Elezioni

Castel San Pietro Terme 4 Dicembre 2019

LABORATORIO PER BAMBINI IN LUDOTECA

LUDOTECA SPASSATEMPO – laboratorio motorio «Gli elfi di Babbo Natale», per bambini da 3 a 6 anni. Castel San Pietro, via Caduti di Cefalonia 259 Ingresso per gli iscritti alla Ludoteca (quota d”iscrizione 25 euro per un anno)
INFO: 051/948589,

Cronaca 3 Luglio 2019

Politica, alleanze ed elezioni regionali, Pizzarotti a Imola alla Festa Pd per parlarne con Soverini e Calvano

Tra pochi mesi i cittadini emiliano-romagnoli saranno chiamati ad eleggere il governatore e i componenti dell’Assemblea legislativa. Il segretario regionale di Italia in Comune e deputato, Serse Soverini, e il presidente nazionale del partito nonché primo cittadino di Parma, Federico Pizzarotti, questa sera affiancheranno il segretario regionale del Partito democratico, Paolo Calvano, nell”incontro organizzato alla Festa del Partito democratico per parlare, per l”appunto, di politica e alleanze.

La Lega alle europee è diventata primo partito in Emilia Romagna, mentre alle amministrative i candidati Dem hanno avuto la meglio. Insomma, la partita si presenta apertissima, come mai lo è stata. Per il Pd è indispensabile costruire un nuovo centrosinistra largo e plurale, una grande alleanza che raccolga la sinistra da un lato e il centro moderato dall’altra, guardando alle tante esperienze civiche e ai sindaci sul territorio. Alleanze ampie e candidati all’altezza. La qualità dei propri amministratori locali potrebbe rivelarsi il vero valore aggiunto del centrosinistra. Questi alcuni dei temi al centro del dibattito tra il segretario regionale dem Calvano, il sindaco di Parma Pizzarotti (giunto al termine del secondo mandato), ex 5Stelle e fondatore del movimento Italia in Comune (chiamato anche il Partito dei sindaci) e l’onorevole Soverini, ex Area civica e oggi anche lui di Italia in Comune, alle elezioni politiche del 2018 sostenuto dalla coalizione di centrosinistra ed eletto alla Camera proprio nel collegio uninominale di Imola. (r.cr.)

Politica, alleanze ed elezioni regionali, Pizzarotti a Imola alla Festa Pd per parlarne con Soverini e Calvano
Casalfiumanese 21 Giugno 2019

SAGRA DEL TORTELLO

per la Sagra del tortello, presso la piazzetta della Solidarietà, alle ore 19 apertura dello stand gastronomico, alle 21 musica con Stefano Linari. Casalfiumanese

Elezioni 30 Maggio 2019

Il commento sulle elezioni comunali del segretario Pd Marco Panieri: «Grande risultato, le persone hanno fatto la differenza»

«E’ un grande risultato». Così il segretario territoriale del Pd di Imola, Marco Panieri, commenta l’esito delle elezioni comunali nel circondario, dove i candidati del centrosinistra hanno vinto in sette Comuni; al primo turno a Castel San Pietro e Medicina, dove era invece possibile un eventuale ballottaggio. Unica eccezione Dozza, dove si è riconfermato il sindaco uscente Albertazzi, con la lista civica Progetto Dozza.

«E’ il risultato collettivo di un centrosinistra largo, con al centro il bene comune – spiega Panieri -. Le persone hanno fatto la differenza, in una campagna elettorale dove c’è stato molto dialogo con i cittadini. Abbiamo lavorato tanto e parlato poco. Nella vallata del Santerno c’erano criticità importanti, messe in evidenza anche dalla mancata fusione tra i Comuni. Invece, anche in vallata abbiamo una unità che ci consente di far dialogare tutti i sindaci, un’occasione che non dobbiamo sprecare per ripar-tire insieme e guardare ai prossi-mi anni mettendo al centro un percorso politico nuovo. E’ stato premiato il buon governo, anche se possiamo fare meglio e di più. Ed è anche, non lo nascondo, una boccata d’ossigeno per la nostra Federazione territoriale».

L’analisi dei risultati porta il segretario a fare anche altre considerazioni. «Emerge la situazione di Imola – prosegue – dove la sindaca torna a essere, per sua scelta, isolata. Questo è molto preoccupante per la nostra realtà». (r.cr.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 30 maggio

Nella foto i sette sindaci di centrosinistra eletti domenica 26 maggio nel circondario con il segretario Marco Panieri (quinto da sinistra): nell”ordine da sinistra Mauro Ghini (Borgo Tossignano), Fausto Tinti (Castel San Pietro), Claudio Franceschi (Castel Guelfo), Beatrice Poli (Casalfiumanese), Gabriele Meluzzi (Fontanelice), Nicola Tassinari (Mordano), Matteo Montanari (Medicina)

Il commento sulle elezioni comunali del segretario Pd Marco Panieri: «Grande risultato, le persone hanno fatto la differenza»
Elezioni 29 Maggio 2019

Speciale Comunali 2019, poche Amministrazioni hanno “cambiato colore' nel territorio della Città metropolitana

In attesa dell”esito del ballottaggio a Molinella, l”unico comune della Città metropolitana di Bologna al quale occorrerà il secondo turno per stabilire chi sarà il nuovo sindaco, intanto la nuova mappa dei colori politici nel territorio provinciale si presenta con pochi cambiamenti rispetto a prima del 26 maggio.

Ricordiamo innanzitutto che domenica scorsa si è votato in 46 comuni su 55, corrispondenti al 48,2% della popolazione metropolitana (mancavano infatti all”appello le due città maggiori, Bologna e Imola). L”affluenza si è attestata al 71,3%, oltre 3 punti in meno rispetto al 2014 (74,6%), con la punta massima registrata a San Benedetto Val di Sambro (76,25%) e la minima a Monterenzio (65,55%).

Venendo dunque all”esito politico della contesa, conferma per il centrosinistra in 36 comuni, compresi i sette su otto nel circondario imolese in cui già governava (Castel San Pietro Terme, Medicina, Casalfiumanese, Borgo Tossignano, Fontanelice, Castel Guelfo e Mordano), mentre a Dozza si è conquistato il secondo mandato il civico Luca Albertazzi. Tre comuni sono passati dal centrosinistra al centrodestra, il quale ne ha a sua volta ceduti due a liste civiche. Al momento risultano dunque di colore azzurro otto comuni: Monzuno e Sant”Agata Bolognese (confermati), Galliera, Monterenzio e Vergato (nuovi) più tre che domenica scorsa non erano interessati dalle urne, vale a dire Monghidoro, Gaggio Montano e San Giovanni in Persiceto. Sei invece i civici: San Benedetto Val di Sambro e Dozza (confermati), Loiano e Castel d”Aiano (nuovi), Budrio e Castel del Rio tra quelli che non hanno votato. Le amministrazioni di centrosinistra sono in tutto 39, mentre resta Imola l”unico comune metropolitano a guida 5Stelle.

Non resta che attendere dunque l”esito del ballottaggio che domenica 9 giugno vedrà sfidarsi, a Molinella, il sindaco uscente di centrosinistra Dario Mantovani, che ha sfiorato la vittoria al primo turno con il 49,45% dei voti e Marco Stegani, il candidato del centrodestra che ha chiuso il primo round con il 36,04%, per stilare il bilancio definitivo. (r.cr.)

Nella foto, la tabella della Città metropolitana con i colori delle Amministrazioni comunali a confronto con la situazione prima del 26 maggio (https://www.cittametropolitana.bo.it/portale/Engine/RAServeFile.php/f/colore_politico_comuni.jpg)

Speciale Comunali 2019, poche Amministrazioni hanno “cambiato colore' nel territorio della Città metropolitana
Ozzano dell'Emilia 27 Maggio 2019

Speciale Comunali 2019, Matteo Montanari è il nuovo primo cittadino di Medicina

Anche a Medicina è finito lo spoglio delle votazioni per le amministrative 2019.

La fascia di primo cittadino è andata a Matteo Montanari (Centrosinistra e sinistra uniti per Matteo Montanari-Lista civica Medicina Democratica e Solidale-Matteo Montanari Sindaco Lista Civica) che ha raggiunto il 55,71% (5.055 voti). Più distanziato Salvatore Cuscini di Cuscini Sindaco e Prima Medicina e il Popolo della Famiglia (19,68%, 1.786 voti). Dietro Cristian Cavina del Movimento 5Stelle con il 18,60% dei voti (1.688). Chiude Enrico Raspadori della Sinistra Medicinese (6%, 544 voti). (d.b.)

Nella foto: Matteo Montanari

Speciale Comunali 2019, Matteo Montanari è il nuovo primo cittadino di Medicina

Speciale Comunali 2019, Fausto Tinti confermato sindaco di Castel San Pietro Terme al primo turno

Fausto Tinti succede a se stesso. Il sindaco di Castel San Pietro Terme si è imposto nettamente nelle elezioni comunali del 26 maggio 2019 e si è assicurato la rielezione al primo turno, spazzando via lo spettro del ballottaggio. 

Tinti ha ottenuto complessivamente 6.676 voti, pari al 58,71%, davanti all”avversario della lista di centrodestra Prima Castello, Claudio Franzoni, che ha sfiorato quota 25% (24,92%, con 2.834 voti) e alla portabandiera del Movimento 5 Stella, Elisa Maurizzi, terza con il 16,37% (1.862 voti assoluti).

Passando alle quattro liste che sostenevano il primo cittadino uscente, il Partito Democratico ha conquistato il 42,39% dei suffragi e dovrebbe avere otto seggi in consiglio comunale. Un consigliere a testa per Uniti al centro per Castello (6,41%) e per Castello in Comune (5,89%), mentre Città futura con il 4,01% non avrà rappresentanti nell”assemblea cittadina. 

All”opposizione siederanno, se i dati ufficiosi saranno confermati e così il riparto dei seggi, quattro consiglieri di centrodestra (la lista Prima Castello raggruppa Lega, Forza Italia e Forza Italia) e due del Movimento 5 Stelle. (r.cr.)

Nella foto Fausto Tinti in fascia tricolore (credit Comune di Castel San Pietro Terme)

Speciale Comunali 2019, Fausto Tinti confermato sindaco di Castel San Pietro Terme al primo turno
Elezioni 27 Maggio 2019

Elezioni europee, nel circondario imolese balzo della Lega oltre il 28%, Pd primo partito con il 35,46%, in calo i 5 Stelle

Partito Democratico prima forza nel circondario con il 35,46% dei voti, ma il dato più eclatante è l”avanzata della Lega, che si attesta al 28,30%, con punta massima a Fontanelice, dove il partito del vicepremier Matteo Salvini ha superato il 40%.

E” il risultato delle elezioni europee nel territorio del circondario imolese, che ha chiuso la tornata di ieri con un”affluenza del 66,90%.

Tornando al Pd, il partito guidato dal segretario nazionale Nicola Zingaretti ha ottenuto il suo miglior risultato a Castel San Pietro Terme con il 37,52%, con Imola a poca distanza (36,68%). Sotto al 30% i dem a Fontanelice (25,99%) e a Dozza (27,01%). 

Non è andata molto bene, invece, al Movimento 5 Stelle, che si è fermato al 15,66% sul territorio circondariale. Il miglior risultato il movimento lo raggiunge a Medicina (18,49%), il punto più basso a Castel del Rio, dove non arriva alla doppia cifra (9,43%). A Imola, dove governa con la sindaca Manuela Sangiorgi, la percentuale è del 15,35%, ben al di sotto rispetto alle Comunali 2018.

Per quanto riguarda gli altri partiti, nell”area del centrodestra scarso il bottino di Forza Italia, che raccoglie il 5,59% sui dieci comuni e supera il 6% soltanto a Mordano, mentre sorride Fratelli d”Italia che sale sopra al 4% anche se di pochissimo (4,04%). Nell”area di centrosinistra la lista +Europa – Italia in Comune – Pde Italia si ferma al 3,39% (ma a Imola supera il 4%), La Sinistra non arriva al 2% (1,78%) mentre l”impresa di andare oltre i due punti (2,51% per la precisione) riesce a Europa Verde. (r.cr.)

Elezioni europee, nel circondario imolese balzo della Lega oltre il 28%, Pd primo partito con il 35,46%, in calo i 5 Stelle
Ozzano dell'Emilia 27 Maggio 2019

Speciale Comunali 2019, Luca Lelli si riconferma sindaco ad Ozzano Emilia

E” finita anche ad Ozzano l”attesa per i risultati delle elezioni amministrative 2019.

A vincere, per il secondo mandato consecutivo, il sindaco uscente Luca Lelli con la lista Passione in Comune. Per lui ben il 67,25% dei voti (5.309). A seguire Monia Vason (Forza Italia-Lega Salvini Premier-Fratelli d”Italia-Unione di Centro) che ha raggiunto il 18,13% (1.431 voti). Chiude Aldo Gori di Progresso Ozzano (14,63%, 1.155 voti). (d.b.)

Nella foto: il sindaco Luca Lelli

Speciale Comunali 2019, Luca Lelli si riconferma sindaco ad Ozzano Emilia

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast