Posts by tag: Basket

Sport 22 Aprile 2018

Basket C Gold, la tripla di Grillini sulla sirena regala a Castel Guelfo il successo in gara-1 play-off

Castel Guelfo ribalta ogni pronostico in gara-1 play-off ed espugna 67-66 il campo della Salus con un Trombetti da doppia doppia (15 punti e 12 rimbalzi).

Dopo un primo tempo fantastico e solo 4 punti concessi agli avversari nel secondo quarto, i ragazzi di coach Serio subiscono la rimonta dei padroni di casa che si materializza con il +1 di fine terzo periodo (48-47). Negli ultimi 10 minuti però regna l”equilibrio, i guelfesi vanno sotto di 5 a 12 secondi dalla sirena, ma Grillini con due «bombe», l”ultima allo scadere, regala ai suoi una vittoria memorabile.

Gara-2 è in calendario giovedì 26 (ore 21) al palaMarchetti. Vincere per i gialloblù vorrebbe dire raggiunge il traguardo delle semifinali e proseguire il sogno.

d.b.

Tabellino

Salus-Prosic 66-67 (12-12, 16-29, 48-47)

Salus: Tugnoli 5, Stojkov 14, Trentin 12, Polverelli 7, Percan 13, Amoni 15, Veronesi, Arletti ne, Savio, Gebbia ne, Branzaglia. All. Fili.

Castel Guelfo: Grillini 14, Musolesi 13, Pieri, Govi 6, Trombetti 15, Bernabini 3, Bernardi ne, Rebeggiani ne, Santini ne, Casagrande 9, Degli Esposti Castori, Baccarini 7. All. Serio.

Nella foto: Alessandro Trombetti

Basket C Gold, la tripla di Grillini sulla sirena regala a Castel Guelfo il successo in gara-1 play-off
Sport 22 Aprile 2018

Basket C Gold, i Flying Balls si aggiudicano gara-1 play-off

I Flying Balls partono bene nel primo turno play-off vincendo gara-1 contro Pontevecchio per 77-65. Grandi protagonisti Dordei, Chiusolo e Agusto che hanno chiuso alla sirena con rispettivamente 15, 14 e 13 punti.

La sofferenza per i ragazzi di coach Grandi dura solo il primo quarto poi i biancorossi  nel secondo periodo alzano l”asticella, soprattutto in difesa, e mettono in campo il loro basket, chiudendo la pratica già a fine terzo quarto. 

Gara-2 è in programma martedì 24 (ore 21.30) a campi invertiti e per Ozzano sarà già l”occasione per chiudere la serie.

d.b.

Tabellino

Laco-Pontevecchio 77-65 (22-25, 36-34, 59-47)

Ozzano: Folli 6, Chiusolo 15, Corcelli 7, Dordei 15, Agusto 13, Masrè 3, Morara 6, Lalanne 6, Magagnoli 1, Zambon ne, Agriesti, Martini 6. All. Grandi. 

Pontevecchio: Gianninoni 20, De Gregori 2, Bonaiuti 5, Nanni 7, Di Rauso 8, Folli 12, Mantovani 2, Minerva, Buriani 3, Bergami 2, Berti 4, Vetere ne. All. Carretto.

Nella foto: Mario Chiusolo

Basket C Gold, i Flying Balls si aggiudicano gara-1 play-off
Sport 21 Aprile 2018

Basket A2, ultimo giorno di… scuola per l'Andrea Costa. Un rebus il futuro di coach Cavina

Proprio nel giorno in cui ha tagliato il traguardo dei 30 punti in classifica e subito dopo aver vinto la tredicesima sfida casalinga (battendo Montegranaro), l’Andrea Costa ha scoperto che ogni sogno residuo di play-off era svanito. La vittoria di Udine (prossima avversaria degli imolesi nel turno conclusivo) sul campo di Trieste, ha tolto significato alla sfida di domani sera («palaCarnera», ore 18) e così, a 40’ dal termine, la stagione dei biancorossi si chiude in anticipo e al decimo posto. Forse a Imola qualcuno ci è rimasto male, ma tra questi non c’è Demis Cavina, che invece è molto soddisfatto della stagione vissuta dalla sua squadra. «Provo grande soddisfazione – spiega il tecnico castellano – per questa annata che, con pizzico di fortuna in più, potevamo chiudere al play-off o almeno giocarcelo fino in fondo».

Come valuti la stagione?

«E’ una delle migliori della mia carriera, per il lavoro svolto, per il miglioramento dei giocatori e per la serenità con cui abbiamo centrato l’obiettivo».

Quanto c’è di tuo in questa annata?

«Non vi rispondo. Dallo scorso luglio ho messo tutto me stesso in questa avventura, senza spaventarmi per le responsabilità che mi hanno dato. Ogni elogio lo condivido con le persone che hanno sposato questo progetto».

Come è stato questo ritorno a casa?

«E’ andato ben oltre le più rosee aspettative, anche se portarsi a casa il lavoro non è stato facile. Talvolta mi sono arrabbiato con l’ambiente, ma solo quando mi hanno toccato i giocatori, o mosso critiche ingiuste. Sono contento di avere sbroccato dopo la sconfitta di Verona, che poi è diventata una tappa importante della nostra stagione».

Cosa vi siete detti te e Domenicali nelle ultime settimane?

«Il nostro rapporto è continuo e non servono tante riunioni per pianificare il futuro. Dopo Udine ci prenderemo una bella pausa, in cui Domenicali lavorerà sugli obiettivi e i conti del club e poi ci ritroveremo per parlare di fatti concreti».

Quale sarà la nuova… Fabriano, dove andasti nel 2006 dopo il primo addio all’Andrea Costa?

«Chi mi conosce sa che sono imprevedibile e testardo e così come fu sorprendente la scelta di tornare a Imola la passata estate, potrebbe esserlo anche quella di restare quando tanti mi danno per partente».

Quando deciderai?

«Dopo un periodo di riflessione e dopo aver fatto un quadro globale (con la famiglia, la società e i dirigenti) della situazione».

Esagera chi dice che dalla tua scelta dipenderà il futuro dell’Andrea Costa?

«Esagera molto, perché questa società esiste da 50 anni (e da più di 20 è in serie A), a prescindere dagli allenatori e dai giocatori che sono passati».

p.p.

L”articolo completo su «sabato sera» del 19 aprile.

Nella foto: coach Cavina

Basket A2, ultimo giorno di… scuola per l'Andrea Costa. Un rebus il futuro di coach Cavina
Sport 21 Aprile 2018

Basket C Gold, domani scattano i play-off. La vigilia di Ozzano, Imola e Castel Guelfo

Come da previsioni, l’ultimo turno di regular season non ha regalato particolari emozioni. Da domani scattano i play-off con i Flying Ozzano che giocheranno in casa alle 18. Stesso orario ma trasferta per Castel Guelfo, mentre la Vsv Imola sarà impegnata al Ruggi (palla a due alle 19). Gli accoppiamenti sono già noti da una settimana (leggi la news), ma vediamo come stanno le squadre di casa nostra alla vigilia di gara-1 nella parole dei loro coach.

Come giudicate i vostri prossimi avversari?

Grandi (Flying Ozzano): «Tra le squadre che potevamo incrociare Pontevecchio è quella che, nonostante le due vittorie su due in campionato, ci ha messo più in difficoltà. Stanno attraversando un grande stato di forma e sono in fiducia dopo le due vittorie consecutive contro Salus e Fiorenzuola. Hanno disputato una stagione regolare fantastica e ora a mente sgombra possono essere molto pericolosi».

Tassinari (Vsv Imola): «Pur vincendo sempre contro Montecchio, abbiamo faticato molto in stagione regolare (in casa servì un supplementare, nda). Sono una squadra che fa del corri e tira da 3 punti il proprio marchio di fabbrica ed è composta da giocatori che sono insieme da molto tempo. Noi, però, dovremo puntare a fare al meglio il nostro lavoro senza guardare agli altri». 

Serio (Castel Guelfo): «La Salus è una squadra molto fisica, ma siamo fiduciosi possa essere una serie molto equilibrata visto che contro di loro in campionato abbiamo perso solo per episodi e mancanza di lucidità».

In che condizioni arrivate a questo appuntamento?

Grandi (Flying Ozzano): «Siamo in buona forma. Magagnoli ha recuperato a pieno e conto di fare lo stesso anche con Masrè. Dipenderà comunque molto da noi stessi perché dovremo rimanere sempre concentrati solo sul gioco e non lasciarci prendere da situazioni futili».

Tassinari (Vsv Imola): «Carichi e pronti. Dovremo lavorare più sulla tattica che sull”aspetto fisica, ma spero di recuperare Ranocchi almeno per gara-2».

Serio (Castel Guelfo): «Motivati perchè è il giusto premio per noi e per il nostro lavoro. Nessuno ce l’ha regalato e peccato solo aver rischiato di perdere tutto all’ultima giornata. Vogliamo essere l’outsider e provare a superare il primo turno perché abbiamo le possibilità per farlo». 

d.b.

L”articolo completo su «sabato sera» del 19 aprile.

Nella foto: coach Tassinari della Vsv Imola insieme a Daniele Casadei

Basket C Gold, domani scattano i play-off. La vigilia di Ozzano, Imola e Castel Guelfo
Sport 15 Aprile 2018

Basket C Gold: le avversarie di Ozzano, Imola e Castel Guelfo nei play-off

Archiviata l”ultima giornata di campionato andata in scena ieri è già tempo di pensare al primo turno play-off che partirà domenica 22 con gara-1. Gara-2 è in calendario mercoledì 25, mentre l”eventuale gara-3 si disputerà domenica 29. Aprirà la post-season il match tra Fiorenzuola (1°) e Bologna Basket (8°), ma ecco gli accoppiamenti che riguardano le nostre squadre. 

I Flying Ozzano (2°) affronteranno Pontevecchio (7°). I biancorossi avranno il vantaggio del fattore campo e giocheranno contro una squadra che ha acciuffato i play-off proprio negli ultimi 40 minuti andato a vincere in casa contro la capolista Fiorenzuola. I precedenti con i bolognesi è 2-0 in favore della squadra di coach Grandi viste le vittorie, comunque sudate entrambe, 70-62 a Ozzano e 77-72 in trasferta.

La Vsv Imola (3°), invece, sarà impegnata contro Montecchio (6°). Anche i gialloneri avranno il vantaggio del fattore campo e se la dovranno vedere contro una squadra che almeno in regular season li ha messi in seria difficoltà. Nonostante il 2-0 nei precedenti la Vsv ha vinto solo 85-79 in terra reggiana e 104-98 al Ruggi, ma dopo un tempo supplementare.

Infine Castel Guelfo (5°) si troverà di fronte la Salus (4°). I ragazzi di coach Serio reciteranno il ruolo dell”outsider e proveranno a ribaltare il pronostico che li vede sfavoriti alla vigilia. Con l”eventuale bella da giocare a Bologna i guelfesi, per provare a passare il turno, dovranno assolutamente fare meglio delle due gare di campionato contro Amoni e compagni in campionato, quando i gialloblù furono superati di misura 76-74 al palaMarchetti e 76-69 fuori casa.

Dando un”occhiata più avanti, ovviamente, si può già delineare il programma dei turni successivi. Nel secondo turno, infatti, la vincente tra Fiorenzuola e Bologna Basket affronterà chi si qualificherà tra Vsv Imola e Montecchio, mentre la vincente tra Flying Ozzano e Pontevecchio si troverà di fronte una tra Salus e Castel Guelfo.

Dopo solo la finale separerà due di queste otto squadre dalla meritata promozione in serie B.

d.b.

 –

Basket C Gold: le avversarie di Ozzano, Imola e Castel Guelfo nei play-off
Sport 14 Aprile 2018

Basket C Gold, ultima giornata: successi per Ozzano, Imola e Castel Guelfo

Ultima giornata di regular season che sorride alle squadre di casa nostra con i successi dei Flying Ozzano, Vsv Imola e Castel Guelfo.

I biancorossi di Grandi blindano il secondo posto e sconfiggono in casa, non senza soffrire nel secondo tempo, Bertinoro per 72-62 grazie ai 22 punti di Dordei. La squadra di Tassinari, invece, svolge al meglio il suo compito superando al Ruggi Bologna Basket con il punteggio finale di 77-65 (Nucci da 23 punti) che, però, gli vale solo il terzo posto finale in classifica. Infine Castel Guelfo chiude in quinta posizione espugnando 99-87 il campo di Montecchio con il duo Grillini-Casagrande autori rispettivamente di 25 e 32 punti. 

L”appuntamento ora è nel prossimo weekend con il primo turno dei play-off.

Tabellini

Laco-Bertinoro 72-62 (18-14, 41-25, 52-43)

Ozzano: Folli 9, Chiusolo 3, Corcelli 5, Dordei 22, Agusto 12, Morara, Lalanne 5, Magagnoli 14, Zambon, Agriesti ne, Mengoli , Martini 2. All. Grandi.  

Bertinoro: Frigoli 30, Gellera Malvolti 5, Godoli 3, Bracci 2, Solfrizzi En. 5, Zoboli, Ravaioli 15, Biandolino, Solfrizzi Em. ne, Silvani, Cristofani 2, Ruscelli. All. Selvi. 

________________________________________________

Npc-Bologna Basket 77-65 (21-11, 38-27, 59-45)

Vsv: Dal Fiume 7, Nucci 23, Casadei 17, Zhytaryuk 10, Dalpozzo 10, Boero 6, Creti, Murati, Ranocchi ne, Sassi ne, Sangiorgi 4. All. Tassinari.

Bologna Basket: Fin 2, Brotza 6, De Pascale 11, Poluzzi 4, Cortesi 15, Cerulli ne, Bertuzzi 10, Trombetti ne, Drago ne, Legnani 16, Guerri 1. All. Lolli.

________________________________________________

Montecchio-Prosic 87-99 (20-27, 39-54, 68-75)

Montecchio: Borghi, Secli 14, Di Noia 13, Vanni 7, Negri 20, Grisendi 6, Guidi 10, Corrias, Gruosso 5, Giglioli 7, Ghezzi, Basso 5. All. Cavalieri.  

Castel Guelfo: Grillini 25, Musolesi 2, Pieri 4, Govi 9, Trombetti 13, Rebeggiani, Cacciari, Casagrande 32, Baccarini 9, Degli Esposti Castori 5. All. Serio.

Nella foto: Luigi Dordei dei Flying Ozzano

Basket C Gold, ultima giornata: successi per Ozzano, Imola e Castel Guelfo
Sport 14 Aprile 2018

Lo scatto del fotografo imolese Matteo Marchi sulla copertina di Sportweek

La città di Philadelphia e la statua di Rocky Balboa sullo sfondo. In primo piano Marco Belinelli, campione Nba alla sua prima stagione in maglia «Sixers». Questa la copertina di Sportweek, una delle riviste italiane sportive più conosciute al mondo che potete trovare da oggi in edicola. Artefice di questo scatto, e di tutte le immagini che fanno da contorno al suo interno alla bella intervista al giocatore bolognese, è Matteo Marchi, 35enne fotografo imolese che da sei mesi ha lasciato amici e famiglia e, armato dei suoi inseparabili strumenti di lavoro, è atterrato a New York per provare a realizzare il suo personale sogno americano, ovvero diventare un fotografo ufficiale del campionato di basket più famoso del pianeta. «Sono nella Grande Mela da ottobre – ha raccontato Matteo Marchi -. Qui è durissima perché la concorrenza è spietata e in questa città manca umanità, ma bisogna tenere botta se si vuole raggiungere un obiettivo. Non sono venuto in America certo per divertirmi».

Come è nato questo prestigioso progetto?

«È partito tutto direttamente da Sportweek e il mio nome è stato suggerito dalla Pr di Belinelli, Elisa Guarnieri. Marco lo conosco da tanto tempo, ma conosco da ancora più tempo il fratello Umberto che lo segue da quando è in Nba. Mi è stato vicino fin dal mio arrivo, interessandosi alla mia avventura e questo mi ha fatto molto piacere. In passato avevo già pubblicato foto su Sportweek, ma alla copertina non mi ero neanche mai avvicinato. Sono molto emozionato e aspetto solo che mia mamma mi spedisca una copia qua a New York».

Belinelli lo conosciamo per le sue qualità in campo, ma nella vita di tutti i giorni che persona è?

«Questo lavoro insieme ha confermato che è un uomo dal grande cuore e molto legato alle sue origini. È anche, soprattutto, un ragazzo semplice che non se la tira e che non nega mai una foto o un autografo ai suoi fans. Il servizio logisticamente è stato complicato, perché eravamo in esterna e in quattro location diverse, ma grazie alla sua disponibilità lo abbiamo realizzato senza particolari problemi».

Pensi di tornare a breve in Italia o hai già in mente qualche idea per un futuro sempre più a stelle e strisce?

«Al momento non è previsto un mio ritorno a casa. Seguirò nel limite del possibile i play-off di Philadelphia e poi a maggio andrò al Tour di California. Un assaggio di ciclismo dopo tanto basket mi farà bene».

Sui social e sulle riviste specializzate ormai spopolano le tue foto ai fenomeni Nba. Qual è lo scatto che ti ha entusiasmato più di tutti?

«Certamente la schiacciata di Lebron James contro i Brooklyn Nets qualche settimana fa. Sono gesti che se non li vedi dal vivo e da vicino non puoi capire. La televisione appiattisce e lui è potenza pura».

Non sarà la Lega americana, ma da noi la prossima settimana partiranno i play-off di C Gold e in finale potrebbero ritrovarsi la Vsv Imola e i Flying Ozzano, due squadre dove hai molti amici.

«Se accadesse per me sarebbe la partita del cuore. A Ozzano ci sono Aldo Martini, grande amico anche di Belinelli, e Nunzio Corcelli, mentre a Imola Samuel Dalfiume e il mio socio Daniele Casadei, entrambi miei ex compagni in maglia Andrea Costa ai tempi delle giovanili. Spero vadano alla bella e poi che vinca il migliore, senza che nessuno però sbrocchi modello Buffon».

d.b.

Nella foto: (tratte dalla pagina facebook Matteo Marchi Images): il fotografo imolese Matteo Marchi e la schiacciata di LeBron James contro i Brooklyn Nets. Presente anche la copertina di Sportweek in edicola da oggi (dal profilo Instagram matteomarchiph).

Lo scatto del fotografo imolese Matteo Marchi sulla copertina di Sportweek
Sport 8 Aprile 2018

Basket C Gold, i Flying Ozzano rispondono a Imola e riconquistano il secondo posto

Vittoria importante per i Flying Ozzano che in un colpo solo conquistano 87-64 il derby contro San Lazzaro e si riprendono il secondo posto rispondendo subito alla vittoria della Vsv Imola di venerdì.

Con un Folli strepitoso da 28 punti le «Palle Volanti» mettono già le cose in chiaro a fine primo quarto e conducono il match fino alla sirena finale. Il predominio biancorosso è apparso netto in ogni angolo del campo. Rimbalzi, percentuali al tiro e assist sono dati che testimoniano questo, anche se l”unico neo possono essere state le troppe palle perse. Un”inezia, comunque, in una gara sentita sul fronte rivalità e importante per il campionato che i Flying hanno vinto con assoluto merito.

Nel prossimo turno, ultimo di regular season, in programma sabato 14 (ore 21) Ozzano ospiterà Bertinoro per blindare una volta per tutte il secondo posto in classifica e aspettare la prima rivale nei play-off che occuperà la settima posizione in griglia.

d.b.

Tabellino

San Lazzaro-Laco 64-87 (17-32; 32-50; 51-71)

San Lazzaro: Lolli 14, Fabbri 14, Mellara 3, Allodi 9, Guazzaloca 9, Baietti, Annunzi ne, Quadrelli 4, Rossi 7, Naldi 2, Rosa 1, Mazzini 1. All. Bettazzi.

Ozzano: Folli 31, Chiusolo 5, Corcelli 7, Dordei 14, Agusto 8, Masrè 5, Morara 9, Lalanne ne, Magagnoli 8, Zambon, Agriesti, Martini. All. Grandi.

Nella foto (dalla pagina facebook dei Flying Ozzano): Matteo Folli, autore di 31 punti

Basket C Gold, i Flying Ozzano rispondono a Imola e riconquistano il secondo posto
Sport 6 Aprile 2018

Basket C Gold, il cuore di Castel Guelfo non basta. Il derby è della Vsv Imola

Il derby tra Castel Guelfo e Vsv Imola va ai gialloneri di Tassinari che si impongono 77-67 al palaMarchetti. Con questi due punti Casadei e compagni scavalcano Ozzano al secondo posto solitario in classifica in attesa del match dei Flying di domenica, mentre Castel Guelfo ora deve guardarsi alle spalle per non arrivare ai play-off nella peggior posizione possibile.

Partenza disastrosa nel primo quarto per Castel Guelfo che segna il primo canestro dopo circa tre minuti di gioco, mentre dall”altra parte la Vsv Imola è implacabile soprattutto dall”arco con Nucci. I gialloblù di Serio vanno anche a -17, prima della rimonta guidata da Baccarini che rende meno amaro il punteggio alla prima sirena (11-21). Nel secondo parziale, complice Casadei in panchina con 3 falli, i guelfesi si rifanno sotto prepotentemente sotto i colpi di Bernabini e accorciano fino a -2. Il match è spigoloso come ogni derby che si rispetti e allora la Vsv si sveglia e torna a infilare canestri con la precisione chirurgica di inizio partita che valgono il 29-38 di fine primo tempo.

Nel terzo quarto i gialloneri di Tassinari provano a tenere a distanza di sicurezza gli avversari, esaltando le doti sono canestro di Zhytaryuk, ma il solito Bernabini e l”ex Grillini non ci stanno e portano i suoi al -6 all”ultimo riposo (48-54). Nel quarto periodo la Vsv domina a rimbalzo e prova a scappare definitivamente, ma non fa i conti con il grande cuore dei padroni di casa che a cinque giri di lancette dalla fine inseguono solo di tre lunghezze. Ci pensano poi i soliti Casadei e Zhytaryuk a mettere in ghiaccio la sfida e indirizzare il derby verso Imola, con Trombetti e Grillini gli ultimi a mollare tra i padroni di casa.

Nel prossimo turno, ultimo di regular season, in programma sabato 14 (ore 21) la Vsv affronterà in casa Bologna Basket, mentre Castel Guelfo andrà in trasferta a Montecchio.

d.b.

Tabellino

Prosic-Npc 67-77 (11-21, 28-39, 48-54)

Castel Guelfo: Bernabini 15, Rebeggiani ne, Cacciari, Baccarini 15, Grillini 16, Musolesi, Santini, Pieri 3, Casagrande, Degli Esposti Castori 3, Govi 3, Trombetti 12. All. Serio.

Vsv: Dalpozzo 7, Dal Fiume 13, Boero 8, Nucci 12, Creti 2, Murati ne, Casadei 16, Ranocchi ne, Sassi ne, Sangiorgi 4, Zhytaryuk 15. All. Tassinari.

Nella foto: coach Tassinari e Nucci durante il match d”andata 

Basket C Gold, il cuore di Castel Guelfo non basta. Il derby è della Vsv Imola
Sport 6 Aprile 2018

Basket, l'ex Virtus Imola Mauro Bonaiuti parla della volata a tre in C Gold

Quarant’anni e non sentirli. Ovvero, sentirli un po’ meno degli altri, grazie ad un fisico che glielo permette e che si è risparmiato per tre stagioni, sfruttando, suo malgrado, una squalifica comminata nel settembre 2014. Mauro Bonaiuti è tornato in pista col Pontevecchio, ma in estate è stato ad un passo dal rivestire il giallonero della Vsv Imola. «Bonna» sbarcò al Ruggi nell’estate del 2002, in B1: un 24enne pieno di energia che si fece subito amare dalla tifoseria virtussina. Lo scelse Stefano Salieri, che ne conosceva a memoria pregi e difetti e chiuse l’anno come miglior marcatore, a oltre 14 punti di media. Arrivarono i play-off e l’eliminazione contro il Trapani al primo turno. Miglior marcatore imolese anche il secondo anno, con quasi 18 punti ad ogni partita, prima di fare le valigie. «Ho ricominciato a giocare perché avevo ancora tanta voglia, credo che in pochi l’avrebbero fatto alla mia età, dopo tutto questo tempo di inattività. Imola per me ha rappresentato gli anni più belli della mia carriera: per il posto, per la gente, e anche per le gratificazioni a livello personale. Un periodo che mi ha forgiato».

Il contatto con la Virtus Spes Vis c’è effettivamente stato?

«Avranno fatto delle considerazioni sull’età e sulla lunga inattività, che ci possono stare. Io comunque avrei rischiato su di me…».

E la C Gold di adesso come ti sembra?

«Prima di entrare nei meccanismi del Pontevecchio, non avevo mai visto una partita di serie C. Il basket in questi anni è peggiorato tanto a tutti i livelli e spero che ci stiamo un po’ riprendendo. Ho notato tanta fisicità e pochissima tecnica: ecco perché giocatori come me, come Dordei oppure Casadei, anche se avanti con gli anni, possono ancora essere protagonisti. Fiorenzuola, Ozzano e Imola avevano il destino scritto. Mi sembra che ai vertici, assieme alla Salus, manchi un po’ il Bologna Basket».

Ozzano si è preso la rivincita in Coppa, però la batosta casalinga contro Fiorenzuola che ha deciso il primo posto, è stata pesante. Te lo aspettavi?

«Credo che la classifica attuale rispecchi l’esatta forza delle tre regine. Fiorenzuola, per come l’ho vista io, è una spanna sopra, visti anche i giocatori che hanno inserito ultimamente».

Pregi e difetti delle prime tre?

«Fiorenzuola mi sembra la favorita, per il roster completo e per le capacità di un allenatore come Lottici. Ozzano è una squadra solida: molto fisica, anche negli esterni, e mette in campo una intensità difensiva di alto livello. Forse i Flying Balls hanno qualche carenza in attacco, ma è un bel gruppo, allenato bene, con giocatori che si conoscono da tanto tempo. Infine Imola, molto forte sotto canestro, ma con un pacchetto esterni che mi ha impressionato meno rispetto alle altre due».

Ozzano comunque ha battuto Fiorenzuola in Coppa, quindi…

«Quindi significa che in una partita secca può succedere di tutto e che bisognerà stare molto attenti ai play-off, perché in una serie corta possono nascere delle sorprese. L’esito finale è ancora aperto per tutte e tre e se alla fine dovessero trionfare Imola oppure Ozzano, non mi meraviglierei più di tanto».

Il fattore campo può essere decisivo in questo girone?

«Imola e Ozzano partono con qualcosa in più, sono luoghi storici e un leggero vantaggio c’è».

p.z.

L”articolo completo su «sabato sera» del 5 aprile.

Nella foto: Mauro Bonaiuti insieme a Stefano Salieri ai tempi della Virtus Imola nella stagione 2002/2003

Basket, l'ex Virtus Imola Mauro Bonaiuti parla della volata a tre in C Gold

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast