Posts by tag: bomba

Cronaca 9 Aprile 2019

Bomba a Bubano, gli scatti durante la maxi operazione di evacuazione. Domani il brillamento a Castel San Pietro. IL VIDEO

E’ filato tutto liscio domenica 7 aprile durante l’evacuazione e disinnesco della bomba d’aereo della Seconda guerra mondiale ritrovata nella cava della Wienerberger, in via Nuova. Per l’occasione sono state mobilitate circa 150 persone tra militari, volontari della Protezione civile, sanitari del 118 e forze dell’ordine, carabinieri e polizia, 118 e Cri. L’unità di crisi del coordinametno diretta dalla prefettura era presso la sede del Comune. Nei tre comuni interessati, oltre a Mordano anche, marginalmente, Imola e Massa Lombarda, sono  state evacuate 1.886 persone (tra cui 232 over 75 anni e 99 bambini con meno di 6 anni).

Alcuni cittadini hanno trascorso le ore fuori casa a Mordano nei centro di accoglienza temporanei allestiti nella «Cà de Borg» e nella sala polivalente. Alle 9, come da programma, i residenti avevano già lasciato la zona rossa (l’area circolare ritenuta pericolosa, un raggio di 1.840 metri dal punto del ritrovamento), permettendo così al Genio ferrovieri di Castel Maggiore di procedere con il disinnesco dell’ordigno da 500 libbre, di fabbricazione americana, munito di doppia spoletta. Le operazioni si sono concluse alle 11, in anticipo rispetto alle previsioni, con le famiglie che hanno potuto così far ritorno alle proprie case ed è stato possibile ripristinare la circolazione sulle strade. «Tutto si è risolto positivamente – fanno sapere dal Comune di Mordano -. L’ottima organizzazione e, soprattutto, la grande collaborazione della popolazione, hanno consentito il disinnesco in tempi record».

Il brillamento della bomba, invece, non è stato effettuato come previsto nella cava adiacente a quella del ritrovamento perché ritenuta troppo vicina al Canale emiliano romagnolo e ad un’abitazione. I militari hanno trasportato l’ordigno a Castel San Pietro dove è stata fatto brillare mercoledì 10 aprile all’interno della cava dell’azienda Cti di via Corlo. (d.b.)

Bomba a Bubano, gli scatti durante la maxi operazione di evacuazione. Domani il brillamento a Castel San Pietro. IL VIDEO
Cronaca 6 Aprile 2019

Bomba a Bubano, domani la maxi operazione di evacuazione. Le modifiche alla viabilità

Per far fronte alla maxi operazione di evacuazione il Corpo unico della polizia municipale di Imola, in collaborazione con i colleghi della Bassa Romagna e coordinati dalla Prefettura di Bologna, ha previsto varie modifiche alla viabilità ordinaria. Dalle ore 6 del mattino di domenica 7 aprile saranno così istituiti quattro punti di pre-chiusura al traffico lungo le tre strade della Città Metropolitana (ex provinciale) interessate: il primo è sulla via Selice (Sp 610) per chi proviene da Imola e procede in direzione di Massa Lombarda che verrà fatto deviare a destra su via Bicocca e potrà poi immettersi in fondo su via Lughese (Sp 54); il secondo punto di blocco sarà sempre sulla via Selice ma all’altezza della rotatoria vicino al ristorante Ponte Massa, qui i mezzi non potranno procedere verso Imola, ma saranno obbligati a convergere sulla San Vitale in direzione di Sesto Imolese o Massa Lombarda; il terzo si troverà al semaforo di Mordano, all’intersezione tra la via Lughese e la via Cavallazzi (Sp 53), quest’ultima sarà chiusa; l’ultimo, infine, nei pressi del semaforo del ristorante «La Sterlina», ovvero all’incrocio tra via Nuova e via Correcchio, con il traffico che sarà incanalato su quest’ultima sia verso Sesto Imolese che verso Imola (in sostanza non si potrà imboccare via Nuova). Solo i residenti, o coloro che avranno reali necessità potranno superare questi punti di pre-chiusura anche durante le fasi «calde» delle operazioni, con la possibilità di arrivare fino ai margini della «zona rossa», ovvero il cerchio con un raggio di 1,840 metri.

Su questo perimetro ci saranno gli sbarramenti della municipale e dei volontari che sarà impossibile superare per chiunque. Nello specifico, quindi, dalle ore 8 la via Selice verrà chiusa al traffico in entrambi i sensi di marcia dalla discoteca Cap Creus (incrocio via Cavallazzi/Fluno) fino al tratto che attraversa il Canale emiliano romagnolo. Sulla via Cavallazzi, invece, per chi proviene da Mordano, sarà consentito svoltare solo a sinistra su via Zaniolo, mentre sarà impossibile imboccare la Cavallazzi/Fluno dalla Selice in quanto chiusa già dall’incrocio, i veicoli provenienti da Imola saranno fatti deviare a sinistra su via Fluno. Per quanto riguarda la via Nuova, infine, stop per chi viene dal ristorante «La Sterlina» in direzione di Mordano all’intersezione con la via Gambellara, dove si potrà girare a destra o a sinistra su quest’ultima. Dalla parte opposta, invece, chiusura totale all’intersezione con via Buttacece. In ogni strada secondaria saranno presenti gli agenti della municipale e i volontari. Le strade saranno riaperte non appena verrà dichiarata conclusa l’emergenza. Per ulteriori informazioni consultate il sito e la pagina facebook del Comune di Mordano. (da.be.)

Nella foto: la mappa con la zona rossa interessata dall”evacuazione

Bomba a Bubano, domani la maxi operazione di evacuazione. Le modifiche alla viabilità
Cronaca 5 Aprile 2019

Duemila persone fuori casa per far brillare una bomba a Bubano

Non sarà un esodo di massa, ma quello che accadrà domenica 7 aprile nella frazione di Bubano ha tutti i contorni dell’evento eccezionale, a partire dalle circa duemila persone che dovranno lasciare per diverse ore le proprie abitazioni (comprese 19 del comune di Imola). In quella giornata, infatti, è prevista una maxi operazione per consentire al Reggimento genio ferrovieri di Castel Maggiore di rimuovere e far brillare una bomba d’aereo di fabbricazione americana del peso di circa 500 libbre (più di due quintali). Il ritrovamento dell’ordigno, risalente alla Seconda guerra mondiale, è avvenuto all’inizio dell’anno in via Nuova nella nuova cava, adiacente a quella vecchia, dell’azienda di laterizi Wienerberger. Le operazioni di bonifica, coordinate dalla Prefettura di Bologna, vedranno impegnate le forze dell’ordine e 150 volontari, compresi quelli dell’Associazione carabinieri in congedo e il personale della Croce rossa. Presente anche personale della Protezione civile imolese visto che la «danger zone» (zona di pericolo o zona rossa) individuata è un grande cerchio che si estende dal punto dove si trova la bomba per un raggio di 1.840 metri (più uno spazio aereo fino a 1.410 metri d’altezza), quindi interessa, seppur marginalmente, anche Imola e Massa Lombarda, oltre, come detto, a buona parte del territorio di Mordano escluso il centro abitato del capoluogo e la borgata di Chiavica.

Coinvolte quindi due province e tre strade che fanno capo alla Città metropolitana (ex provinciali) ovvero la via Selice, via Cavallazzi e via Nuova. L’operazione più ampia e imponente degli ultimi decenni nella nostra zona. Le prescrizioni scatteranno intorno alle 7 del mattino, anche in caso di maltempo. Dalle ore 7.30 in avanti non si potrà più entrare nella «zona rossa», mentre gli abitanti dovranno uscire di casa e uscire dall’area ritenuta a rischio tassativamente entro le 8, con il personale addetto che suonerà ai campanelli per verificare che tutti i cittadini rispettino le disposizioni. Presso ogni abitazione interessata saranno affissi in questi giorni dei volantini con tutte le direttive previste. La conclusione dell’operazione, con conseguente possibilità di rientro tra le mura domestiche per i cittadini, verrà comunicata in tempo reale sul sito web e sulla pagina Facebook del Comune di Mordano, ma è ipotizzabile si verifichi non prima delle ore 15 del pomeriggio. Dovrebbero servire circa quattro ore al Genio ferrovieri, se non si presenteranno ritardi o problemi, per la messa in sicurezza della bomba ed altre tre ore per farla brillare. L’unità di crisi sarà istituita all’interno del municipio di Mordano, mentre i vigili del fuoco e la Croce rossa militare saranno di base in via San Francesco nell’ex magazzino comunale di fronte al cimitero, ovvero nel punto più vicino ma al di fuori dalla zona di pericolo.

Inoltre sarà attivato a Mordano presso la «Cà de Borg» di via Bulzamini 2 un punto di accoglienza, che fungerà anche da ristoro con colazione e pranzo, mentre le persone in difficoltà, come gli infermi, saranno trasportate nel presidio medico della Croce rossa creato all’interno della sala polivalente di via della Repubblica 10 (dietro il municipio). «Si tratta di un’imponente mobilitazione che coinvolge tutte le istituzioni e che interessa un territorio molto ampio – ha commentato il sindaco Stefano Golini -. Importante quindi una doverosa sinergia tra tutti e un’informazione capillare ai cittadini. Ho fiducia, comunque, nell’ottima riuscita dell’operazione come già accadde, in maniera certamente meno invasiva, dopo il ritrovamento a fine febbraio scorso di una bomba di mortaio durante gli scavi per le fognature a palazzo Pennazzi. Colgo quindi l’occasione per ringraziare chi con efficienza e collaborazione in quei giorni sbloccò in tempi rapidi la situazione». Per ulteriori informazioni e per coloro che hanno bisogno di assistenza per lo spostamento di persone con difficoltà motoria è possibile contattare il centralino del Comune di Mordano al numero 0542/56911 negli orari di apertura, dal lunedì al sabato, dalle ore 9 alle 12.30, mentre negli altri orari si può chiamare il cell. 331/2589123. (d.b.)

Nella foto: il luogo dove è stato ritrovato l”ordigno

Duemila persone fuori casa per far brillare una bomba a Bubano
Cronaca 7 Aprile 2018

Modifiche alla viabilità e al trasporto pubblico a Bologna per il disinnesco di un ordigno bellico

Oltre novemila persone fuori casa, modifiche alla viabilità e ai trasporti pubblici, bus e treni, anche l”aeroporto subirà qualche limitazione. A Bologna giornata complicata domani, domenica 8 aprile. A partire dalle ore 9, sono previste le operazioni di disinnesco di un ordigno bellico risalente al Secondo conflitto mondiale del peso di 500 libbre in cattivo stato di conservazione. E” stato trovato tra le vie Zanardi e Bovi Campeggi, nelle vicinanze del sottopasso ferroviario, in un terreno privato. Il disinnesco avverrà mediante dispolettamento sul luogo del ritrovamento e successivo trasporto nella cava I Laghi a Pianoro) per procedere al brillamento. 

I residenti che dovranno allontanarsi da casa sin dalle ore 8.15 sono 9.401, per un totale di 5.694 famiglie, di cui 1.270 over 75. Dovranno lasciare le abitazioni e comunque la zona fino al termine delle operazioni. La danger zone ha un raggio lineare di 800 metri dal luogo in cui è ubicata la bomba, interessa parte dei quartieri Navile e Porto-Saragozza. Sono stati allestiti anche sei punti di accoglienza (tre nel quartiere Navile e tre nel quartiere Porto-Saragozza) accessibili dalle ore 7 di domenica 8 aprile e fino a cessate esigenze.

Per le auto sono stati definiti dei percorsi alternativi consigliati nell’area interessata dall’operazione: per chi proviene dalla zona est della città, si consiglia di percorrere: in direzione nord, viale Berti Pichat e via Stalingrado e, in direzione sud o ovest, viale Gozzadini, viale Panzacchi, viale Aldini, viale Pepoli, viale Vicini e via Saffi; invece per chi proviene dalla zona ovest della città si consiglia di percorrere: in direzione nord, via Prati di Caprara, rotonda Granatieri di Sardegna, sottopasso Sabena, rotonda Battaglione Pistoia, via Terracini, rotonda Guidi, via Terracini, via Zanardi, via della Grazia, via Gagarin, via Gobetti, via Fioravanti, via Tibaldi, via Donato Creti e, in direzione sud o est, via Sabotino, viale Vicini, viale Carlo Pepoli, viale Aldini, viale Panzacchi e viale Gozzadini. Dai parcheggi Tanari e dal Nuovo Parcheggio Stazione in via Fioravanti le auto potranno essere ritirate entro le 8 o, in alternativa, dopo la conclusione delle operazioni e la riapertura della viabilità.

Anche le linee di trasporto urbano subiranno delle deviazioni consultabili sul sito Tper. La circolazione dei treni sarà parzialmente sospesa, i treni regionali diretti o provenienti da Piacenza, Verona, Padova, Porretta e Vignola effettueranno fermate alternative con un servizio autobus di collegamento. La stazione sotterranea di Bologna invece non sarà interessata pertanto il traffico Alta Velocità non subirà modifiche. Tutte le informazioni saranno disponibili nelle stazioni, sui siti di Trenitalia, Rfi e FSNews e sul sito dell”Aeroporto Marconi.

La comunicazione della conclusione delle operazioni verrà data direttamente ai cittadini e sul sito Iperbole o richiedendo notizie alla Centrale Radio operativa della polizia punicipale al tel.051/266626.

r.c.

Nella foto la bomba d”aereo dal sito web del Comune di Bologna

Modifiche alla viabilità e al trasporto pubblico a Bologna per il disinnesco di un ordigno bellico

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast