Posts by tag: carabinieri

Cronaca 28 Luglio 2021

S’innamora di un parroco della diocesi di Imola e lo perseguita, arrestata 47enne

S’innamora di un parroco e lo perseguita tanto da essere arrestata. Secondo l’Ansa, una 47enne di origine croata ma da tempo residente a Lugo e di professione operatrice socio sanitaria, è finita in manette lunedì scorso dopo l”ennesimo episodio di stalking nei confronti del prete della parrocchia lughese, ma appartenente alla diocesi di Imola, di San Gabriele Arcangelo. Il prete, dopo la messa, si era fatto scortare a casa da alcuni fedeli, ma verso le 19 la donna aveva suonato al suo campanello per l”ennesima volta finendo ai domiciliari come disposto dal Pm di turno Angela Scorza. «Lo amo tantissimo, con tutto il cuore», avrebbe ammesso ieri mattina davanti al giudice Andrea Chibelli del Tribunale di Ravenna che ne ha convalidato l’arresto imponendole il divieto di avvicinarsi al parroco, all’abitazione di lui e alla chiesa a meno di 500 metri e vietandole di comunicare con il sacerdote con qualsiasi mezzo, sia telematico che cartaceo.

La vicenda era iniziata nel 2018 quando il sacerdote svolgeva la sua funzione in altra parrocchia della zona. Lui, come dimostrano i tantissimi messaggi, aveva sempre respinto tutte le avances. La prima denuncia risale al 10 luglio scorso. La signora era via via passata dal misticismo religioso all’ossessione personale per il parroco tra pedinamenti, messaggi, telefonate, raccolta di informazioni, lettere, un appartamento preso in affitto sopra a casa di lui, e persistenti apparizioni alle messe con frasi sussurrate al prete durante la funzione.  Addirittura, recentemente, era riuscita a intercettarlo in un ritiro spirituale dai frati di Chiusi della Verna, in provincia di Arezzo, del quale lui aveva parlato con pochissime persone. (r.cr.)

Foto d’archivio

S’innamora di un parroco della diocesi di Imola e lo perseguita, arrestata 47enne
Cronaca 23 Luglio 2021

Tentato furto all’Enercoop sugli Stradelli Guelfi, ladri scappano a mani vuote

Tentato furto al distributore di benzina Enercoop sugli Stradelli Guelfi a Poggio Piccolo. L’episodio è avvenuto intorno alle 3 di notte del22 luglio, quando ignoti hanno preso di mira, come già accaduto anche lo scorso marzo, le casse delle colonnine automatiche del self service con una mazza.

Scattato l’allarme è immediatamente intervenuta la vigilanza Coopservice insieme ai carabinieri. I malviventi, però, non sono riusciti ad asportare la cassetta di sicurezza e così sono fuggiti a mani vuote, facendo perdere le loro tracce.

I militari stanno visionando le telecamere di sicurezza per cercare di risalire all’identità dei ladri. (r.cr.)

Foto d’archivio

Tentato furto all’Enercoop sugli Stradelli Guelfi, ladri scappano a mani vuote
Cronaca 22 Luglio 2021

Ruba oltre 300 kg di rame dalla ditta, arrestato operaio

Un 52enne operaio imolese è stato arrestato dai carabinieri per furto aggravato continuato. L’episodio è avvenuto a Imola.

Tutto è iniziato qualche giorno fa quando un’azienda specializzata nella produzione di conduttori per avvolgimenti di macchine elettriche, situata in via Lasie, ha informato i militari dopo aver subìto un furto. I carabinieri hanno così avviato le indagini per risalire ai responsabili e nel pomeriggio di ieri, mentre controllavano il perimetro esterno della ditta, hanno notato un operaio dirigersi faticosamente verso il parcheggio con in spalla un enorme zaino. L’uomo si è messo al volante di un’automobile ed è partito, ma dopo pochi metri è stato raggiunto dai carabinieri e sottoposto ad una perquisizione veicolare e domiciliare.

Durante le operazioni, i militari hanno ritrovato oltre 300 kg di matasse di rame, di cui 30 kg nascoste nello zaino, 18 kg occultate nella ruota di scorta del veicolo e le rimanenti accatastate nel garage della casa dell’uomo. L’operaio è stato così arrestato e, dopo l’udienza di convalida, rimesso in libertà e condannato a 5 mesi di reclusione. La pena però è stata sospesa.

Foto concessa dai carabinieri

Ruba oltre 300 kg di rame dalla ditta, arrestato operaio
Cronaca 22 Luglio 2021

Motociclista senza patente fugge all’alt dei carabinieri che gli trovano in casa anche mezzo chilo di droga

I carabinieri hanno arrestato un 44enne residente a Imola per resistenza a pubblico ufficiale e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. L’episodio è avvenuto questa notte in via Emilia, a San Lazzaro.

L’uomo, in sella ad un motociclo, non si è fermato all’alt dei militari che lo hanno raggiunto sulla complanare sud, dove si era immesso per raggiungere la sua abitazione. Senza patente di guida e polizza assicurativa, il 44enne, già noto alle forze dell’ordine, è stato sottoposto a una perquisizione personale e domiciliare. Durante quest’ultima i carabinieri hanno rinvenuto 500 grammi circa di droga, tra hashish e marijuana, che l’uomo custodiva nel suo garage.

Il motociclista, su disposizione della Procura, è stato tradotto carcere. (r.cr.)

Foto concessa dai carabinieri

Motociclista senza patente fugge all’alt dei carabinieri che gli trovano in casa anche mezzo chilo di droga
Cronaca 16 Luglio 2021

Sull’asse attrezzato perde il controllo dell’auto e si ribalta, ferita 23enne

Ancora un incidente sull’asse attrezzato, negli anni spesso teatro di scontri e successive polemiche. L’ultimo episodio questa mattina, verso le 9.30.

Secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri, poco distante dalla rampa del Centro Leonardo, una 23enne imolese era alla guida della sua Peugeot 107 quando, per cause ancora da accertare, mentre procedeva su via della Cooperazione in direzione zona industriale ha perso il controllo del mezzo che poi è finito ruote all’aria nel mezzo della carreggiata. Per fortuna senza coinvolgere altre vetture. 

Sul posto anche i sanitari del 118 che hanno prestato le prime cure alla giovane prima di trasportarla al pronto soccorso di Imola in codice di media gravità. (da.be.)

Nella foto (Isolapress): il luogo dell’incidente

Sull’asse attrezzato perde il controllo dell’auto e si ribalta, ferita 23enne
Cronaca 16 Luglio 2021

Macchinario gli schiaccia la mano, ferito operaio 53enne

Infortunio sul lavoro, ieri mattina, a Imola in un’azienda di packaging in via Turati.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, un operaio 53enne residente in città stava facendo manutenzione a una macchina automatica, quando questa si sarebbe attivata all’improvviso, intrappolandogli la mano destra e lacerandogli l’anulare.

Soccorso dai sanitari del 118, l’uomo è stato trasportato all’ospedale di Imola. Sull’accaduto indagano anche i tecnici della medicina del lavoro. (da.be.)

Foto d’archivio

    

Macchinario gli schiaccia la mano, ferito operaio 53enne
Cronaca 15 Luglio 2021

Furto in pizzeria, ladri scappano con un bottino da 1.500 euro

Furto alla pizzeria Almiro di via Puglie a Osteria Grande. L’episodio è avvenuto tra lunedì 12 e martedì 13 luglio, quando il locale era chiuso per il turno di riposo. Ad accorgersene il proprietario nel momento in cui è andato ad aprire il martedì pomeriggio.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, i ladri sono entrati forzando la serratura della porta d’ingresso per poi razziare tutto l’incasso presente nella cassaforte, circa 1.500 euro. Al momento i militari sono al lavoro per risalire all’identità dei malviventi e stanno visionando le telecamere della zona. (da.be.)

Foto d’archivio

Furto in pizzeria, ladri scappano con un bottino da 1.500 euro
Cronaca 11 Luglio 2021

«Pillole di sicurezza» a Medicina, nella prima puntata come difendersi da truffe e raggiri

Si chiama «Pillole di sicurezza» il nuovo progetto del Comune di Medicina per mettere in guardia, a cadenza settimanale, i cittadini dai malintenzionati.

Venerdì 9 luglio, sulla pagina Facebook del Comune è andata in onda via social la prima puntata dedicata a truffe e raggiri a cui ha partecipato, fornendo alcuni consigli utili, il tenente Rinaldo Astolfi, comandante della tenenza di Medicina.

LA PRIMA PUNTATA 

Nella foto: il tenente Rinaldo Astolfi, comandante della tenenza di Medicina

«Pillole di sicurezza» a Medicina, nella prima puntata come difendersi da truffe e raggiri
Cronaca 9 Luglio 2021

Cade da una scala mentre ripara un climatizzatore, ferito operaio

Ieri mattina, i carabinieri di Mordano sono intervenuti nell’abitazione di un anziano dove un operaio di 45 anni, dipendente di una ditta imolese, è caduto da una scala mentre stava effettuando dei lavori di manutenzione ad un climatizzatore.

L’uomo è stato soccorso dai sanitari del 118 e trasportato al pronto soccorso di Imola in condizioni di media gravità. (da.be.)

Foto d’archivio

Cade da una scala mentre ripara un climatizzatore, ferito operaio
Cronaca 6 Luglio 2021

Rapinarono una dipendente del Conad nel parcheggio, arrestate due persone

I carabinieri di Imola hanno arrestato un 40enne residente in città ed un 39enne di Afragola, provincia di Napoli, per rapina aggravata in concorso. Il terzo componente della banda, un 48enne anche lui di Afragola, invece, è ancora a piede libero. 

Tutto è iniziato il 18 luglio 2020 quando una dipendente del supermercato Conad Carducci fu avvicinata nel parcheggio da un uomo e minacciata con una pistola puntata alla tempia. Obiettivo i 15 mila euro che la donna, come ogni sabato, aveva raccolto nei due punti vendita.

La dipendente inseguì poi il rapinatore, vedendolo allontanarsi a bordo di un’automobile bianca guidata da un complice. Le testimonianze raccolte e l’analisi delle immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona hanno poi consentito ai carabinieri di individuare la vettura, una Nissan Juke, guidata da un 40enne imolese. Dai tabulati telefonici e dagli scontrini presenti nell’auto, esaminati dai Ris di Parma, i militari hanno prima scoperto che l’uomo era al volante del mezzo durante la rapina e poi sono riusciti a risalire al 39enne di Afragola, pluripregiudicato considerato l’autore materiale della rapina. L’uomo ora si trova in carcere a Udine, mentre il 40enne è agli arresti domiciliari.

Come detto, ancora a piede libero il 48enne, considerato dagli inquirenti la mente della banda e colui che nelle settimane precedenti alla rapina si sarebbe appostato nei pressi del Conad Carducci per tenere d’occhio i movimenti della donna. (da.be.)

Foto d’archvio

Rapinarono una dipendente del Conad nel parcheggio, arrestate due persone

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast