Calcio

L’Imolese e i cambi di mago Dionisi: 3-1 a Monza aspettando il ritorno

L’Imolese e i cambi di mago Dionisi: 3-1 a Monza aspettando il ritorno

Mago Dionisi ha fatto l’ennesimo gioco di prestigio. Quattro cambi nella ripresa (oltre a quello di Varutti a babbo morto) che hanno rivoltato la partita come un guanto. Dunque l’Imolese, che aveva preso gol al primo minuto su rigore e aveva pareggiato 5’ dopo con San Lanini, ha chiuso il primo tempo sull’1-1, soffrendo, perdendo palloni pericolosi, snaturando a volte anche il proprio gioco fatto di possesso palla, ma alla fine non ha più preso gol, mettendo una bella pezza sul passaggio del turno (mercoledì sera al Galli non dovrà perdere con 3 gol di scarto). E con gli ingressi di Saber, Belcastro (dopo 3 mesi) e Cappelluzzo (ancora 0 gol), ha messo al tappeto Galliani e compagnia cantante, grazie proprio all’attaccante arrivato in gennaio, Cappelluzzo, che ha depositato in rete due caramelle gustosissime.

La cronaca. Pronti via e succede quello che era capitato nell’ultima partita giocata dai rossoblù a Ravenna. Gol al primo minuto, per causa di una indecisione fatale tra Checchi e il portiere Rossi. Reginaldo tira, si butta e l’impatto con l’estremo difensore è inevitabile. D’Errico dal dischetto la mette all’angolino basso alla destra di Rossi, che aveva comunque intuito. Passano una decina di minuti e si nota come il Monza abbia subito il contraccolpo. Nel frattempo c’è un’azione sulla destra di Lanini che dona la palla a Mosti, ma il suo tiro è deviato in angolo. Ma è solo una fase, perché poi i rossi di casa iniziano a premere, fermati 2 volte sul filo del fuorigioco, con Brocchi che si lamenta. Al 39’ si rivede l’Imolese, con Carraro che dà un pallonetto morbido verso Gargiulo, ma il tiro di esterno, da posizione defilata, va fuori di poco. Gli interventi di Rossi si susseguono, anche se non sono mai veri tiri in porta, fino al pasticcio del 45’, quando la palla alta gli scivola dai guantoni, anche se nessuno del Monza è pronto a sfruttare.

La ripresa. Pronti via e si rischia ancora il gol a freddo, con una girata di D’Errico che termina alta di poco. Al 53’ c’è il rischio più grosso del match. Checchi perde una palla delicatissima e Reginaldo si invola verso la porta, ma il suo tiro si infrange sul palo alla destra di Rossi. Poi l’Imolese scatta in contropiede, ma il tiro di Carraro non fa danni alla difesa di casa. Al 56’ Checchi si fa perdonare dall’errore di poco prima, chiudendo magicamente su Reginaldo. E’ tempo dei famosi cambi narrati all’inizio. Nel giro di 8’, dal 60’ al 68’, fuori Mosti, Lanini, Bensaja e Rossetti. Dentro Belcastro, De Marchi, Saber e Cappelluzzo. Al 70’ c’è l’ultimo tentativo vero del Monza, ormai sulle gambe anche per colpa delle tante partite giocate nell’ultimo periodo (finale di Coppa Italia a Viterbo, poi Fermana e Sudtirol ai play-off). Insomma, a causa dell’ennesima palla persa in zona rischio, c’è un tiro da fuori ben parato da Rossi. Sarebbe già buono presentarsi al ritorno con l’1-1 guadagnato al Brianteo, ma l’Imolese ci crede ancora e De Marchi sforna i consueti scatti di potenza. Su un suo tiro ribattuto da un difensore la palla termina a Belcastro, che tira di destro all’angolino. Il portiere Guarna respinge, ma Cappelluzzo, da vero condor, è ben appostato per appoggiarla nella porta sguarnita. Solo 7’ dopo ancora De Marchi la tocca sotto e la appoggia delicatamente ancora a Cappelluzzo, che si regala una doppietta che vale oro. (Paolo Zanelli)

Monza – Imolese 1-3 (1-1)

Imolese: Rossi; Sciacca, Checchi, Carini, Fiore (82’ Varutti); Bensaja (68’ Saber), Carraro, Gargiulo; Mosti (60’ Carraro); Lanini (68’ Cappelluzzo), Rossetti (60’ De Marchi). All. Dionisi.

Gol: 1’ D’Errico (rig.) (M), 6’ Lanini (I), 75’ Cappelluzzo (I), 82’ Cappelluzzo (I).

Nella foto: Pierluigi Cappelluzzo (Isolapress)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast