Fontanelice

Cronaca 12 Settembre 2022

Non accetta la fine della relazione e perseguita la ex, 37enne arrestato dai carabinieri a Fontanelice

Un 37enne di Fontanelice è stato arrestato dai carabinieri per atti persecutori nei confronti dell’ex compagna. La vicenda risale a qualche settimana fa, quando la donna, sua coetanea, si è recata in caserma per denunciare l’ex compagno, uomo violento e possessivo, che dopo la fine della loro relazione, durata circa un mese, aveva iniziato a perseguitarla attraverso messaggi, telefonate e pedinamenti, nella speranza che la donna cambiasse idea. Per questo la donna, temendo di subire un’imboscata per strada, si è rivolta ai militari. Dopo gli accertamenti il Gip ha accolto le richieste della Procura e per il 37enne sono scattate le manette.

Foto dai carabinieri

Non accetta la fine della relazione e perseguita la ex, 37enne arrestato dai carabinieri a Fontanelice
Cultura e Spettacoli 9 Agosto 2022

Si alzano i calici di stelle a Fontanelice, guardando il cielo e bevendo il «giusto»

Calici di Stelle a Fontanelice torna come sempre domani, 10 agosto, a partire dalle ore 20 e fino alle 24, nel centro storico. Profumi e sapori del territorio accompagnano il visitatore in un percorso enogastronomico nei vicoli suggestivi del centro storico dove musica e cultura fanno da cornice agli assaggi nei calici di cristallo del prezioso nettare di Bacco.

Nella sala del museo archivio Mengoni si terrà la mostra del pittore Nevio Galeotti. Possibilità di osservare il cielo con l’aiuto degli esperti dell’associazione Astrofili imolese, con un occhio di riguardo al consumo moderato di alcool con l’alcool test gratuito fornito dai ragazzi del progetto prevenzione primaria Vivere della coop sociale Solco Educa. (r.c.)

Si alzano i calici di stelle a Fontanelice, guardando il cielo e bevendo il «giusto»
Cronaca 9 Luglio 2022

Tragedia a Fontanelice, trattore si ribalta e travolge una 48enne

Tragedia nel primo pomeriggio di oggi, intorno alle 12.30, a Fontanelice, in località Isola. A perdere la vita a causa di un incidente in un’azienda agricola una 48enne, G.T. le iniziali, originaria di Imola ma residente a San Prospero, comune nella provincia di Modena.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri la donna stava raccogliendo la legna insieme ai familiari ed altre persone. Per farlo utilizzavano un trattore con rimorchio che, visto il terreno impervio, erano stato parcheggiato con le ruote vicino ad un terrapieno. Nonostante nessuno fosse alla guida del mezzo il trattore, per cause ancora da accertare, si è messo in movimento, probabilmente a causa del peso della legna e di un’altra persona, un 62enne di Fontanelice, presente sul rimorchio.

Salendo così sul terrapieno il mezzo agricolo si è ribaltato schiacciando la 48enne che stava passando in quel momento. Inutili i soccorsi dei presenti e dei sanitari del 118 accorsi immediatamente sul posto, la donna è morta poco dopo l’incidente per le gravi ferite riportate. Escoriazioni, invece, per l’uomo che si trovava sul rimorchio del trattore, poi medicato all’ospedale di Imola.

Sul luogo della tragedia anche i tecnici della Medicina del lavoro dell’Ausl per determinare l’esatta dinamica dell’incidente e accertare eventuali responsabilità. Il trattore, invece, è stato sequestrato dai carabinieri. (r.cr.)

Foto d’archivio

Tragedia a Fontanelice, trattore si ribalta e travolge una 48enne
Cronaca 2 Luglio 2022

Esce di strada con l’auto, finisce contro un albero e poi scappa. Ancora nessuna traccia dell’automobilista

Ancora nessuna traccia dell’automobilista che, giovedì scorso, il 30 giugno, intorno alle 18, ha perso il controllo della vettura sulla Montanara a Fontanelice, finendo prima contro la pista ciclopedonale e poi contro un albero.

L”incidente è avvenuto all’altezza del chiosco Passatempo, dopo l’impatto l’automobilista è sceso dal mezzo e si è allontanato correndo.

Per fortuna non si sono registrati feriti. Ma, come riferito dai carabinieri questa mattina, non ci sono ancora notizie del condicente fuggito. (r.cr.)

Foto d’archivio

Esce di strada con l’auto, finisce contro un albero e poi scappa. Ancora nessuna traccia dell’automobilista
Cronaca 17 Giugno 2022

Perde il controllo della moto per una macchia d’olio e finisce a terra, trasportato al Maggiore

Incidente stradale questa mattina, intorno alle 7.30, sulla Montanara a Fontanelice. Un motociclista di Castel del Rio stava viaggiando in direzione Imola sulla sua Bmw R1200 quando, per evitare una macchia d’olio presente sull’asfalto, ha perso il controllo del mezzo finendo contro il palo di un cartello stradale. A causa del violento impatto l’uomo è poi caduto in mezzo alla carreggiata insieme alla moto. Sul posto polizia locale, carabinieri e sanitari del 118 con l’elisoccorso. Trasportato per lesioni al Maggiore di Bologna, il motociclista non è in pericolo di vita. (r.cr.)

Foto d’archivio

Perde il controllo della moto per una macchia d’olio e finisce a terra, trasportato al Maggiore
Cronaca 3 Maggio 2022

Ritrovata la piastrina del soldato tedesco
 rinvenuto a Fontanelice: «Ora è possibile dargli un nome»

É stata ritrovata la piastrina del soldato tedesco rinvenuto, il 13 novembre scorso, a Fontanelice sul Monte Cappello, in località Cà del Grillo, morto probilmente a causa dello scoppio di una bomba tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre del 1944. A riportarla alla luce dal terreno, grazie al suo metal detector, ci ha pensato Davide Lanzoni, appassionato di storia e reperti bellici. «Le piastrine tedesche non hanno nome – commenta Valerio Calderoni, vicedirettore del Museo della guerra di Castel del Rio -, ma solo reparto (3° battaglione del Jager Regiment), numero di matricola (183) e gruppo sanguigno (Zero). Risalire all’identità del soldato però è possibile».

Una ricerca durata mesi, da quando appunto il 22enne di Mordano Mattia Palombo, socio del Museo della guerra e della Linea Gotica di Castel del Rio trovò resti umani, oltre a due tipi di bottoni, alcuni a quattro fori da camicia ed altri più grandi da giubba, alcune  falangi  ossee di una mano, insieme a frammenti di scapole, costole e vertebre. Ossa prima consegnate ai carabinieri, e poi trasferite al cimitero germanico della Futa di Firenzuola, mentre i bottoni sono entrati a far parte della collezione permanente alidosiana. (r.cr.)

Nella foto: Davide Lanzoni e Valerio Calderoni

Ritrovata la piastrina del soldato tedesco
 rinvenuto a Fontanelice: «Ora è possibile dargli un nome»
Cultura e Spettacoli 17 Aprile 2022

A Fontanelice il profumo di Pasquetta è quello della Piè Fritta

È un appuntamento tradizionale, il profumo di Pasquetta in Vallata. E, dopo due anni di pausa per via della pandemia, quest’anno ritorna: la Sagra della Piè Fritta animerà Fontanelice domani, lunedì 18 aprile, con la sua 64a edizione. Si potrà così gustare il cibo tipico che i volontari dell’Associazione Sagra Piè Fritta – Fontanelice, organizzatori dell’evento, distribuiranno per tutta la giornata, affiancati dallo stand gastronomico di Fiume diVino.

Si comincia quindi con l’apertura dello stand e la distribuzione della piè fritta alle 9 in piazza Roma, per continuare alle 9.30 con l’apertura dell’Archivio Mengoni per visitare la Torre Civica e due mostre: una con la collezione dei piatti della Sagra della Piè Fritta dal 1957 al 2019 donati al Comune da Lora Pirazzoli, e una con una breve rassegna etnografica sul ruolo dell’arco nella storia, a cura della Society of Archer- Antiquaries.

Dalle 13.30 la musica sarà itinerante per le strade del paese con I Musicanti di San Crispino, e alle 14 si avrà l’apertura del campo sportivo per assistere alla corsa dei somari che prenderà il via alle 15. Per i più piccoli, alle 16 si terrà uno spettacolo con i burattini di Mattia Zecchi. Non mancheranno le giostre ed il mercato per le vie del paese. (r.c.)

Foto della Sagra prima della pandemia

A Fontanelice il profumo di Pasquetta è quello della Piè Fritta
Cronaca 14 Novembre 2021

Il corpo di un soldato tedesco rinvenuto a Valmaggiore

I resti di un soldato tedesco risalenti, con molta probabilità, alla Seconda guerra mondiale, sono stati ritrovati a Valmaggiore. La scoperta è stata fatta da un 22enne, socio volontario del Museo della Guerra Linea Gotica di Castel del Rio, che stava scansionando col suo metal detector il terreno di un privato, con regolare autorizzazione. Durante le operazioni di ricerca, il giovane ha trovato a una profondità di circa 40 centimetri alcuni oggetti piatti e tondeggianti, verosimilmente i bottoni metallici dell’uniforme.

Accanto ai reperti, però, c’erano anche dei resti umani e a quel punto il 22enne ha chiamato subito i Carabinieri della stazione di Fontanelice, che lo hanno raggiunto per eseguire un sopralluogo e informare l’Autorità giudiziaria. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, le ossa rinvenute saranno trattate in via amministrativa e potranno riposare in pace nel Cimitero militare germanico della Futa. (lo.mi.) 

Foto d’archivio

Il corpo di un soldato tedesco rinvenuto a Valmaggiore

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA