Posts by tag: Cronaca

Cronaca 22 Febbraio 2020

Carnevale veneziano in paillettes per il parrucchiere castellano Simone Fracca

Abiti in paillettes e mosaico di specchi. Per il tredicesimo anno consecutivo, Simone Fracca, parrucchiere con un salone a Ozzano Emilia che abita a Osteria Grande, ha partecipato al Carnevale di Venezia creando per lui stesso e per tre amiche di San Lazzaro abiti dal titolo «I riflessi dell’amore», ispirati al tema che lega il Carnevale ve- neziano 2020, ossia amore, gioco e follia. «Volevamo un effetto scenico stile mirror ball da discoteca anni Ottanta e, in effetti, sotto il sole eravamo abbastanza accecanti» racconta Fracca, che nei ritagli di tempo pensa e realizza i costumi e nel 2018 ha vinto il premio del concorso di maschere più belle. Fracca ha sfilato in piazza San Marco lo scorso fine settimana e tornerà anche domenica 23 e lunedì 24. (gi.gi.)

Nella foto: a sinistra Simone Fracca e le sue amiche mascherati al Carnevale di Venezia, a destra il parrucchiere castellano Simone Fracca

Carnevale veneziano in paillettes per il parrucchiere castellano Simone Fracca
Cronaca 21 Febbraio 2020

Progetto «Castello Plastic Free», consegnate le borracce di alluminio nelle scuole

Anche a Castel San Pietro ha preso il via il progetto Plastic Free, iniziativa organizzata dall’amministrazione comunale che si pone l’obiettivo di ridurre fino ad azzerare l’utilizzo di plastica monouso all’interno degli edifici pubblici. Dopo, infatti, le prime borracce di alluminio donate nei giorni scorsi dal Comune a dirigenti scolastici, dipendenti comunali, consiglieri e assessori, questa mattina è iniziata la consegna nelle scuole. Il vicesindaco Andrea Bondi, che ha la delega all’Ambiente, e l’assessora alla Scuola Giulia Naldi si sono recati nei due plessi dell’Istituto Comprensivo (la scuola primaria Serotti di Osteria Grande e la scuola media F.lli Pizzigotti di Castel San Pietro Terme) de alla Scuola Don Luciano Sarti.

I bambini hanno così ricevuto le borracce, restituendo in cambio bottiglie di plastica vuote da riciclare. La prossima settimana i due amministratori comunali completeranno la distribuzione recandosi nelle scuole della Direzione Didattica Statale e all’Istituto Malpighi-Visitandine. 

Nella foto: la consegna delle borracce nella scuola Don Luciano Sarti

Progetto «Castello Plastic Free», consegnate le borracce di alluminio nelle scuole
Cronaca 21 Febbraio 2020

«Partiti e movimenti, tra passato e presente», a Imola conferenza del politologo Piero Ignazi

Partiti e movimenti, tra passato e presente è il titolo della prossima conferenza organizzata dal Centro studi De Gasperi, in collaborazione con Imprese e professioni, Centro studi Luigi Einaudi, associazione Codronchi Argeli e Università Aperta che si terrà domani sera, alle ore 17, a palazzo Sersanti (via Matteotti, 8). Relatore: Piero Ignazi, politologo, docente di Politica comparata e Politica estera dei Paesi europei all”Università di Bologna.

«Che cosa è un partito e a cosa serve, oggi? Oggi in tutto l”Occidente soffiano venti di protesta e disaffezione nei confronti dei partiti. Si dice: i partiti non interpretano più le opinioni dei cittadini, pensano solo ai loro interessi, sono corrotti, inefficienti e incapaci, sono ferri vecchi ereditati da un passato lontano. Non sono accuse nuove, risuonano più o meno fin dalla loro nascita: i partiti erano e sono tuttora considerati all”origine di tutti i mali. Eppure senza partiti non c”è democrazia». (r.cr.)

Nella foto: Piero Ignazi

«Partiti e movimenti, tra passato e presente», a Imola conferenza del politologo Piero Ignazi
Cronaca 20 Febbraio 2020

La Città metropolitana propone la cittadinanza onoraria per la senatrice Liliana Segre

La senatrice a vita Liliana Segre sarà cittadina onoraria della Città metropolitana di Bologna, in base alla decisione del Consiglio metropolitano che, durante la seduta plenaria del 12 febbraio scorso, ha approvato all’unanimità una risoluzione nella quale si chiede al sindaco metropolitano, Virginio Merola, di impegnarsi nel far riconoscere la cittadinanza onoraria da parte dei Comuni e delle Unioni.

Si tratta dell’ultimo passo di un percorso che il nostro territorio ha cominciato tempo fa e che prende le mosse già all’indomani di quanto accaduto in Senato nell’ottobre scorso, quando compattamente il centrodestra non ha votato l’approvazione della commissione straordinaria contro il razzismo, l’antisemitismo e ogni forma di istigazione all’odio voluta fortemente dalla senatrice Segre, prima firmataria della mozione, aggiungendo a tutto questo la bruttissima pagina storica del mancato applauso nell’aula del Senato alla sua persona. (mo.or.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 20 febbraio.

Nella foto: la sfilata dei sindaci del 10 dicembre scorso a Milano

La Città metropolitana propone la cittadinanza onoraria per la senatrice Liliana Segre
Cronaca 20 Febbraio 2020

Mezzo attrezzato acquistato dall’Ausl e affidato all’Unitalsi per il trasporto dei malati in dialisi

Con una convenzione, sottoscritta l’1 febbraio scorso, l’Azienda Usl imolese ha concesso in comodato d’uso all’Unitalsi un Fiat Doblò attrezzato per il trasporto dei pazienti in dialisi del costo di oltre 17 mila euro, recentemente acquistato grazie alle donazioni dei cittadini.

Ogni anno l’Ausl di Imola riceve donazioni in denaro, spesso in ricordo dei propri congiunti deceduti, per circa 90 mila euro. In genere sono fondi che vengono espressamente dedicati dai donatori a progetti o reparti specifici, in alcuni casi però sono versati su un fondo generale per il potenziamento dei servizi. Da questo e dal fondo dedicato alla Nefrologia e Dialisi è stata recuperata la somma necessaria per l’acquisto del Doblò che è quindi un regalo di tutta la comunità imolese. (r.cr.)

Nella foto: il Fiat Doblò

Mezzo attrezzato acquistato dall’Ausl e affidato all’Unitalsi per il trasporto dei malati in dialisi
Cronaca 20 Febbraio 2020

Cantiere materna Rodari di Ozzano, famiglie stanche per l’attesa

È decisamente una storia infinita quella dell’intervento strutturale da 600 mila euro sulla scuola materna comunale Rodari di Ozzano Emilia. In dicembre il Comune ha deciso di rescindere del contratto con la ditta vicentina Ldp Costruzioni Generali, la seconda, alla quale era stato appaltato il cantiere. Un film già visto un annetto fa con l’impresa vincitrice dell’appalto, la salernitana Edil Tors. Come comune denominatore, con entrambe le ditte, c’è il fatto che il cantiere procede a singhiozzo dal marzo del 2018. 

La speranza del sindaco Luca Lelli era arrivare a una risoluzione consensuale con la Ldp, che ad oggi ha percepito dal Comune 130 mila euro per i lavori svolti, per poter procedere in tempi rapidi. «Purtroppo non è stato trovato un accordo e il 3 febbraio abbiamo inviato la lettera per rescindere il contratto. Se non ci rispondono, a metà marzo rientreremo in possesso del cantiere e potremo riassegnarlo. Se invece chiedessero, ad esempio, un accertamento tecnico, i tempi si dilaterebbero» aggiorna il sindaco, senza però sbilanciarsi sulla fine dei lavori.

Nel corso dei mesi, Lelli ha più volte incontrato le famiglie, ma qualche genitore, stanco della situazione, ha anche affisso uno striscione davanti alla scuola. «Siamo stanchi delle bugie! Vergogna!» si legge. In effetti, da settembre 2017 i bimbi delle tre sezioni delle Rodari, un’ottantina in tutto, continuano a fare lezione «in trasferta» nelle aule ricavate tra nido Fresu, materna Cavalier Foresti di Maggio e centro per le famiglie L’Abbraccio. Alcuni di loro finiranno la materna senza mai aver messo piede nella nuova scuola. (gi.gi.)

Nella foto: lo striscione di protesta di qualche genitore

Cantiere materna Rodari di Ozzano, famiglie stanche per l’attesa
Sport 20 Febbraio 2020

L’appello della cicloguida imolese Stefano Dalfiume: «Pedalare veloce per creare anche i servizi per le bici»

«Il momento è questo, non dobbiamo dormirci sopra perché il mondo pedala veloce e rischiamo di rimanere indietro almeno di una ruota». Stefano Dalfiume sceglie non a caso la meta- fora ciclistica per spiegare quanto sia importante che il territorio imolese si attrezzi ad accogliere al meglio una fetta di turismo, quello che si muove in bicicletta, in grande crescita.

Difficile trovare sul territorio qualcuno più esperto di lui in materia: proprio domenica scorsa Dalfiume ha conseguito l’attestato di abilitazione come guida ciclo- turistico-sportiva da parte della Federazione Ciclistica Italiana, ma da tempo svolge l’attività di cicloguida ed è istruttore di primo livello e direttore sportivo, titoli che gli consentono di allenare anche bambini dai 6 ai 12 anni. «C’è un’utenza che sta crescendo – prosegue -. In particolare l’utenza e-bike (si tratta delle biciclette elettriche o a pedalata assistita, ndr) deve essere gestita e accolta. Parliamo di persone che, grazie a questo mezzo, possono affrontare percorsi che con la bici tradizionale non potevano fare e che sono attratte dagli aspetti culturali del territorio e non più soltan- to da quelli legati alla perfor- mance fisica. Nei tour che ho guidato di recente, non mi si chiedeva più solo quanto era lunga una salita, bensì l’anno di costruzione di una chiesa o altre informazioni sugli aspetti culturali ed enoga- stronomici della zona. Anche le cicloguide devono essere più erudite e preparate». (mi.ta.)

Nella foto: la guida ciclo-turistico-sportiva Stefano Dalfiume

L’appello della cicloguida imolese Stefano Dalfiume: «Pedalare veloce per creare anche i servizi per le bici»
Cronaca 20 Febbraio 2020

A Medicina un piano delle antenne per conoscerle e governarle

Il Comune di Medicina ha deciso di dotarsi di un «piano antenne». Così ha stabilito l’atto di indirizzo approvato all’unanimità nel Consiglio comunale del 3 febbraio, che si pone l’obiettivo di gestire le nuove installazioni di antenne.

Un tema attuale visto l’imminente arrivo del 5G, la rete mobile di quinta generazione, che promette una connessione ultraveloce e una maggiore potenza di trasferimento dati.Lo scorso novembre in Città metropolitana è stato attivato un Tavolo di concertazione sull’argomento, ma alcuni enti locali, tra cui Dozza, hanno emanato delle ordinanze per vietare per sei mesi la sperimentazione e/o installazione della tecnologia 5G sul territorio comunale, «in attesa di risultanze scientifiche certe in merito agli effetti biologici della nuova tecnologia e all’impatto sulla salute pubblica».Ad oggi, «non abbiamo ricevuto richieste di riconfigurare delle antenne con il 5G – aggiorna l’assessore all’Ambiente, Massimo Bonetti -, ma pensiamo sia utile stilare un piano per assicurare il rispetto delle norme. Il 5G porterà una rete più capillare con un numero superiore di antenne. Il Comune non può impedirne l’installazione, ma vorremmo poter incidere sul- la loro collocazione, tutelando soprattutto i centri abitati». (gi.gi.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 13 febbraio.

Nella foto: l’antenna di via Giovanni XXIII

A Medicina un piano delle antenne per conoscerle e governarle
Cronaca 19 Febbraio 2020

A Castello iniziati i lavori di restyling del campo da basket all’aperto Luca Grilli

Il campo da basket all’aperto Luca Grilli si rifà il look. Anzi i lavori, iniziati in questi giorni, lo renderenno completamente nuovo, più grande e più bello. Questo per la gioia dei castellani che lo reputano uno dei luoghi più amati e frequentati dai giovani, nel cuore del centro sportivo Casatorre e a due passi dal palaFerrari. «Il campo Luca Grilli viene interamente ricostruito dall’associazione Luca Grilli Asd che ringrazio a nome dell’Amministrazione comunale e dell’intera città – ha annunciato il consigliere delegato allo sport Andrea Dall’Olio -. Avrà un nuovo pavimento in cemento, ampliato per renderlo regolamentare, due nuovi canestri e una nuova illuminazione, in modo da poter ospitare anche partite ufficiali di basket, oltre agli allenamenti degli allievi e delle squadre castellane, e anche i tanti appassionati di ogni età che si divertono a praticare all’aperto nel loro tempo libero questo bellissimo sport».

La conclusione dei lavori è prevista per la fine di aprile e l’inaugurazione a maggio. Il campo da basket all’aperto è stato costruito nel 2004 e nel 2005 è stato intitolato a Luca Grilli, giocatore ed appassionato castellano di pallacanestro scomparso a soli 32 anni. A giugno ospita l’omonimo torneo di basket, che quest’anno giungerà alla 17° edizione, che vede in campo tutto il settore giovanile castellano, organizzato con la collaborazione di tanti volontari e con ricavato a favore dell’Associazione Piccoli Grandi Cuori. (da.be.)

Nella foto: i lavori al campo da basket all’aperto Luca Grilli

A Castello iniziati i lavori di restyling del campo da basket all’aperto Luca Grilli
Cronaca 19 Febbraio 2020

«Rina e le sue amiche» hanno donato un cistoscopio al reparto di Urologia dell’Ausl di Imola

Obiettivo raggiunto per «Rina e le sue amiche». Il gruppo dozzese, nella mattinata di ieri, ha infatti consegnato al reparto di Urologia dell’Ausl di Imola un cistoscopio. Lo strumento, del valore di 5.700 euro, è stato donato grazie ad una parte dei fondi raccolti nelle edizioni 2018 e 2019 della «Stradozza delle SuperDonne» e della «Camminata sotto le stelle». «Siamo davvero molto orgogliose di poter consegnare il cistoscopio alla nostra équipe di Urologia e invitiamo subito tutte le donne alla prossima Stradozza, già organizzata per domenica 8 marzo – ha detto Rina Sperindio, primo motore della manifestazione-. Lo scorso anno eravamo oltre 1300, quest’anno vogliamo superare questo record ed arrivare alle 1500 presenze per raggiungere presto il prossimo obiettivo, ovvero l’elettrobisturi per la ginecologia». Non va dimenticato che, nel corso delle varie edizioni, sono stati raccolti oltre 30mila euro, dedicati all’acquisto di attrezzature sanitarie utili al miglioramento della salute della comunità e in particolare delle donne.

Alla consegna del cistoscopio erano presenti, oltre ad alcuni rappresentanti del gruppo «Rina e le sue amiche», anche il sindaco di Dozza Luca Albertazzi, il Direttore generale dell’Ausl Andrea Rossi, il direttore del dipartimento chirurgico e dell’Urologia Emilio Emili ed il collega urologo Matteo Ghini. «Desideriamo ringraziare Rina e le sue amiche e tramite loro tutte le donne che hanno partecipato alle camminate, per questa importante donazione e per aver acconsentito alla nostra richiesta – ha detto il dottor Emili – I cistoscopi sono infatti strumenti fondamentali sia per la diagnosi che per la terapia di molte patologie urinarie». (da.be.)    

Nella foto: la consegna del cistoscopio

«Rina e le sue amiche» hanno donato un cistoscopio al reparto di Urologia dell’Ausl di Imola

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA