Castel del Rio

Cronaca 8 Marzo 2022

Due anni fa la morte dell’ex sindaco di Imola e Castel del Rio Massimo Marchignoli

L’8 marzo 2020 se ne andava improvvisamente, all’età di 61 anni, Massimo Marchignoli. Nato a Bologna il 5 dicembre 1958, diplomato al liceo classico, era stato sindaco di Imola dal 1999 al 2008 e deputato del Partito Democratico dal 2008 al 2013. In passato aveva ricoperto anche le cariche di segretario della Federazione di Imola del Partito Democratico della Sinistra, poi Democratici di Sinistra (1995-99) e di sindaco di Castel del Rio, il paese dove era tornato ad abitare da qualche anno, dal 1991 al 1999. È stato inoltre presidente della Comunità Montana della Valle del Santerno dal 1992 al 1995 e consigliere provinciale nel quadriennio 1995-1999. (r.cr.)

Nella foto: Massimo Marchignoli in autodromo insieme a Michael Schumacher

Due anni fa la morte dell’ex sindaco di Imola e Castel del Rio Massimo Marchignoli
Cronaca 17 Febbraio 2022

Nuova scuola media e palestra di Castel del Rio, il cantiere è fermo

La nuova scuola media e la nuova palestra in via IV novembre a Castel del Rio dovranno aspettare. Gli aumenti dei prezzi delle materie prime nel comparto edile hanno spinto l’impresa che si era aggiudicata l’appalto grazie a un ribasso del 27% a rinunciare a cominciare i lavori. E la seconda impresa l’ha seguita a ruota. «Adesso il progetto è in affidamento all’azienda che è arrivata terza – aggiorna Alberto Baldazzi, primo cittadino –. Vediamo se può essere l’occasione buona».

Per i ragazzi, dunque, si prospettano almeno un altro anno scolastico nella sede provvisoria presso la protezione civile in via Tribbioli, perché la durata prevista dei cantieri rimane comunque di un anno. L’alternativa potrebbe essere il ritorno nella vecchia scuola costruita nel 1979, di cui il Comune non ha mai disposto la demolizione. Tornando al no dell’impresa aggiudicataria, «quando un’azienda fa un ribasso molto alto e si accorge che si è modificato qualcosa rispetto alle attese, chiede l’adeguamento prezzi prima della firma del contratto, cosa che non si può concludere per legge – spiega il sindaco –. Dobbiamo necessariamente aspettare la firma del contratto ai prezzi a base di gara. Non possiamo concederlo prima, sarebbe turbativa d’asta».

Non manca una critica alla nuova normativa sugli appalti: «Ha creato tutte le condizioni per non far partire i lavori – commenta –. Questo è il vero problema, e non solamente di Castel del Rio. È una normativa che è concepita per non far partire i lavori. Abbiamo realizzato la scuola elementare quando c’era la vecchia normativa degli appalti, e siamo riusciti a fare tutto molto velocemente e con grande efficienza. Purtroppo è la norma dello Stato che, come in tanti altri casi, è totalmente inefficiente». (lu.ba.)

Nella foto: il rendering della nuova scuola di Castel del Rio

Nuova scuola media e palestra di Castel del Rio, il cantiere è fermo
Cronaca 31 Dicembre 2021

Botti e Capodanno, a Dozza divieto con multa, Castel del Rio chiede di limitarli a “pochi minuti”

Capodanno e i fuochi d’artificio. Quest’anno i Comuni hanno cancellato i vari eventi legati ai botti “pubblici” ma rimangono quelli “privati”. Un binomio imprescindibile per qualcuno per salutare l’anno vecchio e l’arrivo di quello nuovo, mentre per altri, soprattutto per chi ha degli animali, fa rima con l’ansia e le paure provocati dal rumore. Poi ci sono i guai per chi ci prova col faidaté, oggi non in regola o utilizzati in maniera scorretta (un anno fa ci furono un morto ad Ascoli e 204 feriti in tutta Italia).Negli ultimi tempi più di un Comune ha deciso di arginare il problema con ordinanze o regolamenti più o meno stringenti. Dozza, ad esempio, ricorda sulla sua pagina Fb che secondo quanto previsto dal regolamento di polizia urbana, sul territorio del comune è vietato provocare lo scoppio di petardi, mortaretti e artifici similari. Una norma “in vigore non solo per la notte di San Silvestro, ma tutto l’anno”. In caso di violazione è prevista una sanzione da 25 a 150 euro. Castel del Rio invece ci prova con la persuasione: in giro per il paese ha affisso un avviso in cui si chiede “a tutti di utilizzarli con buon senso, di circoscrivere a pochi minuti il loro impiego e di non prolungarli oltre le ore 00.30 del 1 gennaio”. (r.cr.)

Botti e Capodanno, a Dozza divieto con multa, Castel del Rio chiede di limitarli a “pochi minuti”
Cultura e Spettacoli 20 Ottobre 2021

Castel del Rio set del film thriller italo-olandese «Dark Matter»

Castel del Rio set del thriller italo-olandese «Dark Matter» del regista Stefano Odoardi. Fino a lunedì 25 ottobre, una troupe composta dal cast e da 40 professionisti è al lavoro in località Molino del Duca per le riprese delle parti più intense e spettacolari.

«Dark Matter» racconta di Antonio, un affermato fisico che opera nel campo della Materia oscura – particelle di cui non sappiamo nulla, ma che compongono il 95 per cento del nostro universo – la cui vita viene stravolta quando all’improvviso suo figlio Thomas, appena undicenne, scappa di casa dopo la morte del nonno. Da quel momento Antonio non solo dovrà cercare il figlio, ma anche se stesso. «Viviamo un periodo storico in cui sembriamo aver perso la capacità di confrontarci con lo sconosciuto – commenta Odoardi, che da diversi anni lavora prevalentemente in Olanda -. Il mio film vuole essere un tentativo di riaffermare l’importanza dello sconosciuto come un elemento fondamentale della vita stessa. In definitiva, quando lo sconosciuto viene rivelato può essere crudele, ma può anche premiarti con una nuova consapevolezza».

Nel cast Alessandro Demcenko, Angélique Cavallari, Eleonora Giovanardi, Thierry Toscan, Elisabetta Pellini, Orso Maria Guerrini, Daniela Poggi, Simona Senzacqua, Shaula Pascucci, Angelica Cacciapaglia e per la prima volta sullo schermo il giovanissimo Giulio Cecchettini. (lu.ba.) 

Nella foto: un momento delle riprese

Castel del Rio set del film thriller italo-olandese «Dark Matter»
Cronaca 5 Ottobre 2021

Elezioni Castel del Rio, Baldazzi dopo la vittoria: «Risultato soddisfacente». E l’avversario Morotti: «Opposizione senza barricate»

«È stato un risultato soddisfacente. Mi fa piacere soprattutto che i due candidati più votati siano stati i più giovani, Davide Righini e Annamaria Mazzini. Ad entrambi ho già proposto di diventare assessori e hanno accettato». Così Alberto Baldazzi, appena rieletto sindaco di Castel del Rio per la terza volta con quasi l’80% dei voti, commenta il responso delle urne. La notizia, però, è il calo dell’affluenza, superiore a quello registrato praticamente in tutta Italia. «C’è disaffezione e disimpegno – continua Baldazzi -, complice il tema Covid che ha generato disagio tra gli italiani. La politica deve recuperare un’attenzione verso le questioni che importano i cittadini, bisogna dare un senso alla democrazia elettiva e spostare il potere effettivo dalla sanità di nuovo alla politica». Il sindaco rieletto spende anche qualche parola per il suo avversario, Fabio Morotti, che si è fermato al 20,79%: «Onore ai vinti per il fair play dimostrato in campagna elettorale e per il coraggio di presentare una lista in così breve tempo».

Dal canto suo, il candidato del centrodestra non nasconde la delusione per il risultato. «Speravo meglio, puntavo almeno al 25% – ammette Morotti -. Purtroppo non è andato a votare nemmeno uno in più di quelli che avevo calcolato». Per l’esponente della Lega, però, il 2016 non si conta. «Noi non c’eravamo cinque anni fa, per noi è stato tutto in salita, una parte del paese non è stata rappresentata negli ultimi anni», sostiene. E a chi non è andato a votare dice: «L’elettore ha sempre ragione, ma chi non ha voluto votare si assumerà le responsabilità, non so che motivazioni possa avere chi sta a casa». Morotti ricambia la cortesia di Baldazzi: «Io e Alberto ci conosciamo bene, non ho voluto impostare la campagna elettorale in modo aggressivo, l’unico fine che avevamo era migliorare il nostro paese». Per questo, conclude, «faremo opposizione senza barricate. Abbiamo vedute politiche diverse, ma non buttiamo giù ponti né chiudiamo portoni». (mi.ta.) 

Approfondimenti su «sabato sera» del 7 ottobre.

Nella foto (Isolapress): Alberto Baldazzi dopo la vittoria

Elezioni Castel del Rio, Baldazzi dopo la vittoria: «Risultato soddisfacente». E l’avversario Morotti: «Opposizione senza barricate»
Cronaca 4 Ottobre 2021

Elezioni Castel del Rio, affluenza in calo: solo il 56,29% di votanti

In picchiata, come nel resto d’Italia, l’affluenza alle elezioni comunali di Castel del Rio. La percentuale alla chiusura delle urne, prevista per le 15 di oggi, si è attestata al 56,29%, quasi 14 punti in meno rispetto a cinque anni fa, quando i votanti raggiunsero il 70% tondo. Un dato in linea con quanto accaduto ieri, primo dei due giorni di voto, dove i dati erano già in calo rispetto al 2016. (mi.ta.)

Foto dalla pagina facebook del Comune di Castel del Rio

Elezioni Castel del Rio, affluenza in calo: solo il 56,29% di votanti
Cronaca 4 Ottobre 2021

Elezioni 2021, a Castel del Rio affluenza in netto calo nella prima giornata di voto

Urne di nuovo aperte questa mattina a Castel del Rio fino alle ore 15. Dai dati forniti dal sito Eligendo del ministero dell’Interno, nella prima giornata di voto si sono recati alle urne il 43,50% degli aventi diritto, affluenza in netto calo rispetto al 70% registrato nella prima giornata della scorsa tornata elettorale. (lo.mi.) 

Nella foto: veduta aerea di Castel del Rio

Elezioni 2021, a Castel del Rio affluenza in netto calo nella prima giornata di voto
Cronaca 2 Ottobre 2021

Elezioni Castel del Rio, Baldazzi cerca il tris ma Morotti vuole fermarlo

Fari puntati su Castel del Rio domenica 3 e lunedì 4 ottobre. Il più piccolo Comune del circondario imolese, 1.200 anime circa di cui 993 aventi diritto al voto, eleggerà infatti il suo sindaco e il nuovo Consiglio comunale.

A suo modo, sarà un’elezione storica: per la prima volta dall’avvento della legge che ha introdotto l’elezione diretta del primo cittadino, un sindaco uscente si candida infatti per il terzo mandato. Alberto Baldazzi, 56 anni, primo cittadino dal 2011, approfitta così della modifica di legge che consente questa possibilità nei piccoli Comuni per cercare il tris. Il suo avversario è Fabio Morotti, 58 anni, già segretario di Vallata della Lega, alla guida di una lista di centrodestra sostenuta, oltre che dal Carroccio, anche da Fratelli d’Italia e Forza Italia. Entrambe le liste sono composte di dieci candidati consiglieri, tanti quanti sono i seggi disponibili a cui si aggiunge il sindaco eletto.

Per quanto riguarda l’accesso al voto, le urne saranno aperte la domenica dalle 7 alle 23 e il lunedì dalle 7 alle 15. Si applicheranno le misure anti-Covid, pertanto ci si dovrà recare al seggio indossando la mascherina, muniti del documento d’identità e della tessera elettorale. Gli elettori non deambulanti, fisicamente impediti o affetti da gravissima infermità possono ottenere un certificato che consenta loro, a seconda dei casi, di farsi accompagnare in cabina da persone di fiducia o esprimere il voto a domicilio. Per informazioni si può chiamare lo 0542-604950. (mi.ta.)

Nella foto: da sinistra, Alberto Baldazzi e Fabio Morotti

Elezioni Castel del Rio, Baldazzi cerca il tris ma Morotti vuole fermarlo
Cronaca 24 Settembre 2021

Camminata, cerimonie e musica per ricordare la battaglia di Ca’ di Guzzo e la liberazione di Castel del Rio

Il 77° anniversario della battaglia di Ca’ di Guzzo e della liberazione di Castel del Rio ad opera delle truppe alleate saranno ricordati domenica 26 settembre, su iniziativa delle sezioni Anpi di Castel del Rio, di Imola e di Castel San Pietro e del Comune di Castel del Rio.

Primo appuntamento della giornata è l’ormai tradizionale camminata, con ritrovo alle ore 7.30 al parcheggio della Bocciofila di Imola e alle 8.30 alla curva del Montale (dopo Belvedere). Per informazioni: tel. 335 6411488 (Romano Bacchilega). Alle ore 9.45 ritrovo e posa di una corona presso il monumento e i resti dell’edificio di Ca’ di Guzzo, a cui seguirà la posa di una corona alla stele a ricordo di Gianni Palmieri (Medaglia d’oro al valor militare). Alle 11.15 ritrovo presso il monumento di Belvedere. In attesa del rientro dei camminatori è prevista un’azione teatrale, in collaborazione con l’associazione ExtraVagantis e l’Anpi di Imola, con musica di Maurizio Piancastelli. Interverranno Gabrio Salieri (presidente Anpi Imola), Enrico Alpi (presidente Anpi Castel del Rio), Alberto Baldazzi (sindaco di Castel del Rio) e Fabrizio Castellari (vicesindaco di Imola). Per ragioni relative alla sicurezza contro il Coronavirus, anche quest’anno non è possibile pranzare presso il Centro sociale di Belvedere.

La giornata si concluderà a Castel del Rio alle ore 18.30, quando avrà luogo la cerimonia organizzata da Comune, Anpi e Museo della Guerra, con deposizione di corone ai piedi del monumento alla Resistenza e del monumento in ricordo dei caduti dei Gruppi di combattimento Folgore, Nembo e San Marco per ricordare la liberazione del paese, primo comune della provincia di Bologna a essere liberato dagli eserciti alleati. (r.cr.)

Nella foto (dal sito del Cai di Imola): i ruderi di Ca’ di Guzzo

Camminata, cerimonie e musica per ricordare la battaglia di Ca’ di Guzzo e la liberazione di Castel del Rio
Cronaca 8 Settembre 2021

Truffa della benzina sulla Montanara, denunciati tre giovani

Tre ventenni sono stati denunciati dai carabinieri per truffa e tentata truffa continuata ed in concorso. L’episodio, il 5 settembre scorso, a Castel del Rio.

I giovani fingevano di essere rimasti senza benzina sulla Montanara e di dover proseguire il viaggio, riuscendo così a convincere alcuni automobilisti a farsi cambiare le banconote straniere in euro per raggiungere un’area di servizio situata nelle vicinanze e fare il pieno che non sarebbe stato possibile inserendo la moneta a loro disposizione.

Facendo leva sulla mancata conoscenza dei cambi di valuta di alcuni automobilisti che si erano fermati per aiutarli, i tre malviventi erano riusciti ad ottenere banconote da 50 euro, a fronte di monete dal valore di pochi euro. Incensurati, i tre giovani sono stati intercettati dai militari mentre stavano cercando di portare a segno l’ennesimo colpo. (r.cr.)

Foto concessa dai carabinieri

Truffa della benzina sulla Montanara, denunciati tre giovani

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA