Posts by tag: Cronaca

Cronaca 11 Settembre 2021

La scuola riparte e l’Emilia-Romagna è pronta, via al nuovo anno con il 100% degli studenti presenti in aula

L’Emilia-Romagna è pronta ad iniziare, lunedì 13 settembre, il nuovo anno scolastico con il 100% degli studenti in presenza nelle aule e in sicurezza. Con precise regole sanitarie declinate sulla base delle indicazioni nazionali, un piano di rafforzamento dei trasporti e investimenti sugli spazi resi possibili dagli stanziamenti di risorse statali per garantire la massima sicurezza possibile per studenti, famiglie e personale.

Vaccinazioni. Un avvio della scuola che coincide con il buon andamento della campagna vaccinale in Emilia-Romagna: è al 95,1% la percentuale del personale dell’istruzione (università compresa), docente e no, che ha ricevuto almeno una dose di vaccino e all’85,6% quella di chi ha completato il ciclo; al 67,1% quella di copertura con almeno una dose della fascia 12-19 anni, quindi oltre l’obiettivo dei due terzi che era stato fissato per l’inizio dell’anno scolastico, e al 48% quella di chi ha completato il ciclo sempre tra i più giovani. E sale ancora la copertura in tutta la popolazione vaccinabile, dai 12enni in su: l’83% ha ricevuto almeno una dose e il 75% ha completato il ciclo.

Regole sanitarie e monitoraggio. La Regione ha già fornito, sulla base delle direttive nazionali, le indicazioni operative da seguire per l’individuazione dei «contatti stretti» in caso di presenza di un positivo, la durata differenziata della quarantena per vaccinati (7 giorni) e no (10 giorni), i tempi per l’esecuzione del tampone e della riammissione in aula o in sezione, sia per quanto riguarda le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, sia per i Servizi 0-3 anni e le scuole per l’infanzia. La Regione parteciperà inoltre, con l’utilizzo di 13mila tamponi molecolari salivari al mese forniti dalla Struttura commissariale (il cui arrivo è atteso nei prossimi giorni), alla campagna nazionale di monitoraggio epidemiologico, su base volontaria, nelle cosiddette “scuole sentinella” (primarie e secondarie di primo grado), con l’obiettivo di ridurre il rischio di circolazione virale sia nelle scuole che nella comunità e limitare i provvedimenti di sanità pubblica (isolamenti, quarantene) che ne potrebbero scaturire. Gli istituiti scolastici dove proporre l’attività di screening vengono individuati a rotazione, anche sulla base dell’andamento epidemiologico e della copertura vaccinale, a livello provinciale da parte di ogni dipartimento di sanità pubblica in collaborazione con l’tfficio scolastico. L’ipotesi, sulla base dell’arrivo del materiale, è quella di partire nella settimana tra il 20 e il 25 settembre. (r.cr.)

Foto dal sito della Regione Emilia Romagna

La scuola riparte e l’Emilia-Romagna è pronta, via al nuovo anno con il 100% degli studenti presenti in aula
Cronaca 11 Settembre 2021

A Imola completati i lavori alle scuole comunali «Ponticelli», «Rodari» e «Campanella»

In vista dell’inizio scolastico, a Imola nei giorni scorsi sono terminati i lavori alle scuole elementari «Ponticelli» e «Campanella» (oltre al nido) e la materna «Rodari» che, in totale, raggruppano circa 530 alunni e alunne.

In tutti questi edifici scolastici di proprietà comunale lo svolgimento dei lavori di manutenzione straordinaria è stato realizzato durante la sospensione estiva dell’attività didattica, in modo da non interferire con le lezioni ed essere pronti per le scuole primarie entro il 13 settembre, giorno di avvio dell’anno scolastico, mentre per il nido Campanella e la scuola dell’infanzia Rodari i lavori sono stati completati entro il 30 agosto scorso, giorno di riavvio delle attività educative in nidi e scuole dell’infanzia.

«C’è stato un forte impegno da parte degli uffici del Comune e di Area Blu per accelerare le procedure burocratiche e programmare gli interventi in modo da non penalizzare le attività scolastiche, già messe a dura prova dalla pandemia – sottolineano Fabrizio Castellari, vice sindaco ed assessore alla Scuola e Pierangelo Raffini, assessore ai Lavori pubblici -. Questi lavori rientrano nel più vasto programma di interventi finalizzati al risanamento, alla sicurezza ed alla  rigenerazione energetica degli edifici scolastici di proprietà comunale, per i quali l’Amministrazione comunale ha messo a bilancio per il 2021 oltre 3,9 milioni di euro e complessivamente circa 14 milioni di euro di investimenti nel triennio 2021/2023». (r.cr.)

I DETTAGLI DEI LAVORI

Nella foto: lavori alla scuola primaria Campanella

A Imola completati i lavori alle scuole comunali «Ponticelli», «Rodari» e «Campanella»
Cronaca 11 Settembre 2021

11 settembre 2001, a Imola la cerimonia di commemorazione delle vittime dell’attentato alle Torri Gemelle

Oggi, sabato 11 settembre, alle 11, nel parco pubblico «Vittime dell’11 Settembre» in via Zambianchi, si svolgerà la cerimonia di commemorazione delle vittime dell’attentato alle Torri Gemelle avvenuto 20 anni fa. Verrà deposta una corona alla lapide che ricorda le vittime.

Interverranno Marco Panieri, sindaco di Imola, il vescovo monsignor Giovanni Mosciatti d i rappresentanti della Comunità Islamica di Imola. (r.cr.)

Nella foto: la targa nel parco «Vittime dell’11 settembre»

11 settembre 2001, a Imola la cerimonia di commemorazione delle vittime dell’attentato alle Torri Gemelle
Cronaca 10 Settembre 2021

Coronavirus, dal 20 settembre terza dose di vaccino per i fragili in Emilia Romagna. Chiarimenti su chi ha contratto il virus tra la prima e seconda dose

Terza dose per le persone più fragili. L’Emilia-Romagna ha annunciato che le somministrazioni partiranno nella settimana che va dal 20 al 25 settembre. A breve arriverà alle Aziende sanitarie la circolare esplicativa dell’assessorato alle Politiche per la salute.

Intanto, un’altra circolare, emessa dal ministero della Salute (e che sarà anch’essa oggetto di comunicazione alle Ausl da parte della direzione dell’assessorato regionale) fornisce ulteriori chiarimenti nel caso dei vaccini a due dosi, e precisamente come occorre comportarsi per la seconda somministrazione nel caso in cui una persona contragga l’infezione dopo che le è stata somministrata la prima. 

In base alle indicazioni ministeriali, in caso di infezione confermata (definita dalla data del primo test molecolare positivo) entro il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose, il completamento del ciclo vaccinale con una seconda dose va effettuato entro sei mesi (180 giorni) dall’infezione documentata (data del primo test molecolare positivo). Trascorso quest’arco di tempo, il ciclo vaccinale potrà essere comunque completato, il prima possibile, con la sola seconda dose. Nel caso in cui l’infezione sia invece confermata oltre il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose di vaccino, la schedula vaccinale si intende completata: l’infezione stessa, infatti, è da considerarsi equivalente alla somministrazione della seconda dose. Resta inteso che l’eventuale somministrazione di una seconda dose non è comunque controindicata; ciò vale anche per i soggetti guariti, in precedenza non vaccinati, che hanno ricevuto una sola dose di vaccino dopo l’infezione da Coronavirus. (r.cr.)

Coronavirus, dal 20 settembre terza dose di vaccino per i fragili in Emilia Romagna. Chiarimenti su chi ha contratto il virus tra la prima e seconda dose
Cronaca 10 Settembre 2021

Coronavirus, green pass per lavoratori nelle scuole e genitori. Obbligo vaccinale anche per i soggetti esterni delle Rsa

Il Consiglio dei ministri, nelle scorse ore, ha approvato l’ampliamento dell’uso del green pass nelle scuole e nelle università, oltre all’obbligo vaccinale per i soggetti esterni alle Rsa.

Scuola. Fino al 31 dicembre, oltre al personale scolastico per cui era già stato previsto, deve avere il green pass «chiunque accede a tutte le strutture delle istituzioni scolastiche, educative e formative». Esentati bambini, alunni e studenti. Dunque, oltre ai dipendenti delle ditte esterne (come pulizie, mense o manutenzione) devono avere la certificazione verde anche i genitori che entrano negli istituti, ad esempio, per accompagnare o riprendere i figli, o per partecipare alle riunioni e ai colloqui con i docenti. Stesso discorso vale nelle università, dove comunque il green pass era già obbligatorio per studenti, docenti e personale amministrativo.

Rsa. Dal 10 ottobre scatterà anche l’obbligo vaccinale per tutti i lavoratori esterni che svolgono la propria attività all’interno delle strutture Rsa. Non solo quindi solo per medici e infermieri. (r.cr.)

Coronavirus, green pass per lavoratori nelle scuole e genitori. Obbligo vaccinale anche per i soggetti esterni delle Rsa
Cronaca 10 Settembre 2021

Coronavirus, l’11 e 18 settembre «Open day» vaccinali anche ad Ozzano Emilia

Dopo Imola e Castel San Pietro, «Open day» vaccinali anche ad Ozzano. Gli appuntamenti, per chi non si è ancora vaccinato con la prima dose, domani, sabato 11 settembre (dalle 13.30 alle 19), e per sabato 18 settembre (dalle 8 alle 13) presso il Poliambulatorio di via Giovanni XXIII, 29. L’accesso sarà diretto senza prenotazione.

E” possibile scaricare i moduli di consenso e anamnesi presenti sul sito dell’Ausl Bologna. (r.cr.)

Foto dal sito del Comune di Ozzano

Coronavirus, l’11 e 18 settembre «Open day» vaccinali anche ad Ozzano Emilia
Cronaca 10 Settembre 2021

Bus e treni gratuiti anche per gli studenti under 19 che utilizzano servizi di trasporto di aziende non regionali

Si allarga la platea degli studenti che potranno beneficiare della gratuità del servizio di trasporto scolastico offerta dalla Regione sulla piattaforma «Salta su» . In particolare gli studenti iscritti alle scuole superiori di secondo grado e residenti in Emilia Romagna, che utilizzano servizi di trasporto pubblico svolti da aziende non regionali per recarsi a scuola, in particolare fuori regione, riceveranno il rimborso dell’abbonamento annuale acquistato per l’anno scolastico 2021/2022.

Attualmente infatti la piattaforma regionale permette di fare domanda solo agli studenti per i quali l”abbonamento è emesso dalle società di trasporto pubblico dell’Emilia-Romagna. Nei prossimi mesi pertanto la Regione metterà a disposizioni un nuovo portale in cui gli studenti che abbiano i requisiti necessari, fra cui un’attestazione Inps definitiva senza omissioni di Isee 2021 minore od uguale a 30 mila euro, potranno fare richiesta di rimborso dell’abbonamento già acquistato. Le modalità verranno comunicate successivamente.

A questo proposito l’invito è a conservare la documentazione che attesti l’acquisto dell’abbonamento con evidenza dell’Azienda di trasporto, del periodo di validità, della tipologia (abbonamenti per studenti o giovani), costo, tratta origine-destinazione. (r.cr.)

Bus e treni gratuiti anche per gli studenti under 19 che utilizzano servizi di trasporto di aziende non regionali
Cronaca 10 Settembre 2021

Scuola, Tper potenzia i trasporti: «Nel circondario imolese 13 autobus in più»

Lunedì 13 riparte la scuola e, come di consueto, entra in vigore l’orario «invernale» degli autobus Tper la cui capienza, con le nuove regole del Governo, non potrà superare l’80% dei passeggeri.

Nel bacino metropolitano di Bologna, da lunedì saranno messe in servizio quotidianamente, nei giorni feriali dal lunedì al venerdì, 369 corse supplementari, che potenziano il consueto servizio invernale grazie all’impiego di 57 autobus in più (di cui 3 riserve) che vanno ad aggiungersi a quelli di norma in servizio nel pieno periodo scolastico. Di queste corse, 70 riguardano linee a servizio del circondario imolese, per un impiego di 13 bus. (r.cr.)

Foto d’archivio

 

Scuola, Tper potenzia i trasporti: «Nel circondario imolese 13 autobus in più»
Cronaca 10 Settembre 2021

Il Consiglio comunale dei ragazzi di Castello ha presentato in Prefettura l’album di figurine… per la libertà

Dopo la presentazione alla Città tenuta nei giorni scorsi in piazza XX Settembre, una delegazione di 10 giovani del Consiglio Comunale dei ragazzi e delle ragazze di Castel San Pietro, si è recata in Prefettura a Bologna dal prefetto Francesca Ferrandino per presentare l”album di figurine dal titolo «…per la libertà», dedicato a luoghi e persone della resistenza castellana. Con loro anche il sindaco Fausto Tinti, l’assessora Giulia Naldi, il facilitatore della Coop. Solco che segue le attività del Consiglio comunale dei ragazzi e la responsabile dell”Unità Operativa Solidarietà e Politiche Giovanili del Comune.

In apertura dell”incontro sono stati proiettati una presentazione dei progetti realizzati ed un video sulle motivazioni che hanno spinto i ragazzi a scegliere di realizzare l”album e a mettere al centro del progetto il concetto di libertà.
Il prefetto ha apprezzato sia l’idea dell”album, sia il tema trattato, e ha illustrato a sua volta il lavoro che svolge quotidianamente per la sicurezza dei cittadini, affiancata dal sindaco Tinti che ha sottolineato l”importanza del ruolo della Prefettura e del coordinamento costante che esiste con i Comuni. (r.cr.)

Approfondimenti sull’album delle figurine su «sabato sera» del 9 settembre.

Nella foto: il prefetto Ferrandino, la sindaca dei ragazzi Michelle Lamieri ed il sindaco di Castel San Pietro Tinti

Il Consiglio comunale dei ragazzi di Castello ha presentato in Prefettura l’album di figurine… per la libertà
Cronaca 10 Settembre 2021

Il Comune di Imola vuole intitolare uno spazio pubblico alle vittime del Covid e agli eroi della sanità

Nella seduta di ieri, giovedì 9 settembre, il Consiglio comunale di Imola ha approvato all’unanimità la mozione proposta a firma del presidente del Consiglio comunale, del vicepresidente e di tutti i Capigruppo, con cui si impegna l”Amministrazione ad intitolare uno spazio pubblico «alle vittime del Covid-19 e agli eroi della Sanità». Ad oggi sono 189 le vittime del Covid-19 nella nostra città e 342 nell’intero territorio dell’Ausl di Imola, che comprende i dieci Comuni del circondario.

Il presidente Roberto Visani, il vicepresidente Nicola Vacchi, che è anche capogruppo di Fratelli d”Italia, ed i capigruppo Francesca Degli Esposti (Pd), Daniele Marchetti (Lega), Alan Manara (Imola Corre), Filippo Samachini (Imola Coraggiosa), Marinella Vella (Civica Cappello), Ezio Roi (M5S) hanno firmato la mozione dove lasciano emergere in modo corale che «è un dovere civile, dinanzi ai lutti causati dalla pandemia e alla generosità dimostrata da chi ha assistito le persone malate, individuare uno spazio pubblico in cui la memoria sia condivisa e tramandata alle generazioni future, riteniamo questo il momento storico giusto per dimostrare la nostra vicinanza alle famiglie e all’intera comunità attraverso il ricordo e la commemorazione». (r.cr.)

Nella foto: il Comune di Imola

Il Comune di Imola vuole intitolare uno spazio pubblico alle vittime del Covid e agli eroi della sanità

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast