Posts by tag: Cronaca nera

Cronaca 19 Aprile 2019

Minaccia due carabinieri in un ufficio postale, denunciato 52enne imolese

Un 52enne imolese è stato denunciato dai carabinieri per resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità. L”episodio è avvenuto ieri pomeriggio all’interno di un ufficio postale di Imola.

Due militari in servizio ed in divisa si trovavano all’interno dell”ufficio per la spedizione di alcuni atti amministrativi, quando sono stati minacciati da un altro cliente che, con tono arrogante, gli rivolgeva frasi del tipo: «oggi finisce male, vi sparo e vi ammazzo tutti», sferrando anche un pugno su un tavolino.

I carabinieri allora hanno tentato di identificarlo, ma lui si rifiutava di esibire i documenti di riconoscimento. A quel punto, temendo per l’incolumità degli altri clienti, il soggetto è stato accompagnato in caserma per ulteriori accertamenti. (d.b.)

Foto d”archivio

Minaccia due carabinieri in un ufficio postale, denunciato 52enne imolese
Cronaca 18 Aprile 2019

Ladri in azione al «Bar alla Stalla», per fortuna rubati solo pochi spiccioli

Da qualche giorno in città gira voce di alcuni furti ai danni di aziende ed abitazioni. Interpellate le forze dell’ordine, però, la risposta è stata: «Non sono pervenute denunce, le notizie viaggiano veloci solo sui social network». I titolari del «Bar alla Stalla», nell’omonimo centro sociale di via Serraglio, al contrario, prima del post su Facebook hanno preferito rivolgersi alla polizia quando hanno scoperto la visita dai ladri nella notte tra venerdì 12 e sabato 13 aprile. La gestione del bar, tra l’altro, è stata appena vinta dall’associazione imolese Bof (acronimo dei cognomi dei soci Alfonso Bottiglieri, Daniele Ossani ed Ardonel Feimi), con sede legale proprio nel centro sociale, nota per organizzare manifestazioni di Street Food (il cibo da strada preparato sui camioncini colorati) in giro per l’Italia (e ritornerà a Imola nel Parco dell’Osservanza dal 10 al 12 maggio). «Venerdì ho chiuso io – racconta Ossani – quando sono andato via alle due e mezza era tutto tranquillo. I ladri sono entrati da una porta di emergenza sul retro del centro sociale, forzando la serratura con un cacciavite, prima di fare lo stesso con una seconda porta tagliafuoco interna, entrambe prive di allarme. A quel punto è stato semplice “aprire” anche quella simile che dà sul nostro locale, ma a quel punto è scattato il dispositivo anti-intrusione».

Immediato l’intervento della polizia che era in zona con una pattuglia. «Alle 3.09 ha suonato l’allarme ed alle 3.14 erano già qui – precisa Feimi -. Spesso la gente si lamenta delle forze dell’ordine, ma noi li vogliamo ringraziare per la tempestività». I ladruncoli hanno avuto solo pochi minuti per agire. «Non abbiamo videopoker o altre macchinette – spiega Bottiglieri – e nemmeno tabacchi. Hanno portato via un centinaio di euro dal fondo cassa. Sicuramente non lo lasceremo più». Bocche cucite, per il momento, dalla polizia che sta indagando grazie alle registrazioni video. Proprio i neo titolari hanno dotato il locale di un sistema di allarme e videosorveglianza. «Abbiamo aperto il 20 febbraio – precisa Bottiglieri – e ogni possibile accesso ha un dispositivo che suona in caso di apertura o impatto forte». «Dovrebbe trattarsi di due o tre persone a volto coperto» dice Feimi. «I danni ammontano ad un migliaio di euro – fa i conti Ossani – se contiamo porte da riparare e un ulteriore allarme inserito in quella che divide il bar dagli spazi del centro sociale. Secondo me più che gente che gravita qua sono bande che per un periodo agiscono in una zona poi se ne vanno». (d.b.)

Nella foto: uno dei titolari Daniele Ossani 

Ladri in azione al «Bar alla Stalla», per fortuna rubati solo pochi spiccioli
Cronaca 17 Aprile 2019

Incidente sulla via Emilia, muore 26enne di Castel San Pietro

Un tragico incidente è avvenuto questa notte, intorno alle 4, sulla via Emilia, all”altezza del km 48,3 tra Toscanella e Castel San Pietro. A perdere la vita Luca Trevisani, 26enne residente nella città termale. 

Secondo la ricostruzione dei carabinieri giunti sul posto, il ragazzo viaggiava sulla sua Ford Ka in direzione Bologna quando, per cause ancora da accertare, ha perso il controllo della vettura finendo fuori strada lungo il proprio senso di marcia. L”auto ha prima sbattuto contro un muretto, poi proseguito per oltre un centinaio di metri fuori dalla carreggiata per poi ribaltarsi almeno un paio di volte e finire a testa in giù nel campo adiacente.

Sul luogo dell”incidente anche i sanitari del 118 ed i vigili del fuoco, ma già all”arrivo dei soccorritori, intervenuti tempestivamente, per il giovane non c”era più nulla da fare a cause delle gravi ferite riportate. (d.b.)

Foto d”archivio

Incidente sulla via Emilia, muore 26enne di Castel San Pietro
Cronaca 16 Aprile 2019

I cittadini segnalano, la municipale interviene e ferma le scorribande di un automobilista castellano

Patente ritirata e multa salata per un automobilista castellano di 43 anni al termine di una serie di manovre di guida pericolose e un inseguimento da parte della polizia municipale. E’ successo nella mattinata di venerdì 12 aprile. Diversi cittadini avevano riferito di aver notato ripetute e quotidiane infrazioni al Codice della strada compiute dal conducente di una Bmw. La municipale ha così deciso di predisporre un controllo mirato e l’ha colto sul fatto.

La pattuglia si è appostata a bordo di un’auto civetta nel punto indicato come teatro delle scorribande della famosa Bmw, a margine della via Emilia in direzione di Bologna, in corrispondenza dell’intersezione con via Scania. Puntualmente i due agenti hanno visto arrivare l’auto segnalata da via Scania, e visto che il conducente, trovando il semaforo rosso per immettersi sulla via Emilia, ha effettuato prima l’immissione in direzione di Imola per poi prodursi in un’immediata inversione di marcia nella direzione contraria, nonostante le prescrizioni opposte della segnaletica. Quando la Bmw è passata davanti alla pattuglia, gli agenti hanno iniziato a inseguirla per cercare di raggiungerla e fermarla. Nel percorso l’auto ha mantenuto una velocità elevata ed effettuato diversi sorpassi in zona vietata, una sorta di slalom continuo fra i veicoli che incrociava. Quando ha compiuto l’ennesimo sorpasso molto pericoloso, in corrispondenza di un incrocio, gli agenti hanno deciso di azionare il dispositivo lampeggiante blu e poco dopo sono riusciti a fermarla, intimando l’alt. A quel punto, come di prassi in casi del genere, l’automobilista è stato sottoposto ai controlli per alcol e per l’assunzione di stupefacenti che sono risultati negativi.

Poi è arrivato il lungo elenco delle infrazioni: in particolare tre, inversione di marcia sull’incrocio, sorpasso vietato e sorpasso sull’incrocio, per un totale di 22 punti decurtati dalla partente e una sanzione di 338 euro. Soprattutto, come previsto dalla gravità delle violazioni, è seguito il ritiro immediato e la sospensione della patente per diversi mesi, sarà il prefetto a stabilire quanti esattamente.

«Complimenti alla nostra polizia municipale per questo intervento, importante anche per scoraggiare comportamenti che mettono a rischio la propria vita e quella degli altri» ha commentato il sindaco Fausto Tinti. L’intervento è stato possibile grazie all’auto civetta acquistata e in dotazione da alcuni mesi la municipale castellana, con la quale sono già in previsione ulteriori servizi. (r.cr.) 

I cittadini segnalano, la municipale interviene e ferma le scorribande di un automobilista castellano
Cronaca 11 Aprile 2019

Truffava i clienti fingendosi un promotore finanziario, denunciato trentenne di Ozzano

Un trentenne di origini pugliesi e residente ad Ozzano è stata denunciato dagli agenti della guardia di finanza di Bologna con l”accusa di truffa ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria. L”uomo, infatti, avrebbe raggirato diverse persone fingendosi un promotore finanziario e appropriandosi così fraudolentemente dei loro risparmi.

Le indagini, partite lo scorso anno a seguito della denuncia di una delle vittime, hanno appurato come l”uomo non fosse iscritto all’apposito albo e avrebbe circuìto i propri clienti, a tal punto da farsi affidare i loro risparmi per un totale di oltre 400 mila euro. In cambio la promessa di ottenere importanti guadagni. Per questo, al fine di rendersi credibile, effettuava dei piccoli versamenti come anticipo sugli interessi prodotti, comunicando invece agli investitori come la parte più cospicua del credito maturato fosse stato veicolato in società estere, la cui esistenza era simulata attraverso documenti creati appositamente.

A far saltare il meccanismo, come detto, la denuncia di una delle vittime, stanca di ottenere rinvii alla richiesta di voler tornare in possesso delle somme affidate. L’attività investigativa della guardia di finanza si è conclusa nei giorni scorsi con il sequestro di tutti i conti correnti nella disponibilità dell’indagato, che a quanto riferito dal comando di Bologna fanno riferimento a due banche italiane. Sempre i finanzieri assicurano che verrà fatto il possibile per permettere alle persone truffate di poter recuperare la maggior parte del denaro «investito», ma nel frattempo consigliano di prestare la massima attenzione nella scelta dei professionisti ai quali affidare la gestione dei propri risparmi, assicurandosi sempre che siano iscritti all’Albo Unico dei Consulenti finanziari verificabile sul sito internet dell’Organismo di vigilanza e tenuta dell’albo unico dei consulenti finanziari. (d.b.)

Foto d”archivio

Truffava i clienti fingendosi un promotore finanziario, denunciato trentenne di Ozzano
Cronaca 9 Aprile 2019

Furto al «The Style Outlets» di Castel Guelfo, in manette quattro persone

Quattro uomini, di età compresa tra i 22 e i 47 anni, sono stati arrestati dai carabinieri dopo essere stati sorpresi domenica scorsa a rubare all’interno dei negozi del centro commerciale «The Style Outlets» di Castel Guelfo.

I ladri, residenti a Milano, Bologna, Firenze e Pescara, dovranno così rispondere di furto aggravato in concorso. I militari hanno inoltre recuperato la refurtiva, composta da capi di abbigliamento per un valore totale di circa 2.000 euro, che è stata restituita al legittimo proprietario. (d.b.)

Nella foto: i carabinieri al «The Style Outlets» di Castel Guelfo

Furto al «The Style Outlets» di Castel Guelfo, in manette quattro persone
Cronaca 9 Aprile 2019

Fiamme in via del Commercio a Ozzano, distrutto il magazzino tessile Marchi Snc

Nella prima mattinata di ieri, lunedì 8 aprile, pochi minuti prima delle 6, sette squadre dei vigili del fuoco composte sono intervenute in via del Commercio per l’incendio del deposito di prodotti tessili della Passamaneria Marchi Snc (nella foto). Le fiamme hanno interessato uno stabile di circa 400 metri quadrati inserito in un complesso di edifici industriali. I vigili del fuoco hanno impiegato diverse ore per domare il rogo, a causa del notevole quantitativo di semilavorati tessili presenti che alimentavano le fiamme. Per giunta, è stato necessario rimuovere l’ammasso di materiale bruciato che tendeva ad accumularsi.

Operazioni complesse, che hanno evitato la propagazione del fuoco agli edifici circostanti, in particolare al vicino magazzino di materiale legnoso per arredo bagno. I pompieri hanno soffocato l’incendio usando anche schiumogeno ad alta espansione. L’edificio ha riportato importanti danni strutturali, ancora al vaglio della proprietà e dell’assicurazione. A rendere più difficoltoso il tutto, anche la necessità di utilizzare protezioni per le vie respiratorie dei pompieri vista la sospetta presenza di amianto nella copertura; sul posto si è recato il personale di Arpae per i rilievi di un eventuale inquinamento ambientale.

Raggiunta al telefono, Natalina Gualandi, titolare dell’azienda, ha assicurato che «la produzione non si fermerà. Le fiamme hanno invaso solo il magazzino e assieme ai lavoratori stiamo cercando di far fronte alla situazione». La conta dei danni è tuttora in corso. «Dispiace veder andare letteralmente in fumo un’attività storica del nostro territorio – ha dichiarato il sindaco Luca Lelli -, un’impresa che avevamo recentemente premiato (il 24 marzo) come proprio per la sua longevità». Presente dal 1952, la Passamaneria Marchi conta oggi tre dipendenti. (ti.fu.)

Nella foto (concessa dai vigili del fuoco di Bologna): l”interno dell”azienda interessato dalle fiamme

Fiamme in via del Commercio a Ozzano, distrutto il magazzino tessile Marchi Snc
Cronaca 8 Aprile 2019

Frontale tra due auto sulla Montanara a Borgo Tossignano

Un incidente tra due auto si è verificato sabato 6 aprile, poco dopo le 20, lungo la Montanara a Borgo Tossignano. Secondo una prima ricostruzione della polizia municipale, per cause ancora da accertare, una Fiat Panda condotta da un 50enne imolese, mentre procedeva in direzione di Imola all”altezza della curva nei pressi del ristorante Riviera, si è scontrata frontalmente con un”Alfa Romeo, guidata da un 40enne di Borgo Tossignano, che viaggiava nel senso di marcia opposto.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Bologna con un”auto pompa serbatoio e un”autogru che hanno provveduto a mettere in sicurezza i veicoli coinvolti. Sul luogo dell”incidente, oltre agli agenti della polizia municipale, anche i sanitari del 118 che hanno trasportato il 40enne all”ospedale di Imola. Al momento non risulta essere in pericolo di vita. (d.b.)

Nella foto (Isolapress): il luogo dell”incidente

Frontale tra due auto sulla Montanara a Borgo Tossignano
Cronaca 8 Aprile 2019

Scontro in un campo da calcio, attimi di paura a Castel del Rio

Attimi di paura si sono vissuti ieri pomeriggio a Castel del Rio durante il match di Seconda categoria tra la squadra locale e il Bagnara. Al 13° minuto del primo tempo, infatti, un difensore alidosiano si è scontrato di testa, in maniera fortuita, con un centrocampista della formazione ravennate con quest”ultimo che, a causa del violento impatto, ha avuto la peggio ed è caduto a terra privo di sensi. 

Immediato l”ingresso in campo dei giocatori e dirigenti delle due squadre per prestare i primi soccorsi allo sfortunato calciatore, a cui si è aggiunto anche un medico che si trovava poco lontano dal luogo dell”incidente. In seguito sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 e l”elisoccorso che ha trasfortato il 24enne, che nel frattempo aveva ripreso conoscenza, all”ospedale Maggiore di Bologna. Gli esami svolti nelle ore successive, per fortuna, non hanno evidenziato danni e il giovane già in data odierna è stato dimesso. Per la cronaca la partita è stata sospesa e, con ogni probabilità, verrà recuperata mercoledì 10 aprile. (d.b.)

Foto d”archivio

Scontro in un campo da calcio, attimi di paura a Castel del Rio
Cronaca 4 Aprile 2019

Auto esce di strada sulla Lughese, feriti quattro giovani

E” di quattro feriti il bilancio di un incidente avvenuto oggi pomeriggio, alle 16.20, a Mordano. L”auto, una Ford Fiesta condotta da un 22enne imolese su cui viaggiavano anche altri tre giovani, mentre procedeva su via Lughese in direzione Imola, per cause ancora da accertare, è uscita di strada nella curva posta all”intersezione tra la via Mordano e la via Maduno.

La vettura ha così invaso la corsia opposta, ribaltandosi all”interno del fossato adiacente alla via Lughese. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia municipale e i sanitari del 118 che hanno trasportato i feriti al vicino ospedale di Imola. Le loro condizioni non sarebbero gravi. (d.b.)

Foto d”archivio

Auto esce di strada sulla Lughese, feriti quattro giovani

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast