Posts by tag: autodromo

Sport 30 Aprile 2018

Aperture autodromo, 1° maggio da 10 ore ma c’è pure la… sgambata di stasera

All’autodromo Enzo e Dino Ferrari proseguono le date di apertura al pubblico. Nel periodo che prendiamo in considerazione questa settimana, il grande protagonista è martedì 1º maggio, quando la pista sarà aperta al pubblico dalle 9 del mattino fino alle ore 19. Attenzione, perché si potrà usufruire dell’impianto anche questa sera dalle ore 18.45 alle 20. E’ ovviamente consentito l’accesso alla pista a piedi e con mezzi meccanici non a motore.

r.s.

Nella foto: appassionati durante una delle precedenti aperture

Aperture autodromo, 1° maggio da 10 ore ma c’è pure la… sgambata di stasera
Sport 24 Aprile 2018

Contratto rinnovato, la Sbk rimarrà a Imola fino al 2020. Quest'anno la madrina è Aida Yespica

Il round di Imola continuerà ad essere uno degli appuntamenti del Campionato Mondiale Fim Motul Superbike fino al 2020. L’annuncio del rinnovo triennale è stato dato ieri a Milano in occasione della conferenza stampa ufficiale di presentazione dell’ormai prossimo appuntamento dell’11-13 maggio a Imola.

Il rinnovo porterà a 18 le edizioni del Mondiale SBK nell’autodromo imolese. Un tracciato che ha visto imprese leggendarie come l’epico duello tra Edwards e Bayliss nel 2002 o la vittoria iridata di Biaggi con l’Aprilia nel 2010. E che continua ad offrire gare spettacolari ad ogni edizione, tanto da richiamare decine di migliaia di appassionati: nel 2017 furono oltre 75.000, secondo round più seguito di tutto il campionato.

Nel corso della conferenza stampa è stata presentata anche la madrina dell’edizione 2018, Aida Yespica, che prosegue la tradizione delle attrici e show girl che hanno prestato il loro volto all’evento, come Belen Rodriguez, Raffaella Fico e Cristina Buccino.

Non solo. E’ stata anticipata anche un’importante novità per l’appuntamento del prossimo anno, ovvero la concomitante gara di moto elettriche. Grazie alla collaborazione tra Formula Imola, la società che gestisce l”impianto imolese, e Impulse Modena Racing (Imr), gli appassionati potranno assistere ad una gara dimostrativa tra moto sviluppate da team universitari provenienti da tutto il mondo.

Stefano Pacchioli, direttore e amministratore delegato del WorldSBK, ha commentato: “La firma sull”estensione del contratto conferma l”importanza che WorldSBK attribuisce al mercato italiano e al territorio nello specifico”.

Uberto Selvatico Estense, presidente di Formula Imola, ha aggiunto: “WorldSBK è l”evento principale del calendario di Imola dal 2009. Siamo orgogliosi di essere considerati da Dorna uno dei partner migliori e affidabili e di continuare questa fantastica avventura. La nostra volontà è quella di aumentare la nostra identità nel cuore degli appassionati del motorsport per attirare ogni anno sempre più persone nella Motor Valley di Imola”. 

Nella foto Stefano Pacchioli, direttore e amministratore delegato WorldSBK, Aida Yespica e Uberto Selvatico Estense, presidente di Formula Imola

Contratto rinnovato, la Sbk rimarrà a Imola fino al 2020. Quest'anno la madrina è Aida Yespica
Sport 24 Aprile 2018

Grande successo e 20.000 presenze alla prima edizione del Motor Legend Festival. IL VIDEO

Il Motor Legend Festival ha fatto centro al primo colpo. Le 20.000 presenze nei tre giorni dichiarate dall’organizzazione hanno reso splendido il colpo d’occhio e confermato un successo che alla vigilia non era scontato, ma che, complice anche un inconsueto e invidiabile anticipo d’estate, è stato pieno e convincente. Ma a certificare la riuscita di una manifestazione così ricca di eventi dentro e fuori la pista, con gare, esibizioni, parate, incontri, tributi agli scomparsi Ayrton Senna, Jim Clark, Elio De Angelis, Ludovico Scarfiotti (con la sala conferenze sempre esaurita), presentazioni di volumi (un successone il libro dell’ingegner Mauro Forghieri sulla Ferrari e anche le pubblicazioni di Mario Donnini dedicate ad pluricampione del mondo Agostini), mostre e mercatini vari, è stata soprattutto la quantità di personaggi intervenuti, fra i quali molti ex piloti delle due e delle quattro ruote motorizzate, come Giacomo Agostini, Johnny Cecotto, Freddie Spencer, Phil Read, Carlos Lavado, Riccardo Patrese, René Arnoux, Jacky Ickx, Arturo Merzario, Emanuele Pirro, Paolo Barilla, Giancarlo Martini.

Per non parlare dell’imponente schieramento di F1 (col Ferrari Corse Clienti che l’ha fatta da protagonista), di prototipi Le Mans, di Gran Turismo, che si sono anche sfidati in pista in vere e proprie gare. E poi le leggendarie Mv Agusta 3 cilindri, le Benelli 250 e 500, la Suzuki Rg 500, le Honda 500 3 e 4 cilindri, Yamaha, Bsa, Ducati. Insomma, un grandioso schieramento di mezzi che, riempiendo interamente paddock 1 e 2 dell’Enzo e Dino Ferrari, hanno reso il Motor Legend Festival, messo in piedi magistralmente dagli organizzatori Andrea Gallignani e Vito Piarulli, simile ad un’immensa fiera del motore.

r.s.

Nella foto: Jackie Ickx alla guida della Ferrari 312B, sulla sinistra Rene” Arnoux, Guido Schittone e Paolo Barilla. Con il casco Riccardo Patrese

Grande successo e 20.000 presenze alla prima edizione del Motor Legend Festival. IL VIDEO
Sport 23 Aprile 2018

Autodromo, una sola apertura prevista anche questa settimana

All’autodromo Enzo e Dino Ferrari proseguono le date di apertura al pubblico. Questa settimana, l’unica giornata in cui è previsto l’accesso è domani dalle 18.45 alle 20. E’ ovviamente consentito l’accesso alla pista a piedi e con mezzi meccanici non a motore.

r.s.

Nella foto: appassionati in pista durante un”apertura

Autodromo, una sola apertura prevista anche questa settimana
Sport 19 Aprile 2018

Motor Legend Festival, all'autodromo tre giorni di rievocazioni con mezzi e piloti storici

La rievocazione che andrà in scena all’Enzo e Dino Ferrari da domani a domenica 22 aprile porta in sé qualcosa di grandioso e senza precedenti, almeno in Italia. Innanzitutto per la quantità e il prestigio dei mezzi che il Motor Legend Festival porterà in pista e ai box a beneficio degli appassionati che varcheranno i cancelli dell’autodromo.

Dietro a ogni auto e a ogni moto che nel week-end vedremo affrontare le 22 curve dei 4 km e 909 metri del tracciato imolese, c’è una storia da raccontare e piloti da ricordare; e da rivedere in azione alla guida dei bolidi a due e a quattro ruote che li videro protagonisti. «Che il Fia Masters Historic Championship, organizzatore dei campionati di F1 e delle altre categorie automobilistiche d’epoca, abbia aderito alla nostra proposta, è la dimostrazione che l’idea è quella giusta – ha detto Andrea Gallignani, managing director del Motor Legend -. Lo stesso coinvolgimento di Ferrari Corse Clienti, con XX Programmes e F1 clienti, e della Martini&Rossi, che ha scelto il Motor Legend Festival per il proprio cinquantesimo anniversario, sono motivi di grande soddisfazione».

Tra i testimonial testimonial Riccardo Patrese, che a Imola vinse il Gran Premio di San Marino di F1 nel 1990 con la Williams, e Arturo Merzario; e per il motociclismo Giacomo Agostini, che in riva al Santerno su 25 gare disputate fra il ’64 e il ’75 trionfò 15 volte. Ricapitolando, saranno oltre 250 i piloti di auto e 40 quelli di moto che arriveranno a Imola per dar vita a questa autentica festa del Motorsport. Ma l’evento clou del week-end sarà rappresentato dal 1° Gran Premio Historic Formula One di San Marino, riservato alle F1 che gareggiarono fra la metà degli anni ’60 e la metà degli anni ’80, che vedrà al via ben 30 monoposto di proprietà di ricchi collezionisti, fra le quali Lotus, Cooper, Williams, Brabham, Arrows, Shadow, Tyrrell, Ensign, Fittipaldi Ats, Tecno, Merzario ed Hesketh. Saranno presenti anche gli «eroi» della 24 Ore di Le Mans, con gli italiani Emanuele Pirro, 5 volte trionfatore con l’Audi; Rinaldo «Dindo» Capello, che si impose in tre edizioni, nel 2003 con la Bentley e nel 2004 e 2008 con l’Audi; Paolo Barilla, che salì sul gradino più alto del podio nel 1985 al volante di una Porsche. E poi ci sarà il mitico Jacky Ickx, re di Le Mans con 6 successi e vincitore a Imola della 500 km nel 1969.

Anche il motociclismo sarà protagonista del Motor Legend Festival, con in passerella celebri piloti. Il cast allestito vedrà in pista il 15 volte iridato Giacomo Agostini alla guida della sua personale Mv Agusta 500 3 cilindri del 1970; il venezuelano Johnny Alberto Cecotto, l’americano Freddie Spencer, poi Phil Read, Carlos Lavado, l’ex pilota Aprilia Marcellino Lucchi e tanti altri.

Questi i prezzi dei biglietti che consentiranno l’accesso a paddock e box: venerdì 17 euro; sabato e domenica 27 euro. L’abbonamento per tre giorni (venerdì, sabato e domenica) costerà 53 euro; quello per il sabato e la domenica 37 euro. L’accesso alle tribune sarà gratis.

r.s.

Tutti gli approfondimenti sugli orari, gli eventi in programma da non perdere e i piloti presenti su «sabato sera» del 19 aprile.

Nella foto: la Ferrari 312B che sarà guidata da Jacky Ickx

Motor Legend Festival, all'autodromo tre giorni di rievocazioni con mezzi e piloti storici
Sport 18 Aprile 2018

«Duathlon Sprint», terzo posto per Fabio Galassi dell'Imola Triathlon

 Grande qualità alla prima edizione del «Duathlon Sprint», tra l’autodromo Enzo e Dino Ferrari e il Parco delle Acque Minerali, dove 280 atleti si sono sfidati nei 5 km di corsa, 20 km di bici e gli ultimi 2,5 km ancora adatti ai podisti. A trionfare è stato, tra gli uomini, Daniele Angelini (Cus Ferrara) in 56’01” che ha potuto così fregiarsi anche del titolo di campione regionale assoluto. Secondo, e staccato solo nel finale dell’ultima frazione di corsa, Mattia Camporesi (56’08”), mentre la volata per il terzo posto ha visto prevalere Fabio Galassi, l’atleta di casa dell’Imola Triathlon. Tra le donne, invece, il successo è andato a Valentina D’Angeli con il tempo di 1h06’51”. L’atleta del Cus Trento è stata brava a staccare la favorita di giornata Evgeniya Kovaleva (Cus Parma), arrivata dopo circa 25 secondi e staccata soltanto al termine della frazione in bici che però gli ha permesso, comunque, di laurearsi campionessa regionale. Terza Elena Meldoli (Cesena Triathlon) giunta al traguardo dopo più di due minuti dalla vincitrice.

d.b.

Nella foto: il podio della gara

«Duathlon Sprint», terzo posto per Fabio Galassi dell'Imola Triathlon
Sport 15 Aprile 2018

Autodromo, domani l'unica apertura della settimana

All’autodromo Enzo e Dino Ferrari proseguono le date di apertura al pubblico. Nel periodo che prendiamo in considerazione questa settimana, l’unica giornata in cui è previsto l’accesso è domani dalle 18.45 alle 20. E’ ovviamente consentito l’accesso alla pista a piedi e con mezzi meccanici non a motore.

r.s.

Nella foto: appassionati sulla pista dell”autodromo durante un giorno di apertura

Autodromo, domani l'unica apertura della settimana
Sport 14 Aprile 2018

Il «Duathlon Sprint» arriva a Imola. Corsa e bici tra autodromo e Parco delle Acque

Domani scatterà la prima edizione del «Duathlon Sprint», evento regionale organizzato dall’Imola Triathlon che avrà come location l’autodromo Enzo e Dino Ferrari e il Parco delle Acque Minerali. «La partenza dei circa 250 atleti iscritti avverrà all’interno del circuito, nella zona della Variante Bassa – ha spiegato Paolo Gaddoni, componente del direttivo dell’Imola Triathlon -. Le 35 donne partiranno alle 11, mentre gli uomini 10 minuti dopo. Speriamo che i nostri Luca Cavina e Fabio Galassi possano prevalere nelle rispettive categorie. Tra gli imolesi saranno presenti anche Martino Dall’Osso e Ferdinando Dipaola». 

Come si svolgerà la gara?

«Nella prima frazione di corsa, lunga 5 km, gli atleti percorreranno l’autodromo in senso orario, dunque opposto rispetto alle gare motoristiche. Usciranno alla Tosa, entreranno nel Parco delle Acque da via Kennedy e arriveranno sul ponte di viale Dante. Lì passeranno sotto dall’area sgambatura cani e risaliranno dalla parte opposta per arrivare, attraversando un box, nella pit-lane dove è prevista la zona cambio».

In quel punto prenderanno le bici per la seconda frazione di 20 km tutti all’interno del circuito.

«Dovranno affrontare 4 giri completi, questa volta in senso antiorario, quello classico. I tratti più impegnativi saranno le salite della Tosa e delle Acque Minerali».

Una volta tornati alla zona cambio, sono in programma gli ultimi decisivi 2,5 km di corsa.

«Gli atleti usciranno dal cancello vicino alla torre Dekra, passeranno davanti al bar Renzo, lo stadio Romeo Galli ed entreranno nel Parco delle Acque dal Circolo Cacciari. Dopo un tratto al suo interno, si riporteranno nello stesso percorso finale della prima frazione di corsa e giungeranno all’arrivo posto nel piazzale dell’autodromo, di fronte al negozio Bike Passion. I primi classificati dovrebbero arrivare in poco meno di un’ora. Attendiamo più di 200 persone ad assistere alla gara e, se fossi uno spettatore, andrei sulla terrazza sopra al Museo per godermi lo spettacolo. Per l”occasione il parcheggio sarà nel paddock dietro ai box e sarà accessibile da via Santerno».

Qualche dato curioso sugli atleti al via?

«Saranno circa una trentina quelli provenienti da fuori regione, oltre ad un francese e uno svizzero. L’atleta più giovane avrà 17 anni, il più anziano 72 e partiranno anche due ragazzi disabili. Il primo ha una paresi ad un braccio, mentre il secondo è un non vedente che nella parte podistica sarà accompagnato da una guida mentre, per la frazione in bici, utilizzerà un tandem».

La vostra idea, però, è di organizzare in futuro una gara di triathlon in città, con la frazione a nuoto nella piscina Ruggi.

«Pensiamo che Imola abbia tutte le carte in regola per ospitare un evento simile. Il periodo migliore sarebbe a giugno e speriamo di realizzare questo sogno a breve».

d.b.

L”articolo completo su «sabato sera» del 12 marzo.

Nella foto: triatleti all”autodromo «Enzo e Dino Ferrari» di Imola

Il «Duathlon Sprint» arriva a Imola. Corsa e bici tra autodromo e Parco delle Acque
Cronaca 11 Aprile 2018

La nuova «sfida» sulla sicurezza stradale parte dall'autodromo di Imola

Dall”asfalto dell”autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola prende il via la seconda edizione del progetto «Driving challenge-Safety campus», nato con l”obiettivo di promuovere tra gli studenti il concetto di sicurezza stradale. A partecipare sono circa 40 ragazzi dell’ateneo della Tuscia, 40 del Campus di Ravenna dell’Università di Bologna, 40 degli istituti superiori di Perugia e 40 di Brindisi che saranno ospiti degli impianti di Vallelunga, Imola e Magione.

Il programma e le finalità del progetto sono state presentate nei giorni scorsi proprio nel circuito imolese alla presenza di Ruggero Campi, presidente dell’Autodromo di Vallelunga, Simone Campajola, presidente dell’Automobile Club Ravenna, Uberto Selvatico Estense, presidente dell’Autodromo di Imola, Giorgio Alberton, presidente dell’Autodromo dell’Umbria di Magione, Pierluigi Fanelli, docente dell’Università degli studi della Tuscia, e Renato Leporelli, organizzatore operativo del progetto. «L’Aci – ha commentato Campajola – sta investendo moltissimo sul fornire ai ragazzi strumenti che consentano loro di avere maggiore tranquillità alla guida. Grazie a questa iniziativa e con esercizi che possono sembrare basilari, diamo a tutti gli studenti coinvolti i rudimenti di base per affrontare la strada in sicurezza e riconoscere i pericoli. Nonostante le nuove tecnologie di cui sono dotate le automobili, l’elemento umano resta sempre fondamentale. Devo ringraziare il Campus di Ravenna per essersi dimostrato così sensibile e per aver sostenuto questa importante iniziativa formativa”.

Il progetto prevede che a ogni sessione gli studenti ricevano da istruttori professionisti una formazione di base teorica e pratica sulla sicurezza alla guida. «Le fondamentali regole per una frenata correttamente modulata o per una giusta traiettoria in curva – ha sottolineato Campi – valgono, ovviamente, anche nello sport. Insegnando la guida sicura in maniera molto evoluta, ci auguriamo che questi giovani si avvicinino poi anche all’automobilismo sportivo. Siamo partiti un anno fa coinvolgendo 40 ragazzi dell’Università di Perugia e questa volta, a cimentarsi nelle prove, sono circa 150 giovani che studiano in Umbria, Lazio, Emilia-Romagna e Puglia. Nel 2019 ci auguriamo possano diventare oltre 500 e provenire da gran parte del territorio nazionale».

I ragazzi che ottengono la migliore valutazione passano poi alla fase successiva, ovvero vengono suddivisi in team che si sfidano in prove di guida studiate per sviluppare le capacità cognitiva e di controllo. «Il nostro – ha dichiarato Selvatico Estense – è un autodromo pubblico che ha nel dna anche la ricerca del miglioramento della sicurezza sulla strada e di nuove metodologie di insegnamento e approccio al tema. Siamo, quindi, molto contenti di ospitare questo contest e di condividere quest’idea brillante».

Infine i giovani devono cimentarsin prove contro il tempo di pit-stop in modo da migliorare le proprie capacità organizzative e comunicative, queste ultime tramite la realizzazione di videoclip da condividere sui social network. «I ragazzi – ha raccontato il professor Fanelli –, si sono dimostrati straordinariamente interessati. Dalle prove più semplici fino a quelle in pista è stato un crescendo di emozioni e ho notato come gli studenti prendessero consapevolezza dei loro limiti alla guida. L’università deve avere anche un ruolo sociale e questa iniziativa ne è un esempio”. Affermazioni confermate anche dagli studenti del Campus di Ravenna, presenti all’autodromo per la seconda tappa.

L’altra tappa di preselezione è in programma a Magione il 24 aprile e i team si ritroveranno, infine, a Vallelunga il 9 maggio per la pre-finale, durante la quale verrà proclamata la migliore squadra di ogni regione, in attesa della finalissima.

r.c.

Nella foto: auto in pista durante la giornata del progetto

La nuova «sfida» sulla sicurezza stradale parte dall'autodromo di Imola
Sport 6 Aprile 2018

Il Mondiale di Motocross MXGP “promosso' alla diretta su Rai Sport

Il Mondiale di Motocross MXGP di settembre andrà in diretta su Rai Sport. “Youthstream, società promotrice del Campionato Mondiale MXGP, ha annunciato l”accordo con la Rai –  rende noto Formula Imola, la società che gestisce l”autodomo imolese -, in virtù del quale l’Emittente di Stato trasmetterà gara 2, in programma alle ore 17, in diretta su Rai Sport a partire dal prossimo round del Campionato che si disputerà già questo fine settimana ad Arco di Trento”. 

Il Mondiale MXGP veniva trasmesso fino allo scorso anno in registrata il giovedì, ora fa un importante passo nella copertura televisiva, spalancando il suo palcoscenico anche ai non strettamente appassionati.  

Merito senza dubbio delle imprese di Tony Cairoli e Kiara Fontanesi ma anche della presenza in calendario di un evento come quello di Imola, considerato dagli addetti ai lavori il fiore all’occhiello di questa stagione. Il Mondiale MXGP sbarcherà alla Rivazza (e dintorni) il 30 settembre con il Gran Premio d’Italia, 19ª e ultima tappa, in un tracciato studiato e creato «ad hoc», che svarierà tra il paddock e la “collina della passione”, di fatto “saltando” letteralmente la pista nelle due direzioni.

Uberto Selvatico Estense, presidente di Formula Imola, ha commentato: “Un ottimo risultato, che regala ad uno sport spettacolare ed avvincente una visibilità meritata. Da parte nostra vedremo ancora più valorizzata un’eccellenza come l’autodromo, che si conferma palcoscenico ideale per i grandi eventi mondiali, e sarà sicuramente anche un’importante vetrina per la città di Imola e il suo territorio”. 

r.c.

L”immagine ufficiale della locandina del Mondiale MXGP in programma nell”autodromo di Imola per settembre

Il Mondiale di Motocross MXGP “promosso' alla diretta su Rai Sport

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA