Imola

Cronaca 9 Agosto 2019

Museo archeologico: dalla Fondazione Cassa di risparmio un contributo di 100.000 euro

La Fondazione Cassa di risparmio di Imola ha stanziato un contributo di 100.000 euro per il primo lotto di interventi finalizzato al completamento e qualificazione culturale dei Musei civici con l’addizione della sezione archeologica nel complesso di San Domenico.

«Considerato che il ricco patrimonio archeologico imolese necessita di interventi di studio e manutenzione ai fini di una futura esposizione, si è ritenuto di porre attenzione prioritariamente ai contesti funerari di età villanoviana recentemente recuperati e all’area archeologica della “Domus del rasoio” posta all’interno del percorso museale», spiega la determina di accettazione dei contributo del Comune.

Inoltre, «l’Amministrazione si riserva la facoltà di accogliere anche contribuzioni erogate da soggetti pubblici o privati a titolo di mera liberalità a sostegno delle iniziative sopra descritte, e, in particolare, ad attività a sostegno della cultura», aggiunge il documento.
«I Servizi referenti della attività provvederanno a pubblicare sul portale individuato dal Ministero dei beni e delle attività culturali www.artbonus.gov e tramite apposita sezione dedicata all’interno dei siti web del Comune di Imola l”ammontare delle erogazioni liberali ricevute in riferimento ai progetti che possono essere riconosciuti quali interventi “Art bonus”, la destinazione e l”utilizzo delle stesse». (r.cr.)

Nella fotografia di repertorio, Palazzo Sersanti, sede della Fondazione Cassa di risparmio di Imola

Museo archeologico: dalla Fondazione Cassa di risparmio un contributo di 100.000 euro
Cronaca 9 Agosto 2019

Bretella: in arrivo corsie “strette' nel sottopasso ferroviario, lavori dal 26 agosto

Cantiere in vista il 26 agosto sull’asse attrezzato. Cominceranno i lavori per ridisegnare la segnaletica a terra e spostare le cordolature per concretizzare il progetto definito da Area Blu, su mandato dell’Amministrazione comunale, per cercare di ovviare al «collo di bottiglia» del sottopasso ferroviario (e di via Pambera).

I lavori comporteranno la realizzazione di due corsie di marcia in direzione della zona industriale e di una sola in direzione opposta in modo da utilizzare al meglio lo spazio disponibile in corrispondenza del sottopasso della ferrovia.
Lo spazio a disposizione non è molto quindi per chi viaggia verso la zona industriale le corsie saranno di 3 metri ciascuna mentre per chi viene dalla parte opposta la corsia sarà di 3 metri e mezzo.

La spesa prevista è di 57.000 euro, in un complessivo quadro economico di 70.000 con fondi dell’avanzo sbloccato in autunno per gli investimenti. (l.a. mi.ta.)

Ulteriori dettagli nell’articolo pubblicato sul “Sabato sera” dell”8 agosto

Fotografia di Marco Isola/Isolapress

Bretella: in arrivo corsie “strette' nel sottopasso ferroviario, lavori dal 26 agosto
Cronaca 9 Agosto 2019

Autodromo senza sponsor sulla torre

La torre direzionale dell’«Enzo e Dino Ferrari» dal 31 luglio è tornata ad essere cromaticamente anonima: dal biancoverde di Dekra a solo bianca.
Come aveva preannunciato, la società tedesca leader mondiale nei servizi per industria, automotive e terziario avanzato ha infatti rescisso il contratto che aveva siglato con Formula Imola, la società che gestisce l’attività dell’autodromo.
Promuoversi a Imola – ha motivato – è diventato infatti troppo costoso per via degli aumenti tariffari per la pubblicità negli spazi pubblici varati a inizio 2019 dall’Amministrazione comunale.
Aumenti ancor più onerosi per chi, come Dekra, volesse appunto legare la propria immagine all’autodromo, in quanto area passata di categoria, da «normale» a «speciale», nella quale ora fare pubblicità costa molto di più.
Per ora, però, ciò si è tradotto in migliaia di euro persi dall’autodromo. (lo. mi.)

Fotografia di Marco Isola/Isolapress

Autodromo senza sponsor sulla torre
Cronaca 9 Agosto 2019

Marco Gasparri (Confindustria): “Imola ferma da un anno'

«A livello territoriale abbiamo un sistema bloccato. Sembra che mutuiamo gli stessi errori dalla scena nazionale, perpetrandoli con la stessa dose di sadismo».
E’ duro il giudizio di Marco Gasparri, presidente della delegazione di imprenditori di Imola che aderiscono a Confindustria, sul primo anno di lavoro dell’Amministrazione Sangiorgi.

«Non fare le cose per paura di sbagliare è il più grande errore che ogni amministratore pubblico, general manager, amministratore delegato di impresa possa fare – aggiunge, nell’intervista di Lorena Mirandola pubblicata sul numero del “Sabato sera” in edicola –. In più, in questo territorio siamo viziati da un desiderio di vendetta nei confronti delle amministrazioni precedenti».

Ancora, «in tutti gli incontri fatti con l’Amministrazione comunale mi sono sentito dire che sonostate ereditate delle situazioni drammatiche – continua –. Ma anziché avere un approccio del tipo: “Bene, qualcuno ha governato per un tot di anni su questo territorio, noi dobbiamo dimostrare di fare meglio, scordandoci di quello che hanno fatto gli altri”, si ricorre sempre allo stesso alibi. E’ troppo facile, perché in questo modo non si affrontano davvero i problemi».

Insomma, «abbiamo perso un anno a litigare. Con Formula Imola, l’Accademia pianistica, il ConAmi, Area Blu – conclude Gasparri –. Ci sono troppi fronti aperti. Prima di pensare alle vendette, che si pensi a fare le cose fatte bene e meglio. Se quello che ha realizzato Manca nel suo ultimo mandato era “il male”, il male si può correggere, migliorare, ma non si può eliminare».

Fotografia di Marco Isola/Isolapress

Marco Gasparri (Confindustria): “Imola ferma da un anno'
Cronaca 8 Agosto 2019

Festa non autorizzata sospesa. Identificati molti avventori minorenni

Festa non autorizzata sospesa a seguito di un controllo congiunto della Polizia municipale e del Dipartimento di sanità pubblica dell”Azienda usl nella serata di ieri. Fra gli avventori sono stati identificati molti minorenni.

«La festa era stata pubblicizzata come “free drink” e “birra pong”, intrattenimenti che portano all”abuso di bevande alcoliche – spiegano dal Comune –. Per le nuove generazioni l’abuso di alcol è un nemico più subdolo rispetto alle droghe: non viene percepito come pericoloso, e la sottostima del rischio porta a liquidare come inevitabili incidenti di percorso episodi che dovrebbero invece essere considerati veri e propri campanelli di allarme, come finire al Pronto soccorso o essere fermati per guida in stato di ebbrezza».

«Da tempo arrivavano segnalazioni di feste non autorizzate sul territorio imolese con abuso di sostanze alcoliche da parte di soggetti minorenni poi costretti alle immediate cure del Pronto soccorso – aggiunge Andrea Longhi, assessore alla Sicurezza e alla Legalità –. Un fenomeno dilagante ed altamente dannoso per la salute e l”incolumità pubbliche, in particolar modo riguardante le fasce più giovani della cittadinanza, che vogliamo fortemente contrastare attraverso l”attivazione sinergica di tutte le forze dell”ordine intensificando i controlli nei luoghi oggetto di feste non autorizzate».

Fotografia di Marco Isola/Isolapress

Festa non autorizzata sospesa. Identificati molti avventori minorenni
Sport 8 Agosto 2019

Aperture autodromo, weekend «pieno» per entrare all'Enzo e Dino Ferrari

Avanti con le possibilità di entrare all’Enzo e Dino Ferrari. Nel periodo che prendiamo in considerazione questa settimana, l’autodromo sarà aperto, sempre nella fascia oraria che va dalle 18.45 alle 20.30, oggi (giovedì 8), venerdì 9 e domenica 11 agosto.

E’ ovviamente consentito l’accesso alla pista a piedi e con mezzi meccanici non a motore. (d.b.)

Aperture autodromo, weekend «pieno» per entrare all'Enzo e Dino Ferrari
Cronaca 8 Agosto 2019

In arrivo dalla Regione oltre 37 mila euro per un progetto di educazione musicale del Comune di Imola

C”è anche un progetto imolese tra i beneficiari di una nuova tranche di finanziamenti che la Regione Emilia-Romagna ha deciso di destinare a iniziative di educazione musicale. «Confermando le promesse fatte con la legge sulla musica, prima in Italia nel suo genere – sottolinea la consigliera regionale del Partito Democratico Francesca Marchetti – saranno finanziabili altri cinque progetti per un totale di 130.110 euro su tutto il territorio regionale da Imola, a Reggio Emilia, da Modena a Ferrara».

A Imola l”ulteriore contributo regionale, pari a 37.585 euro, è destinato all”iniziativa “Suonando e cantando insieme si cresce 2.0”, proposta dal Comune di Imola. Tra le motivazioni della Regione c”è il riconoscimento dell”educazione alla musica come modo efficace per promuovere integrazione, aggregazione e solidarietà. Come si ricorderà, nelle settimane scorse l”Assemblea legislativa dell”Emilia Romagna aveva approvato anche il progetto di legge sugli interventi straordinari nei settori dell’alta formazione musicale, dei beni e delle attività culturali che prevedeva anche un contributo straordinario alla Fondazione Accademia Internazionale di Imola – Incontri con il Maestro di 200 mila euro all’anno fino al 2021.

A completare il quadro, poi, la Marchetti cita i finanziamenti legati alla legge regionale 37, che premia i progetti di promozione culturale. «Nel circondario imolese – conclude la consigliera regionale – sono arrivati 86 mila euro anche per otto progetti da Imola a Castel San Pietro Terme, proprio per valorizzare la cultura popolare, la storia e le tradizioni locali, sostenendo inoltre la realizzazione di progetti di promozione dell’arte contemporanea, della creatività giovanile, valorizzando i nuovi talenti e la diffusione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile. Si tratta di interventi straordinari nei settori dell’alta formazione musicale, dei beni e delle attività culturali». (r.c.)

Nella foto la consigliera regionale Francesca Marchetti

In arrivo dalla Regione oltre 37 mila euro per un progetto di educazione musicale del Comune di Imola
Cronaca 7 Agosto 2019

Contributo per l'affitto, si apre il bando per i residenti nel comune di Imola. Si può fare domanda fino al 13 settembre

A partire da domani, 8 agosto, si aprirà il bando per accedere al “Fondo per il sostegno all”accesso alla locazione” riservato ai residenti nel comune di Imola. Fino al 13 settembre si potrà presentare domanda all”Asp circondario imolese per ottenere il contributo per il pagamento dell”affitto della casa in cui si abita, compilando il modulo che può essere ritirato agli Sportelli sociali dell’Asp oppure scaricato direttamente dal sito internet aziendale.

L”Asp ha predisposto il bando in ottemperanza ai criteri stabiliti dal Consiglio comunale di Imola con la delibera 91 del 9 luglio 2019, divenuta esecutiva il 2 agosto, dopo un confronto con le organizzazioni sindacali. Il fondo complessivo messo a disposizione dall”Amminsitrazione imolese è di 200 mila euro, interamente finanziato con risorse locali. Tale importo sarà ripartito equamente tra tutte le domande in regola con i criteri fissati dalla delibera stessa. 

Potranno pertanto presentare domanda soltanto i residenti nel territorio del comune di Imola, che abbiano avuto in locazione un alloggio nel 2018 e un Isee (indicatore di situazione economica equivalente) non superiore a 10 mila euro. In caso di morosità, la somma destinata al richiedente sarà assegnata direttamente al proprietario dell”alloggio, a sanatoria della situazione debitoria dell’affittuario. Ricordiamo che nel 2018 furono raccolte in tutto 385  domande, di cui 356 valide. (r.cr.) 

Contributo per l'affitto, si apre il bando per i residenti nel comune di Imola. Si può fare domanda fino al 13 settembre
Cronaca 7 Agosto 2019

Dalla Regione 105 mila euro per eventi e progetti sportivi nel territorio imolese

In questi giorni sono state rese note le graduatorie dei bandi regionali per eventi e progetti in ambito sportivo, uno dedicato agli eventi di rilevanza regionale o sovraregionale, l’altro ai progetti di promozione della pratica sportiva. L’Emilia-Romagna, quest”anno, aveva messo a disposizione più di 2,7 milioni di euro. «Per la Città Metropolitana di Bologna, i fondi complessivi sono poco meno di 700 mila euro, di questi 105 mila arrivano nell’Imolese – spiega la consigliera  La somma è quasi interamente destinata alla realizzazione di eventi sportivi di rilevanza regionale e sovraregionale».

Nello specifico, ricevono un contributo gli eventi «Dal Parcheggio: una strada verso il mondo» organizzato dal Csi e «Sport al Centro» del Comune di Imola. Finanziamenti anche a «Impazzendo per lo sport» della onlus Lo sport è vita, «Scherma Estate 2019» del circolo della scherma di Imola, che è stata premiata anche per un progetto di promozione sportiva, il «Babyvolley 2019» di Diffusione sport e il «Replay volley» della polisportiva Csi Clai. (d.b.)

Nella foto (dalla pagina facebokk di Diffusione Sport): il «Babyvolley 2019»

Dalla Regione 105 mila euro per eventi e progetti sportivi nel territorio imolese
Cronaca 7 Agosto 2019

Millequattrocento pazienti del 2018, Montecatone eccellenza nazionale

Circa millequattrocento pazienti assistiti nel corso dello scorso anno, sia in ricovero ordinario sia in day hospital, provenienti da tutto il territorio nazionale (il 65% da fuori Emilia-Romagna).
Numeri e percentuali riportate nel Bilancio di missione 2018 del Montecatone Rehabilitation Institute e che lo confermano come il polo riabilitativo di riferimento in Italia per Pazienti con lesione midollare o cerebrolesione acquisita.

I ricoveri in Degenza ordinaria sono stati 673 (566 con lesione midollare, 92 con grave cerebrolesione acquisita oltre a 15 ricoveri in Riabilitazione intensiva). Il 60% dei pazienti ricoverati per lesione midollare era di origine traumatica, (incidenti stradali, tuffi, cadute), il 40% restante distribuito in oncologico, degenerativo o vascolare.

La presenza di un’Area critica, esperienza unica nel panorama nazionale, permette una presa in carico riabilitativa precoce da parte di una equipe multiprofessionale e mutidisciplinare e di lavorare contemporaneamente sulla stabilizzazione del quadro clinico e sul percorso riabilitativo.
Tra i vari percorsi specialistici l’Unità assistenziale degenze specialistiche ha registrato 199 ricoveri, di cui 84 per lesioni da pressione con 51 interventi chirurgici, 14 per la Chirurgia funzionale dell’arto superiore, 25 per il percorso neuro-urologico, 22 di Bowel Management (problematiche gastrointestinali neurogene), 33 per la spasticità con 30 interventi di chirurgia per impianto/sostituzione infusore intratecale e 21 di Follow-up.

Una leadership raggiunta grazie a un meticoloso lavoro di squadra che «coinvolge governance, medici, operatori della fondazione Onlus e volontari delle associazioni – sottolinea Mario Tubertini, direttore generale del Montecatone Rehabilitation Institute –, che  quotidianamente, con professionalità e umanità mettono cuore e impegno nel loro lavoro per raggiungere quel valore in più che molti ci invidiano dando sempre più a questa struttura la fisionomia di una casa piuttosto che di un ospedale». (r.cr.)

Nella fotografia, il direttore generale Mario Tubertini

Millequattrocento pazienti del 2018, Montecatone eccellenza nazionale

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast