Posts by tag: basket femminile

Sport 10 Giugno 2018

Basket femminile, la Magika Castel San Pietro torna in serie B

La pallacanestro sul Sillaro è di nuovo… Magika. Dopo gli anni d’oro di Seletti, Ballardini, Santucci e Franceschelli, al palaFerrari si può tornare finalmente a respirare di nuovo l’atmosfera del basket che conta, anche se ovviamente si parla solo di una promozione in serie B. Ripartita nel mondo Senior per lanciare e formare le proprie giovani, la Magika è riuscita a centrare l’obiettivo, trovando però anche un risultato sportivo difficile da pronosticare. Dopo il ko in gara-2 Venturi e compagne si sono trovate a giocarsi tutto in 40 minuti, davanti al proprio pubblico (tra cui spiccavano le presenze delle grandi ex Federica Franceschelli, Mariella Santucci e Kateryna Pazzaglia), riuscendo però ad imporsi 46-34 contro Forlì. «E’ stato un successo grandioso e inaspettato – ammette il coach delle maghette, Alberto Cilfone, già collaboratore di Paolo Seletti nell’ultimo anno di A2 -. Siamo ripartiti con la squadra Senior per dare un segnale alle ragazze del nostro settore giovanile, perché potessero completare il proprio percorso in prima squadra. Poi, strada facendo, si è concretizzato un sogno. Le Under sono cresciute tantissimo sotto la guida delle più esperte, che prima di essere ottime giocatrici, sono state persone eccezionali».

Ripartire con una prima squadra dopo due anni e centrare subito la promozione: cosa significa per la Magika e per Castel San Pietro?

«Significa che il lavoro fatto sulle giovani anche nelle due annate di assenza della prima squadra è stato ottimo. A dire il vero, però, a Castel San Pietro si sentiva la necessità di una prima squadra da tifare e a cui affezionarsi. Il pubblico ha reagito alla grande e, anche se si trattava solo di serie C, in gara-3 c’era il palazzetto pieno, con oltre 250 persone».

Questa società è in grado di tornare ai livelli di qualche anno fa, oppure pensate che la B possa essere la vostra dimensione?

«Abbiamo i piedi per terra. La storia dimostra che quando si fa il passo più lungo della gamba, si tende a cadere e farsi molto male. Vogliamo essere competitivi anche in B, chiaramente, ma non faremo voli pindarici. Cercheremo 2 o 3 senior che facciano da chiocce per le più giovani, ma l’obiettivo sarà la salvezza».

an.cas.

L”articolo completo su «sabato sera» del 7 giugno.

Nella foto: le ragazze della Magika festeggiano la promozione in serie B assieme al loro allenatore Alberto Cilfone, sul parquet con una gamba ingessata 

Basket femminile, la Magika Castel San Pietro torna in serie B
Sport 10 Giugno 2018

Basket femminile, l'imolese Federica Franceschelli convocata in nazionale

Una gioia immensa, che va a colmare una delusione cocente. Dopo la terza finale persa in 4 anni e la beffa della mancata iscrizione in A1 della società nell’unica vinta, sembra proprio che tra Federica Franceschelli e la massima serie non debba esserci quell’unione che la 21enne imolese meriterebbe. Ci ha pensato però coach Crespi e la Nazionale maggiore a dare una grandissima soddisfazione all’ala ex Magika e Progresso: Federica è stata infatti convocata per il raduno azzurro di Parma (14-17 giugno). «Sono molto contenta ed emozionata per questa chiamata azzurra – spiega la giovane ala imolese -, specialmente perché è stata inattesa. Credo sia la conclusione speciale per un’annata di cui sono orgogliosa. Peccato per lo spareggio, ma non c’è nessun tipo di delusione quando da neopromossi, e con l’obiettivo di salvarsi, si vince l’A2».

In Nazionale ci sarà anche Mariella Santucci: che effetto ti farà giocare di nuovo con lei?

«Sarà bello ritrovare Lella, con cui ho mantenuto uno splendido rapporto in questi anni, e sicuramente faremo del nostro meglio per aiutare la Nazionale. Oltre a lei, ci sarà Jasmine Keys, altra ex Magika, mentre Carlotta Gianolla e Lucia Morsiani sono riserve. A Castel San Pietro c’era davvero un bel gruppo di giocatrici».

Tu non riesci proprio a salire in A1. Quanto ti pesa questa cosa?

«Non troppo, dal momento che sono già un paio di anni che scelgo di rimanere in A2, malgrado alcune chiamate dalla massima serie. La mia preferenza è sempre stata quella di sposare progetti e ambienti interessanti, prima che la categoria. Poi, ovviamente, ci sono gli impegni di studio, che mi hanno convinta a restare vicino a casa».

Come ti sei trovata a Faenza?

«Benissimo. Ho trovato un ambiente speciale, una grande famiglia, un pubblico molto caloroso e piano di passione che ci ha permesso di fare grandi cose. Ero assolutamente convinta che avremmo potuto fare bene, ma arrivare fino a vincere il campionato è stato pazzesco. Mi sono vista con la società in questi giorni e vogliamo entrambi proseguire insieme questo percorso».

Simona Ballardini, compagna e allenatrice: quale versione preferisci?

«Per qualcuno potrà essere strano il ruolo di allenatrice-giocatrice, ma io con Simo sono abituata. Anche ai tempi di Castel San Pietro mi marcava da avversaria in allenamento, cercando di migliorarmi su quei fondamentali dove avevo delle lacune».

Quanto è cambiata dall’anno della Magika?

«Simona è molto responsabilizzata dal ruolo che ha nella società della città in cui è nata e insieme alla vice Cristina Bassi e a tutto lo staff, hanno fatto un lavoro speciale, tanto da farci seguire da più 200 persone in trasferta a Bologna e Lucca e giocare l’ultima partita in casa contro una squadra di A1 da oltre 1.600 persone, stipando il palaBubani. Da pelle d’oca!».

an.cas.

L”articolo completo su «sabato sera» del 7 giugno.

Nella foto: Federica Franceschelli a destra con la magli di Faenza insieme alla compagna e allenatrice Simona Ballardini

Basket femminile, l'imolese Federica Franceschelli convocata in nazionale

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast