Sport

Giulia Maroni, una castellana alla Dakar: «Era la mia prima volta, nel 2023 farò la gara vera»

Giulia Maroni, una castellana alla Dakar: «Era la mia prima volta, nel 2023 farò la gara vera»

Che sia fango, pietra, sabbia o asfalto, Giulia Maroni non finisce mai di stupire. La 35enne che abita nei dintorni di Castel Guelfo (ma originaria di Castel San Pietro) è tornata sabato dall’Arabia Saudita, dove per la prima volta è stata protagonista alla Dakar. Era la co-pilota, dunque il cosiddetto navigatore del 61enne pilota ligure Luciano Carcheri ed è riuscita a riportare a Gedda la sua vettura «classic» dopo 14 giorni di sfide al limite. Dall’1 gennaio una infilata di 12 tappe partendo e tornando nella capitale saudita alla fine di un anello di circa 8000 chilometri, dove la «Nissan Terrano» numero 759 è giunta stremata ma orgogliosa, dopo qualche noia tecnica che aveva fatto temere il peggio. «Abbiamo rotto l’idroguida e pure una turbina, ma abbiamo tagliato ugualmente il traguardo ed è stata la gioia più grande. Sono appena tornata a casa ma sto già pensando di tornarci. Magari partecipando alla gara vera e propria, non più alla edizione Classic riservata alle vetture storiche che sono state protagoniste nelle edizioni tra il 1980 e il 2000». (p.z.)

L’intevista su «sabato sera» in edicola.

Nella foto: la 35enne Giulia Maroni durante la recente Dakar Classic sulla storica «Nissan Terrano 1»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

nidi

Seguici su Facebook

Font Resize
Contrast