Sabato Sera TV

Economia 5 Aprile 2018

Il gelo ha bruciato la produzione di albicocche, l'allarme degli agricoltori – VIDEO

Il gelo di fine febbraio ha messo in ginocchio per l’ennesima volta i produttori di albicocche, in particolare quelli della vallata del Santerno, dove le temperature sono scese oltre i dieci gradi sottozero. «Posso affermare, senza timore di essere smentito, di aver perso oltre il 90 per cento della produzione – esordisce Domenico Errani, che nella vallata del Santerno ha 12 mila piante su 17 ettari, 16 dei quali certificati biologici -. E da adesso in avanti posso solo rischiare di perdere la totalità del raccolto».

Le varietà precoci mature già in maggio sono evidentemente più esposte ai rigori invernali, anche le varietà tardive hanno però risentito delle basse temperature. Lo stesso Errani mostra nel video che ci ha mandato (pubblicato sul sito del sabato sera) gli effetti sulle gemme, in cui pistillo e ovario sono necrotizzati per il gelo. “Gelo e campagna a rischio”, l’allarme di Coldiretti e Cia Imola«La campagna 2018 dell’albicocca è a forte rischio». A lanciare l’allarme sono state nei giorni scorsi le organizzazioni agricole che ieri, 4 aprile, hanno incontrato l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli, assieme ai tecnici dell’assessorato.

Imola è leader in Italia nella produzione di albicocche con 1.100 ettari coltivati, pari al 20% della superficie che in Emilia Romagna è destinata a questa coltura e all’8 per cento a livello nazionale. «Purtroppo – constata Coldiretti Bologna – dopo i prezzi al di sotto dei costi di produzione del 2016, la grandinate e la siccità del 2017, con prezzi sempre non remunerativi, anche il 2018 è partito sotto i peggiori auspici. Già lo scorso anno gli inceppi e i bizantinismi nei complicati procedimenti parlamentari non avevano consentito il riconoscimento dello stato di calamità per la grandinata».

Lo stato di calamità consente infatti di attivare i finanziamenti del Fondo di solidarietà nazionale previsti dal decreto 102/2004 a sostegno delle imprese agricole, le cui produzioni sono danneggiate da calamità naturali ed eventi climatici avversi. «Ci auguriamo – afferma il presidente di Coldiretti Bologna, l’imolese Antonio Ferro – che quest’anno sia riconosciuta l’eccezionalità dell’evento, anche perché, purtroppo, a fine febbraio non era stato ancora raggiunto l’accordo tra le compagnie di assicurazione e i Consorzi di difesa per la campagna assicurativa, che avrebbe consentito ai produttori di assicurarsi. Se da una parte sul fronte delle assicurazioni ci sono novità positive come l’abbassamento della soglia di indennizzo e l’aumento del contributo sulle polizze, dall’altro occorre che le polizze siano calate nella realtà produttiva con strumenti chiari e comprensibili e che siano soprattutto snelle, visto che ancora oggi ci sono agricoltori che stanno facendo i conti con le polizze agevolate del 2015».

Sulla stessa lunghezza d’onda anche la Cia di Imola. «Ci vorranno giorni per fare una ricognizione che delinei la reale situazione delle campagne – commenta il presidente, Giordano Zambrini -. Ci troviamo di nuovo con il reddito delle aziende agricole messo a dura prova, ma anche le ripercussioni sull’indotto saranno significative, in quanto in alcune zone il raccolto è stato compromesso totalmente. L’Unione europea prevede lo strumento assicurativo come unica arma a difesa delle colture colpite dalle calamità atmosferiche, purtroppo, però, le procedure sono alquanto farraginose e complicate, senza tener conto dei programmi informatici che ancora oggi non funzionano a pieno regime. Solleviamo quindi nuovamente la necessità di un provvedimento normativo – esorta Zambrini – in grado di superare questa situazione paradossale che non favorisce, da parte delle imprese, il ricorso all’assicurazione». A farsi portavoce in Regione delle preoccupazioni delle associazioni di categoria e degli agricoltori è stato il consigliere regionale Roberto Poli. «Occorre ricercare tutte le azioni possibili a tutela della produzione di albicocche e delle imprese agricole – dichiara -. Per questo ho contattato l’assessore Caselli, promuovendo l’incontro del 4 aprile».

Altri particolari e testimonianze di agricoltori sul “sabato sera” in edicola dal 5 aprile.


lo.mi.

Nella foto uno degli agricoltori colpiti, Maria Montefiori nel suo campo a Posseggio

Il gelo ha bruciato la produzione di albicocche, l'allarme degli agricoltori – VIDEO
Sabato Sera TV 29 Marzo 2018

Il Duathlon Sprint fa tappa a Imola. Corsa e bici tra autodromo e Parco delle Acque. IL VIDEO

Domenica 15 aprile all”interno dell”autodromo di Imola e del Parco delle Acque Minerali si correrà il 1^ Duathlon Sprint, organizzato dall”Imola Triathlon.

Dovrebbero essere più di 200 gli atleti al via che si contenderanno la vittoria finale. La gara partirà al mattino e vedrà una frazione iniziale di corsa di 5 km che anticipa i 20 km (4 giri) in bici sulla pista del famoso circuito imolese, prima del gran finale con i restanti 2.5 km sempre adatta ai podisti.

r.s.

Foto tratta dalla pagina facebook dell”Imola Triathlon

Il Duathlon Sprint fa tappa a Imola. Corsa e bici tra autodromo e Parco delle Acque. IL VIDEO
Cultura e Spettacoli 13 Febbraio 2018

Imola, successo di pubblico per il Carnevale dei Fantaveicoli. Video, foto e vincitori

Complice la bella giornata, è stato un bagno di folla il Carnevale dei fantaveicoli di Imola che ha colorato domenica scorsa le strade del centro.

Il video di Lorena Mirandola e le foto Isolapress.

I VINCITORI

Categoria Maxi Fantaveicoli

1° classificato
… Un mondo fantastico…  – Rino Savini

2° classificato
Ciclocamper – Aps Campeggiatori dell”imolese

3° classificato
Sempre più in alto – Fabio Baron

Categoria Fantaveicoli
1° classificato
L”equilibrista – Vittorio Tassoni

2° classificata
Marilena Rossi – Dalle nostre valli “La famiglia dei fenicotteri”

3° classificato
Davide Ropa – Il Camaleonte

Gruppi mascherati
1° classificato
Gruppo mascherato Emoticoni – Wacky races

2° classificato
Gruppo mascherato Le arachidi imolesi – Carte romagnole, meno telefonino più beccaccino

3° classificato
Gruppo mascherato La compagnia dei babbi e delle mamme – L”Olimpo può attendere

Categoria Scuole Imola
1° classificata (assegnazione del Grifon d”oro fino al Carnevale 2018)
Slego la fantasia – Scuola Primaria Pelloni-Tabanelli (Ist. comprensivo n. 4)

Imola, successo di pubblico per il Carnevale dei Fantaveicoli. Video, foto e vincitori
Cronaca 11 Febbraio 2018

Ladro e pusher in manette grazie ai servizi ad alto impatto dei Carabinieri. Guarda il video

I nuovi servizi straordinari di prevenzione ad “Alto Impatto” dei Carabinieri di Imola hanno portato all”arresto di un ladro e un pusher.

Un bosniaco quarantacinquenne, da anni dimorante nell’imolese, è stato tratto in arresto per furto in abitazione. Si era introdotto in una casa di via de Rosa, dove aveva rubato del denaro contanti e alcuni gioielli, ma sorpreso dal proprietario è stato poi arrestato da una pattuglia dell’Arma.

I militari, inoltre, stanno costantemente monitorando il fenomeno degli stupefacenti nelle aree scolastiche con l’importante collaborazione da parte degli stessi Istituti Scolastici. Sempre nel corso della giornata di ieri, i Carabinieri di Imola hanno tratto in arresto uno studente ventenne per spaccio. A seguito di recenti segnalazioni di “movimenti sospetti” in orario di ricreazione in un’area esterna di un Istituto Scolastico del centro cittadino, è stato predisposto un apposito servizio che ha permesso si cogliere in flagranza un giovane ventenne mentre cedeva una dose di marijuana ad un diciannovenne. Successive perquisizioni del domicilio e personali del ventenne hanno permesso di rinvenire altri sei grammi di marijuana e 90 euro in contanti, ritenuti profitto dell’attività di spaccio.

Sono stati inoltre controllati 9 attività commerciali, 67 veicoli e identificate 176 persone. Negli ultimi giorni, la Compagnia di Carabinieri di Imola ha sottoposto a fermo d’indiziato di delitto anche gli altri due autori della rapina impropria avvenuta il 7 febbraio scorso all’interno del negozio “Zama Calzature” di Toscanella, nel corso della quale due Carabinieri erano rimasti feriti in maniera lieve. 

r.c.

Video di Lara Alpi

Foto Isolapress: in primo piano il capitano Claudio Gallù.

Ladro e pusher in manette grazie ai servizi ad alto impatto dei Carabinieri. Guarda il video
Cronaca 7 Febbraio 2018

Nella “nuova' stazione ferroviaria a breve i tornelli per accedere ai binari-VIDEO

In occasione della presentazione ufficiale del corposo intervento di restyling e riqualificazione della stazione ferroviaria di Imola, ieri Luca Cavacchioli, direttore produzione Emilia Romagna di Rfi, ha ricordato che «a breve anche Imola sarà dotata di tornelli videosorvegliati per il controllo automatizzato degli accessi ai binari». Si tratta di un progetto che riguarda altre 620 stazioni italiane. L”obiettivo è fare in modo che si possa arrivare ai binari e salire sui treni solo se in possesso di biglietto o autorizzazione. 

Per Imola c’è una complicazione col sottopasso del quarto binario, in realtà ciclopedonale di collegamento tra piazzale Marabini e l’area ex Cogne. «Stiamo valutando in accordo col Comune perché non è facile mettere tornelli in una zona di transito – ha spiegato Cavacchioli -, ci sono diverse ipotesi, ad esempio suddividere parte del sottopasso». Tra i punti in sospeso anche il bando per trovare qualcuno interessato a riaprire l’edicola.

l.a.

La foto e il video mostrano come si presenta la stazione ferroviaria oggi

Nella “nuova' stazione ferroviaria a breve i tornelli per accedere ai binari-VIDEO
Cronaca 1 Febbraio 2018

Sicurezza in città, parla il commissiario Adriana Cogode. IL VIDEO

Il commissario prefettizio Adriana Cogode, da poco insediata nel Comune di Imola dopo le dimissioni effettive del sindaco Daniele Manca, è intervenuta in conferenza stampa per spiegare quali misure saranno adottate per aumentare la sicurezza in città.

Nella foto: il commissario Adriana Cogode

Video a cura di Lara Alpi – montaggio redazione SabatoSera.it

Sicurezza in città, parla il commissiario Adriana Cogode. IL VIDEO
Cronaca 24 Gennaio 2018

Il sindaco Fausto Tinti racconta il bilancio di previsione: servizi, investimenti e meno debiti – VIDEO

36 milioni di euro di spesa, di cui 18 sono destinati agli investimenti. Sono questi i numeri che sottendono ad un anno di sfide importanti per il Comune di Castel San Pietro. Il sindaco Fausto Tinti ha presentato le linee guida del bilancio di previsione 2018 con progetti per la riqualificazione degli spazi urbani, rilancio dell’economia locale, scuole, attenzione per le fasce deboli e valorizzazione del territorio. Il bilancio sarà presentato e votato al prossimo consiglio comunale.

Cala il debito pro capite ad abitante, sceso a 221 euro a persona.

Nel 2018 sono previste anche nuove assunzioni che andranno a rimpolpare l”organico della macchina comunale.

Ulteriori approfondimenti sul “sabato sera” di giovedì 25 gennaio.

gi.gi.

Nella foto l’assessore al bilancio Anna Rita Muzzarelli e il sindaco Fausto Tinti. 

Il sindaco Fausto Tinti racconta il bilancio di previsione: servizi, investimenti e meno debiti – VIDEO
Cronaca 18 Gennaio 2018

Accordo tra Imola e Bologna per Chirurgia generale e senologica. Jovine opera a Imola

Presentazione ufficiale per i due nuovi accordi tra l”Azienda usl di Imola, Bologna e Azienda ospedaliera Sant’Orsola per lo sviluppo integrato delle attività di Chirurgia generale e Chirurgia Senologica. In sostanza Elio Jovine dell’Ausl di Bologna guida l”unità operativa interaziendale di Chirurgia generale e d’urgenza dell”Ausl di Imola e Bologna, mentre la struttura complessa di Chirurgia generale e della Mammella del Policlinico bolognese, diretta da Mario Taffurelli, diviene interaziendale integrandosi con la Breast Unit dell’Ausl di Imola. Le due reti cliniche sono operative dall’1 gennaio e un primo passo concreto c”è stato il 9 gennaio con il primo intervento eseguito da Jovine a Imola su un uomo di 63 anni di resezione per via laparoscopica dello stomaco. Il paziente è già stato dimesso.

La notizia era stata anticipata a novembre, in occasione dell”iniziativa all’Osservanza con l”assessore regionale Sergio Venturi sul futuro del sistema sociosanitario imolese in ambito metropolitano . Questi due accordi si affiancano alle sei reti cliniche interaziendali già avviate, previste dalla programmazione sanitaria della Conferenza socio sanitaria metropolitana.

L’attività di Chirurgia generale e senologica dell’Ausl di Imola fino alla fine del 2017 vedeva la presenza di una struttura semplice interaziendale di Chirurgia generale guidata dal Daniele Antonio Pinna del Sant”Orsola e di una struttura semplice dipartimentale di Chirurgia senologica sotto la responsabilità di Paolo Antonino Riccio. La fuoriuscita di entrambi i professionisti, l’uno per l’assunzione di un incarico all’estero e l’altro per pensionamento, è stata l”occasione per la riorganizzazione presentata ieri dai tre direttori generali coinvolti, Chiara Gibertoni (Ausl Bologna), Antonella Messori (Aosp) e Andrea Rossi (Ausl Imola).

“In linea generale – hanno dichiarato i direttori generali -, si tenderà a coniugare la ricerca della prossimità cioè la struttura ospedaliera più vicina alla residenza del paziente con le competenze ed i servizi accessori in grado di offrire le cure con il minor rischio possibile”. Questo significa che i medici dal capoluogo si sposteranno a Imola per eseguire interventi e integrare i medici all”interno di equipe allargate, mentre i pazienti dell”area imolese saranno indirizzati a Bologna per interventi più rischiosi o complessi che richiedano un approccio multidisciplinare.

Le competenze specialistiche di alto livello saranno disponibili presso tutte le strutture delle aziende, grazie alla mobilità dei professionisti e alla realizzazione di percorsi di collaborazione multidisciplinari. Gli accordi dovranno assicurare anche l”ottimizzazione nell’utilizzo delle tecnologie e lo sviluppo dei percorsi diagnostico-terapeutici aziendali ed interaziendali.

L’accordo con l”Ausl di Bologna prevede, oltre alla collaborazione per l’attività chirurgica tradizionale programmata e di urgenza, il potenziamento della chirurgia mini-invasiva per sviluppare nuove tecniche e riconvertire così parte delle attività svolte oggi con tecnica tradizionale. Infatti, la Chirurgia diretta da Jovine al Maggiore è sede di uno dei principali centri italiani per volumi di attività nel campo della chirurgia mini-invasiva e laparoscopica (con questa tecnica si realizzato il 45% degli interventi di chirurgia epatica, il 20% di chirurgia pancreatica e l’83% di tutte le resezioni coliche sia in ordinario che d’urgenza). L’accordo prevede che l’attività per le patologie più frequenti (colon, stomaco e  surreni) sia svolta presso la sede di Imola attraverso gruppi multidisciplinari comuni per patologia oncologica, mentre le patologie neoplastiche più complesse, meno frequenti, quale epatico-biliare e pancreas, saranno centralizzate al Maggiore.

Per quanto riguarda la Chirurgia senologica il team dei chirurghi (tre del Sant’Orsola, due di Imola, oltre al direttore) ruoterà sulle due sedi: gli interventi di routine saranno svolti sia a Imola che a Bologna, per garantire alle pazienti la maggior vicinanza alla propria residenza, mentre al Sant’Orsola saranno svolti gli interventi che richiedono la collaborazione con chirurghi di altre unità operative, come la chirurgia plastica per le ricostruzioni più complesse o di ginecologia oncologica. Si integreranno fra di loro i meeting multidisciplinari per decidere il tipo di trattamento pre e postoperatorio. Il personale rimarrà invariato nelle due sedi. Grazie all’integrazione sarà sviluppato un unico percorso diagnostico terapeutico e assistenziale tra le due Aziende, saranno sviluppati progetti di ricerca congiunti e sarà esteso il database europeo utilizzato al Sant’Orsola con l’obiettivo di includere anche Imola, entro 12 mesi, nella certificazione europea Eusoma ottenuta dal Policlinico di Bologna già nel 2012. Gli interventi realizzati ad Imola nel 2016 sono stati 204, di cui 151 per neoplasia maligna. In Italia il cancro della mammella – con 50 mila nuovi casi e 13 mila decessi all’anno – è la principale causa di morte nei tumori della donna. (l.a.)

Nella foto Elio Jovine, Chiara Gibertoni, Andrea Rossi, Antonella Messori e Mario Tuffarelli

Accordo tra Imola e Bologna per Chirurgia generale e senologica. Jovine opera a Imola
Economia 13 Gennaio 2018

Mirella Collina è la nuova segretaria generale della Camera del lavoro di Imola

“La Cgil di Imola ha tante voci e questo periodo difficile ha aumentato le fratture piuttosto che unire. E” naturale, ma il mio primo obiettivo è lavorare a ricucire questi strappi interni. Per farlo partirò dall”ascolto”. E” questo il primo obiettivo di Mirella Collina, nuova segretaria generale della Cgil di Imola eletta oggi pomeriggio al posto di Paolo Stefani che lo scorso ottobre ha rassegnato le dimissioni da segretario generale.

La proposta del segretario generale della Cgil Emilia Romagna, Luigi Giove, ha ricevuto 44 voti favorevoli su 66 votanti che compongono l”assemblea generale (4 componenti erano assenti giustificati) con 17 voti contrari e 5 astenuti. Un voto a maggioranza, ma stranamente non a larghissima maggioranza come solitamente avviene quando c”è una sola proposta sul tavolo nella Camera del Lavoro. “So che le dimissioni e questo percorso hanno lasciato degli strascichi, com”è emerso nelle consultazioni del segretario regionale – ne è conscia Collina -. Per questo avvierò dalla prossima settimana le consultazioni interne: vorrei critiche e suggerimenti per arrivare a definire un progetto comune”.

Chi è Mirella Collina

Mirella Collina, 54 anni, ha iniziato la sua attività sindacale nel 1994 come delegata dell”Azienda Usl di Imola. Entrata nel 2001 in distacco sindacale nella Funzione Pubblica imolese, nel 2004 ne è diventata la Segretaria generale. Alla scadenza del mandato, trascorsi 8 anni alla guida della Fp, nel 2013 è stata eletta segretaria generale della Flc (Scuola) ed è entrata a far parte della Segreteria confederale, a cui dal 2016 si è dedicata a tempo pieno occupandosi di welfare, sanità, bilanci comunali, pari opportunità, formazione, mercato del lavoro.

L”intervista completa sul numero di “sabato sera” in edicola il 18 gennaio 2018.

Mirella Collina è la nuova segretaria generale della Camera del lavoro di Imola

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast