Posts by tag: Calcio

Sport 22 Giugno 2019

Calcio serie C, il tecnico dell'Imolese Dionisi sui banchi di scuola al corso di Coverciano

Il cellulare che a fine giornata sarà una lunga serie di chiamate perse e messaggi whatsapp da evadere in notturna. Ecco, assieme al fatto che ci sia da concentrarsi in questi giorni, quello che lega Alessio Dionisi a quei ragazzi alle prese con gli esami di maturità: entrambi stanno studiando per conseguire il secondo massimo di formazione nel proprio campo, visto che dopo la maturità c’è la laurea, mentre dopo il corso Uefa A (Dionisi potrà allenare tutte le giovanili, tutte le squadre femminili fino alla A, le maschili fino alla C e potrà inoltre essere tesserato come assistente allenatore in A o in B) c’è il Master Uefa Pro per guidare le squadre di A e B. Insomma, Dionisi trascorre questa prima parte dell’estate sui banchi di scuola a Coverciano: «E’ una cosa diversa da quel corso di allenatore di base Uefa B che ho seguito in passato e che era molto meno impegnativo di questo – parola dell’allenatore toscano, beccato durante una pausa delle lezioni -. E’ come essere all’Università: avevo cominciato quando ero più giovane con Giurisprudenza, passando poi a Scienze Politiche a Siena, dove si potevano sostenere esami senza seguire le lezioni. Poi però sono riuscito a dare solo 8 esami e non frequentando, visto che mi trasferii a giocare al nord, era effettivamente difficile».

Albergo a Firenze oppure camera a Coverciano per dividere le spese (alla fine, assieme alla tassa di iscrizione, il costo per Dionisi è di 5-6 mila euro), il fine settimana sul mare della Toscana per rivedere la compagna Maila (insegnante di inglese, «materia nella quale avrei bisogno di ripetizioni» ammette Dionisi) e la figlia Giorgia, le lezioni da seguire giorno dopo giorno: ecco il menù dell’estate. «Seguiamo lezioni con i rappresentanti degli arbitri sulle nuove regole del calcio,  lezioni di tecnica, di psicologia, di tattica e di metodologia di allenamento con Renzo Ulivieri, con il quale si parla di calcio attuale e di come si sta evolvendo sia in fase offensiva che in fase difensiva. Si valuta dal globale al dettaglio, con lezioni che sono a braccio e che sono suddivise in 4 ore alla mattina e 4 ore pomeridiane, con un’ora per la pausa pranzo».

Il cellulare è proibito perché distoglie lo studente dall’attenzione alle lezioni in una classe nella quale i nomi illustri sono tanti, partendo da Rolando Bianchi e passando per Matteo Serafini (quello della tripletta segnata alla Juventus con la maglia del Brescia), Donadel, Gamberini, Marchionni ed Allegretti. (an.mir.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 20 giugno.

Nella foto (Isolapress): Alessio Dionisi

Calcio serie C, il tecnico dell'Imolese Dionisi sui banchi di scuola al corso di Coverciano
Sport 20 Giugno 2019

Calcio, domani l'Imolese si iscriverà ufficialmente al prossimo campionato di serie C. IL VIDEO

La notizia era nell”aria, ora è arrivata l”ufficialità. L”Imolese prenderà parte al prossimo campionato di serie C. L”iscrizione, come annunciato dalla segretaria rossoblù Elisa Tassinari, sarà perfezionata domani. Sciolto anche il nodo relativo allo stadio Romeo Galli, con la società del presidente Spagnoli che pagherà di tasca propria l”adeguamento richiesto dalla Federazione per l”impianto di illuminazione. (d.b.)

Nella foto (Isolapress): la conferenza stampa dell”Imolese al Centro Tecnico Bacchilega

Calcio, domani l'Imolese si iscriverà ufficialmente al prossimo campionato di serie C. IL VIDEO
Sport 20 Giugno 2019

Calcio serie C, lunedì 24 giugno l’Imolese si iscriverà perché tre indizi fanno una prova

L’incontro fra Dionisi e Spagnoli in programma entro la fine di questa settimana, Ghinassi che attende il diradarsi delle potenziali nubi bianconere (leggi interessamento della Juventus Under 23 per l’allenatore toscano) per dare il via al mercato dell’Imolese, la tranquillità di tutti i giocatori sotto contratto. Se tre indizi, come amava ripetere Agatha Christie, fanno una prova, allora il prossimo anno l’Imolese sarà certamente al via della serie C, depositando entro lunedì 24 giugno la domanda di iscrizione completa, quindi anche tutto quello che servirà ad ottenere la deroga per il «Galli», ovvero il potenziamento con torri-faro mobili dell’illuminazione fino agli 800 lux richiesti.

L’impressione è quindi che il finale della storia vedrà la società rossoblù pagarsi le torrifaro per poter giocare la prossima C in  un impianto che, a stagione in corso, verrà poi pian piano («senza fretta» sembra essere la parola d’ordine di questa telenovela che da 2 anni si sta trascinando…) adeguato secondo quel progetto presentato da Area Blu che attende ancora il via libera dal Coni per l’accesso al contributo da 2 milioni di euro per finanziare il progetto. Insomma, il lieto fine è dietro l’angolo, ma bisognerà che una volta per tutte si trovi il modo di riconoscere all’Imolese gli sforzi sostenuti in questi anni nei quali la città poco ha dato e tanto ha ricevuto. (an.mir.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 20 giugno.

Nella foto: Federico Carraro e Lorenzo Spagnoli

Calcio serie C, lunedì 24 giugno l’Imolese si iscriverà perché tre indizi fanno una prova
Sport 13 Giugno 2019

Calcio serie C, l'Imolese conquista la Coppa Disciplina 2018/2019

Nella giornata odierna la Lega Pro ha comunicato la classifica della Coppa Disciplina, riguadante ovviamente la stagione appena conclusa e che fa riferimento ai provvedimenti disciplinari emessi dal Giudice Sportivo nei confronti di tecnici, giocatori, dirigenti e società. Al primo posto l”Imolese che, con 13,20 punti, ha chiuso davanti a Sudtirol e Juventus U23. Ultima la Sambenedettese con 135,30 punti. 

Nello specifico, la squadra rossoblù ha trionfato perché, durante l”anno, ha visto sanzionati soltanto i propri calciatori, mentre dirigenti, società e lo stesso Dionisi non sono mai finiti nel taccuino dei «cattivi». (d.b.)

 

Calcio serie C, l'Imolese conquista la Coppa Disciplina 2018/2019
Sport 9 Giugno 2019

Calcio serie C, il mister dell'Imolese Dionisi e le mille sirene di mercato: «Stupido non ascoltarle»

Domenica sera in tribuna al Leonardo Garilli di Piacenza c’era tutta la dirigenza del Chievo Verona, con in testa il presidente Luca Campedelli, per vedere all’opera l’Imolese di Alessio Dionisi. E se si pensa che nella partita di andata al Romeo Galli per lo stesso motivo era venuto il neo direttore sportivo, ed ex bomber, Sergio Pellissier, si intuisce che l’interesse da parte della società veronese, appena retrocessa alla serie A alla B, per il tecnico rossoblù è più che concreto. Anche se passi ufficiali pare non ne siano ancora stati fatti. «Non sono stato contattato e non ho parlato con nessuno – ha confermato l’allenatore toscano -. Per cui in questi giorni leggo e sento parlare di cose che non conosco appieno».

Fra queste anche una clausola rescissoria di 150 mila euro che scadeva sabato 1 giugno (vigilia della partita di ritorno della semifinale play-off a Piacenza) e che poteva essere esercitata solo da società di serie A e B. Il termine scaduto non significa che Dionisi sia definitivamente blindato dall’Imolese, ma al contrario che ora per liberarlo, non basterà semplicemente pagare i 150mila euro, ma venire anche a trattare con la socetà rossoblù.

Difficile restare insensibili a certe sirene?

«E’ chiaro che mi fa piacere scoprire che c’è interesse nei miei confronti da parte di società importanti – ha risposto il tecnico toscano -. E nel caso si rivelassero fondate sarebbe presuntuoso  da parte mia non prenderle in considerazione. Ma io al momento sono l’allenatore dell’Imolese, e ho un contratto di altri 3 anni».

Adesso che la stagione è finita, che bilancio possiamo trarne?

«E’ stata un’annata sorprendente per tutti. Dobbiamo essere orgogliosi di quello che abbiamo fatto tutti insieme. E quando dico insieme, non mi riferisco solo a società, giocatori, staff tecnico, ma anche a tifosi e stampa. Tutti hanno remato dalla stessa parte e  supportato la squadra in maniera costruttiva. L’allenatore da solo non fa niente. Serve la massima disponibilità di tutti per ottimizzare il valore dei singoli. Il mio sistema di gioco si è rivelato funzionale alla rosa di calciatori che avevo a disposizione». (a.d.p.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 6 giugno.

Nella foto (Isolapress): mister Dionisi insieme al presidente Spagnoli

Calcio serie C, il mister dell'Imolese Dionisi e le mille sirene di mercato: «Stupido non ascoltarle»
Sport 9 Giugno 2019

Calcio serie C, dopo l'eliminazione play-off parola al presidente dell'Imolese Lorenzo Spagnoli

Con la stessa invidiabile leggerezza che l’ha accompagnata, sostenuta e resa più forte di quanto si potesse ragionevolmente immaginare, l’Imolese è uscita dai play-off vincendo a Piacenza per 2-1 (non sufficiente a ribaltare lo 0-2 dell’andata) e regalando ancora una volta sprazzi di gran calcio, come spessissimo le è capitato in questa straordinaria stagione da incorniciare e da ricordare nel tempo. Nessun rimpianto, dunque, per come è terminata l’emozionante avventura nella fase spareggi per la promozione in serie B della miglior serie C mai disputata dalla squadra rossoblù nella sua centenaria storia.

Cosa rarissima nel calcio, perché una sconfitta o un’eliminazione dalla semifinale play-off come in questo caso, è molto difficile che non faccia nascere discussioni, non sollevi recriminazioni, non lasci strascichi. E invece è andata proprio così. La felicità per il terzo posto in campionato, il più grande risultato mai conseguito nella terza serie del calcio italiano, è rimasta intatta. D’altronde la serie B non era un obiettivo, e nemmeno un sogno a pensarci bene, ma solo un’opportunità che si era presentata inaspettatamente. Ed è già molto essere arrivati nelle magnifiche otto che se la giocavano. «Abbiamo dimostrato di poter giocare alla pari con tutti», ha commentato il numero uno rossoblù Lorenzo Spagnoli, che però è rimasto dispiaciuto per i giocatori: «Li ho visti con gli occhi lucidi per l’eliminazione col Piacenza, e questo significa che ci tenevano tanto ad arrivare in finale». Ritenendosi orgoglioso di essere il presidente dell’Imolese, «Spagno» ha poi consacrato questa come la stagione dei record, ringraziando tutti quelli che hanno contribuito a renderla tale, e in particolare il direttore sportivo Filippo Ghinassi: «Pur partendo in ritardo per via del ripescaggio, ha costruito la squadra scovando bravissimi giocatori». (a.d.p.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 6 giugno.

Nella foto: il presidente rossoblù Lorenzo Spagnoli

Calcio serie C, dopo l'eliminazione play-off parola al presidente dell'Imolese Lorenzo Spagnoli
Sport 6 Giugno 2019

Caos lavori al Galli, il commento della sindaca di Imola Manuela Sangiorgi. IL VIDEO

Prosegue la telenovela sui lavori allo stadio Romeo Galli, all”indomani del comunicato stampa (leggi qui) emesso dall”Imolese nel quale accusava Area Blu di aver negato l”autorizzazione l”inizio degli interventi e quindi messo a serio rischio l”iscrizione dei rossoblù alla prossima serie C. A cascata poi sono arrivate prima le dichiarazioni del presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli (il commento qui), poi a seguire il comunicato stampa del gruppo consiliare Imola Guarda Avanti (per saperne di più). Infine, poco fa, la sindaca di Imola Manuela Sangiorgi ha voluto dire la sua con un video messaggio direttamente sulla propria pagina facebook Manuela Sangiorgi sindaca M5S. (d.b.)

Nella foto: lo stadio Romeo Galli dall”alto e, a sinistra, la sindaca di Imola Manuela Sangiorgi durante il video messaggio

Caos lavori al Galli, il commento della sindaca di Imola Manuela Sangiorgi. IL VIDEO
Sport 6 Giugno 2019

Caos lavori al Galli, il gruppo consiliare Imola Guarda Avanti: «L'Imolese può non sapere quale sia il procedimento corretto, ma il Comune no»

Ore convulse a Imola dopo il terremoto provocato dal comunicato stampa (leggi qui) con cui l”Imolese ha accusato Area Blu di aver negato l”autorizzazione ai lavori dello stadio Romeo Galli, tassello fondamentale per l”iscrizione dei rossoblù al prossimo campionato di serie C. Sull”argomento, in data odierna, è intervenuto anche il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli (le dichiarazioni qui), ma non si è fatto attendere nemmeno il comunicato stampa del gruppo consiliare Imola Guarda Avanti, il cui presidente è Carmela Cappello. 

Di seguito, il testo integrale del documento:

«Facciamo un po’ di chiarezza a beneficio di tutti i cittadini e tifosi. La società Imolese Calcio 1919 attribuisce al Direttore di Area Blu s.p.a. la responsabilità per aver fermato i lavori di sistemazione dello stadio romeo Galli. Ci rendiamo conto che la società sportiva può non sapere quale sia il procedimento amministrativo corretto da intraprendere. Il Comune di Imola invece lo sa, o dovrebbe saperlo: per poter avviare dei lavori o rimborsare spese per lavori già fatti c’è bisogno di un’autorizzazione formale e scritta, oltre che un impegno di spesa, da parte della proprietà, in questo caso il Comune o del gestore, ovvero Atletica SACMI. Area Blu s.p.a. non è titolata ad autorizzare nulla senza un provvedimento del Comune o del gestore, che in questo caso non c’è e non c’è mai stato e la Sindaca lo sa bene. Perché allora dare la colpa ad Area Blu? E perché attaccare il D.G. Carmelo Bonaccorso quando la comunicazione in cui si spiega che il comune non ha mai autorizzato alcun chè non è neppure a sua firma? Si promettono sostegni e contributi a chiacchere e poi si trova un capo espiatorio qualunque da crocifiggere a beneficio del pubblico».

La telenovela continua… (d.b.)

(d.b.)

Caos lavori al Galli, il gruppo consiliare Imola Guarda Avanti: «L'Imolese può non sapere quale sia il procedimento corretto, ma il Comune no»
Sport 6 Giugno 2019

Caos lavori al Galli ed iscrizione, il presidente della serie C Francesco Ghirelli: «L'Imolese non può correre questo rischio»

A poche ore dal comunicato stampa (leggi qui) con cui l”Imolese ha annunciato il rischio di non iscriversi alla prossima serie C, in quanto Area Blu ha negato l”autorizzazione ai lavori dello stadio Romeo Galli, è intervenuto sull”argomento anche il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli che ha anche inviato una lettera al sindaco di Imola Manuela Sangiorgi ed al numero uno rossoblù Lorenzo Spagnoli

Come dichiarato da lui stesso all”Ansa «non posso pensare che una società virtuosa come l”Imolese, fiore all”occhiello della nostra Serie C, corra questo rischio inaccettabile. Sono pronto a venire a Imola per discuterne» ha afferma il presidente Ghirelli. (d.b.)

Nella foto: il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli e una veduta aerea del Romeo Galli. Nell”altra foto il documento inviato dal numero uno della Serie C alla sindaca Sangiorgi ed al presidente dell”Imolese Spagnoli

Caos lavori al Galli ed iscrizione, il presidente della serie C Francesco Ghirelli: «L'Imolese non può correre questo rischio»
Sport 5 Giugno 2019

Area Blu nega l'autorizzazione per i lavori al Galli, a rischio l'iscrizione dell'Imolese alla prossima serie C

Doccia fredda per l”Imolese, a pochi giorni dall”eliminazione nella semifinale play-off contro il Piacenza. Il Direttore Generale di Area Blu non avrebbe, infatti, autorizzato i lavori al Galli e per questo è a forte rischio l”iscrizione dei rossoblù al prossimo campionato di serie C. A tal proposito la società del presidente Spagnoli poco fa ha emesso un comunicato:

«Imolese Calcio comunica che la società Area Blu s.p.a., nella persona del Direttore Generale Carmelo Bonaccorso, non ha rilasciato autorizzazione ad effettuare i lavori di adeguamento dello Stadio Romeo Galli non tenendo fede agli accordi presi in molteplici occasioni con l’Amministrazione Comunale nelle persone del Sindaco Manuela Sangiorgi e degli Assessori Maurizio Lelli prima e Massimiliano Minorchio in seguito, del Segretario Generale del Comune di Imola Andrea Fanti, del Dirigente Stefano Mirri, degli architetti Marino e Contavalli e del signor Bonaccorso stesso. Disatteso quanto dichiarato nei tempi necessari al fine di poter permettere alla nostra società di effettuare, tra l’altro a proprie spese, i lavori di adeguamento entro i termini richiesti dalla F.I.G.C., ad oggi Imolese Calcio non può garantire l’iscrizione al prossimo campionato. La società si riserva ogni azione a tutela dei propri interessi». (d.b.)

Nella foto: una veduta aerea del Romeo Galli

Area Blu nega l'autorizzazione per i lavori al Galli, a rischio l'iscrizione dell'Imolese alla prossima serie C

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast