Dozza

Sport 26 Luglio 2021

Calcio serie C, Gaetano Fontana nuovo allenatore dell’Imolese

Gaetano Fontana è il nuovo allenatore dell’Imolese. Nulla di nuovo, quindi, durante la conferenza stampa di oggi al centro Bacchilega dove è stato presentato il nuovo asset societario. A partire proprio dalla panchina affidata, come noto da giorni anche se mancava solo l’ufficialità, al 51enne tecnico di Catanzaro.

Fontana ha un passato da calciatore professionista (anche in serie A e serie B) con le maglie, tra le altre, di Ascoli, Napoli e Fiorentina. Come allenatore, invece, viene da un anno e mezzo sabbatico dopo gli esoneri alla Casertana ed al Fano. 

«Sono molto contento di questa chiamata – ha detto Fontana -. Ad oggi siamo veramente pochi ma questo non mi spaventa. Conoscendo Martone so cosa può fare, abbiamo già lavorato insieme. A livello di organizzazione siamo attivi già da molto tempo con un percorso tracciato di cose che dovremo fare insieme. Ritardo? È un passaggio fisiologico perché, con un cambio di proprietà, ci sono aspetti burocratici da rispettare. So che alla fine il direttore mi metterà in mano una squadra presentabile. Noi non abbiamo tempo ma non dobbiamo avere fretta, serve gestire questa situazione di ritardo senza patemi. Io sono il primo a pretendere il risultato, ho coraggio e spero che i miei ragazzi possano avere lo stesso atteggiamento. Ho il contratto di un anno, una scelta dovuta anche al rapporto che ho con la proprietà. Nella mia idea di calcio desidero coraggio e voglia, non fortuna».

La squadra andrà in ritiro domani sera all’Hotel Donatello per poi iniziare con le doppie sedute di allenamento dalla giornata di mercoledì. (r.s.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 29 luglio.

Nella foto: Gaetano Fontana

Calcio serie C, Gaetano Fontana nuovo allenatore dell’Imolese
Cronaca 7 Luglio 2021

Il Comune di Dozza tra i «ricicloni» di Legambiente

C’è anche il Comune di Dozza tra i destinatari dell’attestato del concorso di Legambiente «Comuni ricicloni 2021» per aver prodotto meno 75 kg di rifiuti/abitante/anno. 

Lo storico concorso di Legambiente premia le comunità locali che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei propri rifiuti ed in particolare la capacità di contenere e ridurre le quantità di rifiuto indifferenziato, destinate allo smaltimento. 
Le classifiche sono stilate su base regionale.  «Questo riconoscimento – commenta il sindaco di Dozza Luca Albertazzi – va ad aggiungersi al Premio che abbiamo ottenuto nei mesi scorsi nel concorso ”Sotto il muro dei 100 kg: Comuni verso rifiuti zero”, promosso dalla Rete Zero Rifiuti e dai Comuni Rifiuto Zero dell’Emilia Romagna. Dobbiamo riconoscere la grande sensibilità dimostrata da cittadini e imprese che hanno colto una grande opportunità per fare tanto e in poco tempo per la difesa ambientale». (r.cr.)

Nella foto: veduta aerea del borgo di Dozza

Il Comune di Dozza tra i «ricicloni» di Legambiente
Cronaca 16 Giugno 2021

Auto e furgone in fiamme a Toscanella, sulle cause indagano i carabinieri

Incendio questa notte, intorno alle 3, a Toscanella. Ad andare in fiamme e distrutti quasi completamente, una vettura ed un furgone parcheggiati in via De Chirico.

Sul posto i vigili del fuoco che, con l’autobotte in appoggio, hanno domato l’incendio ed evitato che il rogo si propagasse anche alle vetture vicine. Presenti anche i carabinieri che stanno svolgendo indagini per risalire agli autori del gesto. Fortunatamente non si sono registrati feriti. (da.be.)

Foto concessa dai vigili del fuoco

Auto e furgone in fiamme a Toscanella, sulle cause indagano i carabinieri
Cronaca 25 Maggio 2021

Successo per «PuliAmo Dozza», i volontari hanno raccolto ben 180 chili di rifiuti

Si è concluso il percorso della campagna per la tutela dell”ambiente «PuliAmo Dozza», con la collaborazione del Cgam (Corpo guardie ambientali metropolitane). Nei quattro appuntamenti (26 febbraio, 17 aprile, 24 aprile e 8 maggio) che hanno coinvolto cittadini volontari sono stati raccolti ben 180 chili di rifiuti nelle strade e nei fossi del territorio comunale di Dozza.

Nuovi appuntamenti di questa iniziativa si terranno a fine settembre.

Nella foto: alcuni volontari impegnati nella raccolta dei rifiuti

Successo per «PuliAmo Dozza», i volontari hanno raccolto ben 180 chili di rifiuti
Cultura e Spettacoli 23 Maggio 2021

Arzdore (e arzdori) e sfoglia si candidano a diventare patrimonio dell’umanità Unesco

L’arte di tirare la sfoglia è candidata all’umanità Unesco. È ufficiale, la conferma è arrivata dal sindaco di Bologna Virginio Merola, dopo una telefonata con il sottosegretario alla cultura Lucia Borgonzoni. Ma non solo Bologna, ad appoggiare la candidatura anche Castelfranco Emilia e Modena, perché la sfoglia tirata a mano è una cosa emiliano romagnola, di tutti.

Nel circondario imolese le sfogline sono ben rappresentate dalle Arzdore di Dozza e il sindaco Luca Albertazzi è orgoglioso di questa candidatura. «Sta diventando sempre più necessario un ricambio generazionale e quindi parlare delle sfogline, in platee così importanti, potrebbe essere la spinta necessaria a tenere vivo l’interesse sulle tradizioni di casa nostra» dice il primo cittadino. La tradizione antichissima di tirare a mano la pasta all’uovo è lodata anche da Pellegrino Artusi, padre della cucina italiana. (fra.gia.)

In attesa di sapere se arriverà il celebre riconoscimento, su «sabato sera» del 20 maggio curiosità e aneddoti di trent’anni di pasta all’uovo tirata con il mattarello a Dozza.

Nella foto: gruppo delle Arzdore di Dozza nella preparazione della pasta all’uovo

Arzdore (e arzdori) e sfoglia si candidano a diventare patrimonio dell’umanità Unesco
Cultura e Spettacoli 17 Maggio 2021

Un «Cuore di drago» per FantastikA, appuntamenti fantasy dal vivo e on line tra Dozza e Castel Guelfo

Comincia oggi, lunedì 17 maggio, e proseguirà fino a domenica 23 maggio FantastikA 2021, la biennale d’arte del fantastico dal titolo «Cuore di drago». FantastikA, organizzata dalla Fondazione Dozza Città d’Arte in collaborazione con il Comune di
Dozza, coinvolgerà i visitatori attraverso eventi on line ma anche performance di artisti dal vivo, mostre, visite, tour e concerti, il tutto alla scoperta del fantasy e di molto altro.

L’avvio si terrà a Castel Guelfo con la mostra «I venti del male» con le tavole di Paolo Barbieri (inaugurazione ore 18 presso palazzo Malvezzi Hercolani, via Gramsci 10). Si proseguirà poi a Dozza da mercoledì 19 maggio con molti eventi in diretta live sui social di FantastikA. Sabato 22 maggio alle ore 11 verrà inaugurata nella rocca di Dozza «Frammenti di Rubini», una mostra che raccoglie il meglio di Michele Rubini, noto artista di Casa Bonelli. In mostra, nella sala delle armi all’interno della rocca, sarà esposta una selezione di tavole originali create per i fumetti di Dampyr, Zagor, Morgan Lost, oltre a copertine e illustrazioni realizzate per progetti editoriali inediti. 

«FantastikA – dichiara Simonetta Mingazzini, presidente della Fondazione Dozza Città d’Arte – è l’occasione per Dozza di uscire dalle mura del Borgo e ampliare il nostro pubblico a livello nazionale con un genere molto suggestivo, come il fantasy». 

Il programma completo della manifestazione è sul sito di Fantastika e su AppU (per Android e iOS). (gi.gi.)

Un «Cuore di drago» per FantastikA, appuntamenti fantasy dal vivo e on line tra Dozza e Castel Guelfo
Cronaca 9 Maggio 2021

A Dozza aperto il «Sentiero del Vino» per scoprire vigneti, cantine e territorio

Nasce a Dozza il «Sentiero del Vino», un’escursione fruibile tutto l’anno che conduce, attraverso i vigneti, ad angoli panoramici e scorci naturalistici del territorio. Il sentiero, che parte dall’E- noteca regionale e tocca quattro cantine, ha una lunghezza di 6,5 chilometri, su strade asfaltate e sterrate, e valorizza aspetti culturali, storici e paesaggistici.

Nei pannelli lungo il percorso si citano ad esempio le sabbie gialle di Scarabelli e gli acquedotti ottocenteschi di Dozza. Il percorso è stato finanziato da Città metropolitana, Enoteca regionale e Comune. (r.cr.)

A Dozza aperto il «Sentiero del Vino» per scoprire vigneti, cantine e territorio
Cronaca 7 Maggio 2021

Ex bocciodromo di Toscanella, da domani via al progetto «E noi ci siamo» dell’associazione Rambaldi

In questi giorni si stanno avviando le nuove attività presso i locali dell’ex bocciodromo di Toscanella, concessi in uso all’associazione «Rambaldi». Nei mesi scorsi i volontari dell’associazione hanno sistemato gli spazi, allestendoli in modo adeguato per le varie iniziative che verranno realizzate secondo il progetto presentato dall’Associazione.

Se da un lato verranno sviluppate attività socio-ricreative non appena le norme anti-Covid lo consentiranno, dall’altro viene attivata fin da subito la sede logistica ed organizzativa delle tante azioni messe in campo dai volontari per fronteggiare l’emergenza in corso. Si tratta del progetto «E noi ci siamo», il quale prevede molteplici servizi innovativi: dalla consegna a domicilio della spesa, dei pasti e dei farmaci fino all’esperienza di ascolto e vicinanza telefonica. Questo progetto è stato avviato lo scorso anno per assicurare ai cittadini supporto e assistenza per necessità di vario genere, in particolare legate all’emergenza sanitaria ancora in corso. Il via da domani, sabato 8 maggio. Da segnalare la parte innovativa di questo servizio con la realizzazione di quattro postazioni con computer collegati in rete, con la possibilità di chiamate Skype per chi ha necessità di parlare con famigliari o amici, scaricare documenti o moduli e accedere al proprio fascicolo sanitario, ovviamente il tutto nel rispetto della privacy. Volontari dell’associazione avranno inoltre a disposizione un pc portatile per svolgere questo servizio anche a domicilio.

Nell’ufficio sarà presente, il martedì, giovedì e sabato, dalle ore 9 alle ore 11, un volontario dell’associazione a cui tutti i cittadini (non è necessario essere soci) potranno rivolgersi. In questo la “Rambaldi” sarà affiancata da volontari dell’albo comunale e da altre associazioni. Per eventuali informazioni: 331 3306373.

«Voglio rivolgere un vivo ringraziamento – commenta il Sindaco di Dozza Luca Albertazzi – a tutti i volontari dell’associazione Rambaldi, al suo presidente Sergio Bendanti e al vice Presidente Fabio Gandini nonché a Gemma Mengoli, componente del Centro Operativo Comunale nella funzione di supporto alla popolazione, per il grande lavoro che hanno fatto e che stanno tuttora facendo nel fornire e assicurare servizi importanti ai cittadini in questo momento particolarmente difficile. Altro motivo di soddisfazione è che il giorno della riapertura dell’ex bocciodromo coincide con la pubblicazione dell’avviso per raccogliere manifestazioni di interesse per trovare la ditta a cui affidare i lavori di recupero e ampliamento di questo immobile. L’inizio dei lavori è previsto per il prossimo autunno». (r.cr.)

Foto concessa dal Comune di Dozza  

Ex bocciodromo di Toscanella, da domani via al progetto «E noi ci siamo» dell’associazione Rambaldi
Economia 29 Aprile 2021

Alla Foundry Er di Dozza niente licenziamenti fino al 31 dicembre 2021

Un importante accordo è stato siglato questa mattina tra i sindacati (Fiom e Uilm territoriali) e Foundry Er di Dozza, nome nuovo della storica Fonderia Fer presente sul territorio da oltre 60 anni. Un accordo, il primo di questo genere sul territorio nazionale nel settore metalmeccanico, che prevede il blocco dei licenziamenti fino al 31 dicembre 2021, andando quindi oltre la scadenza nazionale fissata attualmente dal Governo al prossimo 30 giugno

«L’accordo odierno rientra in un contesto di salvaguardia generale che prevede anche la programmazione della riduzione dell’orario di lavoro collettivo in Fonderia durante il periodo estivo, a vantaggio anche della sicurezza dei lavoratori – si legge nel comunicato firmato dai sindacati -. Inoltre, si è raggiunto un accordo ponte relativamente al servizio mensa, che veniva originariamente garantito in azienda e che sino al 31 dicembre 2021 prevederà in sostituzione l’erogazione di un buono pasto quotidiano per ogni giorno di presenza. È stato possibile raggiungere questo accordo grazie ad una convergenza di disponibilità dei lavoratori e dell’azienda, attraverso il ruolo chiave di mediazione esercitato da Fiom e Uilm, insieme alla Rsa».

«Riteniamo sia un accordo che tutela i 18 lavoratori della fonderia perché tiene conto delle condizioni di lavoro soprattutto nei periodi più caldi – commentano Marco Valentini della Fiom Cgil e Giuseppe Rago della Uilm di Imola -. Inoltre, in un momento così complicato è secondo noi importante dare uno strumento che offre una maggiore tutela occupazionale ai lavoratori». «Speriamo che l’accordo siglato oggi sia da esempio per altre aziende non solo sul nostro territorio, ma anche a livello regionale e nazionale – auspicano Stefano Moni della Fiom e Giuseppe Rago della Uilm -, dal momento che ad oggi il Governo continua a non dare risposte alle ripetute richieste dei sindacati di prorogare il blocco dei licenziamenti». (r.e.)

Foto dal sito della Foundry Er di Dozza

Alla Foundry Er di Dozza niente licenziamenti fino al 31 dicembre 2021
Cronaca 23 Aprile 2021

Dozza premiato tra i comuni virtuosi sotto il muro dei 100 chili di rifiuti pro capite

C’è anche Dozza tra i comuni premiati nella settima edizione di «Sotto il muro dei 100 kg: Comuni verso rifiuti zero» promosso dalla Rete Rifiuti Zero e dai Comuni Rifiuti Zero dell’Emilia Romagna. La premiazione si terrà on line sabato 24 aprile. Nel corso del convegno il Comune di Dozza riceverà un attestato poiché risulta che ha una produzione di rifiuti non riciclati sotto i 150 chili procapite per cittadino, ossia la soglia definita dalle direttive regionali e dell’Unione europea.

La media dei rifiuti non riciclati a livello regionale è di 251 chili pro capite, mentre Dozza ne produce 136 chili per cittadino. I chili di rifiuti indifferenziati prodotti pro capite sono notevolmente diminuiti: 416 chili nel 2013, 361 chili nel 2017 (anno in cui è stato modificato il sistema di raccolta) e 71 chili ad oggi (da notare che nel 2018 è stata introdotta la tariffa puntuale). Il dato dei 136 chili pro capite si raggiunge sommando ai 71 chili gli scarti della raccolta differenziata che non possono essere riciclati e i quei rifiuti che vanno comunque inceneriti.  

«Sulla qualità dello scarto prodotto c’è ancora molto da fare – commenta il sindaco, Luca Albertazzi -. Occorre stimolare ulteriormente il processo culturale già in atto nella nostra comunità, ma ottenere questo premio è una gratificazione importante, che ci rende molto orgogliosi e ci aiuta ad instaurare una sempre maggiore e fertile collaborazione con i cittadini e le imprese». (gi.gi.)

Dozza premiato tra i comuni virtuosi sotto il muro dei 100 chili di rifiuti pro capite

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast