazione Campeggiatori dell”Imolese. Il programma prevede, oltre ad un giro completo del circuito domenica 11 (ore 9), anche la partecipazione alla sfilata per chi fosse interessato o visite guidate alla città e si pensa di raggiungere i numeri del 2017 quando arrivarono a Imola circa 150 camper da Roma, dalle Marche e dal  Trentino. Laboratori, infine, saranno organizzati a Casa Piani, alla Casa Museo di Palazzo Tozzoni, alla biblioteca comunale, alla libreria dei ragazzi Il Mosaico e al teatro Ebe Stignani.

A chiusura dei festeggiamenti, in occasione del Martedì Grasso di martedì 13 febbraio, l”attenzione si sposterà verso i più piccoli con il Carnevale dei bambini e dei ragazzi che si svolgerà in piazza Matteotti , a partire dalle 14.30. Tra zucchero filato, cioccolata calda, musica, ballo, animazione e giochi, chi vorrà potrà partecipare al concorso della maschere che premierà i tre costumi più creativi (iscrizione sul posto dalle 14.30 alle 15.30).

Sarà vietato l”utilizzo di bombolette e schiumogeni. Per informazioni sui regolamenti consultare il sito www.carnevalefantaveicoli.it oppure la pagina Facebook.

da.be.

Nella foto: il Carnevale dei Fantaveicoli 2017

Al Carnevale di Imola ogni Fantaveicolo vale (se si iscrive entro giovedì 1 febbraio)
Cronaca 27 Gennaio 2018

Altri tre locali del centro storico “visitati” dai ladri. I carabinieri stanno indagando

Il copione si ripete. Ad una settimana esatta di distanza, la notte scorsa, altri tre locali del centro storico sono stati visitati dai ladri. Questa volta a farne le spese sono stati l”edicola Martini nel porticato all”angolo del palazzo del centro cittadino, il bar Ai Giardini di via Orsini e la pizzeria Porta Montanara.

Identico anche il modus operandi. Utilizzando una pietra oppure un oggetto pesante è stato fatto un buco in una vetrina del locale (la settimana scorsa in un caso utilizzarono una fioriera), da cui i ladri si sono introdotto all”interno per arraffare il fondocassa. Molti danni per pochi spiccioli. Anche ieri notte, infatti, hanno sfondato il vetro della porta dell”edicola Martini per rubare 200 euro e un vecchio pc portatile. Presso il bar dei Giardini di San Domenico, invece, hanno tagliato il telo che copre l”ingresso ma poi non sono riusciti a forzare la saracinesca. Infine nella cassa della pizzeria non c”era nulla quindi se ne sono andati a mani vuote.

Questo è quanto reso noto finora dai carabinieri che stanno indagando sull”accaduto. A chiamarli è stata l”edicolante al mattino ma, stando a quanto ricostruito da alcuni testimoni, i ladri avrebbero agito sull”edicola poco dopo le 2. Le forze dell”ordine ora stanno visionando tutte le telecamere di videosorveglianza pubbliche installate dal Comune in centro e anche dei privati. Una settimana fa il comandante della polizia municipale imolese, Vasco Talenti, dichiarava che dall”analisi delle immagini si vedevano “due persone che potrebbero far parte della stessa banda che nelle scorse sere ha messo in atto colpi simili in altre città lungo la via Emilia, ad esempio Forlì”.

Anche i carabinieri concordano con questa ipotesi e non disperano di riuscire ad individuarli. Nel frattempo invitano i cittadini a contattare sempre le forze dell”ordine qualora notassero o sentissero qualcosa di strano durante la notte “anche se si tratta di un falso allarme, non importa, chiamateci”.

La settimana scorsa furono visitati dai ladri il bar Roma e il Barcode nella galleria sotto il palazzo del centro cittadino e l”Opera Dulcis di piazza Matteotti.

l.a. gi.gi.

Nella foto la titolare dell”edicola Martini mostra il vetro sfondato

Altri tre locali del centro storico “visitati” dai ladri. I carabinieri stanno indagando
Cronaca 26 Gennaio 2018

Influenza, 2000 malati a settimana nel circondario di Imola

“In regione l’influenza quest’anno ha colpito intensamente ma non quanto nel resto dell’Italia: l’incidenza, cioè il numero di persone malate, nella nostra regione è sovrapponibile al 2017, mentre a livello nazionale è stata una delle epidemie più intense degli ultimi quindici anni”. Roberto Rangoni, responsabile Epidemiologia dell’Ausl di Imola, sintetizza così la situazione del più classico dei malanni di stagione che, soprattutto tra Natale e Capodanno, ha costretto a letto migliaia di persone.

“Nel territorio della nostra Ausl parliamo di circa 2000 persone a settimana – continua Rangoni -, facendo una stima sui dati regionali, che parlano di circa 200 mila persone malate dall’inizio dell’epidemia. In Emilia Romagna ci aspettiamo il picco questa settimana, poi si comincerà a scendere“.

L’influenza può provocare guai seri soprattutto alle persone anziane o con altri problemi di salute. «Per fortuna la gravità è minore rispetto all’anno scorso. I casi gravi ad oggi sono stati 31 contro i 68 complessivi dell’anno scorso e i decessi 5 contro 32  – continua Rangoni -; a Imola abbiamo avuto un solo caso grave, una persona già ricoverata in ospedale risultata positiva anche al tampone per l’influenza». Lo dimostrano anche i dati degli accessi al pronto soccorso «inferiori a quello dello scorso anno» con il 5% in meno a livello generale e del 4% per quanto riguarda il pronto soccorso pediatrico; inoltre, «ad oggi non ci sono state riduzioni delle attività di sala operatoria né sono stati rinviati interventi programmati» come avvenuto invece a seguito del picco dell’influenza un anno fa.

La campagna della Regione per promuovere le vaccinazioni sembra aver sortito qualche risultato ma Rangoni non è soddisfatto: «Abbiamo avuto 500 vaccinati in più, arriveremo forse al 55%. Ma è ancora poco: un anziano su due non si vaccina». A creare dubbi e disaffezione c’è anche il fatto che «l’influenza è imprevedibile» ammette Rangoni. Gli epidemiologi fanno un’ipotesi su quali ceppi arriveranno, ma non è detto che ci prendano. «Quest’anno circolano sia l’AH1N1 che il tipo B. Quest’ultimo, però, era contenuto solo nel vaccino quadrivalente quindi molti non sono coperti». E si tratta proprio degli over 65. «Agli anziani viene proposto un vaccino adiuvato, un antigene che consente una maggiore risposta di anticorpi per migliorare l’efficacia, però le ditte farmaceutiche per ora non propongono un quadrivalente adiuvato». 

l.a.

Nella foto: vaccinazione contro l”influenza

Influenza, 2000 malati a settimana nel circondario di Imola
Cronaca 26 Gennaio 2018

Nuova raccolta rifiuti, da lunedì distribuzione delle tessere nella zona industriale

Come annunciato in autunno arriva anche nella zona industriale di Imola la tessera per aprire i cassonetti della raccolta differenziata. L’area in questione è quella compresa tra le vie Ortignola-Pasquala Bicocca, l’incrocio tra via Gambellara e via Correcchiello, le vie Selice-Laguna e, sul lato sud, via della Cooperazione. In tutto 1.760 utenze, delle quali oltre 1.000 sono aziende, gli altri famiglie o utenze domestiche.

Lunedì 22 Hera Spa, il gestore per il Comune del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, ha presentato le novità durante un incontro organizzato presso il centro sociale La Stalla. Poi, a partire da lunedì 29 gennaio, gli informatori ambientali cominceranno a suonare il campanello di case e attività produttive per consegnare le tessere relative alle singole utenze, a partire da fine febbraio saranno posizionati i nuovi cassonetti stradali.

Cosa cambia. La riorganizzazione dei servizi di raccolta per la zona industriale non rappresenta una vera e propria rivoluzione. Per prima cosa non cambia quasi nulla per le attività artigianali e industriali: semplicemente nei sacchi gialli della raccolta porta a porta degli imballaggi plastici dovranno essere inserite anche le lattine. Per il resto rimane uguale la raccolta del cartone (piegato e ridotto di volume) e della carta, che proseguirà con il solito sacco azzurro, così come la raccolta dell’indifferenziato (sempre porta a porta con il sacco), quella del legno, del vetro e dell’organico (queste ultime due vengono fatte tramite gli appositi bidoni forniti in uso gratuito ed esclusivo da Hera).

Qualche novità in più, invece, interessa le utenze domestiche, cioè i cittadini che abitano nella zona industriale. Per loro rimarranno invariate la raccolta domiciliare con i sacchi dell’indifferenziato e quella di carta e cartone, mentre cambieranno i contenitori stradali per la raccolta dell’organico e delle potature, che saranno sostituiti con i nuovi cassonetti apribili con la tessera. Inoltre la campana gialla multimateriale per plastica/vetro/lattine sarà rimossa e sostituita da un lato con un contenitore utilizzabile solo per il vetro (coperchio verde dotato di oblò) e dall’altro sarà introdotta la raccolta porta a porta di plastica e lattine nei sacchi gialli come avviene per le aziende (il ritiro avverrà secondo un calendario prestabilito).

Come riconoscere gli informatori ambientali. Come sempre gli informatori ambientali di Hera saranno riconoscibili dall’apposita pettorina gialla con la scritta «informatore ambientale» e dal cartellino nominativo. Onde evitare disguidi, la multiutility ricorda che “in nessun caso possono accettare denaro e in caso di dubbio, si potrà sempre chiedere conferma del nominativo al servizio clienti Hera chiamando il numero telefonico 800999500”. Alle utenze della zona industriale saranno consegnati anche una nuova pattumiera aerata e una dotazione di sacchetti per l’organico (alle famiglie), i sacchi gialli per la plastica e le lattine e quelli azzurri per la carta.

L’organizzazione differisce da quella già in vigore nel resto della città, che si fonda sostanzialmente sulle postazioni stradali che accorpano sei cassonetti (umido, indifferenziata, carta, plastica, vetro, sfalci) da aprire con la tessera (a parte il vetro). Da notare, però, che anche le tessere degli utenti della zona industriale potranno essere utilizzate e funzioneranno, qualora occorresse, per il conferimento dei rifiuti in tutti i cassonetti presenti a Imola e presso la stazione ecologica, tutte le volte che si vuole, senza limiti.

In caso di dubbi, per sabato 24 febbraio è in programma un ulteriore momento informativo presso il centro sociale La Stalla di via Serraglio, dalle ore 9 alle 13 e dalle ore 15 alle 19. I nuovi contenitori fino al 26 marzo rimarranno comunque aperti per favorire un passaggio graduale al nuovo servizio, non sarà quindi necessario utilizzare le tessere nominative per aprirli.

r.c.

Nuova raccolta rifiuti, da lunedì distribuzione delle tessere nella zona industriale
Cronaca 25 Gennaio 2018

A Imola nasce il “Bosco in città' con 5000 nuove piante

In molti avranno notato dall’inizio di questa settimana dei giardinieri intenti a piantare dei piccoli alberi nelle aree verdi arate tra via Pio IX e via Kolbe (di fianco alla palestra Ravaglia). Si tratta delle prime piantumazioni del progetto “Bosco in città” che prevede il posizionamento di 5000 nuovi alberi all’interno della città a costo zero per il Comune perché finanziati dalla società AzzeroCO2, che genera crediti di emissione di anidride carbonica che vengono venduti alle aziende per compensare le emissioni inquinanti.

Le piante verranno inserite in tredici diverse aree verdi (suddivise tra via Kolbe, via Pio IX, via della Costituzione, via Rosa Luxemburg, via Montericco e San Prospero) per un’estensione complessiva di 25 mila metri quadrati. Qui verranno piantate delle specie autoctone, ovvero acero campestre, orniello, frassino angustifoglia, leccio, farnia, pero selvatico, roverella, carpino nero, bagolaro, ciliegio selvatico e melo selvatico.

Ad occuparsi dell’intervento è la coop Cims. “Abbiamo dovuto aspettare un po’ affinchè si asciugasse il terreno, ma fino a fine marzo è il periodo perfetto per piantare perché le piante sono ”ferme” e così piccole sono resistenti alle gelate – dice Loris Pasotti, responsabile unità operativa Verde dei Area Blu -. Se il tempo resterà bello, nel giro di una settimana completeremo i lavori“.

gi.gi.

A Imola nasce il “Bosco in città' con 5000 nuove piante
Cronaca 25 Gennaio 2018

Si è insediata il commissario Adriana Cogode. Gestirà Imola fino alle elezioni

Il commissario prefettizio per la gestione dell”ordinaria amministrazione comunale imolese è arrivata in città: è Adriana Cogode, viceprefetto vicario di Bologna.

Tre settimane fa, era il 4 gennaio, il sindaco Daniele Manca aveva rassegnato le dimissioni da primo cittadino “per alto senso delle istituzioni”, aveva detto, ovvero per concentrarsi sulla campagna elettorale nazionale. Ieri le dimissioni di Manca, diventate effettive dopo il periodo di rito, sono state presentate al Prefetto che le ha accolte e, come era probabile, ha nominato un commissario che resterà in carica fino alle elezioni comunali che si terrano fra aprile e giugno (la data he circola, ma ancora ufficiosamente, è il 27 maggio). Sempre da ieri anche la Giunta è sciolta e gli assessori sono ufficialmente liberi dagli incarichi istituzionali.

Come anticipato, il Prefetto ha nominato un commissario prefettizio, che si è insediato questa mattina in municipio ed avrà il compito di gestire l”ordinaria amministrazione comunale fino all”elezione del nuovo sindaco.

Chi è. Si tratta, come detto, di Adriana Cogode, viceprefetto vicario di Bologna, nata a Genova ma laureatasi a Messina in Giurisprudenza, dunque entrata nella carriera prefettizia 32 anni fa. Nel proprio curriculum vanta una approfondita esperienza nell”ambito dei rapporti con gli enti locali ma anche nella gestione delle emergenze naturali e dell”ordine e sicurezza pubbliche. Nel corso della carriera ha assunto la dirigenza delle varie aree prefettizie. Fra le emergenze gestite figurano quella della realizzazione delle elisuperfici di soccorso nelle isole Eolie nel 1998 e quella dei rifiuti siciliani fra il 2000 e il 2006. Come commissario straordinario ha gestito i comuni di Castelnuovo di Sotto e Correggio, in provincia di Reggio Emilia. Ricopre diversi ruoli anche nel campo dell”antimafia e della prevenzione delle infiltrazioni mafiose.

mi.mo

Nella foto: Adriana Cogode accolta in municipio dall”ex sindaco Daniele Manca

Si è insediata il commissario Adriana Cogode. Gestirà Imola fino alle elezioni
Cronaca 24 Gennaio 2018

“Chiedilo al direttore', i consigli per trovare lavoro degli addetti ai lavori di Hera, Sacmi, Crif e Curti

Domani sera giovedì 25 gennaio alle 20.30 torna l”appuntamento “Chiedilo al direttore”, seconda di tre serate organizzate dal Comitato giovani soci della Bcc ravennate, forlivese & imolese, per aiutare i giovani a inserirsi nel mondo del lavoro.

Dopo la serata dello scorso novembre dedicata a come si cerca un lavoro, questa volta il focus sarà su come affrontare il colloquio.

“Ottenere un colloquio è una grossa opportunità, soprattutto perché rara. Bisogna giocarsela bene. Come fare? Lo chiederemo direttamente a chi i giovani li valuta e li seleziona. Anzi, saranno i ragazzi stessi a chiederlo direttamente ai direttori. Per una volta, i ruoli si invertono”.

In sala saranno presenti i direttori delle risorse umane delle aziende Hera, Sacmi, Crif e Curti. L”appuntamento, ad ingresso libero, è per domani giovedì 25 gennaio, alle ore 20.30, presso la sala Bcc, in via Emilia 210/a.

“Chiedilo al direttore', i consigli per trovare lavoro degli addetti ai lavori di Hera, Sacmi, Crif e Curti
Sport 24 Gennaio 2018

Lorenzo Bilotti alle Olimpiadi invernali in Corea, il velocista gareggerà nel bob a 4

Il forte velocista dell’Atletica Imola Lorenzo Bilotti farà parte della spedizione italiana alle Olimpiadi invernali in Corea del sud. Bilotti gareggerà nella disciplina del bob a 4. La notizia della scelta del Coni è arrivata in questi giorni. 

Bilotti si è avvicinato a questa specialità solo nella scorsa stagione invernale e come compagni d’avventura avrà Simone Bertazzo, Francesco Costa, Simone Fontana e Mattia Variola (compresa la riserva). In linea di massima il velocista lughese dovrebbe essere l’ultimo dell’equipaggio a salire sul bob in qualità di frenatore, ovvero l’atleta che corre più degli altri.

Le Olimpiadi invernali si svolgeranno a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. 

r.s.

Nella foto il team azzurro, Lorenzo Bilotti è il secondo da sinistra

Lorenzo Bilotti alle Olimpiadi invernali in Corea, il velocista gareggerà nel bob a 4
Cronaca 24 Gennaio 2018

Pronti 55 alloggi a canone sociale, priorità ad anziani, disabili e giovani coppie

Quest”anno cinquantacinque nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica saranno affittati a canone sociale da parte dell”Amministrazione imolese. Si tratta di 26 alloggi già disponibili e 29 prima sfitti ed ora in fase di risistemazione. Le nuove assegnazioni avverranno già nelle prossime settimane ad opera di Acer, la cui graduatoria darà priorità alle persone anziane, ai disabili ma anche alle coppie giovani, così come stabilito dalla Giunta imolese.

Nuovi alloggi. Il programma di ristrutturazione delle case popolari prevede l”impiego di quasi 600 mila euro destinati dalla Regione (374 mila euro) e dalla stessa Amministrazione comunale (230 mila euro che il Comune ha ricavato dalla vendita di alloggi Erp). Con tale importo il Comune intende recuperare 29 alloggi attualmente sfitti tutti ubicati nel territorio imolese. I nuovi alloggi saranno affittati a canone sociale tramite graduatoria comunale non appena risistemati. I lavori includono tinteggiatura, ripristino infissi e messa a norma degli impianti.

“La precarietà del lavoro e l’impoverimento delle reti familiari ha generato una crescita del disagio abitativo – ammette l”assessore alla Casa e alle Politiche sociali Roberto Visani -. Con questo intervento andremo a recuperare un pezzo importante di patrimonio pubblico che consentirà a diverse famiglie di avere a disposizione una soluzione abitativa a canone sociale. Dalle condizioni abitative di ogni persona discende infatti la possibilità di stare bene nella propria comunità e di realizzare i propri progetti di vita”.

mi.mo

Pronti 55 alloggi a canone sociale, priorità ad anziani, disabili e giovani coppie
Sport 24 Gennaio 2018

Calcio serie A, l'Hellas Verona è a Imola e si allena al Bacchilega oggi e domani

Dopo lo 0-3 di domenica scorsa contro il Crotone, l’Hellas Verona sembrava sul punto di cambiare l’allenatore, esonerando mister Fabio Pecchia. Il presidente Maurizio Setti, invece, ha deciso di confermare il tecnico e di mandare la squadra in ritiro in vista della delicata trasferta di Firenze di domenica 28 gennaio. Sede scelta: Imola, con la squadra che è arrivata ieri in città ed alloggerà all’Hotel Donatello, allenandosi oggi (dalle ore 11 alle 13) e domani mattina al Centro Tecnico Bacchilega, di fatto alternandosi con l’Imolese. Orari un po” complicati ma può valere la pena per vedere all’opera Pazzini, Cerci e gli altri calciatori gialloblù.

Nella foto (dalla pagina Facebook ufficiale dell”Hellas Verona): Cerci e compagni dopo un gol

Calcio serie A, l'Hellas Verona è a Imola e si allena al Bacchilega oggi e domani

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast