Posts by tag: Basket

Sport 10 Maggio 2018

Basket C Gold, i Flying Ozzano in finale play-off per il secondo anno consecutivo

I Flying Ozzano espugnano 79-58 il palaRuggi della Vsv Imola e, chiudendo la serie per 2-0, si qualificano per la finale play-off.

Nel primo quarto Ozzano parte meglio e va avanti con i canestri di Dordei. La troppa imprecisione dall”arco però costa ai biancorossi la rimonta dei padroni di casa che con tre triple consecutive firmate Dal Fiume, Zhytaryuk e Nucci recuperano e mettono il naso avanti. I gialloneri però non hanno fatto i conti con Magagnoli e uno scatenato Dordei che fissano il punteggio in parità alla prima sirena (19-19). Nel secondo parziale i Flying accelerano nuovamente trascinati dalle «bombe» di Chiusolo e raggiungono il massimo vantaggio a +10, ma Zhytaryuk è letale dall”altra parte e permette alla Vsv di contenere il distacco all”intervallo lungo (42-35).

Nel terzo quarto le polveri in attacco sono bagnate da entrambe le parti, almeno in avvio. Imola trova il primo canestro dopo quasi 6 minuti e perde Casadei per infortunio, mentre le «Palle Volanti» trovano in Corcelli un terminale offensivo ispirato per il +11 di fine periodo (56-45). Nell”ultimo parziale il peso dell”attacco biancorosso è nelle mani di Zhytaryuk ma Ozzano ha più benzina nelle gambe e amministra fino alla sirena finale.

L”ultimo atto di questa C Gold in scena nel prossimo weekend quindi tra i Flying Ozzano e la vincente tra Fiorenzuola e Salus.

d.b.

Tabellino

Npc-Laco 59-78 (19-19, 35-42, 45-56)

Vsv: Dal Fiume 4, Nucci 13, Casadei 4, Zhytaryuk 24, Dalpozzo 3, Boero 9, Creti ne, Murati ne, Ranocchi, Sassi  ne, Sangiorgi 2. All. Tassinari.

Ozzano: Folli 10, Chiusolo 13, Corcelli 13, Dordei 13, Agusto 11, Masrè 1, Morara 9, Lalanne 2, Magagnoli 3, Zambon, Agriesti 3, Martini. All. Grandi.

Nella foto (pagina facebook Flying Ozzano): gioia biancorossa

Basket C Gold, i Flying Ozzano in finale play-off per il secondo anno consecutivo
Sport 10 Maggio 2018

Basket C Gold, stasera gara-2 play-off tra la Vsv Imola e i Flying Ozzano

Dopo la vittoria in gara-1 dei Flying Ozzano in casa contro la Vsv Imola per 79-64 questa sera al Ruggi (ore 20.30) andrà in scena gara-2. Una vittoria biancorossa consegnerebbe alla squadra di coach Grandi le chiavi per la finale, altrimenti domenica 12 si giocherà gara-3 a Ozzano. In attesa della palla a due spazio ai due tecnici.

Che partita è stata gara-1?

Federico Grandi (Ozzano): «Siamo partiti male in difesa, soprattutto sul piano della concentrazione. Siamo poi stati bravi a trovarla e mantenerla durante il resto della partita, insieme a quell’intensità che invece non è mai mancata. Nel secondo tempo abbiamo messo sul parquet le nostre migliori qualità ovvero la difesa e le ampie rotazioni per conquistare con le unghie questa vittoria».

Davide Tassinari (Imola): «Abbiamo pagato a livello fisico e non siamo più riusciti a rientrare in partita. Sapevamo che il loro roster è più profondo del nostro e dovevamo cercare di ruotare con più giocatori. Purtroppo, però, se ognuno di noi non fa la propria parte poi fatichiamo e il risultato è questo. Nel finale abbiamo sofferto anche le loro mani addosso in difesa».

Ora le «Palle Volanti» sono già a metà dell”opera, mentre i gialloneri sono in pratica spalle al muro.

Federico Grandi (Ozzano): «Gara-2 a Imola sarà un’altra sfida difficile e nei play-off i match così ravvicinati tra loro spesso non seguono un filo logico. Dovremo essere bravi, minuto dopo minuto, a capire cosa servirà per vincerla e chiudere così la serie. Sicuramente l’ambiente sarà caldo, con due tifoserie che anche a Ozzano hanno dimostrato di valere una categoria superiore». 

Davide Tassinari (Imola): «Daremo l’anima, consapevoli che sarà una battaglia. Non abbiamo alternative se non quella di vincere per rimettere in piedi una serie che, ovviamente, Ozzano ora ha indirizzato dalla propria parte».

r.s.

L”articolo completo su «sabato sera» del 10 maggio.

Nella foto: un momento di gara-1

Basket C Gold, stasera gara-2 play-off tra la Vsv Imola e i Flying Ozzano
Sport 6 Maggio 2018

Basket Andrea Costa, futuro ancora incerto per il capitano Patricio Prato: «Vorrei giocare ancora, Imola è la mia priorità»

Dopo presidente e coach, tocca… al capitano. Al termine della sua settima stagione in biancorosso, nella quale Patricio Prato è diventato il settimo di sempre per presenze (180) e ottavo per punti (2.064), c’è tanto da dire sul passato e sul futuro dell’italoargentino all’Andrea Costa. Un anno fa Prato finì in anticipo la stagione per un infortunio, mentre oggi il capitano biancorosso chiude l’annata sul campo, ancora da protagonista. «Sono assolutamente soddisfatto della nostra stagione – rivela il gaucho – anche se dispiace non essere andati ai play-off, che sarebbero stati la ciliegina sulla torta di questa bella cavalcata».

T’immaginavi una stagione del genere?

«A chi storce il naso per il mancato ingresso nelle prime 8, vorrei ricordare che partivamo da una squadra completamente ricostruita, con un nuovo tecnico, un sistema di gioco completamente diverso e dopo aver fatto tante scommesse. Ogni scelta si è rivelata azzeccata, abbiamo ribaltato ogni pronostico (non dimentico che tanti media ci davano per retrocessi la passata estate) e, salvandoci con largo anticipo, siamo arrivati a 30 punti che a ovest hanno significato i play-off».

Com’é stata la convivenza tra (molto) giovani e (molto) vecchi?

«Ho vissuto molto bene questa differenza generazionale, anche perché questi sono ragazzi in gamba, che insieme a noi “diversamente giovani” sono stati importanti per costruire un bel gruppo e una vera squadra, che poi sono state le armi principali per vincere e centrare l’obiettivo».

Quanto c’è di Cavina in questa stagione?

«Lui è stato il motore della nostra macchina e i risultati si sono visti. Noi però siamo stati bravi a seguirlo al meglio».

La sua conferma è fondamentale per Imola?

«Sarebbe un bel passo avanti, per il valore del coach, ma anche perché la continuità paga sempre. Sarebbe importante non ripartire da zero come guida tecnica».

A questi livelli ci puoi giocare tranquillamente anche l’anno prossimo?

«Mi sento bene e mi accorgo che riesco ancora a rendere come due o tre anni fa. Amo questo sport, mi piace stare in palestra, sentire il rumore delle scarpe sul parquet e sono molto motivato. Voglio giocare ancora».

C’è chi ha detto che prima di sostituirti bisogna pensarci due volte.

«Fa piacere sentire queste parole. Io sono in scadenza di contratto, ma l’Andrea Costa, con la quale si è creato un rapporto di grande stima, è la mia priorità. In futuro ci saranno da valutare tante cose e semmai trovare un accordo, ma oggi è difficile capire cosa succederà».

Allora ci rivediamo al raduno di agosto, per entrare ancora di più nella storia biancorossa?

«Me lo auguro, anche perché il prossimo sarà un campionato speciale, con tre promozioni e cinque retrocessioni. Bisogna vedere chi ci sarà e che squadra avremo, ma senza fare proclami».

p.p.

L”articolo completo su «sabato sera» del 3 maggio.

Nella foto (Isolapress): Patricio Prato

Basket Andrea Costa, futuro ancora incerto per il capitano Patricio Prato: «Vorrei giocare ancora, Imola è la mia priorità»
Sport 5 Maggio 2018

Basket C Gold, gli «imolesi» Morara e Corcelli fanno volare Ozzano in gara-1 playoff

Primo atto della semifinale play-off che va ai Flying Ozzano capaci di vincere 79-64 in casa contro la Vsv Imola, guidati tra gli altri dagli «imolesi» ed ex di turno Morara e Corcelli.

Primo quarto equilibrato con i Flying che partono bene, soprattutto con Agusto, e sfruttano l”ottima circolazione in attacco. La Vsv, però, ne approfitta appena il meccanismo biancorosso ci inceppa e con i soliti Casadei e Zhytaryuk scappa avanti di 4 alla prima sirena. Nel secondo parziale sono i padroni di casa ad aumentare la pressione difensiva a tutto campo trascinati da Dordei. Quando però Ozzano si fa sotto ecco, dall”altra parte, ci pensa Ranocchi a ristabilire le distanze per il 37-34 di marca giallonera all”intervallo lungo.

Nel terzo quarto Imola parte meglio, i biancorossi allora cercano di mantenere sempre alta la pressione difensiva. L”aggancio delle «Palle Volanti» porta la firma di Dordei, con il sorpasso effettuato per mano degli «imolesi» Morara e Corcelli. Il match a quel punto inizia ad innervorirsi: Zhytaryuk colpisce Dordei e qualche chiamata scalda il pubblico di Ozzano. Nucci è l”ultimo ad arrendersi prima dell”ultima pausa quando il tabellone segna 62-56 per la squadra di coach Grandi. L”ultimo parziale inizia con le due squadre che segnano con il contagocce, ma Morara e Corcelli sono scatenati e mettono a segno il break che chiude di fatto il match. Nel finale Chiusolo e Masrè sigillano il punteggio.

Appuntamento ora a gara-2 in programma giovedì 10 (palla a due alle 20.30) al palaRuggi di Imola. Una vittoria dei biancorossi vorrebbe dire finale per i ragazzi di Grandi, altrimenti diventerà decisiva gara-3 in calendario sabato 12 (ore 20.30) ad Ozzano.

Tabellino

Laco-Npc 79-64 (18-23, 34-37, 62-56)

Ozzano: Folli 8, Chiusolo 6, Corcelli 18, Dordei 17, Agusto 4, Masrè 7, Morara 12, Lalanne 3, Magagnoli 4, Zambon ne, Agriesti, Martini. All. Grandi.

Vsv: Dal Fiume 15, Nucci 9, Casadei 9, Zhytaryuk 11, Dalpozzo 7, Boero 3, Creti ne, Murati ne, Ranocchi 10, Sassi  ne, Sangiorgi. All. Tassinari.

Nella foto (pagina facebook Flying Ozzano): time-out ozzanese

Basket C Gold, gli «imolesi» Morara e Corcelli fanno volare Ozzano in gara-1 playoff
Sport 4 Maggio 2018

Basket C Gold, domani gara-1 della semifinale play-off tra Flying Ozzano e Vsv Imola

Tutti si aspettavano questa super semifinale play-off e sono stati accontentati. I Flying Ozzano, infatti, dopo aver sbrigato in fretta la pratica Pontevecchio affronteranno la Vsv Imola, brava a chiudere anch’essa sul 2-0 la serie contro Montecchio al termine però di un match epico tra canestri rotti, cambio di palazzetto e due supplementari. Gara-1 è in programma domani (ore 21) ad Ozzano (ore 21), mentre gara-2 si giocherà giovedì 10 al Ruggi (alle 20.30). L’eventuale «bella» è fissata per sabato 12 sempre a casa dei Flying (palla a due alle 20.30). La parola ai due coach alla vigilia di una serie che, a questo punto, vale una stagione.

In stagione vi siete affrontati già tre volte, Coppa compresa, e Ozzano è in vantaggio 2-1.

Federico Grandi (Flying): «Di sicuro ci conosciamo bene. Insieme a Fiorenzuola (che sfiderà la Salus nell’altra semifinale, nda) abbiamo dimostrato di avere tutte e tre più qualità delle altre. Sarà, quindi, un derby bellissimo e ci arriviamo al top della forma. Dovremo, però, approcciare il match in maniera perfetta perché la musica contro Imola sarà diversa rispetto a Pontevecchio».

Davide Tassinari (Vsv): «Era fondamentale passare il turno e adesso vogliamo sognare in grande. Sappiamo che per andare in finale servirà espugnare almeno una volta il loro parquet, ma ci siamo riusciti all’andata in campionato e vogliamo riprovare il colpaccio. Ci ricordiamo, però, molto bene anche della pesante sconfitta subita al Ruggi nel match di ritorno. Loro sono i favoriti per via del fattore campo e già gara-1 di domani sarà fondamentale».

d.b.

L”articolo completo su «sabato sera» del 3 maggio.

Nella foto: Dordei e Ranocchi

Basket C Gold, domani gara-1 della semifinale play-off tra Flying Ozzano e Vsv Imola
Sport 29 Aprile 2018

Basket C Gold, Castel Guelfo «saluta» con onore i play-off

Finisce al primo turno l”avventura play-off di Castel Guelfo che, dopo la beffa casalinga in gara-2, non ripete l”exploit del primo match in casa della Salus e perde 76-62 sul parquet bolognese.

Dopo un primo quarto equilibrato è nel secondo parziale che i padroni di casa prendono il largo e, complici le difficoltà offensive dei gialloblù, piazzano il break decisivo. Nel secondo tempo la squadra di coach Serio non demorde ma non riesce più a ricucire lo strappo e alla sirena il sogno della semifinale svanisce.

A pesare, soprattutto, le scarse percentuali dall”arco dei gialloblù (solo il 27%).

d.b.

Tabellino

Salus-Prosic 76-62 (19-16, 36-25, 59-45)

Salus: Amoni 11, Tugnoli 3, Stojkov 20, Polverelli 10, Percan 16, Veronesi 4, Arletti, Trentin 8, Savio 2, Gebbia, Branzaglia 2. All. Fili.

Castel Guelfo: Grillini 12, Musolesi 14, Pieri 4, Govi 5, Trombetti 11, Bernabini 4, Cacciari ne, Rebeggiani, Santini ne, Casagrande 10, Degli Esposti Castori, Baccarini 2. All. Serio.

Nella foto: i guelfesi Grillini e Baccarini

Basket C Gold, Castel Guelfo «saluta» con onore i play-off
Sport 28 Aprile 2018

Basket Andrea Costa, il bilancio finale di Domenicali: «Adesso la società è sana, serve un palazzo e se avessimo lo sponsor…»

C’è una equazione alla base di questa stagione dell’Andrea Costa, vissuta nettamente sopra le righe. Se la settimana scorsa Demis Cavina (artefice principale delle fortune biancorosse) disse che… «Se sono tornato a Imola, il merito e di Gianpiero Domenicali», vuol dire che anche il numero uno di via Valeriani lo è stato (artefice), per la proprietà transitiva. A bocce quasi ferme vediamo quali sono i pensieri del numero uno biancorosso su quello che è stato e su quel che sarà.

Cavina va o resta?

«Ho le idee ben chiare, ma lui ha bisogno di una ventina di giorni per staccare la spina e riflettere. A metà maggio ci rivediamo e ne parliamo. Lui resta il nostro primo e unico obiettivo e nelle prossime settimane non parlerò con altri tecnici o procuratori. Però non voglio aspettare giugno per decidere».

Come giudica questa stagione?                     

«La metto sul podio insieme alla seconda di Ticchi di due anni fa. Quest’anno non abbiamo raggiunto i play-off, ma si è creata una simbiosi tra squadra, tecnico e pubblico, che mai si era vista in passato. Cavina ci ha spinti a fare una scommessa che abbiamo vinto. Abbiamo puntato su giovani come Simioni, Alviti e Toffali (per i più sconosciuti) e sul più conosciuto Penna, ed è stato un successo. Per contro c”è stata una differenza nel rendimento tra le partite in casa e quelle fuori, dove si è vista una diversa carica agonistica e una concentrazione non sempre ottimale».

Quanto valgono i vostri 30 punti e come si spiegano le 13 vittorie in casa e solo due fuori? ?

«Andate a vedere quante volte in passato abbiamo raggiunto questo traguardo e se ne comprenderà il valore. Però è amaro constatare che, pur avendo fatto così bene, siamo solo decimi in classifica. Vincere fuori è bello, ma mai come in casa. Le tante vittorie hanno creato una simbiosi perfetta tra squadra e pubblico e, dopo la vittoria con Montegranaro, ho visto in tanta gente il dispiacere per la fine della stagione e per non poter rivedere questa squadra».

Come giudica i due «Usa»?

«Si sono rivelati utili per le strategie del tecnico, senza essere mai troppo ingombranti. Bell, che aveva fama di primattore, è stato bravo a mettersi a disposizione della squadra e Wilson, dopo l’ottimo campionato e il passaporto comunitario, può ambire a qualcosa di più importante».

Un primo sponsor aiuterebbe?

«Con uno sponsor di spessore nel giro di qualche anno potremmo puntare anche ai primi posti».

Oggi qual è lo stato di salute del club?

«A differenza di un anno fa, è buono. Dall’assemblea d’inizio settimana si è cominciato a parlare di futuro, sperando che la base sociale (che non finirò mai di ringraziare) confermi il proprio impegno».

L’avvento del nuovo sindaco a Imola cosa cambierà per voi?

«Daniele Manca è stato un interlocutore assai positivo, facendoci sentire sempre vicina l’Amministrazione comunale. Chi ne prenderà il posto, a prescindere dal colore politico, dovrà tenere in considerazione l’Andrea Costa come la società sportiva più importante della città. Ai candidati alla prima poltrona di via Mazzini faccio presente l’esigenza di un nuovo palasport, perché dover fare due o più partite a Faenza e turni d’allenamento difficili da gestire sono grossi problemi. Serve un impianto migliore».

p.p.

L”intervista completa su «sabato sera» in edicola dal 25 aprile.

Nella foto (Isolapress): Gianpiero Domenicali esulta assieme a Jeremiah Wilson

Basket Andrea Costa, il bilancio finale di Domenicali: «Adesso la società è sana, serve un palazzo e se avessimo lo sponsor…»
Sport 28 Aprile 2018

Basket C Gold, dopo due overtime la Vsv Imola stacca il «pass» per le semifinali play-off

Gara-2 play-off tra Vsv Imola e Montecchio si apre subito con un colpo di scena. A tre minuti dalla palla a due, infatti, un canestro del palazzo reggiano cede e la sfida viene “spostata” a 10 km di distanza circa sul parquet di Cavriago. La parola poi passa al basket giocato. Ai gialloneri servono ben due overtime per superare 99-92 i padroni di casa e, con il 2-0 nella serie, conquistare le semifinali dove affronteranno, nel prossimo weekend, Ozzano.

Nel primo quarto regna l”equilibrio, mentre è nel secondo parziale che i gialloneri allungano chiudendo avanti di 8 punti trascinati da Nucci. Nel secondo tempo iniziano i problemi di falli per la Vsv con Casadei, Sangiorgi e Dal Fiume già a quota 4. Montecchio ne approfitta e rientra con un terzo quarto, offensivamente parlando da «paura». Nell”ultimo parziale la gara va avanti punto a punto e alla sirena il punteggio dice parità a quota 71. Come in regular season al Ruggi servono i supplementari per decretare la fine dei giochi. Nel primo i padroni di casa allungano, Imola rimane in scia e passa avanti con i liberi di Ranocchi, ma Di Noia impatta a trenta secondi dalla fine e il match va al secondo overtime. La Vsv litiga con il canestro, Montecchio con i liberi, ma a decidere la contesa è prima Boero con sette punti consecutivi poi gli ultimi due punti di Nucci.

d.b.

Tabellino

Montecchio-Npc 92-99 d2ts (19-19, 31-39, 57-55, 71-71, 82-82)

Montecchio: Seclì 10, Di Noia 26, Basso 15, Vanni 15, Negri 9, Grisendi 3, Borghi ne, Guidi 9, Guardasoni 2, Corrias, Gruosso, Ghezzi, Giglioli 3. All. Cavalieri.

Vsv: Dal Fiume 2, Nucci 26, Casadei 12, Zhytaryuk 17, Dalpozzo 2, Boero 13, Creti ne, Murati ne, Ranocchi 21, Sassi ne, Sangiorgi 6. All. Tassinari.

Nella foto (dalla pagina facebook della Vsv Imola): Luigi Boero

Basket C Gold, dopo due overtime la Vsv Imola stacca il «pass» per le semifinali play-off
Sport 26 Aprile 2018

Basket C Gold, sirena play-off amara questa volta per Castel Guelfo. Decisiva gara-3

Chi di beffa ferisce….di beffa perisce. Se in gara-1 Castel Guelfo aveva vinto a pochi secondi dal termine con la tripla di Grillini, in gara-2 la Salus firma il successo per 77-75 al palaMarchetti sulla sirena grazie ai due punti di Amoni.

Bolognesi sempre avanti nel primo tempo con i guelfesi costretti a rincorrere già dal primo quarto. Grillini e Trombetti provano a rispondere agli scatenati Amoni e Percan, ma il distacco dei gialloblù si assesta attorno alla doppia cifra. E” nell”ultimo parziale che la squadra di Serio ricuce lo strappo e impatta sul 75-75 con i liberi di Casagrande e la tripla di Baccarini dopo un antisportivo fischiato agli ospiti. Lo stesso Baccarini, però, fallisce poi i liberi del sorpasso e il più esperto Amoni consegna ai suoi una vittoria che porta la serie sull”1-1.

Tutto si deciderà in gara-3 in programma domenica 29 (ore 18) in casa della Salus.

d.b.

Tabellino

Prosic-Salus 75-77 (17-24, 32-47, 51-64)

Castel Guelfo: Grillini 18, Musolesi 10, Pieri 3, Govi 4, Trombetti 15, Bernabini 8, Cacciari ne, Rebeggiani ne, Santini ne, Casagrande 9, Degli Esposti Castori, Baccarini 8. All. Serio.

Salus: Amoni 20, Tugnoli 11, Stojkov 13, Polverelli 6, Percan 16, Veronesi 3, Arletti ne, Trentin 8, Savio, Gebbia ne, Branzaglia ne. All. Fili.

Nella foto: coach Serio

Basket C Gold, sirena play-off amara questa volta per Castel Guelfo. Decisiva gara-3
Sport 24 Aprile 2018

Basket C Gold, i Flying Ozzano vincono anche gara-2 e volano in semifinale play-off

Tutto facile per i Flying Ozzano che vincono anche gara-2 a Pontevecchio con il punteggio di 85-61 e si qualificano per le semifinali dove attenderanno una tra Castel Guelfo e Salus.

Sul parquet bolognese le «Palle Volanti» hanno lasciato solo le briciole ai padroni di casa andando subito avanti nel punteggio a fine primo quarto per poi non venire più ripresi. Nel secondo tempo, infatti, non c”è più stata partita e la squadra di coach Grandi ha meritato a pieno il passaggio del turno. L”unico neo tra le statistiche biancorosse riguarda la scarsa precisione ai liberi, mitigata alla grande dalle prestazioni del trio Agusto-Dordei-Corcelli.

d.b.

Tabellino

Pontevecchio-Laco 61-85 (17-24, 33-43, 48-72)

Pontevecchio: Gianninoni 4, De Gregori 18, Bonaiuti 3, Nanni, Di Rauso 6, Folli 4, Mantovani 2, Minerva 3, Buriani, Bergami 13, Berti 8, Vetere. All. Carretto.

Ozzano: Folli 5, Chiusolo 8, Corcelli 17, Dordei 14, Agusto 15, Masrè 4, Morara 8, Lalanne 2, Magagnoli 6, Agriesti 4, Martini 2. All. Grandi. 

Nella foto (dalla pagina facebook dei Flying Ozzano): Nunzio Corcelli

Basket C Gold, i Flying Ozzano vincono anche gara-2 e volano in semifinale play-off

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast