Castel Guelfo

Cronaca 20 Maggio 2020

Fase 2, Castel Guelfo riparte con l’inaugurazione di un nuovo negozio. L’assessore al commercio Tozzoli «Segnale di speranza e coraggio»

«Una bella e incentivante novità. Un segnale per tutti di speranza e coraggio». Così Gianluigi Tozzoli, assessore al commercio del Comune di Castel Guelfo, commenta l’inaugurazione di “Lino & lana”, negozio di tendaggi da interno ed esterno, zanzariere, materassi e biancheria per la casa che ha aperto i battenti in via Gramsci, nelle vicinanze del municipio.

«Era da molto tempo che accarezzavo questa idea – racconta Alberto Marchesini, titolare residente a Castel Guelfo da anni e già conosciuto per la bancarella di biancheria per la casa e tendaggi che ha dal 1995 –. Amo il paese in cui vivo ed amo le piccole botteghe. Era da tempo che mi ronzava in testa questo progetto. L’apertura sarebbe dovuta avvenire ai primi giorni di aprile poi, causa questa pandemia, i programmi hanno avuto un rallentamento. Con questa nuova apertura voglio credere nel mio sogno e portare il mio contributo alla rinascita del nostro centro storico».
Le premesse sono positive: «Devo dire che sono molto felice del sostegno ricevuto dagli altri miei colleghi commercianti che hanno accolto con benevolenza questa mia apertura – aggiunge Marchesini –. Auguro a tutti noi una bella ripartenza». (r.cr.)

Fase 2, Castel Guelfo riparte con l’inaugurazione di un nuovo negozio. L’assessore al commercio Tozzoli «Segnale di speranza e coraggio»
Cronaca 12 Maggio 2020

Tonino Ricci Maccarini racconta la sua passione per le decorazioni

Prossimo agli ottant”anni, Tonino Ricci Maccarini si occupa del negozio di famiglia a Castel Guelfo da quando di anni ne aveva 14.
«La mia non è stata una scelta ma piuttosto una necessità di famiglia – racconta –. Allora non si poteva scegliere liberamente cosa fare. A me sarebbe piaciuto fare la scuola d’arte, invece mi sono ritrovato nel negozio di famiglia, che allora era proprio un negozio di campagna a tutti gli effetti, dove mio padre vendeva anche stivali e petrolio agricolo. Poi negli anni abbiamo eliminato tanti articoli, ma specializzandoci negli articoli da regalo. Negli anni Cinquanta e Sessanta, quando le campagne hanno iniziato a spopolarsi in favore dei nuovi agglomerati industriali di città, come Bologna o Castenaso, è stata grande la soddisfazione di servire i concittadini che tornavano a Castel Guelfo per le feste o le cerimonie, che qui trovavano confezioni regalo che nemmeno in città». (mi.mo.)

Il racconto completo sul numero del Sabato sera del 7 maggio

Tonino Ricci Maccarini racconta la sua passione per le decorazioni
Economia 8 Maggio 2020

«Un salto in edicola» passa da Castel Guelfo per conoscere l'attività di Elisa Ricci Maccarini

Da bottega alimentare presto divenuta un punto di riferimento storico per l’intero paese, a negozio di tabaccheria, edicola multiservizi e articoli da regalo due generazioni dopo. Siamo a Castel Guelfo e l’edicola di cui scriviamo è quella che porta il nome della famiglia Ricci Maccarini ormai da ottanta lunghi anni. «Mio nonno, Aurelio Ricci Maccarini, ha acquistato questo negozio nel 1939 – racconta Elisa Ricci Maccarini, che lo gestisce dal 2005 -. Allora era una bottega di alimentari con annessa rivendita di tabacchi che nel tempo si è fatta un nome in città. Mio padre Tonino ne ha portato avanti la gestione dalla fine degli anni Sessanta a quando è stato il mio turno. Io ho rilevato l’attività negli anni Duemila; ho ristrutturato l’intero negozio, anche se era assai ben tenuto, per eliminare la rivendita di alimentari alla luce dell’arrivo in paese del supermercato Coop. Ho scelto di puntare su tabacchi, edicola, che nel 2002 aveva già attivato mio padre, e soprattutto sui servizi».

L’elenco di quanto offre l’edicola tabaccheria Ricci Maccarini sarebbe lungo da fare: basti pensare che si vada Lotto e Superenalotto al pagamento di bollettini e voucher,dalle fotocopie a stampe e fax, dai servizi finanziari e bancari a quelli postali, dalla vendita di giocattoli agli articoli da regalo. All’esterno del locale, sotto il portico di piazza Dante, c’è anche la rivendita self service di tabacchi e ricariche. «Ho fatto una scelta che richiede tanto lavoro ma che funziona», spiega la titolare, che conta sull’aiuto di due collaboratori famigliari, papà Tonino e mamma Gianna, e una dipendente, Mirella Dal Pozzo. (mi. mo.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 7 maggio

«Un salto in edicola» passa da Castel Guelfo per conoscere l'attività di Elisa Ricci Maccarini
Cronaca 6 Maggio 2020

Fermato per un controllo gli trovano addosso cocaina e marijuana, arrestato 47enne

Un 47enne originario di Medicina è stato arrestato dai carabinieri per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’episodio è avvenuto ieri pomeriggio, durante un servizio di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 che i militari stavano effettuando nel centro di Castel Guelfo.

L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è stato fermato in auto durante il controllo, ma alla vista della paletta ha lanciato dal finestrino una bustina e 200 euro in contanti. I militati notando il gesto hanno così deciso di perquisire il veicolo. Il 47enne inoltre è stato sottoposto ad una perquisizione personale e domiciliare e trovato in possesso di 37 grammi di cocaina e 40 di marijuana, tre bilancini di precisione e 1.525 euro in contanti nascosti in un appartamento condominiale condiviso con la compagna di cui non ha saputo spiegare la provenienza. La sostanza stupefacente è stata sequestrata e consegnata ai Carabinieri del laboratorio analisi sostanze stupefacenti del Comando provinciale di Bologna per verificare l’effettiva presenza del principio attivo. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, il quarantasettenne è stato trattenuto in camera di sicurezza. Oggi pomeriggio, durante l’udienza in videoconferenza, è stato convalidato il suo arresto ed il giudice ha disposto nei suoi confronti gli arresti domiciliari in attesa di giudizio. (da.be.)

Foto concessa dai carabinieri

Fermato per un controllo gli trovano addosso cocaina e marijuana, arrestato 47enne
Cronaca 29 Aprile 2020

Chiede al venditore se può provare la moto ma fugge senza pagare. Dopo mesi di indagini denunciato 48enne

Un 48enne originario di Napoli, ma domiciliato a Sasso Marconi, è stato denunciato per furto aggravato dai carabinieri della stazione di Castel Guelfo.

I fatti risalgono a settembre dell’anno scorso, quando l’uomo, dopo aver letto su un sito internet che a Castel Guelfo c’era un motociclista americano che vendeva la sua moto, gli telefonò per concordare un appuntamento e vedere il mezzo. I due si sono così incontrati davanti al centro commerciale «The Style Outlets» e il potenziale acquirente, mostrandosi entusiasta per le condizioni impeccabili della moto, una Honda VFR usata del valore di 6.000 euro, chiedeva al venditore se ci poteva fare un giro di prova.

Il proprietario della moto accettò la richiesta, ma il 48enne dopo aver acceso il potente mezzo salutò il venditore e partì, svanendo nel nulla. Resosi conto di essere stato imbrogliato, l’americano, residente in Italia, sporse denuncia ai carabinieri che avviarono così le indagini. Fortunatamente, un mese dopo l’accaduto, la moto fu rinvenuta abbandonata a Borgo Panigale e restituita al legittimo proprietario. Il 48enne, invece, è stato individuato e denunciato dai militari, in quanto recluso nel carcere di Bologna per altri reati. (da.be.)

Foto concessa dai carabinieri

Chiede al venditore se può provare la moto ma fugge senza pagare. Dopo mesi di indagini denunciato 48enne
Cronaca 28 Aprile 2020

Coronavirus, a Castel Guelfo annullata la 40^ edizione della «Sagra del vino e della ciambella»

Oggi la Pro Loco di Castel Guelfo ha annunciato sui social l’annullamento della 40° edizione della «Sagra del vino e della ciambella» che si sarebbe dovuta svolgere dal 17 al 19 giugno prossimo. «Purtroppo dovendoci attenere ai decreti legislativi in essere per la salvaguardia e la tutela della salute pubblica dovuta al Covid-19, ci vediamo costretti, dopo esserci confrontati anche con l’amministrazione comunale, ad annullare l’edizione 2020».

«Un edizione speciale quella di quest’anno perché ricorre il 40° anno di festeggiamenti – sottolinea il oresidente della Pro Loco Gianluca Fusco – ma vista l’attuale situazione è veramente impensabile, anche solo ipotizzare un evento del genere che fonda la sua natura nella convivialità e, senza assembramenti si snaturerebbe la sua funzione e la peculiarità della festa. Era da tempo che stavamo organizzando e pensando a questa edizione speciale della sagra, ma annullarla oggi non significa che perderemo il nostro entusiasmo che, riverseremo, sicuramente per l’edizione del prossimo anno e, per quanto sarà possibile, cercheremo comunque, compatibilmente con le normative che verranno varate in questi mesi, di elaborare un calendario estivo che possa in qualche modo offrire ai cittadini momenti di svago».

Nella foto (dalla pagina Facebook della Pro Loco di Castel Guelfo): un momento di una passata edizione della sagra

Coronavirus, a Castel Guelfo annullata la 40^ edizione della «Sagra del vino e della ciambella»
Cronaca 21 Aprile 2020

Coronavirus, a Castel Guelfo attivato il servizio di biblioteca a domicilio

In questo periodo di emergenza molti hanno riscoperto il piacere della lettura. Proprio per questo motivo la biblioteca di Castel Guelfo ha pensato di portare i libri… direttamente a casa.

Questo grazie alla preziosa collaborazione dei volontari della protezione civile chiunque può richiedere i libri tramite mail e gli saranno consegnati a casa il giovedì mattina a partire dal prossimo 23 aprile, giornata mondiale del libro. Con tutte le precauzioni possibili il volontario, munito di guanti e mascherina, suonerà il campanello e lascerà i volumi senza entrare in casa o nel palazzo. Se uno poi ha ancora prestiti scaduti potrà riconsegnarli alla riapertura della biblioteca, oppure in caso di richiesta di libri nuovi si potrà accordare per uno scambio il giorno della consegna.

Per tutte le informazioni: biblioteca@castelguelfo.bo.it oppure consultate il sito del Comune o la pagina Facebook ufficiale.

Nella foto: il volantino dell’iniziativa

Coronavirus, a Castel Guelfo attivato il servizio di biblioteca a domicilio
Cronaca 10 Aprile 2020

Emergenza Coronavirus, a Castel Guelfo aperta una raccolta fondi a favore delle famiglie in difficoltà

«Aiutiamo Castel Guelfo» è il titolo dell”iniziativa di raccolta fondi che l”Associazione volontari di Castel Guelfo onlus ha messo in campo in questi giorni per aiutare chi è in difficoltà a causa del Coronavirus. In accordo con l”Amministrazione comunale, l”associazione ha aperto un conto corrente nel quale chiunque intende contribuire, dai privati alle imprese e alle associazioni, può versare liberamente somme a favore delle famiglie con problemi economici. L”Iban al quale effettuare i versamenti è il seguente: IT 63 E 05080 36710 CC0140664925, la causale da indicare “Aiutiamo Castel Guelfo”.

Il ricavato sarà utilizzato per la spesa alimentare e per altri acquisti di prima necessità e gli impieghi, assicura la nota degli organizzatori, saranno rendicontati pubblicamente. «Questa meravigliosa iniziativa è nata grazie alla sensibilità di alcuni privati e associazioni. In particolare – dichiara il vicesindaco e assessore alle Politiche sociali di Castel Guelfo, Anna Venturini – vorrei sottolineare proprio come in questo momento di grande difficoltà per tutti, molti dei nostri concittadini hanno dimostrato un grande senso civico e un grande cuore non solo mettendo mano al portafoglio ma anche attraverso la loro disponibilità, aiutandoci materialmente nei servizi che abbiamo attivato (distribuzione spesa, farmaci, mascherine) in questo periodo».

A proposito poi delle mascherine giunte dalla Regione, l”assessore Venturini aggiunge che anche a Castel Guelfo, come già avviene in altri comuni del territorio, la scelta è stata quella di provvedere alla distribuzione diretta casa per casa, che è cominciata oggi, venerdì 10 aprile e proseguirà nella giornata di domani, sabato 11. (r.cr.)

Nella foto il vicesindaco di Castel Guelfo, Anna Venturini

Emergenza Coronavirus, a Castel Guelfo aperta una raccolta fondi a favore delle famiglie in difficoltà
Cronaca 27 Febbraio 2020

Nasce un info point turistico in piazza a Castel Guelfo

A breve Castel Guelfo avrà un suo punto di informazione turistica (info point). La Pro loco, infatti, ha appena acqui- stato un immobile in centro al paese, sfitto da anni e prima occupato da una banca. Si tratta di un’espressa richiesta dell’Amministrazione comunale, contenuta nella convenzione quadriennale (eventualmente rinnovabile di altri quattro anni) approvata nel Consiglio comunale di martedì 18 febbraio. «Avere una sede aperta al pubblico è motivo di vanto e speriamo che la cittadinanza si affezioni ancora di più a noi e alle nostre iniziative» commenta il presidente della Pro loco, Gianluca Fusco.

Raggiante anche l’assessore alla Cultura, Gianluigi Tozzoli. «Per noi questa era diventata una priorità in quanto, se si vuole puntare ad una valorizzazione del borgo, della nostra storia e delle nostre tradizioni, serve un punto di partenza attraverso il quale incentivare il turismo e l’informazione». 

«Già nel programma elettorae avevamo inserito tra i punti da sviluppare la promozione del turismo e vogliamo aderire all’associazione nazionale dei Borghi Autentici – gli fa eco il sindaco, Claudio Franceschi-. Avere nella piazza centrale del paese un info point e la sede della Pro loco (che finora era all’interno del municipio, ndr) aiuterà a promuovere il turismo e il commercio». Per questo motivo al suo interno «i turisti troveranno cartine dettagliate, depliant e libri per la classica gita fuori porta di una mezza giornata nel nostro paese» illustra Gloria Trombetti, segretaria della Pro loco. (da.be.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 27 febbraio.

Nella foto: soci della Pro loco davanti all’immobile che diventerà l’info point turistico di Castel Guelfo

Nasce un info point turistico in piazza a Castel Guelfo
Cronaca 24 Febbraio 2020

Rubano 800 euro di merce all’Outlet di Castel Guelfo, arrestata coppia

I carabinieri di Dozza hanno arrestato una coppia residente a Firenze per furto aggravato in concorso. L’episodio è avvenuto sabato scorso al centro commerciale «The Style Outlets» di Castel Guelfo.

I due soggetti, lei 40enne, lui 31enne, avevano rubato dei capi di abbigliamento ai danni di tre negozi per un valore totale di circa 800 euro, utilizzando una borsa «schermata» per raggirare i sistemi antitaccheggio dei locali. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna  per la coppia, già nota alle forze dell’Ordine, sono scattate le manette e i due sono stati trattenuti in camera di sicurezza fino a questa mattina per essere tradotti nelle aule giudiziarie del Tribunale di Bologna per l’udienza di convalida dell’arresto.

In sede di rito direttissimo l’arresto è stato convalidato e in attesa della sentenza, gli autori del furto sono stati sottoposti agli arresti domiciliari. (da.be.)

Foto concessa dai carabinieri

Rubano 800 euro di merce all’Outlet di Castel Guelfo, arrestata coppia

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast