Cronaca

Il bando per il nuovo gestore dell’ex Lao Cafè punta al sociale: obbligo di assumere disabili

Il bando per il nuovo gestore dell’ex Lao Cafè punta al sociale: obbligo di assumere disabili

Canone d’affitto contenuto (e non soggetto a rialzo), ma obbligo di avere tra i propri dipendenti almeno un diversamente abile e apertura per almeno sei mesi. Divieto di installare slot. Questo in estrema sintesi il contenuto del bando per trovare un nuovo gestore il locale al centro del Laghetto Scardovi (ex Lao Cafè). Un po’ in ritardo sulla tabella di marcia, ma finalmente il Comune di Castel San Pietro l”ha finalmente pubblicato. Il locale è chiuso da oltre un anno, da quando, scaduto il contratto, il precedente gestore ha cominciato una nuova avventura imprenditoriale in quel di Dozza e l’estate 2017 è passata senza che le porte venissero riaperte.

Ora il nuovo bando. La particolarità è quella di associare la gestione del locale al sociale. Nello specifico, tra i requisiti viene chiesto di impiegare «nell’attività almeno un’unità di personale a tempo pieno in condizione di disabilità». «La volontà politica è quella di coniugare l’aspetto commerciale del profitto a quello di promuovere la cultura della responsabilità sociale di impresa – motiva il vicesindaco e assessore ai Progetti per la disabilità, Francesca Farolfi -. Per questo abbiamo inserito l’obbligo di utilizzare almeno un lavoratore diversamente abile. Per noi si tratta di un ulteriore tassello oltre all’impegno che già mettiamo per l’inclusione scolastica e i progetti di autonomia abitativa, come l’appartamento SollEtico inaugurato in settembre in collaborazione con l’associazione Agire per reagire e la cooperativa Seacoop e il progetto Dopo di noi che partirà a breve». Esperienze nate per consentire anche ai disabili di sperimentare momenti di vita assieme ad altri amici nelle stesse condizioni, ma senza i propri familiari.

Proprio per dare maggior rilievo all’importanza di assumere persone diversamente abili, «il canone mensile non è stato posto a base di gara, quindi non è soggetto a rialzo, e non è tra gli elementi che daranno più punteggio per la graduatoria – precisa Farolfi -. Ci preme dar risalto soprattutto al progetto. Potranno partecipare cooperative sociali, enti o aziende pubbliche o private». L’affitto, in effetti, è decisamente contenuto ed è stato fissato in 410 euro al mese (Iva esclusa). Soltanto nei periodi in cui il nuovo gestore potrà dimostrare che «non siano presenti sul territorio comunale e del circondario imolese persone con il profilo socio-lavorativo compatibile con le mansioni da svolgere» è prevista un’integrazione al canone di 800 euro, per un importo complessivo che si attesta quindi a 1.210 euro mensili.

Il contratto avrà una durata di sei anni, eventualmente prorogabile di altri sei, e il gestore dovrà garantire l’apertura del locale per almeno sei mesi all’anno, dal 15 aprile al 15 ottobre. Soltanto per il primo anno, visti i tempi stretti, viene concesso di avviare l’attività a partire dal 15 giugno. 

Dal Comune aspettano di vedere i progetti, comunque l’idea è che venga mantenuta la vocazione di attività di somministrazione di alimenti e bevande, con un occhio di riguardo per prodotti tipici locali, biologici o a chilometro zero. Inoltre, sarà vietato installare slot per il gioco d’azzardo.

Le domanda dovranno essere consegnate entro le ore 12 di mercoledì 31 gennaio 2018 tramite raccomandata o consegnata a mano all’uffico tecnico del Comune di Castel San Pietro (piazza XX Settembre 3, aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30,  giovedì anche dalle ore 15 alle 17.45).

Nella foto: l’ex Lao Cafe’ al centro del laghetto scardovi oggi

Castel San Pietro

Comments are closed.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast