Calcio

Ottimo punto dalla Reggiana per la miglior Imolese dell’anno

Ottimo punto dalla Reggiana per la miglior Imolese dell’anno

Un buon punto al Mapei Stadium (2-2). Non solo per la grandeur ambientale (5.600 spettatori presenti) o per la forza della Reggiana, che aveva vinto le prime due partite, ma soprattutto perché l’Imolese ha giocato la sua miglior partita, ben sopra ai livelli mostrati a Rimini o in casa contro l’Arzignano. Tanti palloni recuperati, gioco in velocità e vantaggio meritato nel primo tempo (colpo di testa del difensore Checchi su calcio d’angolo). Le uniche note negative sono state la scarsa pericolosità degli attaccanti (Padovan e Vuthaj) e un Rossi rivedibile in entrambi i gol subiti, anche se nel primo (tiro da fuori di Varoni), si intravede una leggera deviazione. A nostro parere si va comunque con più ottimismo verso la sfida col Modena (domenica 15, ore 15), altra grande decaduta di questo girone.

La cronaca. Padovan e Vuthaj in avanti, Tentoni trequartista. Provenzano e Marcucci esterni di centrocampo con Alimi play. E solita collaudata difesa per mister Coppitelli. La partita inizia con pochi sussulti, uno dei quali è per Checchi, sempre pericoloso quando si affaccia in area per i calci d’angolo. Sono pungenti anche i padroni di casa, ma la prima vera occasione è al 25’ per lo stesso Checchi, il cui colpo di testa è deviato proprio sulla riga di porta. Pochi minuti dopo Garattoni salva una conclusione pericolosa e ugualmente fa Rossi al 35’ su un tiro-cross di Rodriguez. Lo stesso argentino al 38’ reclama un rigore, ma l’arbitro fa proseguire e al 43’ arriva lo stacco imperioso di Checchi, che infila centralmente la porta reggiana su angolo di Tentoni.

La ripresa. Nessun cambio per Coppitelli in avvio, che a poco a poco farà entrare Belcastro (per Tentoni), Latte Lath (per Provenzano), Bolzoni e Maniero (per Marcucci e Padovan). I primi 10 minuti sono infernali per l’Imolese, che non riesce ad uscire dalla propria difesa. Si annota un salvataggio di Carini, una parata di Rossi (su tiro di Varone da fuori) e poi arriva la rete, ancora con Varone, sempre dalla stessa posizione di qualche istante prima, con una leggera deviazione che frega il portiere rossoblù, che era comunque sulla traiettoria del pallone. Finalmente l’Imolese esce da quel lembo di prato e si distende, con Vuthaj che al 55’ va vicino al 2-1 di testa. Ma al 60’ corrono i brividi sulle schiene imolesi, perché Scappini di testa colpisce il palo alla destra di un Rossi battuto. Al 65’ Belcastro alza di poco una punizione da buona posizione, mentre al 68’ arriva il raddoppio della Reggiana, con Scappini che di testa fa uno strano pallonetto che beffa ancora un Rossi stranamente disattento. Sembra difficile raddrizzare la partita, ma l’ingresso di Latte Lath colpisce al cuore i granata locali. Bella iniziativa al 76’ in velocità sulla trequarti e tiro che, anche grazie a una deviazione importante, si insacca per il 2-2 finale. Da qui alla fine pochi sussulti, se non due iniziative reggiane nei minuti di recupero con Scappini. (p.z.)

Reggiana – Imolese 2-2 (0-1)

Imolese: Rossi; Garattoni, Checchi, Carini, Valeau; Provenzano (74’ Latte Lath), Alimi, Marcucci (79’ Bolzoni); Tentoni (61’ Belcastro); Padovan (79’ Maniero), Vuthaj. All. Coppitelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast