Castel San Pietro Terme

Speciale Comunali 2019, a Castel San Pietro tre candidati a sindaco, sei le liste in corsa per il consiglio comunale

Mancano due giorni alle elezioni comunali 2019. Nel circondario imolese il Comune più grande interessato dal rinnovo del consiglio comunale e del sindaco è Castel San Pietro Terme. Ricordiamo che, alla luce del sistema elettorale in vigore per i Comuni sopra i 15 mila abitanti, anche sulle rive del Sillaro uno dei candidati dovrà superare la soglia del 50% di voti per risultare eletto già al primo turno, altrimenti servirà il ballottaggio, che nel caso si svolgerà domenica 9 giugno.

Ma torniamo al 26 maggio e ai tre candidati che si contenderanno la fascia tricolore. Il primo, sindaco uscente, è Fausto Tinti, 54 anni, sposato, padre di sei figlie, docente di Zoologia e presidente del corso di laurea magistrale in Biologia marina dell’Università di Bologna, che abita nella frazione di Osteria Grande. Tinti si presenta con il sostegno di quattro liste: Uniti al centro per Castello, Castello in Comune, Città futura Ambiente solidarietà partecipazione e Partito Democratico.

A sfidarlo ci sarà anche una donna, Elisa Maurizzi, candidata per il Movimento 5 Stelle. Residente a Castel San Pietro nel capoluogo, ha 35 anni, fa l’avvocato, principalmente civilista, e ha collaborato come assistente con la cattedra di Diritto costituzionale di Bologna. E” mamma di un bambino di 4 anni e tra i fondatori dell’associazione culturale di servizi alle famiglie no profit Il «Castello dei pensieri».

Il terzo candidato è Claudio Franzoni, 64 anni, sposato, agronomo, titolare della Inedit, piccola casa editrice che pubblica libri di narrativa, psicologia, fantasy e soprattutto il giornale Terre e Cultura che riprende l’esperienza de ilCastellano.net. A sostegno di Franzoni la lista Prima Castello, formata da Forza Italia, Lega e Fratelli d”Italia (r.cr.)

Nella foto i tre candidati a sindaco di Castel San Pietro Terme: da sinistra Fausto Tinti, Elisa Maurizzi e Claudio Franzoni

Speciale Comunali 2019, a Castel San Pietro tre candidati a sindaco, sei le liste in corsa per il consiglio comunale
Cronaca 21 Maggio 2019

A Castel San Pietro conclusi i lavori per la risistemazione dei parcheggi di via della Repubblica e via Gramsci

Lavori conclusi in due parcheggi a Castel San Pietro Terme. Si tratta delle aree di sosta che si trovano tra via Gramsci e via della Repubblica (via Emilia), una accanto all”altra, sulle quali Area Blu ha portato a termine un intervento di risistemazione e riqualificazione.

Per quanto riguarda il parcheggio al quale si accede dal cancello sulla via Emilia (blocco ovest), in origine riservato al centro diurno comunale, ora grazie ai lavori dispone di 22 piazzole per la sosta gratuita, di cui tre per disabili. Nell”altro parcheggio, quello con accesso da via Gramsci (blocco est), gli stalli sono 18 a pagamento e 15 con disco orario da un”ora. Per ora tuttavia il cancello di via Emilia è ancora chiuso, ma dopo il rifacimento della segnaletica sarà riaperto con la sola possibilità di entrare nei due parcheggi, mentre è già possibile sia entrare che uscire usando il varco di via Gramsci.

Scendendo maggiormente nei dettagli, nell”area sosta con accesso dalla via Emilia è stato riorganizzato tutto lo spazio sosta, ampliando l’area pavimentata con nuovo asfalto e apposite cordonate per delimitare la zona transitabile e creando un collegamento con il parcheggio adiacente con accesso su via Gramsci.  Inoltre, è stato potenziato il sistema fognario realizzando nuove caditoie con relativi pozzetti per adeguare lo smaltimento dell”acqua piovana. Al fine poi di migliorare l’illuminazione notturna, sono stati sostituiti i tre vecchi lampioni con luci più alte (tra i 2,5 e i 3 metri da terra) e più moderne. Il parcheggio al quale si accede da via Gramsci è stato semplicemente collegato con quello di viale della Repubblica, conservando la pavimentazione e l’illuminazione esistente.

La segnaletica orizzontale per le piazzole è stata rinnovata in entrambe le aree, così come è stata installata una nuova cartellonistica verticale. A completamento dell”intervento, in viale della Repubblica sono partiti i lavori di montaggio di una nuova pensilina a servizio della fermata Tper del 101. (r.cr.)

Nella foto i due parcheggi risistemati: a sinistra via della Repubblica, a destra via Gramsci

A Castel San Pietro conclusi i lavori per la risistemazione dei parcheggi di via della Repubblica e via Gramsci
Cronaca 20 Maggio 2019

Il salame di Stefano Poggipollini conquista il primo premio alla tredicesima edizione del Campionato castellano

Il salame più buono del 2019 a Castel San Pietro Terme è quello prodotto da Stefano Poggipollini, che si è aggiudicato il “13° Campionato castellano dei Salami”. La manifestazione, patrocinata da Comune e Pro Loco di Castel San Pietro Terme, ha l”obiettivo di promuovere la tradizione, molto diffusa nelle campagne castellane, di produrre salami a domicilio per autoconsumo, con ricette che si tramandano di generazione in generazione.

La premiazione è stata effettuata dal sindaco di Castel San Pietro Terme, Fausto Tinti, affiancato dal presidente del Comitato, Luigi Roli e dall”assessore Giuliano Giordani. Questa è una festa di amicizia che si tiene ormai da 13 edizioni, perché i castellani amano ritrovarsi, sorridere e stare insieme, amano le relazioni – ha sottolineato Tinti -. Ringrazio gli organizzatori per questi 13 anni, la giuria e il ristorante La Torretta che ha ospitato la serata. Un ringraziamento particolare all’Accademia della Cucina Italiana che faceva parte della giuria e che ha premiato il vincitore con un piatto d’argento, a testimonianza che le varie realtà culturali di questo territorio sanno integrarsi anche con una semplice festa come questa».

Oltre Poggipollini, sono stati premiati con ceste di prodotti alimentari altri quattro partecipanti alla manifestazione, che è itinerante e che quest”anno si è svolta, appunto, al ristorante La Torretta di Castello. Il secondo posto è andato a Cristian Maurizi, terzi a pari merito Giorgio Cavaliero e Piero Passerini, davanti a Franco Romagnoli. In gara c”erano 21 salami, tutti confezionati da produttori artigianali privati, che sono stati giudicati da una giuria di sette membri. Alla cena di premiazione erano presenti oltre cento partecipanti e tutti i produttori in concorso hanno ricevuto un attestato di partecipazione. (r.cr.)

Nella foto il vincitore Stefano Poggipollini premiato dal sindaco Fausto Tinti (a sinistra)

Il salame di Stefano Poggipollini conquista il primo premio alla tredicesima edizione del Campionato castellano
Cronaca 20 Maggio 2019

Un nuovo impianto di luci in arrivo a Castel San Pietro per Piazza XX Settembre e piazza Acquaderni

Una luce nuova per piazza XX Settembre e piazza Acquaderni a Castel San Pietro Terme. Il progetto di riqualificazione, che ha già ottenuto l’ok dell’Amministrazione comunale e che sarà presentato nei prossimi giorni alla Soprintendenza ai beni paesaggistici, è stato illustrato nei giorni scorsi da Solaris, la società in house del Comune di Castel San Pietro che ha in gestione anche il servizio di illuminazione pubblica. Il progetto consiste nella sostituzione di molti dei punti luce esistenti e dell’inserimento di punti luce nuovi, con l’obiettivo di ottenere una maggiore illuminazione e la sottolineatura di alcuni particolari, come il cornicione del frontone comunale, l‘ex-Pretura, le facciate della chiesa parrocchiale e del santuario del Crocifisso e del suo campanile, la stele della Madonna al centro della Piazza, oltre all’installazione di alcuni faretti sui fabbricati intorno per migliorare l’illuminazione del centro della piazza.

Nel dettaglio, mentre i lampioni in ferro battuto presenti sul sagrato del Crocifisso non potranno essere modificati se non sostituendo le lampade attuali con i led, i punti luce su piazza Acquaderni saranno direzionati con la luce verso il basso mediante la sostituzione delle plafoniere, cosa che avverrà anche per le lanterne sulla facciata comunale, anche in questo caso passando ai led. L’intervento, che è stato apprezzato dai proprietari degli edifici che si trovano sulle due piazze, costerà 80mila euro e potrebbe essere realizzato tra la fine del 2019 e la primavera del 2020.

L”intervento è stato illustrato in una conferenza stampa dall”Amministratore unico di Solaris, Giacomo Fantazzini, che è partito dal nuovo contratto di servizio sottoscritto a marzo 2018, con il quale il Comune ha confermato per altri 10 anni l’affidamento della gestione del servizio di illumimnazione pubblica a Solaris. Un contratto che, rispetto al precedente, contiene diverse novità, a cominciare dall”impegno della società in house di eseguire anche interventi di riqualificazione energetica e ammodernamento degli impianti ed evoluzione tecnologica, utilizzando il 10% del canone annuo complessivo.

Il contratto prevede inoltre che Solaris possa realizzare nuovi impianti, su affidamento da parte del Comune e le economie derivanti dai risparmi energetici ottenuti si potranno utilizzare per altri interventi oppure all’inizio del 5° anno il Comune potrà valutare se diminuire il canone annuo di un importo pari al risparmio ottenuto a seguito degli interventi fatti. In cifre, in base al contratto Solaris dovrà realizzare interventi per 165.600 euro al netto dell”Iva nei primi cinque anni e una quota variabile tra i tra i 184.000 e i 261.000 nei successivi cinque.

Il Pric, vale a dire il Piano regolatore dell”illuminazione comunale, è uno strumento di pianificazione reso obbligatorio dalla Regione, che ha stabilito di escludere i Comuni che ne siano sprovvisti dai finanziamenti regionali in materia. In base a tale piano, si stabiliscono priorità, necessità e modalità di intervento per una riqualificazione complessiva degli impianti di illuminazione pubblica esistenti, per la valorizzazione di alcuni elementi storico/artistici del territorio e per una migliore progettazione dei nuovi impianti. Tutto ciò premesso, Solaris ha affidato alla società Idea srl di Imola la redazione del Pric, che è stato consegnato al Comune di Castel San Pietro Terme a novembre 2018. L”Amministrazione ha effettuato una prima presentazione in Consiglio Comunale a dicembre e ha avviato l’iter di approvazione per la sua adozione nel Poc (Piano operativo Comunale). (r.cr.)

Nella foto piazza XX Settembre come sarà con il nuovo impianto di illuminazione

Un nuovo impianto di luci in arrivo a Castel San Pietro per Piazza XX Settembre e piazza Acquaderni
Sport 17 Maggio 2019

«Plogging nei parchi» a Osteria, mentre si corre si raccoglie pure la spazzatura

Domani, sabato 18 maggio, va in onda una novità: «Plogging nei parchi». Sarà una maratonina del Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze. Arriva dalla Svezia ed è la nuova frontiera del fitness: si chiama «plogging» ed è l’unione di «jogging» e «plocka upp», che in svedese significa raccogliere.

Si tratta infatti di raccattare per strada la spazzatura mentre si è impegnati nella corsetta quotidiana o in una passeggiata nel verde. Basta munirsi di sacchetto e guanti protettivi e si è pronti a una sessione intensiva di esercizio fisico extra. Un modo ecologico per tenersi in forma, che fa stare bene noi e l’ambiente. Il ritrovo per le iscrizioni è alle ore 9 al centro civico di Osteria Grande, con partenza alle ore 9.30. (r.s.)

Nella foto: il gruppo del Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze davanti al municipio di Castel San Pietro

«Plogging nei parchi» a Osteria, mentre si corre si raccoglie pure la spazzatura
Cronaca 15 Maggio 2019

Maltempo, frane anche nel territorio di Castel San Pietro. Intervenuti tecnici del Comune e della Regione

Il maltempo che ha sferzato il nostro territorio nei giorni scorsi e, che anche oggi ci sta regalando pioggia e temperature invernali, ha creato qualche danno anche nel territorio del Comune di Castel San Pietro.

Una delle situazioni più critiche in via Destra Sillaro dove, a seguito delle forti precipitazioni, era franata parte della scarpata di monte, con la terra che aveva ostruito i fossi e occupato completamente la sede stradale. Una ditta specializzata, incaricata dal Comune dopo un sopralluogo effettuato con i carabinieri, è intervenuta con urgenza per riaprire la strada, realizzando alcuni fossi per scolare le acque. Un secondo sopralluogo nella stessa zona ha coinvolto anche i tecnici della Regione, poiché in caso di altre piogge il movimento franoso potrebbe riprendere e interrompere nuovamente la viabilità, rendendo necessari ulteriori interventi sovracomunali, in quanto la strada è l”unico accesso per varie abitazioni situate nei comuni di Castel San Pietro Terme, Monterenzio e Casalfiumanese.

Un altro intervento, invece, è stato effettuato sulla strada di Monte Cerere, colpita da una frana della scarpata di valle per una decina di metri. In questo caso è stato necessario chiudere la strada, ma non ci sono abitazioni isolate. Oggi è comunque previsto un ulteriore sopralluogo dei tecnici comunali, per verificare se è possibile riaprirla provvisoriamente a senso unico alternato. (d.b.)

Nella foto (dal sito del Comune di Castel San Pietro): i lavori in via Destra Sillaro

Maltempo, frane anche nel territorio di Castel San Pietro. Intervenuti tecnici del Comune e della Regione
Economia 13 Maggio 2019

A Castel San Pietro crescono i redditi e l'occupazione anche grazie al servizio sviluppo economico creato dal Comune

I dati forniti dagli uffici tecnici comunali e pubblicati sul numero di fine mandato del periodico di informazione comunale Castello Notizie raccontano un aumento di oltre il 10 per cento del numero degli occupati sul Sillaro, dai 4.596 complessivi del 2014 ai 5.207 del 2017. E’ tornato a crescere soprattutto il settore terziario, seguito da industria e commercio. I dati contenuti nel report sulla fragilità demografica della Città Metropolitana rappresentano Castel San Pietro come il comune più «ricco» fra i dieci dell’area imolese in base al reddito medio pro capite con 23.867 euro per l’anno 2016; sempre secondo il report, Imola si ferma a 23.155 euro, Dozza è terza a livello circondariale con 22.979 euro; a livello metropolitano il reddito medio si attesta sui 25.083 euro, dieci punti percentuali in più del dato regionale e oltre 21 se confrontati con il reddito medio nazionale.

«Questa amministrazione ha costruito un vero e proprio servizio di sviluppo economico per rispondere in tempi rapidi e certi alle richieste delle aziende e andare incontro alle loro necessità attraverso una intensa attività di tutoraggio – rivendica il sindaco Fausto Tinti -. Abbiamo lavorato per ridurre i tempi di risposta alle aziende degli sportelli Suap e Sue, gli sportelli unici delle attività produttive ed edilizio, unificati sotto l’egida del servizio di Sviluppo economico che definisce l’iter di lavoro dei vari sportelli secondo tempistiche di volta in volta condivise con le aziende. Inoltre nel nuovo strumento urbanistico operativo Poc abbiamo applicato degli oneri ridotti rispetto a prima per le opere di urbanizzazione terziaria, quelli relativi alle infra-strutture stradali. Mentre sono rimasti invariati i prezzi delle aree edificabili».Questi gli strumenti con i quali la politica castellana ha cercato di prestare grande attenzione alle esigenze delle aziende per invogliarle ad investire sul territorio. E i nuovi insediamenti avvenuti negli ultimi quattro anni sembrano confermarlo, basti pensare a Robopac, che ha riqualificato l’ex stabilimento Malaguti, mentre altre già presenti hanno deciso di continuare ad investire, ne è un esempio il maxi-accordo urbanistico con Crif-Palazzo di Varignana, società leader informatica bolognese nonché gruppo alberghiero-congressi, che al tempo stesso si amplia, contribuisce a riqualificare il centro storico della frazione di Varignana e promette di portare nuova attività per quella di Osteria Grande costruendo un auditorium.

Un circolo virtuoso evidente soprattutto sull’asse San Carlo ma non solo, nel capoluogo, ad esempio, ci sono anche la zona Fontanelle e Valle di Malta, accompagnato da un indotto sotto forma di servizi vari, come la ristorazione. (mi.mo.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 9 maggio

Nella foto l”area artigianale Ca” Bianca a Castello

A Castel San Pietro crescono i redditi e l'occupazione anche grazie al servizio sviluppo economico creato dal Comune
Cronaca 11 Maggio 2019

Temperature ancora sotto la media, a Castello proroga fino al 14 maggio per l'accensione del riscaldamento

Via libera all”accensione dei termosifoni fino al 14 maggio a Castel San Pietro Terme. Lo ha deciso con un”ordinanza l”Amministrazione comunale, concedendo l”ennesima proroga per mantenere in funzione gli impianti nelle case e nei luoghi di lavoro,al fine di far fronte alle temperature inferiori alla media stagionale.

Con la nuova proroga si arriverà dunque un mese oltre il termine ordinario del 15 aprile fissato dalla legge per il nostro territorio. (r.cr.)

Temperature ancora sotto la media, a Castello proroga fino al 14 maggio per l'accensione del riscaldamento
Cronaca 8 Maggio 2019

A Castel San Pietro Terme al via 200.000 euro di lavori urgenti su scuole e sicurezza stradale grazie all'avanzo 2018

Lavori urgenti negli edifici scolastici e interventi sulla sicurezza stradale: sono le due destinazioni per le quali il Comune di Castel San Pietro Terme ha deciso di impiegare 200 mila euro derivanti dall”avanzo risultante dal proprio bilancio consuntivo 2018.  Questo è quanto emerge dall”approvazione in Consiglio comunale del Rendiconto 2018.

Complessivamente il risultato di amministrazione al 31 dicembre 2018 è di 11,5 milioni che, sottratti 7,2 milioni di accantonamenti, significa un risultato netto di circa 4,3 milioni tra fondi vincolati, destinati a investimenti e liberi. L”avanzo, pur con tasse e imposte invariate e una riduzione del prelievo Tari, è pari a 1,3 milioni di euro, ottenuti anche grazie ad un recupero dell’evasione di 1,4 milioni di euro, 700 mila in più rispetto al 2017. La parte subito disponibile per gli investimenti, pari a 200 mila euro, come detto sarà impiegata per lavori urgenti per le scuole e per la sicurezza stradale. «La somma rimanente libera da vincoli, pari a 1,1 milioni, sarà a disposizione della nuova Amministrazione a partire dal mese di luglio», aggiunge il sindaco Fausto Tinti.

Nel dettaglio, sarà effettuata una verifica sismica e strutturale delle scuole medie Pizzigotti e un intervento specifico nel solaio, saranno messi in sicurezza i due attraversamenti sulla via Emilia (quello che porta alla lottizzazione del Borghetto e quello in corrispondenza della fermata dell’autobus a Gallo Bolognese) realizzando una specifica illuminazione e luci lampeggianti all’attraversamento dei pedoni (come davanti all’ospedale), sarà installato un sistema antiallagamenti nei due sottopassi di via San Biagio/Madonnina e via Ercolana, con attivazione automatica di pompe idrauliche, sensori ottici e semafori di sicurezza. Da ultimo, saranno asfaltati altre strade e marciapiedi rispetto a quelli già in programma. (r.cr.)

Nella foto il sindaco di Castel San Pietro Terme Fausto Tinti

A Castel San Pietro Terme al via 200.000 euro di lavori urgenti su scuole e sicurezza stradale grazie all'avanzo 2018
Sport 8 Maggio 2019

A Castel San Pietro la finale del Campionato italiano di freccette

Sabato 4 e domenica 5 maggio a Castel San Pietro si è svolta la finale del Campionato italiano di freccette a squadra, sezione Steel.

All”interno della palestra dell”Istituto Alberghiero ben 320 atleti di 46 squadre provenienti da tutta Italia, da Trieste a Lampedusa, si sono affrontati in due una fantastica due giorni di sport. A trionfare la formazione Bim Bum Bam di Trento, davanti ai Ferrox Steller di Trento ed ai Bastardi Vicenza.

Alle premiazioni hanno partecipato il sindaco Fausto Tinti e il consigliere comunale delegato allo Sport Andrea Bondi. (d.b.)

Nella foto: il podio dei Campionati italiani

A Castel San Pietro la finale del Campionato italiano di freccette

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast