Articoli dell'autore: SabatoSera Redazione

Sport 19 Gennaio 2020

Basket A2, il parquet di Ravenna rimane un tabù per l’Andrea Costa

L’Andrea Costa storicamente non ha mai vinto sul parquet di Ravenna e anche stasera, contro la capolista, il trend non è affatto cambiato. Punteggio finale 92-68 per la squadra di Cancellieri.

Imolesi in partita per i primi 10 minuti, poi i padroni di casa prendono il largo con un parziale super e per i biancorossi è notte fonda. Baldasso, insieme agli americani, prova a risollevare le sorti di un match che già all’intervallo lungo aveva ben poco da dire ancora. Troppo forte Ravenna per questa Andrea Costa che ora dovrà cercare la vittoria già nel prossimo turno.

Giornata, in programma domenica 26 gennaio (ore 18), dove la squadra di coach Di Paolantonio ospiterà Caserta. (da.be.)

Nella foto (Isolapress): coach Di Paolantonio 

Tabellino

Ravenna-Le Naturelle 92-68 (19-14, 56-29, 74-49)

Ravenna: Treier 17, Potts 15, Chiumenti 13, Thomas 13, Jurkatamm 12, Sergio 7, Marino 6, Seck 4, Venuto 3, Bravi 2, Farina, Zanetti ne. All. Cancellieri.

Imola: Baldasso 15, Bowers 13, Morse 13, Valentini 11, Masciadri 9, Fultz 7, Taflaj, Ingrosso, Calvi, Ivanaj, Alberti ne. All. Di Paolantonio.

Basket A2, il parquet di Ravenna rimane un tabù per l’Andrea Costa
Sport 19 Gennaio 2020

Basket C Gold, ko onorevole per l’Intech Imola contro la capolista

Ko onorevole al Ruggi per Intech Imola che si arrende 91-80 contro la capolista Fiorenzuola.

Partita dai punteggi alta ed, in equilibrio, per tutto il primo tempo. Se da una parte è Begic a fare la differenza, a trascinare gli ospiti è la mano calda di Maggiotto. Nel terzo parziale Fiorenzuola scappa e Imola non riesce più a riprenderla, nonostante un ottimo quarto super in attacco.

Nel prossimo turno l’Intech Imola sarà impegnata sul campo di Castel Guelfo (venerdì 24 ore 21).

Nella foto (della Intech Imola): coach Regazzi 

Tabellino

Intech Imola-Fiorenzuola 80-91 (21-30, 43-48, 55-67)

Imola: Dalpozzo 16, Errera 17, Planinic 2, Barattini 3, Begic 26, Colombo 2, Marcone, Agatensi 9, Orlando 3, Biandolino 2, Fusella ne, Savino ne. All. Regazzi.

Fiorenzuola: Bracci 8, Marchetti 20, Livelli 4, Zucchi, Maggiotto 32, Galli 19, Sichel, Rigoni, Dias, Fowler 3, Fellegara, Ricci 5. All. Galetti.

Basket C Gold, ko onorevole per l’Intech Imola contro la capolista
Sport 19 Gennaio 2020

Ciclismo, l'Imolese Filippo Bedeschi dice addio alle corse: «Lavoro già e mi piace»

Il 2019 si è chiuso e, con esso, sembrano ormai finite anche le possibilità di rivedere Filippo Bedeschi in gruppo tra gli Elite. Il ciclista imolese, classe 1996, non è un tipo volubile: quando prende una decisione, difficilmente cambia idea. E Bedeschi, alla fine della scorsa stagione, ha deciso di dire «basta» al ciclismo agonistico. Il suo direttore sportivo Claudio Strazzari (Hicari Cablotech Biotraining Team) ha provato a lungo a convincerlo a proseguire, per un’ultima stagione in cui fare la propria corsa ed essere punto di riferimento per i più giovani nella categoria. Anche considerando una stagione abbastanza positiva in termini di risultati, per lui che non è un corridore veloce e per questo, pur dotato di buona visione di gara, non è mai stato un vincente. 

Dopo quattro stagioni da Under 23 alla Fausto Coppi Gazzera in Veneto e una quinta stagione da dilettante, è giunto il momento di chiudere un capitolo per aprirne un altro, in un percorso di vita non banale. Perché Filippo ha corso in bici per ben 16 anni, dimostrando sempre di essere un giovane con la testa sulle spalle. Nel frattempo, i risultati scolastici non sono mai stati trascurati: prima il diploma da geometra al «Paolini» nel 2015, poi la scelta di iscriversi al corso serale dell’Itis Francesco Alberghetti, per diplomarsi a luglio 2019 con specializzazione in Meccanica e Meccatronica. «Ora ho già cominciato a lavorare, ho un contratto di prova in officina a Casalfiumanese per fare il fresatore: per ora mi piace e mi sto trovando bene» ci dice Bedeschi, dopo il turno di lavoro. «Forse non ho ancora realizzato il fatto di aver realmente deciso di smettere. Sicuramente mi mancheranno il clima delle gare, l’agonismo e tante persone che ho conosciuto. Ma non abbandonerò l’ambiente: darò una mano negli allenamenti, insieme ai direttori sportivi, agli Allievi della Santerno Fabbi e forse qualche domenica andrò ad aiutare anche Claudio Strazzari, mio diesse dell’ultima stagione, alle gare U23». (ma.ma.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 16 gennaio.

Nella foto (di Massimo Fulgenzi): Filippo Bedeschi a centro gruppo in maglia bianca

Ciclismo, l'Imolese Filippo Bedeschi dice addio alle corse: «Lavoro già e mi piace»
Cronaca 19 Gennaio 2020

Donazione e visita del Lions Club Imola alla struttura d'accoglienza Casa Guglielmi

Donazione e visita a Casa Guglielmi per una delegazione dei Lions Club Imola guidata dal presidente Alessandro Magnani. «Abbiamo coperto le spese per tavoli, tappetini, materiale di cancelleria, bollitori, centrifughe e quant”altro possa rendere più serena la permanenza in questa casa d”accoglienza che da oltre 15 anni opera per rendere più umana la sofferenza di centinaia di famiglie», ha spiegato il presidente.

Nella visita alla struttura, che ospita famiglie di degenti dell”ospedale di Montecatone obbligati a lunghi ricoveri, la delegazione è stata accolta dal vice presidente della Onlus che gestisce Casa Guglielmi, Damiano Cioni, che ha precisato: «Oltre ai familiari ospitiamo anche i pazienti, all’interno di un percorso di collaborazione con l’ospedale, quando sono prossimi alla dimissione e devono prendere confidenza con la vita di tutti i giorni, o quando proseguono la terapia in day hospital. Abbiamo quindi tutti gli ambienti perfettamente fruibili da chi si muove in carrozzella, dalle camere, alle cucine, alle sale ricreative: ovunque ampi spazi, tavoli, assi da stiro con supporti telescopici per poterli alzare o abbassare all’altezza giusta, letti, armadi, poltrone, cucine, lavatrici, tutti confacenti alle esigenze degli utenti con disabilità».

Nell”occasione erano presenti anche Antonio Zanzi, consulente della cooperativa Casa Guglielmi e la psicologa Maddalena Tarantino. «Non esistono altre strutture come questa – ha sottolineato Zanzi – Casa Guglielmi è considerata un vero e proprio laboratorio di ricerca e sviluppo continuo per queste attrezzature, le 46 stanze e tutti gli ambienti sono organizzati nel dettaglio, compreso lo studio cromatico». La psicologa ha invece aggiunto: «Abbiamo parenti di degenti che rientrano qui alla sera, dopo 10 ore di assistenza in ospedale, non di rado dobbiamo curare il tempo libero di bambini ed adolescenti, organizziamo quindi svariate attività, dai laboratori creativi e di cucina, all’attività ginnica e di stretching, così pure serate di “alleggerimento” e trattamenti di cure e benessere». (r.cr.)

Nella foto la consegna dell”assegno

Donazione e visita del Lions Club Imola alla struttura d'accoglienza Casa Guglielmi
Sport 19 Gennaio 2020

Piscina Ruggi, da domani ripartiranno anche i corsi di nuoto

Dopo il guasto all’impianto di riscaldamento che ha causato la chiusura della piscina Ruggi fino a domenica scorsa, ora tutto è tornato alla normalità nel complesso di via Oriani. Da domani, lunedì 20 gennaio, infatti, ripartiranno anche i corsi di nuoto. Gli iscritti di Uisp e Sport Up, che nel frattempo erano stati trasferiti all’Ortignola, saranno in vasca già a partire da questo lunedì, mentre quelli dell’Imolanuoto riprenderanno il prossimo 27 gennaio. Sempre da lunedì all’Ortignola torneranno anche in vigore gli orari tradizionali (vedi qui).

Come già annunciato nei giorni scorsi (leggi qui) alla piscina Ruggi il 13 è ripartita l’agonistica e giovedì 16 la struttura è stata aperta al pubblico. (da.be.)

Nella foto: la piscina Ruggi

Piscina Ruggi, da domani ripartiranno anche i corsi di nuoto
Cultura e Spettacoli 19 Gennaio 2020

Il diciassettenne imolese Federico Micai recita nella fiction di Rai 1 «La guerra è finita»

«L’emozione stavolta è stata più forte, perché nelle scene che ho girato dovevo anche recitare delle battute. Ma l’esperienza di stare davanti alla macchina da presa, con costumi di scena, è veramente bellissima». Non ha dubbi l’imolese Federico Micai, 17 anni, nella vita quotidiana studente all’Istituto tecnico a Faenza, ma con la passione della recitazione, un hobby iniziato alcuni anni fa per combattere la timidezza. Questa estate ha di nuovo mosso alcuni passi nel mondo fatato del cinema, in questo caso in quello della fiction televisiva, dopo l’esperienza dell’anno scorso come figurante durante le riprese del film «Volevo nascondermi», dedicato ad Antonio Ligabue e diretto da Giorgio Diritti, in uscita il 27 febbraio 2020. In questo caso la produzione televisiva – dal 13 gennaio in onda il lunedì in prima serata su Rai 1 – si intitola «La guerra è finita», è diretta da Michele Soavi, noto regista, e fra i protagonisti vede Michele Riondino, l’attore che impersonava il giovane Montalbano.

Come sei riuscito ad entrare nel cast di una produzione di Rai 1?
«Federico Mutti, il casting caller che avevo conosciuto peri provini del film sul pittore Ligabue, mi ha informato che cercavano un ragazzo sui 16-17 anni, di corporatura esile, non abbronzato, senza tatuaggi, per un ruolo di un giovane ebreo in fuga con un compagno dai campi di sterminio. Si trattava anche di recitare delle battute, quindi mi ha dato un copione da studiare per entrambi i ruoli dei ragazzi». (fa.vi.)

L”intervista integrale è su «sabato sera» del 16 gennaio

Nella fiction di Rai 1 anche l”attrice imolese Lucia Ricalzone.

Nella foto il giovane attore Federico Micai

Il diciassettenne imolese Federico Micai recita nella fiction di Rai 1 «La guerra è finita»
Sport 18 Gennaio 2020

Basket C Gold, incredibile a Medicina. Castel Guelfo mette le mani sul derby

Inaspettato (ma meritato) referto rosa per Castel Guelfo che espugna 78-69 il campo di Medicina

Primo tempo che vede i padroni di casa farla da padrone, guidata dal trio Casadei-Allodi-Casagrande. Dopo l’intervallo lungo, però, esce la squadra di Cavicchioli grazie, soprattutto, alla serata di grazia di Govi e Amoni. Nel finale Medicina cerca di riprendere le chiavi del match, ma ormai l’inerzia è tutta per gli ospiti che conquistano così il derby della seconda giornata di campionato.

Nel prossimo turno Castel Guelfo ospiterà l’Intech Imola (venerdì 24, ore 21), mentre la Virtus Medicina sarà di scena sul parquet di Castelnovo Monti (domenica 26 alle 18). (da.be.)

Approfondimenti sul numero di «sabato sera» del 23 gennaio.

Nella foto: azione di gioco nel derby

Tabellino

Virtus Medicina-Prosic 69-78 (19-16, 42-34, 56-60)

Medicina: Poluzzi 6, Polverelli 8, Casagrande 13, Allodi 13, Casadei 17, Galassi 4, Curione 3, Dall’Osso 5, Rossi, Stellino ne, Agriesti ne. All. Curti.

Castel Guelfo: Bernabini 6, Bergami 10, Musolesi 11, Govi 24, Amoni 18, Wiltshire 3, Bonetti ne, Baccarini 2, Bonazzi ne, Murati ne, Pieri 4, Pederzini ne. All. Cavicchioli. 

Basket C Gold, incredibile a Medicina. Castel Guelfo mette le mani sul derby
Sport 18 Gennaio 2020

Basket serie B, la Sinermatic riscopre il sapore della vittoria

Dopo due sconfitte consecutive torna al successo la Sinermatic che, in casa, supera 74-64 Ancona.

Biancorossi trascinati in avvio da Crespi e bravi a scappare già nel primo quarto. Ancona, però, si dimostra squadra diversa da quella incontrata all’andata e si rifà sotto fino a chiudere avanti a metà partita. Nel terzo periodo, però, Ozzano rientra in campo ancora più decisa e, grazie anche a Montanari e Dordei, crea il divario alla fine decisivo. Nel quarto parziale, infatti, gli ospiti cercano di rimettersi in carreggiata, ma ormai è troppo tardi.

Nel prossimo turno, in programma domenica 26 gennaio 2020 (ore 18), la Sinermatic sarà impegnata sul campo di Porto Sant’Elpidio. (da.be.)

Approfondimenti sul numero di «sabato sera» del 23 gennaio.

Nella foto: Luca Montanari

Tabellino

Sinermatic-Ancona 74-64 (20-14, 34-35, 56-47)

Ozzano: Montanari 20, Crespi 18, Dordei 10, Corcelli 6, Iattoni 5, Morara 5, Galassi 4, Mastrangelo 3, Chiusolo 3, Folli, Favali, Lolli ne. All. Grandi.

Ancona: Centanni 17, Ferri 8, Rinaldi 8, Quaglia 8, Timperi 7, Iannelli 6, Gueye 5, Baldoni 5, Monina ne, Demarchi ne. All. Rajola.

Basket serie B, la Sinermatic riscopre il sapore della vittoria
Sport 18 Gennaio 2020

Basket C Gold, colpo esterno dell’Olimpia Castello

Vittoria esterna per l’Olimpia Castello che espugna 69-58 un campo insidioso come quello di Bertinoro.

Squadra di Serio che parte forte nel primo quarto, ma subisce la prevedibile reazione dei padroni di casa. Dopo l’intervallo lungo, però, l’Olimpia piazza il break decisivo e scappa via con i canestri dei soliti Magagnoli, Ranocchi e Tomesani, a cui si aggiunge anche Sabattani. Negli ultimi dieci minuti Bertinoro prova a rientrare in partita, ma la difesa castellana regge fino alla sirena finale.

Nel prossimo turno, in programma domenica 26 (ore 18.30), l’Olimpia Castello ospiterà Anzola. (da.be.)

Approfondimenti sul numero di «sabato sera» del 23 gennaio.

Nella foto: la gioia dell’Olimpia Castello

Tabellino

Bertinoro-Olimpia Castello 58-69 (15-19, 33-34, 41-55)

Bertinoro: Rossi 6, Zambianchi 2, Ricci 11, Farabegoli 9, Bracci 7, Cinti 2, Mistral 2, Ravaioli 17, Angeletti ne, Sampieri ne, Bessan ne, Em. Solfrizzi 2. All. Tumidei.

Castel San Pietro: Sangiorgi 8, Benedetti 6, Magagnoli 12, Ranocchi 10, Trombetti 5, Righi ne, Tomesani 11, Sabattani 11, Procaccio 4, Pedini, Torreggiani ne, Albertini 2. All. Serio.

Basket C Gold, colpo esterno dell’Olimpia Castello

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast