Tecnologia

Tecnologia 16 marzo 2018

Data Journalism: il Giornalismo che racconta attraverso i numeri

Data Journalism è una di quelle espressioni trendy che insieme a Big Data e Industria 4.0 sono sulla bocca di tutti. Questi tre concetti in realtà hanno un unico denominatore comune: il dato. Il dato – numerico o informativo – schiude un nocciolo di storia, di informazione, di verità, di trasparenza.

Il Data Journalism significa utilizzare i dati per dare una risposta ad una particolare domanda, analizzare un fenomeno sociale o raccontare una storia. Significa partire dai numeri oppure da un insieme di elementi fattuali, elaborarli, analizzarli e renderli comprensibili da un punto di vista grafico e visuale. La chiave di lettura, se si è contestualizzato e approfondito, diventa la risposta alla domanda iniziale con l’effetto finale di un’inchiesta giornalistica. La novità rispetto al passato è che oggi per fare tutto ciò possiamo accedere alla miriade dei dati presenti e disponibili su Internet (a partire dagli Open Data) e abbiamo a disposizione le tecnologie per elaborarli.

Dal Dato “nascosto” all’Open Data

Il Data Journalism non è un’invenzione di questi ultimi decenni. Ciò che ha permesso l’evoluzione del metodo investigativo è dipeso da due fattori: da un lato la trasformazione e l’avanzamento tecnologico, dall’altro la disponibilità del dato.

In un passato neppure troppo lontano il dato non era facilmente consultabile, conservato all’interno di archivi o libri custoditi in biblioteche private. Viceversa oggi il dato è digitale – o digitalizzato – e cosa più importante è stato democratizzato.

Il dato è diventato open. Democratizzare il dato ha significato aprire gli accessi agli archivi.  L’Open Data è da intendersi come quel set di informazioni liberamente accessibili a tutti le cui eventuali restrizioni sono solo l’obbligo di citare la fonte o di mantenere la banca dati sempre aperta.

Sulla libertà di accesso ai dati si gioca la partita della libertà di stampa e di informazione; in questo senso, poco dopo la Seconda Guerra Mondiale è nato il movimento internazionale per la libertà di informazione, chiamato FOIA – Freedom of Information Act – i cui volontari, tra attivisti e giornalisti, hanno reso possibile in molti paesi occidentali l’approvazione della legge FOIA che dà il diritto ai cittadini di accedere alle informazioni e agli archivi governativi.

Dal canto nostro, il FOIA italiano è diventato legge nel 2016 con il decreto attuativo (Decreto 97/2016) della riforma della pubblica amministrazione. Queste sono le parole dell’allora Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione Marianna Madia: “I cittadini hanno ora diritto di conoscere dati e documenti in possesso della pubblica amministrazione, anche senza un interesse diretto” e appunta sull’importanza della legge FOIA asserendo che: “Il FOIA può garantire la massima trasparenza della PA e la più ampia partecipazione dei cittadini, che possono esercitare un controllo democratico sulle politiche e le risorse pubbliche “.

Perché gli Open Data e perché il Data Journalism?

Vi siete mai chiesti quanti soldi sono stati spesi per la costruzione di una strada oppure come mai il sistema sanitario nazionale non riesce a garantire tempi di attesa brevi per le visite? A queste e a molte altre domande può rispondere il Data Journalism affondando le sue indagini sugli open data della Pubblica Amministrazione.

Gli Open Data posso essere visti come un’evoluzione del diritto fondamentale della libertà di informazione.

Data Journalism: il Giornalismo che racconta attraverso i numeri
Tecnologia 25 dicembre 2017

“La nostra conoscenza si arricchisce ogni qualvolta entra in contatto con altre conoscenze'. Xavier Wheel

Se sei giunto in questa sezione è perchè probabilmente sei un vero appassionato di Tecnologia, e senza ombra di dubbio sarai in cerca di informazioni riguardo il mondo dell’informatica a 360°. Allora quale miglior occasione per esprimere questo tuo desiderio?
SabatoSera.it lancia Rubrica Digitale: un concept editoriale inedito che rappresenta il punto di riferimento nel campo della tecnologia, per essere sempre al passo con le ultime evoluzioni digitali e rimanere sempre aggiornati.

L’iniziativa nasce per raccontare – attraverso le conoscenze degli esperti di Info Easy, azienda imolese leader nel campo dell’informatica – l’innovazione tecnologica, i tips&trick relativi alle novità web, e tutti gli approfondimenti in campo digitale.

News in tempo reale, contenuti esclusivi, informazioni aggiornate di importanza globale relative all’universo di Internet, risponderanno a tutti i quesiti degli utenti.

La Rubrica Digitale è uno spazio aperto per consentire ai lettori di approfondire le proprie conoscenze, fare domande confrontandosi con gli esperti oppure semplicemente per soddisfare le proprie curiosità.

Se sei un’azienda o un professionista del territorio che si occupa di informatica, questo spazio nasce anche per te per condividere con noi la passione per l’innovazione.

In questo spazio troverai notizie affidabili raccontate in modo fresco e immediato, ma senza mai tralasciare i dettagli tecnici e scientifici. L’informazione migliore, gratis, in anticipo.

Lo sapevi che nel mondo ogni secondo si effettuano circa 3 milioni di ricerche su Google e che il 56% delle persone cerca informazioni, prodotti e servizi su siti web aziendali?

Lo sapevi che con un E-commerce puoi vendere anche mentre dormi?

Conosci l’acronimo CRM, che indica una categoria di software in grado di gestire e classificare tutte le attività della tua Azienda?

Queste sono solo alcune anticipazioni dei trend tecnologici 2018 che approfondiremo negli articoli di Rubrica Digitale: vuoi essere il primo a sottoporre un tema?

“La nostra conoscenza si arricchisce ogni qualvolta entra in contatto con altre conoscenze'. Xavier Wheel

Info Rubrica Digitale – Chi Siamo

Rubrica Digitale è uno spazio aperto per informarsi e formarsi sulle nuove tecnologie.

Info Easy è partner del SabatoSera.it nell’iniziativa: il desiderio è di coinvolgere tutti i professionisti ed appassionati del settore informatico di Imola e comprensorio.

Rubrica Digitale risponderà alle domande e curiosità dei lettori sulla tecnologia e sul mondo digitale in modo fresco e semplice.

Rita Levi Montalcini“La tecnologia di oggi era impensabile cinquanta-sessant’anni fa. Ma la tecnica da sola non basta, serve una visione più ampia.” (Cit. Rita Levi Montalcini)

Logo Info Easy
Font Resize
Contrast