Posts by tag: cinema

Cultura e Spettacoli 16 Settembre 2018

La stagione invernale alla Sala del Suffragio di Medicina riparte con cabaret, prosa, musica, dialettale e cinema

È tutto pronto alla Sala del Suffragio di Medicina per la stagione teatrale e cinematografica in partenza: quarantun appuntamenti che prenderanno il via il 29 settembre, con la direzione artistica di Dario Criserà dell”associazione Eclissidilana, alternando prosa, cabaret, teatro dialettale, eventi musicali e proiezioni cinematografiche.

Sarà proprio il cabaret ad inaugurare la stagione, con Antonio Ornano che da Zelig porterà la sua comicità fatta di quotidianità e di difficoltà nelle relazioni sentimentali. Il 17 novembre toccherà al comico romano Gianluca «Scintilla» Furbelli spiegare che La bellezza non è tutto, mentre il 19 gennaio Andrea De Marco con il Bermuda Acoustic Trio e con il musicista Savino Cesario darà vita ad un Bermuda Circus fatto di virtuosismi e risate. Corrado Nuzzo e Maria Di Biase proporranno il loro Nuzzo Di Biase live show sabato 16 febbraio, mentre il 2 marzo l”onore di chiudere la rassegna sarà per il noto Giobbe Covatta alle prese con Dante ne La divina commediola.

Manuale di una donna imperfetta, con Maria Pia Timo, è lo spettacolo che il 20 ottobre inaugura la stagione di prosa: l”attrice faentina propone un imperdibile appuntamento a metà tra lezione culinaria e monologo comico. Bologna… provincia di Colcù è il testo scritto da Giorgio Comaschi che Andrea Santonastaso porterà in scena il 24 novembre: come spiega il titolo, al centro di tutto c”è la città delle Due Torri con i suoi abitanti. Il poeta Marco Barbieri e l”attore Alessandro Fullin daranno vita alle Lettere romane sabato 12 gennaio, un dialogo epistolare tra due matrone romane terrorizzate dalle invasioni barbariche. Cabaret ‘300: Decameron con Alessandro Bianchi è una rivisitazione attualizzata del celebre testo del Boccaccio che andrà in scena il 9 febbraio, e un”altra rilettura chiuderà la rassegna di prosa: quella de I promessi sposi ad opera di Dario Criserà ne I prolissi sposi (il 23 marzo, anche il 24 fuori abbonamento).

Sarà dato spazio anche al teatro dialettale, con cinque spettacoli in abbonamento (7 ottobre, 18 novembre, 2 dicembre, 20 gennaio e 10 febbraio) e due fuori abbonamento (lo spettacolo Bulgnesis gost talent 2.0 con la compagnia Al nostar dialatt la sera del 31 dicembre, e Avaraz il 10 marzo). Tre sono gli appuntamenti musicali (ad ingresso libero): quello con i Tropical Swingers live il 27 ottobre, per una serata tra swing, rockabilly e rock ”n” roll, quello di Medicina in brass promosso dall’associazione I Portici di Medicina con la direzione artistica di Paola Del Verme il 5 gennaio e infine il tradizionale Concerto del Nuovo Anno con la Banda Municipale di Medicina domenica 13 gennaio nel pomeriggio.

Infine torna la stagione cinematografica che verrà presentata venerdì 19 ottobre alle 21, seguita dalla proiezione del film A casa tutti bene di Gabriele Muccino (ad ingresso libero fino ad esaurimento posti). Gratuite saranno poi le proiezioni de Gli invisibili in occasione del Giorno della memoria (27 gennaio), Tonya per la Giornata internazionale della donna (8 marzo) e Era d’estate (21 marzo) in memoria delle vittime delle mafie. «Nel 2017 abbiamo raggiunto il nostro grande obiettivo – commenta l’assessore alla Cultura, Valentina Baricordi –: dopo trentacinque anni di assenza, siamo riusciti a riportare il cinema a Medicina. Proseguiamo su questa strada con una programmazione di ben 20 film dalle commedie, ai drammi, ai cartoni animati per bambini! Non mancheranno poi serate tematiche con film, spettacoli, concerti su temi sociali e storici. Tante occasioni per vivere il nostro teatro e per stare bene insieme».

Abbonamenti: cabaret 50 euro, prosa 35 (ridotto 25), dialettale 35. Prenotazioni al 333/9434148.

Nella foto Maria Pia Timo

La stagione invernale alla Sala del Suffragio di Medicina riparte con cabaret, prosa, musica, dialettale e cinema
Cultura e Spettacoli 23 Agosto 2018

Al cinema alla Rocca arriva la famiglia secondo Muccino con Accorsi e Favino in «A casa tutti bene»

Può piacere o non piacere, sembrare esagerato e troppo da telenovela, o al contrario troppo veloce, a volte pop a volte psico-pedagogico, ma c”è una cosa che si può dire di Gabriele Muccino: ha un modo unico, personale eppure sempre con qualcosa che tocca molti, nel raccontare la sua generazione (quella che ai tempi de L”ultimo bacio aveva trent”anni e oggi ha decisamente passato i quaranta). Ne è un esempio anche A casa tutti bene, recente film del regista romano che stasera sarà proiettato alla Rocca di Imola. Un film corale che si guarda tutto d”un fiato, che condensa in due giorni di finzione narrativa tantissime storie e, proprio per questo, aggancia lo spettatore, che vuole sapere «come va a finire».

Tutto ruota attorno alla famiglia, e il film ha tra i suoi interpreti proprio alcuni attori che fanno parte della famiglia cinematografica di Muccino, da Stefano Accorsi a Pierfrancesco Favino, da Sabrina Impacciatore a Stefania Sandrelli. I primi tre sono tre fratelli che si ritrovano su un”isola per festeggiare i cinquant”anni di matrimonio dei genitori (la Sandrelli e Ivano Marescotti). Fratelli sull”orlo di una crisi di nervi, ma non solo, perché ci sono anche cugini, cugine, zie (una Sandra Milo sempre uguale a se stessa), ex mogli, nuovi amori, nuovi ex e bambini che assistono smarriti ad una giravolta di guai, dolori e finzioni. Ma anche di amori e speranze. E proprio Accorsi, che all”inizio sembra quello più disincantato, quello che viaggia sempre, che non vede mai la famiglia, alla fine sarà quello che crede ancora nell”amore, nella speranza, che ha ancora voglia di sorridere. Così come la coppia più debole, più disperata – formata da Gianmarco Tognazzi e Giulia Michelini -, uscirà rafforzata dalla vicinanza. Mentre altri soccomberanno alle nevrosi, ai tradimenti, alle bugie, alle fragilità, al dolore. E anche quello che sembra perfetto – cinquant”anni di matrimonio – non sarà veramente così lucido come appare.

Il film alla Rocca di Imola inizia alle 21.15. Ricordiamo che, tra le varie riduzioni, c”è anche la possibilità di avere un biglietto ridotto per chi si presenta in biglietteria mostrando sul proprio smartphone l”applicazione AppU.

Nella foto la locandina del film

Al cinema alla Rocca arriva la famiglia secondo Muccino con Accorsi e Favino in «A casa tutti bene»
Cronaca 12 Agosto 2018

Il “matrimonio social” di Penelope Landini, ovvero il Landella Wedding

Uno dei primi esperimenti di “matrimonio social”, se non addirittura il primo, ha per protagonista una imolese: la modella Penelope Landini, nota oltre che per sfilate e spot pubbicitari anche per aver preso parte al videoclip musicale di Francesco Gabbani “Tra le granite e le granate” della scorsa estate e per la partecipazione a piedi nudi sul red carpet della settantatreesima Mostra internazionale del cinema di Venezia. Nella vita reale Landini, oltre che madre, è in procinto si sposarsi, il prossimo settembre. Fin qui tutto normale, se non fosse per l’idea di trasformare in una specie di web comedy la speciale occasione, un matrimonio intitolato “Landella wedding” dalla fusione dei cognomi dei due nubendi: Landini e d’Angella. Il promesso sposo, infatti, è Giovanni d’Angella, anche lui impegnato nel mondo dello spettacolo come comico e presentatore, conosciuto al grande pubblico per i programmi tv Zelig e Colorado, dove ha interpretato il personaggio del Pigro. Anche d’Angella ha un figlio.

“In Casa Landella Giovanni è un uomo innamorato e devoto – raccontano i due –, consapevolmente succube di ogni desiderio della sua dolce metà e disposto ad assecondare ogni folle desiderio di Penelope pur di vederla felice e non farsi rovinare la vita dalla regina della casa, la solare e dirompente Penelope, colei che da ordini, prende decisioni, stabilisce regole ed indica la via”.

Una coppia giovanile e tradizionale al tempo stesso, a tratti stereotipata, ma anche un duo comico coinvolgente ed esilarante. “Cosa succede quando un comico della tv incontra una super modella romagnola”, recita lo slogan dell’iniziativa? Nascono l’amore e Casa Landella. “L’amore è in grado di farci fare qualunque follia – rispondono i due –. Noi per esempio ci sposiamo”.

Landini e d’Angella convoleranno a nozze il prossimo 22 settembre. Fino ad allora si potranno seguire i preparativi per il matrimonio online grazie alla docu-fiction a puntate “Casa Landella”. C”è la scelta del prete (“voglio Richard Chartres, che ha sposato William e Kate”, dice Penelope, “tu vuoi un prete vip, ce l’ho: don Benelli l’esorcista” risponde Giovanni), quella della location (villa Landini, casa dei genitori della sposa), l’organizzazione del ricevimento e tutte le altre decisioni da prendere e scelte da fare diventano di volta in volta l’elemento del contendere fra scontri, litigi e discussioni comiche, come dal copione scritto dagli stessi protagonisti.

Si spera, tanto per continuare il gioco sul filo dell”ironia, che la fiction superi il documentario e che la coppia arrivi integra all’altare e al fatidico “sì”. Perché l’amore trionfa sempre ma anche perché il 22 settembre alle 16 tutti i follower, o flowers come li chiama Landini, potranno essere testimoni in diretta del matrimonio del comico e della modella.

I video della preparazione del social wedding, che ha iniziato le trasmissioni ad inizio giugno e prevede in totale diciotto puntate, sono pubblicate ogni martedì su Youtube e giovedì su Facebook, sulla pagina Facebook “Casa Landella”, fino al 18 settembre.

“Finalmente ho trovato l’uomo della mia vita e ho deciso di sposarlo. Visto che lui non ha opposto grande resistenza, credo sia d’accordo – ironizza Landini –. Non vedo l’ora di condividere le mie scelte ed i miei dubbi con tutti gli amici che ci seguiranno in questa meravigliosa avventura”. “Siccome io e Penelope abbiamo già due bambini, ci dividiamo tra Milano ed Imola, curiamo la programmazione di tre teatri e lavoriamo girando l’Italia – spiega d’Angella –. Non ci bastava organizzare il nostro matrimonio, abbiamo voluto mettere in piedi un piano di produzione per documentare integralmente le nozze”. Ma, assicurano, sempre con tanto divertimento. (mi.mo.)

Nella foto  Penelope Landini e Giovanni d’Angella

Il “matrimonio social” di Penelope Landini, ovvero il Landella Wedding
Cultura e Spettacoli 20 Luglio 2018

L'Estonian Sinfonietta porta in scena musica di film come Seven o Tempi Moderni

Una serata con il cinema e le sue musiche. L”Arena di Castel San Pietro ospita alle 21.30 l’Estonian Sinfonietta, l”orchestra composta da professionisti del Nord Europa che si sono esibiti nelle più note sale europee, il cui organico varia a seconda del repertorio e che ha come primi violini Maano Männi e Arvo Leibu. Nell”ambito dell”Emilia Romagna Festival, brani da Pachelbel a Chaplin saranno accompagnati da proiezioni di stralci di film sullo schermo: scorreranno così film di vario genere, da Seven di David Fincher a Tempi Moderni di Charlie Chaplin, con la musica in primo piano sia come parte della colonna sonora dei film che come evocatrice di ambienti.

Il programma delle musiche, eseguite dal vivo, è il seguente: Canone in re di Johann Pachelbel da Gente comune, Divertimento fa maggiore KV 138 di Wolfgang Amadeus Mozart da Atto di forza, Adagio per archi op. 11 di Samuel Barber da Il favoloso mondo di Amélie, Aria da Suite n. 3 BWV 1068 di Johann Sebastian Bach da Seven, Suite di Veljo Tormis da Spring, Romance op. 97 di Dmitri Shostakovich da Gadfly, Suite di Bernard Herrmann da Psycho, Libertango di Astor Piazzolla da Frantic, Circus di Sergei Dreznin dalla colonna sonora di Isaak Dunayevsky di Circus, Valse di Lepo Sumera da Spring Fly, Smile da Tempi Moderni di Charles Chaplin.

Ingresso libero (in caso di maltempo, al teatro Cassero).

Nella foto l’Estonian Sinfonietta

L'Estonian Sinfonietta porta in scena musica di film come Seven o Tempi Moderni
Cultura e Spettacoli 27 Giugno 2018

Tornano le proiezioni estive all'aria aperta con «Cinema alla Rocca», «Cinema divino» e «Cinema in tour»

Cinema alla Rocca, si riparte. Due mesi di programmazione di film organizzati da Start Cinema in collaborazione con il Comune di Imola, che accompagneranno l’estate in città e partono con una serata a ingresso gratuito, domani alle 21.30: nel cortile interno del castello imolese sarà proiettato il documentario di Alan Parker The Beatles: Sgt.Pepper & Beyond, che affronta i dodici mesi più cruciali della carriera della band, con immagini e interviste inedite che raccontano il periodo magico degli AbbeyRoad Studios, la nascita dellecanzoni e il lancio dell’album che più di ogni altro ha segnato la loro storia.

Poi, dall’1 luglio al 2 settembre, si svolgerà la normale programmazione,mentre dal 3 al 5 settembre sono previste le repliche per i film annullati per maltempo o particolarmente graditi al pubblico. Il venerdì, come è ormai abitudine,sarà quindi dedicato ai film per bambini e famiglie, con biglietto ridotto a 5 euro per tutti. Inizio proiezioni: dall’1 al 31 luglio alle 21.30, mentre dall’1 agosto al 5 settembre alle 21.15. Biglietto: 6 euro intero, 5 euro ridotto (numerose riduzioni, tracui il coupon su «sabato sera» e l’applicazione AppU).

A Sesto Imolese, invece, per «Cinema divino», a La Cremonina (via di Dozza 31) alle 19.30 degustazione di vini e cena con food truck, alle 20 visita alla cantina e alle 21.30 proiezione del film «Benedetta follia» di e con Carlo Verdone. Biglietto 12 euro per film, visita guidata e assaggio di tre calici di vino; solo film 9 euro. Prenotazioni: 345/9520012. Venerdi 29, invece, a Toscanella per «Cinema in tour», in piazza Libertà alle 21 ci sarà la proiezione di «Kubo e la spadamagica» di Travis Knight (animazione). Ingresso libero.

Il calendario completo della programmazioni su «sabato sera» in edicola domani, giovedì 28 giugno, e sull”applicazione AppU Imola.

Su AppU Imola anche il “bottone” che permette di entrare con biglietto ridotto al Cinema alla Rocca (basta mostrarlo alla cassa all”ingresso); il medesimo sconto anche ritagliando il coupon che trovate sulla pagina del settimanale “sabato sera”. 

r.c.

Nella foto: il cinema alla Rocca di Imola

Tornano le proiezioni estive all'aria aperta con «Cinema alla Rocca», «Cinema divino» e «Cinema in tour»
Ciucci (ri)belli 25 Giugno 2018

Cinema in tour 2018, i film per i bimbi

Il pulmino di Cinema in tour sta per ripartire! Il programma dell’edizione 2018, promossa da Distretti culturali, Città metropolitana e Circondario imolese con il contributo di Regione Emilia Romagna, Hera e Fondazione Cassa di risparmio di Imola, comprende 41 appuntamenti gratuiti e itineranti nei comuni e frazioni del circondario imolese. Tra le proieizoni, anche tanti cartoni animati.

Il programma completo lo trovate sulla pagina Facebook di Cinema in tour 2018.

L’inizio delle proiezioni è alle ore 21. L’ingresso, come sempre, è libero.

Cinema in tour

Per i più piccoli

Venerdì 29 giugno 2018
Toscanella (Dozza), piazza Libertà
KUBO E LA SPADA MAGICA
un film di Travis Knight | USA 2016, animazione – 101 min
Prima del film verrà proiettato lo spot su Dozza, dal format “Borghi-Viaggio Italiano”
In caso di maltempo proiezione alla Bocciofila di Toscanella, via Amendola, 1/3

Martedì 3 luglio
Montebottone (Mordano), via Montebottone (piazzetta)
SING
un film di Garth Jennings | USA 2016, animazione – 108 min In caso di maltempo proiezione al Teatro Comunale di Mordano, via Sant’Eustachio 18

Giovedì 5 luglio
Medicina, Corte Argentesi, via Argentesi
PETS – VITA DA ANIMALI
un film di Chris Renaud | USA 2016, animazione – 87 min
In caso di maltempo proiezione in Auditorium, via Pillio, 1

Martedì 10 luglio
Chiavica (Mordano), Parco pubblico
IL LIBRO DELLA GIUNGLA
un film di Jon Favreau | USA 2016, avventura – 105 min
In caso di maltempo proiezione alla sala civica di Bubano, via lume 1889

Mercoledì 11 luglio
Osteria Grande (Castel San Pietro Terme), Laghetto Mariver, Via Calabria
I GUARDIANI DELLA GALASSIA VOL. 2
un film di James Gunn | USA 2017, azione – 137 min
In caso di maltempo proiezione al Centro Civico, viale Broccoli

Martedì 17 luglio

Prato (Fontanelice), Parrocchia, via Buffadosso
OCEANIA
un film di Ron Clements | USA 2016, animazione – 107 min In caso di maltempo proiezione al coperto

Lunedì 23 luglio
Mordano, Parco del donatore di sangue, via della Repubblica
ALLA RICERCA DI DORY
un film di Andrew Stanton | USA 2016, animazione – 97 min In caso di maltempo proiezione al Teatro Comunale di Mordano, via Sant’Eustachio 18

Martedì 24 luglio
San Martino in Pedriolo (Casalfiumanese), Area campo sportivo
Il GGG – Il GRANDE GIGANTE GENTILE
un film di Steven Spielberg | USA 2016, fantastico – 117 min In caso di maltempo proiezione al coperto

Mercoledì 25 luglio
Palesio (Castel San Pietro) Centro Sociale Val Quaderna, via Montecalderaro, 131
OCEANIA
un film di Ron Clements | USA 2016, animazione – 107 min In caso di maltempo proiezione al coperto

Domenica 29 luglio
Osteria Grande (Castel San Pietro Terme), Laghetto Mariver, via Calabria
HOME – A CASA
un film di Tim Johnson | USA 2015, animazione – 94 min
In caso di maltempo proiezione al Centro Civico, viale Broccoli

Martedì 31 luglio
Imola, Centro Sociale, via Tinti, 1 (quartiere Zolino)
LA BELLA E LA BESTIA
un film di Bill Condon | USA 2017, fantastico – 129 min In caso di maltempo proiezione al coperto

Mercoledì 1 agosto
Sassoleone (Casalfiumanese), area campo sportivo
CARS 3
un film di Brian Fee | USA 2017, animazione – 102 min In caso di maltempo proiezione al coperto

Giovedì 30 agosto
Medicina, Area Pasi
OZZY – CUCCIOLO CORAGGIOSO
un film di Alberto Rodríguez | Spagna 2016, animazione – 90 min In caso di maltempo proiezione in Auditorium, via Pillio 1

Cinema in tour 2018, i film per i bimbi
Cultura e Spettacoli 9 Maggio 2018

L'ispettore Coliandro a Ozzano, alcune riprese del telefilm in via Claterna e dintorni

L’Ispettore Coliandro in questi giorni è in via Claterna, località Maggio di Ozzano, per girare alcune riprese della settima edizione del poliziotto più imbranato della tivù. Il primo ciak in terra ozzanese è scoccato lunedì, ma il grosso delle operazioni si è svolto all’interno del negozio di arredi vintage G&H Tatterton, di proprietà di Martino Perdisa. Si è proseguito ieri pomeriggio con una serie di scene all’aperto, che dovrebbero comprendere anche un inseguimento.

Da alcuni giorni, infatti, sono comparsi dei volantini lungo un tratto di via Claterna per avvisare i residenti che le riprese avranno luogo sia di giorno che di notte, e che verranno esplosi colpi di arma da fuoco e altri effetti speciali. «La produzione della serie televisiva – si legge nel volantino – informa che potrebbero sentirsi rumori». Firmato, L”ispettore Coliandro. 

Sul volantino ci sono anche le date delle sparatorie: la prossima è prevista per oggi, tra il pomeriggio e la sera, e domani giovedì 10 maggio tra la sera e la notte. Alcuni curiosi si sono affacciati nella speranza di trovare il protagonista, Giampaolo Morelli, e colleghi. Gli attori in effetti si sono concessi alcune battute e dei selfie coi fan; chi li ha incontrati li definisce «molto concentrati». 

Il sindaco Luca Lelli spiega così i motivi di questa inaspettata visibilità: «Negli ultimi anni, grazie anche al passaparola tra le case di produzione, sono sempre di più le richieste che riceviamo e alle quali siamo ben contenti di rispondere positivamente. Crediamo sia parte di una strategia di marketing territoriale che passa attraverso la valorizzazione del luogo che amiamo».

Le riprese dei quattro episodi della stagione 2018 di Coliandro sono iniziate lo scorso 26 marzo, sempre per la regia dei romani Manetti Bros, sulle idee dello scrittore mordanese Carlo Lucarelli, che ne ha scritto soggetto e sceneggiatura. Tra le altre sedi scelte come set c’è stato il piano superiore dell’Autostazione delle corriere di Bologna dove è stato montato l’interno della questura dove l’ispettore lavora. La serie sarà trasmessa il prossimo autunno su Rai2. (ti.fu.)

Altri particolari sul “sabato sera” del 10 maggio.

Foto dalla Pagina Fb ufficiale di Giampaolo Morelli

L'ispettore Coliandro a Ozzano, alcune riprese del telefilm in via Claterna e dintorni
Sport 3 Aprile 2018

Cinema, bella panoramica su alcuni film girati a Imola e dintorni

Sono da poco stati assegnati i David di Donatello, gli «Oscar» del cinema italiano e noi vogliamo divertirci a ricordare alcuni film per il grande schermo che sono stati girati nel nostro territorio. 

Il più famoso è senz’altro La Cina è vicina, che Marco Bellocchio girò a Imola e Dozza tra ottobre e novembre 1966. Sul sabato sera del 5 novembre 1966 si legge: «Si girano gli interni a palazzo Tozzoni, che raffigura la casa gentilizia dei tre fratelli sulle cui vicende è imperniato il film, e nei locali dell’ex liceo scientifico, trasformato in sede di una sezione del Partito socialista. Alcune scene sono state girate alla Rocca, nella parte non restaurata e ancora sistemata alla maniera di un carcere. Altre saranno riprese in esterni al parco, a Dozza, alla Sala dell’Enal e a Faenza, nel teatro Masini».

Quasi cinquant’anni dopo uno dei protagonisti, Paolo Graziosi, torna a Imola per girare un altro film importante, vincitore di numerosi premi: nell’ottobre 2014 la città diventa il set di Veloce come il vento diretto da Matteo Rovere e interpretata anche da Stefano Accorsi e Matilde De Angelis. Il film è stato prodotto da Fandango e Rai Cinema e ha portato la troupe a girare in vari luoghi della città: da viale Dante alla piscina, dal Piratello al parcheggio di viale Rivalta. E, ovviamente, in autodromo, essendo la storia ambientata nel mondo del Campionato Italiano Gran Turismo. Prima, però, Imola era stata set di altri due film che vale la pena citare: Uno su due, con Fabio Volo, girato a gennaio 2006, e Il soffio dell’anima, girato a maggio 2007. Il primo, diretto da Eugenio Cappuccio, ha visto come set ancora la piscina e viale Dante, nonché l’ospedale di Montecatone. Il secondo, invece, è il film tratto dall’omonimo romanzo di Valentina Lippi Bruni. Diretto da Victor Rambaldi, è stato interpretato da Flavio Montrucchio e Raffaello Balzo.

Spostandoci da Imola, ma rimanendo nel nostro territorio, impossibile non nominare il film Gli Asteroidi, che il regista Germano Maccioni ha girato a Ozzano nell’estate 2016. Sulle colline di Castel San Pietro, invece, è stato ambientato, per raccontare la strage di Marzabotto L’uomo che verrà di Giorgio Diritti. La chiesa e il cimitero nei quali furono raggruppati e poi sterminati quasi ottocento abitanti di quel paese sono stati ricostruiti nella frazione di Varignana, utilizzando la Cappella, una piccola chiesa sconsacrata nei pressi di Casalecchio dei Conti, e l’annesso cimitero. Protagonista è la piccola Greta Zuccheri Montanari assieme ad Alba Rohrwacher, Maya Sansa e al faentino Claudio Casadio. Una parte l’ha avuta anche l’attrice di Castel San Pietro Laura Pizzirani mentre tante sono state le comparse scelte tra la popolazione locale.

Il sito www.cineturismo.cinetecadibologna.it segnala due film girati a Castel San Pietro: Teresa, uscito nel 1987 per la regia di Dino Risi, con Serena Grandi che interpreta una camionista innamorata di Gino (Luca Barbareschi), e La settimana della sfinge, uscito nel 1990 per la regia di Daniele Luchetti, con Margherita Buy, Paolo Hendel e Silvio Orlando. E uno girato a Medicina, alla Stazione Radioastronomica: nientemeno che Deserto rosso di Michelangelo Antonioni, uscito nel 1964 con una straordinaria Monica Vitti. Lo stesso sito segnala anche un film girato a Imola, Bagnacavallo, Brisighella, Lugo e Russi e uscito nel 1947: diretto da Duilio Coletti, si intitola Il Passatore, ha tra gli sceneggiatori Tullio Pinelli, Federico Fellini, Duilio Coletti, Cesare Zavattini e Ugo Betti, ed è interpretato tra gli altri da Rossano Brazzi e Valentina Cortese.

r.c.

L”articolo completo, le locandine, le scene e le schede dei film su «sabato sera» del 29 marzo.

Nella foto: la locandina e una scena di «Veloce come il vento», film girato a Imola con protagonista Stefano Accorsi

Cinema, bella panoramica su alcuni film girati a Imola e dintorni

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast