Ozzano dell’Emilia

Ozzano sul grande schermo grazie a “Gli asteroidi' del regista Germano Maccioni

La crisi economica ha svuotato i capannoni e il futuro di Pietro e Ivan, due diciannovenni di provincia in conflitto con un mondo del quale non si sentono parte e “costretti” a vivere di furti. Ma per quanto possa essere difficile la vita, una minaccia più grande può sempre essere dietro l”angolo: un grande asteroide in procinto di passare vicino alla Terra, così vicino che potrebbe distruggere l”intero pianeta e le stesse vite di Ivan e Pietro…

Fortunatamente si tratta della trama del film “Gli asteroidi” che il regista ozzanese Germano Maccioni ha girato in parte nel proprio comune e che l”Amministrazione in collaborazione con il Circolo Arci Ozzano ha deciso di proiettare domani sera (martedì) 6 marzo alle 21 presso la Sala Primavera di corso Garibaldi 36 (biglietto unico 5 euro).

“Perchè questo film – spiega il sindaco Luca Lelli -? Per due buoni motivi: primo perchè si tratta del primo lungometraggio diretto da un nostro concittadino, Germano Maccioni, e secondo perchè gran parte del film è stato girato sul nostro territorio nell”estate del 2016. E poi si tratta di un ottimo film”.

Al termine della proiezione ci sarà un incontro con lo stesso regista Germano Maccioni presente in sala, che racconterà la sua opera prima dalla nascita alla nomination come miglior film guadagnata al Festival di Locarno. Una curiosità: la colonna sonora del film è firmata da Lo Stato Sociale, gruppo bolognese arrivato secondo all”ultimo Festival di Sanremo.

r.c.

Nella foto: il magazzino ex Buton di Ozzano dove sono state girate alcune scene del film

Ozzano sul grande schermo grazie a “Gli asteroidi' del regista Germano Maccioni
Sport 3 Marzo 2018

Basket C Gold, anche la Salus si inchina ai Flying Ozzano

Vittoria fondamentale per i Flying Ozzano che superano 84-76, nel derby, la Salus, quarta forza del campionato e, in attesa del big match di domani tra Fiorenzuola e Vsv Imola, si gustano il primo posto solitario in classifica, oltre a vendicare il ko dell”andata.

I biancorossi partono contratti e, nel primo quarto, subiscono l”aggressività degli ospiti che provano subito ad allungare (7-0). Dordei, Agusto, Folli e Corcelli non ci stanno e dalle loro mani parte la rimonta fino al +2 a pochi secondi dal termine, prima della «bomba» di Stojkov che chiude la prima frazione a vantaggio dei bolognesi (19-20). Nel secondo parziale, la squadra di coach Grandi blinda come al solito la difesa e continua a manovrare alla grande in attacco grazie anche all”apporto di Magagnoli. La Salus trova difficoltà a trovare la via del canestro e all”intervallo lungo il punteggio dice 42-34 per i padroni di casa.

Nel secondo tempo si parte subito con un quarto dove gli attacchi prevalgono sulle difese. Ancora Corcelli protagonista insieme a Folli per cercare di annientare la resistenza degli avversari che però si affidano al leader Percan per rimettere in piedi il match. All”ultimo riposo è +14 biancorosso (70-56). L”ultimo quarto è, però, tutto di marca ospite. Ozzano di colpo perde ogni certezza in attacco e smette di segnare (solo 7 punti in 8 minuti) con la Salus che lenta, ma inesorabile si fa sempre più sotto (79-74). A poco più di 60 secondi dalla sirena gli antisportivi fischiati a Chiusolo e Dordei fanno pensare al peggio, ma i due liberi di Masrè, dello stesso Dordei e di Corcelli chiudono definitivamente la contesa.

Nel prossimo turno, in programma sabato 10 (ore 20.30) ad Ozzano, le «Palle Volanti» affronteranno Castelnovo Monti.

d.b.

Tabellino

Laco-Salus 84-76 (19-20, 42-34, 70-56)

Ozzano: Folli 15, Chiusolo, Corcelli 21, Dordei 21, Agusto 9, Masrè 9, Morara 1, Lalanne 2, Magagnoli 6, Martini, Agriesti, Mengoli ne. All. Grandi.

Salus: Percan 17, Tugnoli 9, Polverelli 8, Stojkov 15, Trentin 16, Savio 4, Granata 6, Veronesi 1, Arletti, Branzaglia, Gebbia ne. All. Fili. 

Nella foto: Luigi Dordei, autore di 21 punti

Basket C Gold, anche la Salus si inchina ai Flying Ozzano
Economia 28 Febbraio 2018

Sfumato l'accordo con i cinesi, la lingerie de La Perla passa nelle mani della Sapinda Holding

Dopo le voci di inizio gennaio che davano un forte interessamento da parte del gruppo cinese Fosun (qui la news), la storica azienda bolognese La Perla, leader mondiale nel settore lingerie, è stata acquistata al 100% dalla Sapinda Holding, società di investimento di proprietà privata con investimenti in Europa, Africa, Medio Oriente e Asia e con uffici ad Amsterdam, Londra, Berlino e Hong Kong. «La Perla ha raggiunto, in questi anni, una vera presenza globale – dichiara Silvio Scaglia, presidente e fondatore di Pacific Global Management Group, la società che deteneva il controllo de La Perla – affermandosi come un brand del lusso di successo. Siamo soddisfatti che Sapinda abbia acquisito La Perla in quanto darà continuità alla nostra visione strategica posta a creare un brand globale del lusso che rappresenti le molteplici sfaccettature della femminilità. Ho avuto modo di conoscere e collaborare con Sapinda molti anni fa e, pertanto, sono sicuro che il nuovo investitore ha le risorse necessarie per sviluppare ulteriormente La Perla nella direzione e visione intraprese ad oggi, ovvero rafforzare la sua leadership di brand internazionale mantenendo la propria produzione in Europa».   

Soddisfazione anche negli uffici di Sapinda, come si evince dalle parole del Ceo Lars Windhorst. «Siamo lieti di annunciare l’acquisizione della società La Perla, un marchio iconico e uno dei principali attori nel modo del lusso. Siamo pronti ad investire ulteriormente, a migliorare la posizione finanziaria dell’azienda perseguendo la strategia di crescita intrapresa sino ad oggi. E’ da tempo che stiamo cercando di investire nel settore del lusso e, dopo aver analizzato una serie di opportunità negli ultimi mesi, siamo soddisfatti di aver raggiunto l’accordo per l’acquisizione di questa eccellenza del Made in Italy».   

d.b.

Nella foto (tratta dalla pagina facebook ufficiale de La Perla): l”interno di un negozio griffato

Sfumato l'accordo con i cinesi, la lingerie de La Perla passa nelle mani della Sapinda Holding
Sport 25 Febbraio 2018

Basket C Gold, i Flying Ozzano non fanno sconti e scalano anche il Titano

Non si ferma più la marcia dei Flying Ozzano che conquistano la dodicesima vittoria consecutiva, espugnando il campo di San Marino per 70-57. I 15 punti di Morara (top scorer ozzanese), uniti alle prestazioni di Agusto, Corcelli e Magagnoli permettono ai biancorossi di tornare in vetta alla classifica sempre in compagnia di Fiorenzuola e Imola.

Ozzano, con Dordei e Chiusolo in panchina solo per onor di firma, parte un pò contratta e nei primi minuti subisce il gioco dei padroni di casa. A metà primo quarto però i biancorossi cambiano marcia e, con una super difesa, stampano un break importante fino al 24-12 di fine parziale. Nel secondo quarto San Marino fa di tutto per provare a rientrare in partita arrivando fino a -5, poi un altro strappo dei ragazzi di coach Grandi rimanda ancora avanti i biancorossi per il 43-25 all”intervallo lungo.

Nel terzo quarto i Flying mantengono un vantaggio intorno ai 20 punti poi, complice anche le rotazioni più corte del solito e un certo appagamento fisiologico, lasciano a San Marino più campo in attacco, permettendogli di rosicchiare qualche punto prima dell”ultimo riposo (59-43). Nel quarto parziale, infine, il copione è più o meno lo stesso: Ozzano stenta un pò sotto canestro, chiude in difesa e il match si trascina senza particolari patemi fino alla sirena finale.

Nel prossimo turno, in programma sabato 3 marzo (ore 20.30) le «Palle Volanti» riceveranno in casa la Salus, quarta forza del campionato che all”andata regalò ai biancorossi la seconda sconfitta stagionale.

d.b.

Tabellino

San Marino-Laco 57-70 (12-24, 25-43, 43-59)

San Marino: Grassi 2, Ricci 5, Aglio 11, Sinatra 6, Calegari 17, Macina 3, Zannoni 1, Padovano 2, Galassi 10, Botteghi, Gamberini ne. All. Foschi.

Ozzano: Folli 6, Masrè 4, Morara 15, Corcelli 14, Agusto 14, Chiusolo ne, Lalanne 5, Magagnoli 12, Zambon, Dordei ne, Agriesti, Martini. All. Grandi.

Nella foto (dalla pagina facebook dei Flying Ozzano): Marco Morara, autore di 15 punti

Basket C Gold, i Flying Ozzano non fanno sconti e scalano anche il Titano
Sport 18 Febbraio 2018

Basket C Gold, i Flying Ozzano non si fermano più e superano anche la resistenza di Montecchio

Undicesima vittoria consecutiva per i Flying Ozzano che superano, in casa, Montecchio per 91-77 e mantengono la vetta della classifica.

La squadra di coach Grandi non parte benissimo all”alba del primo quarto (14-2 dopo 4”) e si lascia sorprendere dall”intraprendenza offensiva degli ospiti, concedendo troppo in fase difensiva. Corcelli e Dordei prendono in mano la squadra e, complice il buon apporto dalla panchina di Masrè, Magagnoli e Morara, i biancorossi riescono a contenere il passivo alla prima sirena (22-27). Nel secondo parziale, per contrastare un Di Noia in gran serata, anche Lalanne e Folli portano punti alla causa e il sorpasso diventa realtà a metà quarto sul 38-37. L”attacco ozzanese torna a girare a meraviglia, la difesa chiude ogni spazio e le «Palle volanti» scappano via fino al 56-43 all”intervallo lungo. 

Nel secondo tempo Montecchio prova a ridurre lo svantaggio sotto la doppia cifra, ma i Flying controllano e allungano ancora, spinti da Corcelli e Agusto. Gli ospiti faticano a trovare la via del canestro e, prima degli ultimi 10 minuti, il tabellone segna 77-57 per i padroni di casa. Nell”ultimo quarto parte meglio Montecchio che si riporta a -12 quando il cronometro segna -7” da giocare. Da lì in poi, complici errori al tiro e palle perse, bisogna aspettare gli ultimi minuti per vedere ancora muovere la retina. Ci pensano Magagnoli e Morara (18 punti alla sirena) a fissare il risultato finale e respingere gli ultimi flebili tentativi di Montecchio.

Nel prossimo turno, in programma domenica 25 (ore 18), i Flying Ozzano voleranno in terra straniera per affrontare San Marino.

d.b.

Tabellino

Laco-Montecchio 91-77 (22-27, 56-43, 77-57)

Ozzano: Folli 4, Chiusolo, Corcelli 23, Dordei 14, Agusto 10, Masrè 9, Morara 18, Lalanne 5, Magagnoli 8, Agriesti, Mengoli ne, Martini. All. Grandi.

Montecchio: Grisendi, Bertocco 2, Di Noia 28, Gruosso 8, Negri 4, Borghi, Guardasoni 3, Seclì 13, Guidi 4, Vanni 11, Giglioli, Basso 4. All. Cavalieri.

Nella foto (dalla pagina facebook dei Flying Ozzano): Nunzio Corcelli, autore di 23 punti

Basket C Gold, i Flying Ozzano non si fermano più e superano anche la resistenza di Montecchio
Cronaca 8 Febbraio 2018

Ozzano, tentato furto con scasso ai danni della biglietteria automatica di Trenitalia, ora fuori uso

Tentato furto nella notte fra martedì e mercoledì (ieri) ai danni della biglietteria automatica della stazione dei treni di Ozzano Emilia.

Inevitabili, fa sapere Trenitalia, i disagi per i viaggiatori. A causa dei gravi danni subiti, infatti, fa sapere che il ripristino della funzionalità della macchina non potrà avvenire in tempi brevi.

Dal canto suo Trenitalia ha già sporto denuncia, confidando anche che dall”analisi delle telecamere di sorveglianza possano emergere elementi utili all’individuazione dei responsabili.

r.c.

Nella foto: la macchinetta automatica di Ozzano danneggiata nel tentativo di furto

Ozzano, tentato furto con scasso ai danni della biglietteria automatica di Trenitalia, ora fuori uso
Sport 4 Febbraio 2018

Basket C Gold, i Flying Ozzano “passeggiano' su Fidenza e pensano già al derby contro la Vsv Imola

Nona vittoria consecutiva per i Flying Ozzano che superano con un sonoro 90-53 la malcapitata Fidenza.  I ragazzi di coach Grandi hanno giocato una grande partita sia dal punto di vista difensivo che offensivo, andando a referto con tutti i dodici giocatori scesi sul parquet. Inoltre, ben cinque hanno chiuso in doppia cifra: ai soliti Agusto, Dordei e Corcelli, autori rispettivamente di 16, 14 e 12 punti, si sono aggiunti Folli con 15 (5/6 dall”arco) e Lalanne con 13.

I biancorossi, senza Magagnoli infortunato e con Morara a mezzo servizio per un problema alla schiena, hanno indirizzato il match già nel primo quarto, l”unico dove gli ospiti sono riusciti di fatto a rimanere in scia dei padroni di casa. Dal secondo parziale in poi i Flying sono scappati via e dopo l”intervallo lungo il distacco è diventato sempre più largo fino alla sirena finale.

Con questi due punti in classifica le «Palle Volanti» momentaneamente hanno raggiunto la vetta della classifica, ma la testa sarà già al derby d”alta classifica di sabato 10 (alle 21) al palaRuggi contro la Vsv Imola.

d.b.

Tabellini

Laco – Fidenza 90 -53 (21-19, 40-27,65-38)

Ozzano: Mengoli 2, Folli 15, Masrè 2, Morara 2, Chiusolo 5, Corcelli 12, Lalanne 13, Zambon 2, Martini 4, Dordei 14, Agusto 16, Agriesti 3. All. Grandi. 

Fidenza: Bricchi 3, Barga ne, Tardivi 4, Dmitrovic, Longoni 5, Gangarossa ne, Giani 1, Bialkowski 4, Biasich 5, Morcinao 16, Diop Gaye. All. Zanardi.

Nella foto (dalla pagina facebook dei New Flying Balls): Aaron Lalanne, autore di 13 punti contro Fidenza

Basket C Gold, i Flying Ozzano “passeggiano' su Fidenza e pensano già al derby contro la Vsv Imola
Sport 1 Febbraio 2018

Calcio, «righe della discordia», sconfitta a tavolino per l'Ozzano Claterna (che farà ricorso)

In Terza categoria l”ultima giornata di campionato verrà ricordata come quella delle “righe della discordia”. Ad Ozzano, infatti, il Claterna non ha potuto disputare la propria gara interna contro la Sporting Pianorese e, come si legge dal comunicato ufficiale Figc -Bologna uscito oggi, «letti gli atti ufficiali da cui si evince che la gara in oggetto non si e” potuta disputare per mancanza di segnatura del terreno di gioco anche dopo il tempo di attesa previsto dal regolamento, il Giudice Spotivo delibera di infliggere alla Societa” Ozzano Claterna la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0 a 3». «Abbiamo fatto varie foto che presenteremo alla Federazione – ha annunciato la dirigenza ozzanese – perché abbiamo intenzione di fare reclamo contro la sconfitta a tavolino»

Facendo un passo indietro, come si è arrivati a questo epilogo?

«Il direttore di gara, appena arrivato al campo, ha detto che le righe non si vedevano bene. Noi siamo in affitto allo stadio, ospiti dell’Ozzanese Calcio, quindi non dipende da noi presentare il campo nelle condizioni migliori per disputare la partita. Abbiamo provato a fare quello che si poteva, ripassando le righe, poi l’arbitro ha perlustrato il terreno di gioco con i capitani, ma quello della Pianorese l’ha convinto che non c’erano le condizioni per giocare e lui ha deciso di non assumersi la responsabilità».

Qual è stata la vostra reazione?

«Non abbiamo preso bene la decisione del direttore di gara. Il custode ha fatto quello che ha potuto; noi abbiamo provato a contattare il presidente dell’Ozzanese Calcio, Giuseppe Genova, ma lui era a Fontanelice con la sua squadra e non sarebbe mai arrivato in tempo».

A inizio anno c’era stato un caso simile con il Real San Lazzaro, anch’esso ospite ad Ozzano.

«Da parte nostra, posso dire che non ci sono cattivi rapporti con l’Ozzanese Calcio e non crediamo assolutamente alla malafede. Il custode ci ha detto che avevano giocato su quel campo il giorno precedente. Vedremo come si evolve la situazione: di sicuro dispiace perché stiamo facendo un buon campionato e ci giochiamo i play-off».

d.b. an.cas.

Nella foto: le righe “incriminate” sul campo dell”Ozzano Claterna

Calcio, «righe della discordia», sconfitta a tavolino per l'Ozzano Claterna (che farà ricorso)
Sport 28 Gennaio 2018

Basket C Gold, tutto facile per i Flying Ozzano contro Bologna Basket

Vittoria più facile del previsto per i Flying Ozzano che espugnano 75-52 il difficile campo del Bologna Basket e rimangono sempre, in coppia con Fiorenzuola, a -2 dalla capolista Imola.

I biancorossi di coach Grandi sono partiti subito forte, mettendo in chiaro già dalle prime giocate come sarebbe stato l”andamento del match. Dopo il +12 del primo quarto, Bologna Basket ha provato a rimanere in scia dei Flying, chiudendo la seconda frazione sotto di soli sette punti. E” però nel secondo tempo, o meglio nel terzo quarto, che le «Palle Volanti» hanno messo la sesta marcia sia in attacco che in difesa lasciando la miseria di 5 punti in 10 minuti ai padroni di casa. L”ultimo parziale è stato utile solo per le statistiche e per sancire un successo meritato, quello biancorosso, contro una nobile decaduta di questo campionato di C Gold. Mvp di serata Luigi Dordei, autore di 19 punti.

Nel prossimo turno, in programma sabato 3 febbraio (ore 20.30), i Flying affonteranno, in casa, Fidenza.

d.b.

Tabellino:

Bologna Basket-Laco 52-75 (14-26, 31-38, 36-59)

Bologna Basket: Poluzzi, Fin 26, Tugnoli 7, Cortesi 7, Brotza 10, De Pascale 5, Guerri 3, Cerulli, Bertuzzi, Saccà, Brigotti ne, Legnani 4. All. Lolli.

Ozzano: Folli 10, Chiusolo 8, Corcelli 10, Dordei 19, Agusto 9, Masrè 7, Morara 8, Lalanne, Magagnoli 3, Agriesti 1, Martini. All. Grandi.

Nella foto (dal profilo facebook dei New Flying Balls): coach Grandi durante un time-out

Basket C Gold, tutto facile per i Flying Ozzano contro Bologna Basket
Cronaca 28 Gennaio 2018

A Ozzano, giochi d'acqua e panchine al posto della fontana

Chi si trova a passare per il parco della Resistenza lungo via Aldo Moro, da tempo assiste al desolante spettacolo della fontana senz’acqua e con le piante secche all’interno. Ora, però, le cose stanno per cambiare e il Comune di Ozzano ha intenzione di riqualificare sia la fontana che l’area circostante.

A questo proposito, l’Amministrazione ha conferito all’architetto Elena Vincenzi l’incarico per la progettazione definitiva ed esecutiva. L’area verde che si affaccia su via Aldo Moro, infatti, è tra le più frequentate da cittadini e famiglie ozzanesi, così, nel corso degli anni 2015 e 2016, il Comune ha avviato un percorso partecipato, dal nome “Ozzano ti voglio bene”, allo scopo di coinvolgere i cittadini nell’individuare soluzioni per rinnovare il parco, con particolare riferimento alle dotazioni di arredo-ludiche e alla fontana esistente.

L’idea di mantenere un elemento d’acqua all’interno del parco è stata sostenuta dai più, per quanto in chiave più moderna e limitando le problematiche legate alla manutenzione richiesta dall’attuale vasca d’acqua, realizzata secondo il principio della fitodepurazione, ossia depurando le acque per mezzo delle piante.

Così l’Amministrazione comunale ha incaricato una professionista, l’architetto Elena Vincenzi appunto, che seguirà la progettazione, il coordinamento della sicurezza e la direzione lavori della nuova fontana per una spesa di 6.344 euro incluse spese e Iva di legge. Nei giorni scorsi, inoltre, è stata pubblicata la gara per affidare i lavori. Complessivamente, si tratta di un intervento da quasi 74 mila euro (Iva esclusa), decisamente una bella sommetta, più del doppio dei 31 mila euro previsti inizialmente dell’Amministrazione comunale.

Ma come cambierà l’aspetto di quella zona? In pratica, verrà trasformata in un’area di sosta e relax, con panchine e un angolo pensato principalmente per i bambini dai 2 ai 12 anni, quindi provvisto di giochi quali, ad esempio, due padiglioi per simulare l’effetto del telefono senza fili.

Sebbene non ci sarà più una fontana analoga all’attuale, il disegno della vecchia vasca verrà comunque mantenuto all’attraverso l’uso di pavimentazioni colorate. Non solo, verrà conservato un richiamo all’acqua attraverso un gioco d’acqua a raso e a una vasca degradante.

“Il gioco d’acqua – si legge nella relazione dell’architetto Vincenzi -, con ugelli a raso comandati da una centralina elettronica che li muove e li illumina, funzionerà principalmente nella bella stagione e consentirà anche di bagnarsi e giocare sotto la nuvola di gocce. La vasca degradante sarà invece sempre in funzione, anche nel periodo invernale, e permetterà di godere dello scorrere dell’acqua e di giocare e toccare la supericie di sioro anche ai più piccoli”.

“Il progetto è bello e ci ha convinto – commenta il sindaco, Luca Lelli -. Il bando per l’affidamento scadrà a fine gennaio. Vogliamo essere pronti per fare i lavori in primavera“. La ditta scelta, a quel punto, avrà sessanta giorni per completare tutto l’intervento.

gi.gi. si.ca.

Nella foto: la fontana del parco della Resistenza

A Ozzano, giochi d'acqua e panchine al posto della fontana

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast