Posts by tag: centri sociali

Cronaca 6 Ottobre 2021

Centri sociali, pochi volontari ma tanto impegno e nuove sfide

I centri sociali sul territorio rappresentano un elemento importante di animazione e promozione della socialità, per le fasce anziane ma non solo di tutto il circondario. Connessi vi sono impianti sportivi molto frequentati. Ma tenere in piedi la quotidianità non è facile. La voglia di fare, però, non manca e si guarda al futuro dopo il Covid. (r.cr.)

Nella foto: da sinistra il centro sociale Tozzona ed il Medicivitas

Centri sociali, pochi volontari ma tanto impegno e nuove sfide
Cronaca 10 Luglio 2021

I centri sociali a Imola e nelle frazioni riaprono e fanno festa

I centri sociali riaprono alla città e invitano tutti i cittadini a far festa con loro. L’appuntamento è per oggi, sabato 10 luglio, quando queste strutture presenti nel terri- torio del Comune, frazioni comprese, daranno vita, con orari e modalità diverse, a tanti momenti di allegria, fra buon cibo, musica, aperitivi e tombole. (r.cr.)

Approfondimenti e gli eventi in programma su «sabato sera» dell’8 luglio.

Nella foto: il centro sociale Tarozzi di Sesto Imolese

I centri sociali a Imola e nelle frazioni riaprono e fanno festa
Cronaca 20 Ottobre 2020

Coronavirus e Dpcm, a Castello i centri sociali fermano tombola, gioco delle carte e ginnastica

Sabato pomeriggio, alla vigilia della firma del nuovo Dpcm del premier Conte, l’Amministrazione comunale di Castel San Pietro ha avuto un confronto con i presidenti dei centri sociali e ricreativi (Scardovi e Bertella del capoluogo, Valquaderna di Palesio e quello di Molino Nuovo).

In piena sintonia si è deciso di fermare tutte le attività sociali, anche se finora si stavano svolgendo nel pieno rispetto delle norme anti-Covid. Lo stop proseguirà almeno fino alla scadenza del Dpcm che è fissata al prossimo 13 novembre. Si sono dunque interrotte tutte le attività collettive come tombola, giochi di carte, ginnastica, mentre la somministrazione di cibi e bevande all’interno delle strutture non era mai ripresa sin dalla chiusura del marzo scorso e non riprenderà.

«Ora è il momento della prevenzione e della massima prudenza – commenta il sindaco, Fausto Tinti -. Il Comune si impegna comunque e già da ora a sostenere i centri sociali e ricreativi per tamponare le mancate entrate che registreranno nel periodo di interruzione dei servizi».

Nella foto: tombola all”aperto con mascherine e distanziamento al centro sociale Bertella

Coronavirus e Dpcm, a Castello i centri sociali fermano tombola, gioco delle carte e ginnastica
Cronaca 5 Giugno 2018

Oltre due milioni investiti dal Comune di Imola per rinnovare i centri sociali

Due milioni e 370 mila euro. A tanto ammonta la cifra che il Comune di Imola ha investito e investirà per rinnovare tre centri sociali strategici. I lavori in due di questi, il Tarozzi di Sesto Imolese e quello di Sasso Morelli, sono iniziati nell’estate del 2016 e, dopo una lunga gestazione, sono finalmente ormai agli sgoccioli. La Giunta dell’allora sindaco Daniele Manca ha deciso di investire su questi punti di ritrovo nelle due frazioni imolesi ben un milione e 670 mila euro.

I soldi impiegati per i due centri sociali derivavano dalla vendita dell’ex Circoli e, come stabilito dalla relativa delibera regionale, erano vincolati ad interventi su questi contenitori. Un’altra critica che era stata mossa era quella di non ritenere necessario la realizzazione di un nuovo edificio a Sasso Morelli, bensì che si potesse ristrutturare il centro sociale esistente lungo via Correcchio. Anche in questo caso, però, l’Amministrazione aveva risposto che una ristrutturazione di quel tipo non avrebbe comportato una spesa di molto inferiore e, in questo modo, si realizzava una struttura più ampia. Uno degli ultimi impegni dell’ex Giunta è stato poi quello, nel gennaio di quest’anno, di presentare alla stampa la progettazione del nuovo centro sociale Giovannini a servizio del quartiere Marconi, ad oggi anch’esso ospitato, come il Tarozzi di Sesto Imolese, all’interno di un prefabbricato riconvertito dopo il terremoto del Friuli del 1976.

Il progetto prevede un nuovo fabbricato in legno di 300 metri quadri coperti, cui se ne aggiungono 150 di porticato esterno che affaccia sull’area verde compresa fra le vie Marconi, Cenni, Bucci e Scarabelli. Si tratta di un aumento non da poco rispetto ai circa 180 metri quadri previsti in un primo momento, possibile grazie a un investimento da parte del Comune di 700 mila euro. «A breve uscirà la gara per affidare i lavori e contiamo di avviare il cantiere in autunno – aggiorna Andrea Dal Fiume, responsabile del settore Sviluppo e progettazione di Area Blu -. Dovrebbero essere ultimati nel giro di un anno».

gi.gi. 

L”articolo completo su «sabato sera» del 31 maggio.

Nella foto: il centro sociale di Sasso Morelli

Oltre due milioni investiti dal Comune di Imola per rinnovare i centri sociali

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast