Posts by tag: Donne

Cronaca 8 Gennaio 2021

Le 28 donne della nuova commissione Pari opportunità del Comune di Imola

Imola ha una una nuova commissione Pari opportunità, composta da 28 donne. Si tratta di Marzia Montebugnoli (Cisl  Area  metropolitana bolognese), Maria Rosa Franzoni (PerLeDonne), Virna Gioiellieri (Rete  Archivi  Udi), Michelle Suzzi  (Focus  D), Mirella Collina  (Cgil  Imola), Sonni Monduzzi (Spi-Cgil territorio di Imola),  Angela Marcheselli  (Circolo  Fiorella  Baroncini), Alessandra Davide (Trama  di  Terre), Isaura  Veronesi  (Cisl/Fnp), designate dalle associazioni  femminili  imolesi,  e  di  Deanna Dalprato, Eva Virtute, Luana Tampieri, Federica Cicognani, Marta Gentili, Clorinda Mortero, Cristina Brini, Elisa Lapia, Giulia Barelli, Franca Daniela Tarozzi, Emanuela Bianchi, Antonella Caputo, Veronica Gioiellieri, Donatella Mungo, Luisa Rago, Giuditta Bellosi, Martina Linguerri, Morena Grandi, Elena Gardenghi, selezionate dall’assessora alle Pari opportunità Elisa Spada sulla base delle 33 autocandidature pervenute al Comune di Imola.

«Sono felice della grande partecipazione a questo bando – commenta Elisa Spada -. Sono  molte  le  donne  che  si  sono proposte mettendo in campo competenze anche molto diverse tra loro, da imprenditrici agricole, a insegnanti, avvocatesse, dottoresse, educatrici o esperte in progetti europei. Molte di loro sono giovani e per la prima volta si propongono per questo tipo di esperienza con motivazioni forti, che esprimono la voglia di impegnarsi per la propria comunità. Confidavo in questa multidisciplinarietà e in questa forte  convinzione che  saranno fondamentali per portare le politiche di genere in  tutti  gli  ambiti  delle  politiche della nostra amministrazione».

In base allo Statuto comunale, le  componenti  della  commissione Pari  opportunità sono individuate  sia  attraverso l’acquisizione  delle  designazioni  formulate  dalle  associazioni femminili esistenti sul territorio sia attraverso la selezione da un minimo di 10 ad un massimo di 20 «donne in possesso di specifiche competenze nei vari ambiti lavorativi, sociali, professionali utili   alla   elaborazione delle politiche di pari opportunità», che presentano la   propria autocandidatura. La commissione  durerà  in  carica  fino  ai  sei mesi  successivi  all’insediamento  del prossimo Consiglio comunale. Va infine ricordato che non vi sono costi a carico del Comune, in quanto la  partecipazione  alla  commissione non  prevede  gettoni  di  presenza  o indennità a nessun titolo. (lo.mi.)

Nella foto: l”assessora alle Pari opportunità del Comune di Imola, Elisa Spada (Isolapress)

Le 28 donne della nuova commissione Pari opportunità del Comune di Imola
Sport 19 Dicembre 2020

Pallavolo B1, la prima in campionato della Clai sarà in casa contro Jesi

Dopo settimane di allenamenti finalmente la Federazione ha diramato il calendario della stagione 2020/2021 di B1. La Clai Imola, inserita nel mini-girone D1, debutterà in casa, domenica 24 gennaio (ore 17.30), contro Jesi per poi giocare il derby a Cesena e quindi altre due partite consecutive in casa (Castelbellino e Perugia) e chiudere l’andata con la novità Filottrano. 

La prima di ritorno a Jesi sarà l’unico turno infrasettimanale della stagione (si disputerà mercoledì 24 febbraio). Curiosamente la Clai giocherà quasi sempre di domenica. Infatti, oltre alle cinque partite in casa (già previste alla domenica alle 17.30), anche Cesena e Filottrano (le prime due trasferte) sono in programma di domenica. Cavalli e compagne quindi giocheranno la prima volta al sabato solo il 13 marzo a Castelbellino, terz’ultima giornata della prima fase.

Un calendario da sfruttare inizialmente, e molto insidioso nella parte centrale (ben quattro volte in trasferta dalla quinta alla nona giornata). Va ricordato che la formula prevede poi la riunificazione dei mini-gironi da 6 squadre e nella seconda fase si giocherà una volta solo con le squadre dell’altro mini-girone per un totale di 16 partite. Avversarie Trevi, Altini, Sant’Elia, Roma, Cisterna e Chieti. Confermata la promozione della prima classificata e i play-off nel mese di giugno per la seconda classificata. Nel comunicato pubblicato ieri dalla Federazione Italiana Pallavolo invece, non si fa riferimento alle tre retrocessioni inizialmente previste e quindi al momento in attesa di essere confermate. (da.be.)

Nella foto: il tecnico della Clai Imola Manuel Turrini

Pallavolo B1, la prima in campionato della Clai sarà in casa contro Jesi
Economia 16 Dicembre 2020

Coop Alleanza 3.0 sostiene Sos Donna, una donazione a sostegno di chi subisce violenza

L’Associazione Sos Donna, centro antiviolenza di Faenza, ha ricevuto un’importante donazione da parte di Coop Alleanza 3.0 a sostegno delle donne che subiscono violenza, ospiti nelle case rifugio e seguite dall’Associazione. La Cooperativa ha infatti deciso di donare prodotti alimentari a lunga conservazione, per un valore totale di mille euro, al centro antiviolenza faentino per sostenere le donne vittime di maltrattamenti e i/le loro figli/e, inserite in percorsi di uscita dalla violenza.

Si tratta di una donazione molto importante, soprattutto in questo particolare momento di emergenza sanitaria che vede le donne in uscita dalla violenza, spesso sole e con figli/e minori a carico, versare in condizioni di difficoltà economiche dovute alla perdita del lavoro o alla difficoltà nel reperire un’occupazione. Tutti i prodotti saranno destinati alle donne e ai bambini e bambine ospiti nelle strutture a indirizzo segreto gestite dall’associazione e alle donne in uscita dalla violenza che si rivolgono al centro antiviolenza Sos Donna e ne hanno la necessità. (da.be.)

Coop Alleanza 3.0 sostiene Sos Donna,  una donazione a sostegno di chi subisce violenza
Sport 2 Dicembre 2020

Pallavolo, nuova formula e mini-gironi per Clai Imola e Fatro Ozzano

La Federazione ha comunicato la nuova formula per le serie B1 e B2, in modo da riuscire a concludere la stagione regolare entro maggio, lasciando i play-off per il mese di giugno. Si è deciso di dividere ogni girone formato ad agosto in due sottogruppi da 6 squadre. La prima fase sarà composta da gare di andata e ritorno  per un totale di 10 partite. Si giocherà anche un turno infrasettimanale (23-24-25 febbraio) in corrispondenza della prima di ritorno. Il tutto si chiuderà il 28 marzo, cioè la settimana prima del week-end pasquale che la Federazione utilizzerà come finestra per eventuali recuperi di partite rinviate, assieme al 27-28 febbraio (dove è in programma l’assemblea nazionale).

La seconda fase prenderà il via il 24-25 aprile e verranno disputate altre 6 partite (tre in casa e tre fuori) incontrando tutte le squadre dell’altro mini-girone. Ovviamente le formazioni si porteranno dietro i punti conquistati nella prima fase e verrà stilata una classifica unica a partire da questa fase. Il campionato si concluderà il 29-30 maggio e ogni squadra avrà giocato nel complesso 16 partite (6 in meno rispetto a quelle  previste in estate). Si presume che alla fine del campionato la prima di ogni girone verrà comunque promossa in A2 e le ultime tre retrocesse in B2, visto che non ci sono indicazioni in merito.

In B1, la Clai è adesso inserita nel raggruppamento «D1» formato dalle formazioni più a nord del girone.  Ci sono quindi Cesena, Perugia e le tre marchigiane (Jesi, Castelbellino e Filottrano). In B2, invece, la Fatro Ozzano è finita nel raggruppamento «G2» con Rubiera, Vtb  Bologna, San Giovanni in Persiceto,  Faenza e Ravenna. (c.a.t.)

Ulteriori approfondimenti su «sabato sera» del 3 dicembre.

Nella foto: Sofia Cavalli della Clai Imola

Pallavolo, nuova formula e mini-gironi per Clai Imola e Fatro Ozzano
Cronaca 25 Novembre 2020

Giornata contro la violenza sulle donne, cosa succede dopo il 25 novembre? Il pensiero dell’associazione Trama di Terre

Oggi, mercoledì 25 novembre, ricorre la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Una data che dovrebbe essere essere ricordata ogni singolo giorno e non solo una volta l’anno. Ma cosa succede dopo il 25 novembre? A rispondere l’associazione imolese Trama di Terre con un comunicato stampa.

«Il 2020 verrà ricordato certamente per la pandemia, purtroppo verranno dimenticate, come ogni anno, le donne vittime di quel virus secolare chiamato violenza maschile che quando non uccide, lascia ferite indelebili sul corpo e sulle vite di molte donne, native e migranti, e dei loro figli/e. Da 4 anni ogni 25 novembre chiudiamo il Centro Antiviolenza per protesta contro le istituzioni governative, nazionali e locali, che si ricordano della violenza maschile solo il 25 novembre o l’ 8 marzo. In quest’anno fatto di passate e future chiusure abbiamo deciso di rimanere aperte, affinché le donne che vivono tale esperienza non percepiscano messaggi confusi anche a causa di una comunicazione pubblica delle istituzioni non sempre bene organizzata. Il Centro Antiviolenza è sempre aperto, lo è stato durante il lockdown di marzo e lo è in questo nuovo semi lockdown, affinché le donne non subiscano ulteriori conseguenze rinchiuse in case che possono essere nemiche per sé e i propri figli/e, se condivise con uomini maltrattanti e violenti. L”Associazione Trama di Terre ha deciso di attivare una programmazione che mantenga alta l”attenzione sui temi che affrontiamo quotidianamente anche, e soprattutto dopo il 25 novembre, quando le luci sul tema si spegneranno, e rimarranno le donne a resistere. A causa della radice sessista e razzista del nostro sistema sociale, culturale e politico che ci discrimina, ci confronteremo su violenza maschile, razzismo, precarietà e sfruttamento lavorativo delle donne, ius soli, accoglienza delle donne e dei/delle bambine migranti, disparità abitative e accesso ai diritti per tutte. Lo faremo attraverso diverse iniziative on line, (il calendario qui) affinché non ci si dimentichi che per le donne il 25 novembre è ogni giorno dell”anno e che la violenza e la discriminazione di genere e di provenienza è trasversale ad ogni livello culturale e politico della nostra società». (r.cr.)

Foto tratta dal sito di Trama di Terre

 

Giornata contro la violenza sulle donne, cosa succede dopo il 25 novembre? Il pensiero dell’associazione Trama di Terre
Cronaca 25 Novembre 2020

Violenza sulle donne, l’intervista a Carlo Lucarelli, presidente della Fondazione regionale vittime dei reati

Lo scrittore mordanese Carlo Lucarelli è presidente della Fondazione emiliano romagnola per le vittime dei reati dal 2017. Da gennaio 2020 ad oggi sono 20 le istanze accolte e 32 il numero delle vittime sostenute, di cui 19 donne, 1 uomo e 12 minorenni, con risorse economiche per oltre 100mila euro. Segno di come la violenza di genere sia ancora preponderante tra i casi affrontati. Per questo motivo, l’abbiamo intervistato proprio in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (il 25 novembre).

Riguardo alla violenza sulle donne, in questo ultimo anno avete notato dei cambiamenti rispetto al passato?

«Sì, certo. Ci risulta che la violenza sulle donne, in questo anno di Covid, non sia sparita, ma che si denunci molto meno».

Negli anni è cambiata la violenza sulle donne?

«La violenza sulle donne non è cambiata, purtroppo, ma alcune cose sono cambiate. Ad esempio, non bisogna mai dimenticare che fino al 1981 c’era la legge sul delitto d’onore. Ed è cambiata anche un’altra cosa, molto importante. Adesso esistono le parole. Esistono parole come femminicidio e reato per stalker. Prima non esistevano, non avevano un nome questi reati, e averglielo dato significa avergli dato un senso, una configurazione, un valore». (fra.gian.)

Ulteriori dettagli su «sabato sera» del 19 novembre

Nella foto: Carlo Lucarelli

Violenza sulle donne, l’intervista a Carlo Lucarelli, presidente della Fondazione regionale vittime dei reati
Cronaca 21 Novembre 2020

Violenza sulle donne, la campagna social #ilCoraggioDiDireNo e tanti appuntamenti on line in tutto il circondario

Nonostante l’emergenza da Covid-19 in corso, nei comuni del circondario imolese non mancano le iniziative in occasione del 25 novembre, ossia la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

«Voglio ringraziare tutte coloro che si sono spese, personalmente e in veste istituzionale per rendere possibili questi piccoli passi, mossi con determinazione dalle nostre comunità verso la lotta alla violenza di genere, in particolare tutte le associazioni, l’Asp Circondario Imolese e l’Ausl del nostro distretto – dice Beatrice Poli, sindaca di Casalfiumanese e delegata alle Pari opportunità per il Circondario –. Senza tutto il lavoro di sinergia che abbiamo svolto insieme in questi anni, i nostri territori avrebbero perso risorse importanti, ma soprattutto le donne avrebbero faticato ulteriormente, in situazioni già di per sé difficili».

Tra le iniziative previste, l’inaugurazione di nuove panchine rosse a Borgo Tossignano (parco Lungofiume), Casalfiumanese (San Martino in Pedriolo, sala civica), Castel del Rio (parco I giochi), Castel Guelfo (piazzale Dante Alighieri), Dozza (parco Madre Teresa di Calcutta), Fontanelice (corso Europa, monumento ai Caduti) e Mordano (Bubano).

Il Circondario, inoltre, organizza la campagna social #ilCoraggioDiDireNo, alla quale hanno dato il via sindaci e amministratori dei comuni, prestando il loro volto a uno scatto con un segno rosso sotto lo zigomo e invitando i cittadini a inviare il proprio scatto alla pagina Facebook del Nuovo Circondario Imolese.

Infine, sulla pagina Facebook della Rete delle donne, fino al 27 novembre verranno pubblicati messaggi, video e testi inviati via email (retedonneimola@gmail.com) o tramite Facebook, da coloro che desiderano far sentire la propria voce sul tema.

Ecco gli incontri, per lo più on line.
DOMENICA 22 NOVEMBRE
Casalfiumanese: «So-stare nella lotta alla violenza», pagina Facebook del Comune ore 11.
MERCOLEDÌ 25 NOVEMBRE
Medicina: monologhi tratti dal libro «Ferite a morte» di Serena Dandini a cura di Dario Criserà, pagina Facebook del Comune ore 12.30.
Imola: Consiglio comunale straordinario in diretta streaming sul sito www.comune.imola.bo.it ore 14.30; proiezione di testimonianze a cura della Rete delle donne di Imola, piazza Matteotti ore 17-19.
Castel Guelfo: evento on line, pagina Facebook del Comune ore 18.30.
Castel San Pietro: «Mai più sole!», pagina Facebook del Comune ore 20.
Altri eventi on line verranno trasmessi fino a metà dicembre nelle pagine Facebook di PerLeDonne e Trama di terre. (gi.gi.)

Nella foto: i sindaci del Circondario imolese in posa per la campagna #ilCoraggioDiDireNo

Violenza sulle donne, la campagna social #ilCoraggioDiDireNo e tanti appuntamenti on line in tutto il circondario
Sport 26 Settembre 2020

Mondiali di ciclismo «Imola 2020», dopo la crono l’olandese Anna van der Breggen concede il bis. Bronzo per l’azzurra Elisa Longo Borghini

Bis per l’olandese Anna van der Breggen che, dopo il successo di giovedì nella cronometro, oggi ha conquistato l’oro anche nella prova in linea, regolando tutte le avversarie nei 143 km di corsa (5 giri del circuito).

La trentenne vincitrice dell’ultimo Giro Rosa ha vinto dopo una lunga fuga solitaria di 40 km. Dietro di lei il vuoto. Argento per l’altra olandese Annemiek Van Vleuten e bronzo per l’azzurra Elisa Longo Borghini che ha portato così a due le medaglie per l’Italia nella rassegna iridata.

Adesso, all’appello, manca solo la prova in linea maschile di domani, domenica 27 settembre. (da.be.)

Nella foto: il podio della gara in linea femminile

Mondiali di ciclismo «Imola 2020», dopo la crono l’olandese Anna van der Breggen concede il bis. Bronzo per l’azzurra Elisa Longo Borghini
Sport 24 Settembre 2020

Mondiali di ciclismo «Imola 2020», l’olandese Anna van der Breggen vince l'oro nella crono donne

Nella prima prova dei Mondiali di ciclismo di Imola successo, nella cronometro femminile, per l’olandese Anna van Der Breggen che ha coperto i 31,7 km in 40’20’’14. Dietro di lei la svizzera Marlen Reusser (+15””48) e l’altra olandese Ellen Van Dijk (+ 31””46). Caduta, invece, per la campionessa in carica Chloé Dygert. L’americana si trovava in testa alla prova a metà percorso quando ha perso il controllo della bici ed è volata oltre il guardrail.

La van der Breggen conquista così uno dei pochi ori che le mancavano in carriera, dopo l’iride nella prova su strada a Innsbruck 2018 e la medaglia più preziosa ai Giochi Olimpici di Rio 2016. Decimo posto, invece, per l”italiana Vittoria Bussi, 25° l”altra azzurra Vittoria Guazzin.

Archiviata la cronometro femminile è già tempo di pensare alla prova contro il tempo maschile di domani che vedrà impegnati per l’Italia Filippo Ganna ed Edoardo Affini. (da.be.)

Nella foto: Anna Van Der Breggen durante la cronometro (scatto dalla pagina Fb 2020 UCI Road World Championships Imola – Emilia-Romagna) e sul podio per le premiazioni (BettiniPhoto)

Mondiali di ciclismo «Imola 2020», l’olandese Anna van der Breggen vince l'oro nella crono donne
Imola 23 Settembre 2020

#Imola2020, in Consiglio comunale elette 8 donne su 12 del Pd. Francesca Marchetti: «Grande risultato»

Dopo l’ufficialità sulla composizione del nuovo Consiglio comunale, la consigliera regionale del Pd Francesca Marchetti ha analizzato un dato: su 12 donne elette, ben 8 sono del Partito Democratico. «Oggi Imola si è svegliata con un nuovo sindaco, Marco Panieri e con un Partito Democratico, che sfiorando il 40% non può che essere orgoglioso per il risultato ottenuto. Oltre a questa importante vittoria, che ha confermato come il Pd e il centro sinistra abbiano saputo battere la destra per il bene di una città e dei suoi cittadini, siamo di fronte ad un’ulteriore conquista. In consiglio comunale a Imola sono state elette 8 donne su 12 nelle fila del Partito Democratico. Un segnale che mi rende ancor più orgogliosa, lo avevo ribadito all’inizio della campagna elettorale presentando una lista rappresentata da un 55% di quote rosa, e oggi ne sono ancor più convinta che questa rappresentanza femminile, sia un’opportunità per valorizzare l’impegno di noi donne in politica e le nostre competenze. Con il Pd che ritorna ad avere un ruolo chiave nel centrosinistra oltre che a Imola e con la presenza di tante donne in consiglio comunale ritengo sia ancor più forte l’impegno che ci siamo dati nel programma elettorale ovvero, di valorizzare il protagonismo femminile promuovendo un Women New Deal come obiettivo di crescita per l’intera società, per creare condizioni culturali, formative, sociali ed economiche affinché sempre più le donne siano autonome nella vita e nel lavoro. Imola è una città amica delle donne, oltre che essere vicina alle persone e questa riflessione credo sia il punto di partenza per un impegno straordinario ed innovativo per le pari opportunità». (da.be.)

Nella foto: le otto donne del Pd elette in Consiglio comunale 

#Imola2020, in Consiglio comunale elette 8 donne su 12 del Pd. Francesca Marchetti: «Grande risultato»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast