Posts by tag: adriana lodi

Cultura e Spettacoli 28 Ottobre 2021

Adriana Lodi e Fiorella Baroncini, l’eredità nei Servizi dell’infanzia raccontata a Casa Piani. IL VIDEO

L’On. Adriana Lodi è nota come la «mamma dei nidi», perché aprì il primo asilo comunale italiano a Bologna e promosse la legge nazionale 1044/71. Fiorella Baroncini è la politica e amministratrice imolese che promosse l’avvio dei nidi e delle scuole materne comunali in città. Leggi e servizi che hanno cambiato davvero la vita delle persone. L’assessore alla Cultura e Politiche giovanili di Imola, Giacomo Gambi, ne ha così parlato ieri nella Sala espositiva di Casa Piani con Laura Branca, co-autrice dell’autobiografia di Adriana Lodi «Raccontami una favola vera», Maria Rosa Franzoni del Circolo Fiorella Baroncini, già assessora nella Giunta Gualandi, il direttore di sabato sera Fabrizio Tampieri e la giornalista di sabato sera Lara Alpi nell’evento dal titolo «L’eredità di Adriana Lodi e Fiorella Baroncini e i Servizi per l’infanzia a Imola». (r.c.)

Nella foto: un momento dell’iniziativa

Adriana Lodi e Fiorella Baroncini, l’eredità nei Servizi dell’infanzia raccontata a Casa Piani. IL VIDEO
Cronaca 8 Marzo 2021

“Un Otto marzo indimenticabile”, quando distribuire la mimosa era reato… Un racconto di Adriana Lodi

C’è stato un tempo, non troppo lontano, quando anche distribuire la mimosa poteva portare in carcere. Lo racconta Adriana Lodi nel libro “Raccontami una favola vera – Biografia di una politica: Adriana Lodi», scritto insieme alla giornalista Laura Branca. A breve sarà pubblicato dalla Bacchilega Editore (marchio della Cooperativa Bacchilega).

Questo un breve ed emblematico assaggio, dedicato a tutte le donne. Anzi a tutti i cittadini e le cittadine:

Un Otto marzo indimenticabile

L’otto marzo del 1955 è rimasto impresso in modo indelebile nella mia memoria. Quella mattina ero alla Camera del lavoro quando squillò il telefono: «Hanno arrestato tua sorella». Dissero e io incredula chiesi: «Mia sorella! Ma ne siete certi? E soprattutto perché?». «Perché ha distribuito la mimosa davanti alla Ducati» mi rispose la voce all’altro capo del telefono. Dopo poco venni a sapere tutta la storia. Angela era stata portata con altre tre donne alla stazione dei carabinieri di Borgo Panigale per essere interrogata.

I «corpi del reato» erano le mimose e il reato contestato era: «Questua  abusiva». Era  infatti  vietato  per  legge  mendicare  senza  autorizzazione  e  la  distribuzione  della  mimosa  ad  offerta  libera  fu  giudicata dai poliziotti come accattonaggio.

Il mattino dopo fecero un processo per direttissima in tribunale anche ad Angela, che era la più piccola del gruppo ed era ancora minorenne.  Prima  di  emettere  la  sentenza  il  giudice  le  chiese  se  fosse pentita di quello che aveva fatto ma lei rispose con orgoglio, anche davanti ai giudici, che non aver fatto nulla di male nel distribuire dei fiori.

Anche  questo  episodio  sembra  una  piccola  favola,  anche  questa  storia però è vera. Sono fatti che succedevano.

Nelle favole ci sono momenti gioiosi e altri momenti come questo, colmi di contraddizioni, di tristezza e fatti di rabbia. Mia sorella rimase in carcere per alcune settimane. Una sorpresa di un 8 marzo ormai lontano. 

CHI E” ADRIANA LODI
Adriana Lodi è nata nel ’33, fu prima sindacalista della Cgil, poi assessore nelle giunte dei sindaci bolognesi Dozza e Fanti. Nel 1969 entrò in Parlamento tra le fila del Pci, si è sempre impegnata in particolare per i diritti civili e i diritti delle donne. Fu capogruppo alla Camera; insieme all’amica e collega Nilde Iotti, lavorò, tra le altre cose, alla stesura e approvazione della legge 194 del 1978, che ha autorizzato e regolamentato l’interruzione di gravidanza in Italia. Ma fu anche amministratrice a Bologna. Lavoro per la costruzione di una rete di asili comunali, che porterà ad inaugurare il primo nido bolognese nel 1969, in anticipo rispetto alla legge nazionale del 1971, di cui lei stessa sarà fautrice. La sua attività come deputata si è conclusa nel 1992. Oggi abita ad Ozzano Emilia con la famiglia.

Nella foto Adriana Lodi in occcasione del conferimento di una targa da parte del Comune di Ozzano nel 2019

Ozzano Emilia

“Un Otto marzo indimenticabile”, quando distribuire la mimosa era reato… Un racconto di Adriana Lodi

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast