Casalfiumanese

Sport 30 Aprile 2022

Da Sassoleone ai mondiali di handbike, Davide Cortini in maglia Azzurra

Il sogno di Davide Cortini si colora d’azzurro. Sassoleone è in festa per la convocazione in Nazionale dell’atleta di handbike che dall’1 al 15 maggio indosserà la maglia dell’Italia in occasione della Coppa del mondo di specialità in programma in Belgio ed in Germania. Cortini, 44 anni (classe 1977), abita nella frazione di Casalfiumanese e ha saputo trasformare il suo drammatico incidente in mountain bike del lontano 4 maggio 2017 in un’opportunità di ripartenza.

«La splendida notizia è arrivata qualche giorno fa – racconta il campione, che difende i colori dell’A.S.D. Restart Sport Academy e gareggia nella categoria MH3 –. Una grande emozione ricevere la mail per la mia prima chiamata azzurra. Si tratta del coronamento di un percorso lungo tre anni fatto di sacrifici, allenamenti e duro lavoro». «Un orgoglio assoluto per Sassoleone e per tutta la comunità casalese – commenta Beatrice Poli, prima cittadina –. La tenacia e la grinta di Cortini sono per noi preziosi esempi e stimoli quotidiani. Ripartire, dopo un brutto scherzo del destino, è possibile. Lo è anche lavorare sodo per materializzare, attraverso passione e fatica, quei risultati capaci di alimentare un prestigioso obiettivo». (lu.ba.)

Nella fotografia del Comune di Casalfiumanese, Davide Cortini

Da Sassoleone ai mondiali di handbike, Davide Cortini in maglia Azzurra
Cronaca 27 Aprile 2022

Soldato britannico rinvenuto a Casalfiumanese, sepolte oggi le sue spoglie nel cimitero di guerra di Bologna

Si è tenuta questo pomeriggio, alle ore 15.30, presso il War Cemetery del Commonwealth di Bologna, la cerimonia di sepoltura e benedizione delle spoglie di un militare britannico caduto nel nostro paese durante il secondo conflitto mondiale. Presente nella circostanza l’addetto militare presso l’ambasciata britannica di Roma, colonnello Simon Lawerence Obe, una delegazione di militari britannici, nonché una rappresentanza dell’Arma dei carabinieri e delle altre forze armate.

Le spoglie del militare sepolto oggi sono state recuperate il 19 maggio 2015, sul Monte Spaduro, nel Comune di Casalfiumanese. Gli effetti militari che avvolgevano lo scheletro hanno consentito di ricondurre i resti umani a quelle di un soldato dell’esercito britannico caduto durante il secondo conflitto mondiale, sebbene, nonostante gli esami eseguiti, non sia stato possibile giungere alla sua identificazione. (r.cr.)

Foto della cerimonia

Soldato britannico rinvenuto a Casalfiumanese, sepolte oggi le sue spoglie nel cimitero di guerra di Bologna
Cronaca 2 Aprile 2022

Il Comune di Casalfiumanese ha approvato il regolamento per le aree di sgambamento cani

A Casalfiumanese entra in vigore il regolamento per la gestione e fruizione delle aree di sgambamento per i cani. Si tratta di una serie di specifiche norme che disciplinano i comportamenti da tenere all’interno di quelle zone verdi comunali, recintate, segnalate e aperte tutti i giorni senza limiti di orari, dove è consentito l’accesso agli amici a quattro zampe anche non tenuti al guinzaglio e senza museruola. Spazi ampi, riservati e protetti finalizzati al miglioramento del benessere dei cani attraverso la pratica della libera attività motoria. Sul territorio casalese è presente un’area sgambatura cani (vicino all’area cross) e due invece sono di prossima realizzazione.

Vincolante la costante sorveglianza degli animali, regolarmente iscritti all’anagrafe canina, assicurati e vaccinati con particolare attenzione alla profilassi veterinaria della rabbia, da parte dei loro proprietari/conduttori garanti del rispetto delle regole in virtù di quelle responsabilità civili e penali legate all’affidamento anche temporaneo. Nell’area è vietato lo svolgimento dell’attività di addestramento e gli utilizzatori devono verificare la corretta chiusura dei cancelli, tanto in ingresso quanto in uscita. L’accesso contemporaneo alla location prevede un massimo di 8 cani complessivi ad eccezione delle attività svolte per il processo di socializzazione uomo/cane con il coordinamento di un istruttore qualificato. In caso di utenti in attesa, l’utilizzo è consentito per un massimo continuativo di 30 minuti in modo da preservare il diritto di accesso a tutti i cittadini. In caso di difficoltà di convivenza tra i cani presenti e quelli introdotti successivamente, i proprietari di questi ultimi sono tenuti all’abbandono dell’area con l’animale in propria custodia fermo restando il vincolo orario di permanenza specificato.

Importante anche l’opera di valutazione preventiva rispetto alla fase di accesso che contempla sesso, dimensioni e caratteristiche comportamentali dei segugi al fine di non inficiare la funzione dell”area stessa. Il cane femmina in periodo riproduttivo, pertanto, non può accedere all”interno degli spazi così come gli esemplari maschi particolarmente eccitabili protagonisti di ripetute molestie e con effusioni non limitate ai primi approcci iniziali. È vietata la somministrazione di cibo e, a garanzia dell’igiene e a tutela del decoro, è obbligatorio il possesso dell’attrezzatura idonea alla raccolta delle deiezioni che verranno poi depositate negli appositi contenitori presenti nell’area. L’igiene degli appezzamenti è affidata prioritariamente all’educazione dei proprietari/conduttori mentre il municipio si occuperà della pulizia periodica e dello sfalcio dell”erba nonché della disinfestazione, disinfezione e dello svuotamento dei cestini.

L’amministrazione comunale, a suo insindacabile giudizio, si riserva la chiusura (anche temporanea) delle aree di sgambamento cani in caso di problemi inerenti al comportamento dei fruitori, di ordine igienico sanitario o di incolumità dei cittadini nonché, in generale, per motivi di pubblico interesse. La funzione di vigilanza sul corretto utilizzo degli spazi è svolta dagli agenti e ufficiali di polizia locale e delle altre forze dell’ordine, dalle Guardie ambientali metropolitane e dalle Guardie ecologiche volontarie. Le violazioni alle disposizioni previste dal regolamento saranno punite con multe che vanno dai 25 ai 500 euro. (r.cr.)

Foto d’archivio

Il Comune di Casalfiumanese ha approvato il regolamento per le aree di sgambamento cani
Cronaca 26 Marzo 2022

Casalfiumanese ha completato l’iter di adesione alla società Solaris

Il Comune di Casalfiumanese ha completato l’iter di adesione alla società Solaris. Una progettualità che permetterà all’ente di conferire a Solaris la gestione amministrativa e tecnica dei servizi di illuminazione pubblica e cimiteriali attraverso l’estensione degli attuali contratti d’appalto che la società ha in essere con Cpl Concordia (per quanto concerne l’illuminazione pubblica del Comune di Castel San Pietro che si indirizzerà anche all’area casalese), e con la cooperativa sociale La fraternità per la durata di 15 anni, con conclusione prevista nel mese di dicembre 2037.

«Il percorso che porta all’allargamento della base sociale conferma la vocazione di Solaris alla massima comprensione di quelle che sono le esigenze degli enti soci, comprese le relative peculiarità – commenta Giacomo Fantazzini, amministratore unico di Solaris –. Una sinergia finalizzata al concreto sostegno dei municipi nell’esercizio quotidiano della funzione dei servizi dedicati alla collettività».
«Un passo importante per il Comune di Casalfiumanese, che attraverso l’ingresso in Solaris srl fortifica il proprio braccio operativo a servizio della comunità e del territorio – aggiunge Beatrice Poli, prima cittadina –. Un modo per ottimizzare le risorse a disposizione dell’ente, insistendo sulla garanzia di acquisizione di una serie di specifiche competenze ed esperienze settoriali che materializzeranno un concreto risparmio nel computo dell’economia gestionale del personale dipendente del municipio». (lu.ba.)

Nella foto (Isolapress): veduta aerea di Casalfiumanese

Casalfiumanese ha completato l’iter di adesione alla società Solaris
Cronaca 24 Marzo 2022

Innovazione e trasparenza, anche Casalfiumanese su Civicam per commissioni e consigli comunali

Dopo Imola, anche Casalfiumanese approda sulla piattaforma Civicam per rendere pubbliche le registrazioni delle sedute delle Commissioni consiliari e del Consiglio comunale. «Siamo tra i primi Comuni al di sotto della soglia dei 5 mila abitanti a dotarsi di un dispositivo moderno e funzionale che punta alla massima trasparenza della nostra azione amministrativa ed istituzionale – commenta la sindaca Beatrice Poli –. Tra i punti del nostro mandato spicca proprio la completa rendicontazione alla cittadinanza del nostro operato, così come la volontà di intensificare la partecipazione dei cittadini alla vita dell’ente pubblico. Uno strumento molto utile anche ai fini dell’archiviazione e di quella consulenza distante nel tempo». (lu.ba.)

Foto d’archivio

Innovazione e trasparenza, anche Casalfiumanese su Civicam per commissioni e consigli comunali
Cronaca 11 Marzo 2022

Casalfiumanese entra in Solaris per il servizio cimiteriale e quello dell’illuminazione pubblica

Il Consiglio comunale di Castel San Pietro ha approvato la modifica dello statuto di Solaris per consentire l’ingresso del Comune di Casalfiumanese come quinto socio pubblico (a fianco dei Comuni di Castel San Pietro, Dozza, Ozzano e Monterenzio) con una partecipazione dell’1,5%. «Il Comune di Casalfiumanese è contiguo nei confini con Dozza, Monterenzio e Castel San Pietro e pertanto mantiene e consolida una forte affinità sia sotto il profilo geografico e territoriale, sia dal punto di vista sociale e demografico – commenta Fausto Tinti, primo cittadino di Castel San Pietro –, oltre a creare presupposti certi per l’ottenimento di economie di scala e di scopo e per l’ottimizzazione dei rispettivi ambiti operativi e gestionali dei servizi coinvolti».
Il Comune di Casalfiumanese conferirà in Solaris il Servizio cimiteriale e il Servizio illuminazione pubblica. (lu.ba.)

Nella foto (Isolapress): una veduta aerea di Casalfiumanese

Casalfiumanese entra in Solaris per il servizio cimiteriale e quello dell’illuminazione pubblica
Cronaca 10 Marzo 2022

Auto contro tir sulla Montanara, un ferito

Incidente stradale questa mattina, intorno alle 7, sulla Montanara a Casalfiumanese.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, una Ford Fiesta, condotta da un uomo di Fontanelice procedeva in direzione Imola quando, per cause ancora da accertare, si è schiantata contro un tir, con al volante un faentino, che stava svoltando a sinistra su via Pila. Il mezzo pesante, che aveva già iniziato la manovra di svolta, è stato centrato, all’altezza del serbatoio, dalla vettura, causando così la fuoriuscita del carburante sul manto stradale. 

Sul posto, oltre ai militari, anche i vigili del fuoco, che hanno ripulito la carreggiata e messo in sicurezza lo scenario e i sanitari del 118 che hanno trasportato l’automobilista al pronto soccorso. Per lui lesioni ad una mano. A causa dell’incidente e per tutta la durata dei soccorsi si sono verificati disagi alla circolazione. (r.cr.)

Foto d’archivio

Auto contro tir sulla Montanara, un ferito
Cronaca 4 Marzo 2022

Tre scosse di terremoto nella notte, epicentro a Casalfiumanese

Tre scosse di terremoto sono state registrate questa notte in Vallata, con epicentro precisamente a Casalfiumanese. La prima, secondo le rilevazioni dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), di magnitudo 2.5 alle 23.48. La seconda un pò più forte poco dopo, alle 23.57, questa volta di magnitudo 2.9. Infine, l’ultima, di grado 2.3, all’1.15. «Tutto tranquillo, non si sono registrati danni a persone o cose» fa sapere la sindaca di Casalfiumanese, Beatrice Poli. (da.be.)

Foto d’archivio

Tre scosse di terremoto nella notte, epicentro a Casalfiumanese
Cronaca 21 Febbraio 2022

Il Comune di Casalfiumanese progetta un nuovo asilo nido

Gli effetti positivi del Piano nazionale di ripresa e resilienza potrebbero portare in dote al Comune di Casalfiumanese un prezioso tassello per il potenziamento della propria offerta dei servizi di istruzione. L’ufficio tecnico del municipio è impegnato nell’elaborazione di un ambizioso progetto preliminare per aderire all’avviso pubblico del Ministero dell’Istruzione, in scadenza il 28 febbraio, finalizzato a raccogliere una serie di proposte per la realizzazione di strutture da destinare ad asili nido e scuole di infanzia finanziato dall’Unione europea. «Il nuovo polo dell’infanzia di Casalfiumanese, pur considerando positiva l’esperienza rappresentata dal nido di Vallata, materializzerebbe la soluzione più adeguata per soddisfare le esigenze delle famiglie del paese», osserva Beatrice Poli, prima cittadina.

Per rispondere a tutti i criteri di ammissibilità della pratica, che prevede tra l’altro la proprietà pubblica delle aree oggetto di intervento, il Comune ha sottoscritto un accordo con la Cims-Cooperativa intersettoriale montana Sassoleone, la cooperativa edificatrice Aurora Seconda e la società Zini Elio, che hanno ceduto anticipatamente e gratuitamente un’ampia area nei pressi di via Pineta comprensiva delle zone occorrenti per l’infrastrutturazione viaria ed il sistema degli accessi del nuovo plesso scolastico. «Una sinergia, maturata tra soggetti pubblici e privati, che non si concentra soltanto sulla possibile costruzione di un nuovo polo per infanzia per Casalfiumanese – spiega Poli –. L’accordo comprende, infatti, anche una visione lungimirante di potenziamento della programmazione Erp territoriale attraverso la realizzazione di alloggi aggiuntivi che rafforzerebbero le disponibilità del comparto in area casalese». (lu.ba.)

Foto d‘archivio

Il Comune di Casalfiumanese progetta un nuovo asilo nido
Cronaca 31 Gennaio 2022

Al via nel circondario il nuovo servizio di recupero dei cani randagi

Partirà domani, 1° febbraio, in modo operativo il nuovo servizio di recupero dei cani randagi nel territorio del circondario. Tra i promotori il Comune di Casalfiumanese e gli altri enti della Vallata.

Un’azione integrata e condivisa, preceduta anche a Casalfiumanese dalla sottoscrizione di un’apposita convenzione circondariale con durata fino al 31 dicembre 2024, che accomuna otto dei dieci enti che compongono la realtà di via Boccaccio (al momento mancano Imola e Medicina perché coperti da altre convenzioni). Una modalità che permette di unire le risorse e ottimizzare la prestazione sul territorio con il deciso contenimento dei costi.

La finalità, infatti, è quella di regolamentare in modo univoco la materia e assicurare la copertura della pratica in modo continuativo e strutturato evitando quelle criticità che in passato hanno reso altalenante il servizio. Completata, quindi, la procedura burocratica per la realizzazione di una specifica gara che ha registrato l’affidamento dell’attività all’Asd Camminando con il cane di Castel Guelfo. «Il progetto, dal quale ha preso spunto la gara di affidamento del servizio, prevede anche l’avvio di un approfondimento annuale in collaborazione con gli istituti scolastici del circondario – precisa Silvano Casella, assessore all”Ambiente di Casale -. Spazio poi, per ogni Comune, alla presa in carico di un’area di sgambamento cani dove poter alimentare situazioni connesse ad un tema molto sentito dalle comunità».

In caso di avvistamento di un cane randagio, occorre contattare la polizia municipale, il Comune o le forze dell’ordine che provvederanno ad attivare il servizio. (r.cr.)

Al via nel circondario il nuovo servizio di recupero dei cani randagi

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast