Castel del Rio

Cultura e Spettacoli 14 ottobre 2018

Oggi torna a Castel del Rio il Magnus Day, una giornata dedicata al fumetto in onore del celebre disegnatore

È una tradizione per Castel del Rio che, anche quest’anno, torna ad ospitare una giornata dedicata al fumetto e in particolare a Magnus (Roberto Raviola), autore e disegnatore di Satanik, Alan Ford e Diabolik, scomparso nel 1996, che negli ultimi anni della sua vita, si era trasferito nel paese alidosiano.

Domenica 14 ottobre, mostra ed incontri saranno così al centro di un’iniziativa che richiama appassionati della graphic novel e curiosi.

Il Magnus day. Le iniziative si tengono in Sala Magnus (via Montanara 1): qui alle 10 viene inaugurata l’esposizione del fumetto da collezione e delle opere degli artisti presenti, e alle 15 viene presentato il piatto artistico della Sagra dei marroni avente per protagonista quest’anno Cocco Bill (saranno presenti l’autore Luca Salvagno e Silvia Jacovitti, figlia di Benito Jacovitti, creatore del noto cow-boy).

Ci saranno poi un incontro con Vittorio Giardino su Jo-nas Fink, la presentazione del libro Una valle di Bernabei, Degli Esposti Venturi, Piero Ruggeri, Beniamino Del Vecchio, Marco Fontana, Massimo Bonfatti e Simone Cortesi, con gli autori e con l’editore Nicola Pesce, quindi la presentazione del libro Il cammino del tramonto di Corteggiani e Tisseli, con gli autori e Pesce.

Al centro dell’interesse saranno anche il portfolio di Romanini, Piccininno, Tisselli e Zanella, nonché Magnus night – La torre degli animali di Riccardo Raviola e Virna Paolini. Alle 20, chi vorrà potrà partecipare ad una cena d’artista all’albergo ristorante Il Gallo dalle ore 20 (menù fisso 25 euro, prenotazioni allo 0542/95924).

Nella foto il disegno di Magnus (@eredi Raviola – G. Romanini) scelto per il manifesto ufficiale

Oggi torna a Castel del Rio il Magnus Day, una giornata dedicata al fumetto in onore del celebre disegnatore
Sport 6 ottobre 2018

«Camminar per sagre», stavolta tocca al marrone di Castel del Rio

Domani, domenica 7 ottobre, prosegue «Camminar per Sagre», l’iniziativa di «IF Imola Faenza» che unisce trekking e scoperta dei sapori del territorio. Il secondo appuntamento dei 4 previsti è in occasione della «Sagra del marrone», con partenza alle ore 8.45 e ritorno previsto per le ore 12.30.

Si va nell’antica Selva di Massa per raccogliere le castagne, attraverso la tradizionale passeggiata lungo gli antichi castagneti, sui monti attorno al borgo alidosiano, provando il piacere di raccogliere con mano i frutti famosi nel mondo. 

r.s.

Nella foto: i marroni di Castel del Rio

«Camminar per sagre», stavolta tocca al marrone di Castel del Rio
Cronaca 27 settembre 2018

«Come facciamo a cacciare Salvini?»: il caso Castel del Rio e i processi sommari al tempo dei social

In epoca social, succede sempre più spesso: processi sommari in piena regola, celebrati sul web anziché nelle sedi preposte. 

Esattamente quello che è accaduto ieri con la vicenda della frase «Come facciamo a cacciare Salvini?», comparsa sul quaderno di scuola di un alunno di prima media di Castel del Rio e subito fotografata, condivisa su Facebook da esponenti locali della Lega e diventata, come si usa dire nel gergo social, «virale», al punto da raggiungere Roma e da meritare l’attenzione dello stesso Salvini. 

Come è arrivata quella frase sul quaderno di un ragazzino di 11 anni? Prima di qualunque ricostruzione ufficiale, è stata proprio la Lega a elaborare la propria idea in proposito e a metterla nero su bianco in un comunicato firmato dal commissario provinciale Daniele Marchetti. «Il solo pensare di sottoporre un compito in classe porgendo una domanda simile agli studenti significa non essere in grado di adempiere con correttezza alla propria professione di insegnante, che è, per l”appunto quella di formare e fornire nozioni essenziali per la vita quotidiana», ha dichiarato il leghista, che siede in Consiglio comunale a Imola ed è consigliere del Nuovo Circondario Imolese, abbracciando da subito l’ipotesi che quella frase fosse lo spunto per un compito in classe dato dalla docente alla classe.

Una posizione condivisa dal segretario di Vallata della Lega Fabio Morotti il quale, pur mettendo le mani avanti e parlando di «verifiche» in corso, comunque intanto ha preannunciato l’intenzione di chiedere provvedimenti contro la professoressa che «ha scelto la scuola non per educare, quanto per fini di propaganda politica». Il tutto a monte della ricostruzione ufficiale, alla quale sta lavorando in queste ore la dirigente scolastica cui il sindaco di Castel del Rio, Alberto Baldazzi, ha chiesto una relazione dell’accaduto.

Facile immaginare il tenore delle decine di messaggi che sono comparsi nei profili social degli autori dei post, in gran parte di condanna del presupposto cattivo operato dell’insegnante e con conseguenti richieste di licenziamento. Un «linciaggio» durato diverse ore anche dopo la risposta che minimizza l”accaduto da parte del direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale per l’Emilia-Romagna, Stefano Versari, all’Ansa: «Il caso non esiste nemmeno. Non c’è nessun compito in classe o a casa dato dall”insegnante ai bambini, ma un incidente nato da un esercizio fatto in classe. Un”attività per cui ogni alunno esprime un desiderio e trascrive sul quaderno quelli degli altri, per parlarne poi insieme al docente e conoscersi».

Ma la condanna era già bell’e servita, come si usa ai tempi dei social. (r.c.)

La foto della frase incriminata allegata al comunicato della Lega

«Come facciamo a cacciare Salvini?»: il caso Castel del Rio e i processi sommari al tempo dei social
Cultura e Spettacoli 8 settembre 2018

Tartufo è protagonista a Castel del Rio con due fine settimana di sapori e spettacoli

Il suo sapore è inconfondibile e molto amato. Al tartufo Castel del Rio dedica una sagra che giunge all”ottava edizione e che si tiene l”8, 9, 15 e 16 settembre, organizzata da Associazione culturale alidosiana insieme e Gruppo sportivo Castel del Rio e Sezione cacciatori Castel del Rio. Una sagra molto amata, che vede una media di quattromila coperti preparati ogni anno. Coperti che possono spaziare in un ampio menù: crostini al tartufo o vellutata di patate al tartufo come antipasto; tagliolini al tartufo, tortellini panna e tartufo, maccheroncini panna, speck e tartufo, risotto al tartufo, tagliolini al ragù, tortelli al ragù come primi; uova fritte al tartufo, scaloppine al tartufo, roast beef al tartufo e scaglie di grana, polenta fritta e cacio al tartufo, piadina con salsiccia, accompagnati da patate fritte, come secondi; tartufo bianco o nero (gelato) come dessert. Lo stand gastronomico, al coperto, apre tutte le sere alle 19, domenica anche alle 12.

Nell”area della festa ci saranno anche un mercato e un”area con gonfiabili per bambini. Ogni serata, poi, vedrà un momento di spettacolo: sabato 8 alle 21 si darà spazio alla musica con Punti di Vista cover band, domenica 9 alle 20.30 ancora musica con Nearco, sabato 15 alle 21 si terrà il concerto de Gli Taliani, domenica 16 alle 20.30 andrà in scena lo spettacolo dei ballerini Le comete di Romagna. Informazioni: www.tartufocasteldelrio.it

Tartufo è protagonista a Castel del Rio con due fine settimana di sapori e spettacoli
Cultura e Spettacoli 17 agosto 2018

Due weekend al gusto del porcino con la sagra a Castel del Rio

Da anni Castel del Rio esalta il gusto del porcino con una sagra dedicata che si tiene gli ultimi due fine settimana di agosto, trasformandosi nel regno del porcino. Sabato 18 e domenica 19, sabato 25 e domenica 26, lo stand gastronomico (che funziona anche col maltempo nella struttura coperta) servirà piatti a base di porcino e piatti della tradizione, il sabato a partire dalle 18.30, la domenica sia dalle 12.30 che dalle 18.30. Anche in questa trentatreesima edizione della sagra non mancheranno gli spettacoli serali: sabato 18 alle 21.30 si esibirà la «902010 Crossover Sound», una cover rock band, domenica 19 alle 21 ci sarà la comicità del duo d”attori formato da Davide Dalfiume e Marco Dondarini, sabato 25 alle 21.30 si giocherà col quiz show «Dr. Why» (prenotazione obbligatoria, 10 euro a persona), domenica 26 alle 21 si esibiranno i ballerini del Gruppo Arca. Info: www.prolococasteldelrio.it

Due weekend al gusto del porcino con la sagra a Castel del Rio
Cultura e Spettacoli 16 agosto 2018

Incontri con l'autore, a Castel Del Rio Ernesto Aloia presenta il suo nuovo libro «La vita riflessa»

Domani alle 17.30 presso la piscina il Galletto a Castel del Rio, l’Associazione culturale «Il Giglio», in collaborazione con l’Associazione Bandando, incontrerà lo scrittore Ernesto Aloia, bellunese naturalizzato torinese, per parlare del suo ultimo libro intitolato «La vita riflessa», edizioni Bompiani.

L’incontro sarà condotto da Barbara Maraia, presidente dell’Associazione Il Giglio, «La vita riflessa è un libro di profonda introspezione umana nell’era moderna dei social». 

A seguire è previsto un brindisi in compagnia dell’autore.

r.c.

Nella foto: il volantino dell”evento

Incontri con l'autore, a Castel Del Rio Ernesto Aloia presenta il suo nuovo libro «La vita riflessa»
Cultura e Spettacoli 14 agosto 2018

Da questa sera a Belvedere di Castel del Rio si mangia e si balla… anche con Nearco

Il fresco della collina e il piacere della compagnia. Torna anche quest”anno, con la sua ventitreesima edizione, la Festa d”agosto a Belvedere di Castel del Rio. Da questa sera fino al 19 agosto, ecco quindi un”occasione per mangiare bene e godersi gli spettacoli. Lo stand gastronomico apre tutte le sere da oggi a sabato alle 19, domenica solo alle 12 (mercoledì 15 agosto sia alle 12 che alle 19). Gli spettacoli invece iniziano alle 21 e prevedono il ballo con l”orchestra «Attenti a noi due» (questa sera) e con l”orchestra Ballaonda (domani), musica con «I balconi» e dj Sumby giovedì 16, un tributo ai Nomadi con «Gli aironi bianchi» venerdì 17, musica e divertimento con dj Nearco sabato 18.

Nella foto Nearco, protagonista alla festa sabato 18

Da questa sera a Belvedere di Castel del Rio si mangia e si balla… anche con Nearco
Cultura e Spettacoli 2 agosto 2018

La Festa della Musica continua a Castel del Rio e ha il culmine nel concerto di musiche da film

L”estate non sarebbe estate senza la musica. E Castel del Rio ne è la conferma. Continua in questi giorni la Festa della musica con la sua trentanovesima edizione. Iniziata nel weekend con il rock e il Canta Rio, prosegue questa sera in Sala Magnus, all’interno di palazzo Alidosi, con un viaggio nella lirica con il Quartetto Butterfly formato da Etsuko Ueda (soprano), Fabiano Naldini (tenore), Marcella Trioschi (violoncello), Monica Ferrini (maestro concertatore e pianoforte). Si inizia alle 21, l’ingresso è gratuito e sarà offerta una degustazione durante la serata.

Sabato 4 agosto l’agriturismo Le Selve ospita la «Melodia del gusto», una cena con sottofondo musicale con Ad libitum acoustic duo (menù su prenotazione 22 euro a persona, menù senza prenotazione 10 euro a persona, info 348/2714259).

Infine, domenica 5 agosto, piazza della Repubblica ospiterà il gran finale dalle 20.30: la Music Film Orchestra diretta da Alessandro Ricchi proporrà le colonne sonore che hanno fatto la storia del cinema italiano e straniero, e non mancherà un tributo a grandi compositori come Ennio Morricone e John Williams. La Music Film Orchestra è formata dai musicisti del Corpo Bandistico «S. Ambrogio» di Castel del Rio e, come dice il nome, si propone al pubblico con un ampio repertorio delle più belle musiche da film, per far vivere le immagini di storie famose e commoventi attraverso musiche indimenticabili. (r.c.)

Nella foto un momento della Festa della musica del 2015

La Festa della Musica continua a Castel del Rio e ha il culmine nel concerto di musiche da film
Cultura e Spettacoli 1 agosto 2018

A Castel del Rio prosegue la festa della musica, stasera incontro con lo scrittore Gianluca Morozzi

E” sempre la musica la grande protagonista dell”estate a Castel del Rio. Stasera, nell”ambito della 39esima edizione della Festa della Musica promossa e organizzata dal Corpo bandistico di Sant’Ambrogio, con il patrocinio del Comune, lo scrittore Gianluca Morozzi parlerà dei suoi romanzi a tema musicale nell”incontro “Racconti dal Cortile”.

L”evento, organizzato in collaborazione con l”associazione “Bandando”, si terrà alle 20.30 nel Cortile delle Fontane di Palazzo Alidosi e darà modo al pubblico di conoscere aneddoti e curiosità legate ai libri di Morozzi, tra cui “L’Emilia o la dura legge della musica”, “Despero”, “Accecati dalla luce”.

Prosegue dunque l”estate musicale in vallata, che nei giorni scorsi ha scritto una pagina tutta in rosa al Canta Rio 2018, il festival di Nuove Voci che ha visto il trionfo di tre ragazze sia nelle due categorie in concorso, Under e Over 18, sia nell”assegnazione del premio della critica.

Nella categoria riservata ai minorenni, la sedicenne ravennate Giada Tripaldi ha battuto la concorrenza interpretando “I Know where I’ve been”, brano tratto dal musical “Hairspray”. Praticamente di casa è invece la vincitrice della categoria Over: Benedetta Ferri, 20 anni, è infatti originaria proprio di Castel del Rio, anche se risiede Fontanelice. La canzone con la quale si è imposta è “La sera dei miracoli” di Lucio Dalla.

Per quanto riguarda il riconoscimento della critica, infine, l”alloro è andato alla faentina Giorgia Montevecchi, che è stata premiata per l’interpretazione di “This is me” dal film “The greatest showman”, eseguita con grande personalità a dispetto dei suoi 15 anni.

Sul palco di Castel del Rio si sono esibiti in tutto 17 concorrenti. Il podio nella categoria Under 18 è completato dalla stessa Montevecchi, seconda e dall”ancor più giovane Lucia Traversi, appena 13 anni, proveniente da Fratte di Sassofeltrio (PU) e interprete di “No roots”. Al secondo posto tra gli Over si è invece piazzato Nicola Boni, 18 anni, da Sant’Agata sul Santerno, interprete di “Whole lotta love” dei Led Zeppelin”, con la quale ha preceduto Alice Lia Scanavini, 23 anni, da Portomaggiore (Fe), che ha cantato “Dancin on my own”.

“Il Canta Rio è una manifestazione che in questi anni è cresciuta e ha saputo farsi apprezzare tra i talenti canori, soprattutto tra i giovanissimi. Un festival che nel tempo è rimasto genuino, semplice, una vetrina per dare un’opportunità di crescita e di visibilità ai tanti ragazzi che amano cantare”, ha commentato Brigida Miranda, tra i coordinatori della manifestazione che vedeva in giuria Stefano Casadio (direttore artistico del Faenza Pop Festival e del Summer Pop Festival), Claudio Bolognesi (giornalista), Matteo Bartolotti (etichetta discografica PMS), Alessandro Ricchi (maestro della banda di Castel del Rio), Alberto Baldazzi (sindaco di Castel del Rio), Michele Guaitoli (musicista e voce delle band “Temperance”, “Kaledon” e “Overtures”).

La festa della musica proseguirà anche nelle prossime serate fino a domenica 5 agosto con questo programma: giovedì 2 agosto alle 21 in Sala Magnus (Palazzo Alidosi) spazio alla “Classica alla Corte Alidosi”, viaggio nella lirica con il “Quartetto Butterfly” formato da Etsuko Ueda (soprano), Fabiano Naldini (tenore), Marcella Trioschi (violoncello), Monica Ferrini (maestro concertatore e pianoforte). L’ingresso è gratuito e sarà offerta una degustazione durante la serata; sabato 4 agosto all’agriturismo “Le Selve” dalle ore 20 “Melodia del gusto”, cena con sottofondo musicale con “Ad libitum acoustic duo” (menù su  prenotazione da 22 euro a persona, senza prenotazione da 10 euro, per info: 348 2714259); domenica 5 agosto in piazza della Repubblica dalle 20.30 chiuderà la Music Film Orchestra diretta dal Maestro Alessandro Ricchi, che proporrà brani tratti dalle colonne sonore che hanno fatto la storia del cinema italiano e straniero, con tributi a Ennio Morricone e John Williams.

Nella foto il trio di vincitrici del Canta Rio 2018

A Castel del Rio prosegue la festa della musica, stasera incontro con lo scrittore Gianluca Morozzi

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast