Posts by tag: dpcm

Cronaca 25 Ottobre 2020

Coronavirus, il premier Conte ha firmato il nuovo Dpcm. In giornata la conferenza stampa per illustrare le novità

Il premier Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm (il testo qui), con ulteriori misure restrittive anti-Covid, che sarà in vigore da domani, lunedì 26 ottobre, fino al 24 novembre. Il premier illustrerà tutte le novità nel pomeriggio in una conferenza stampa.

Tra le principali novità, la chiusura alle 18 di tutti i ristoranti, bar e gelaterie, che alzeranno le serrande alle 5 e saranno aperti anche la domenica. Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. Vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico mentre fino alle 24 è consentita la ristorazione con consegna a domicilio e da asporto nel rispetto delle norme igienico-sanitaria.

Nelle scuole superiori sarà possibile portare la didattica a distanza anche oltre il 75%. L”attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione (materna, elementari e medie) e per i servizi educativi per l”infanzia continuerà a svolgersi in presenza.

Il decreto prevede inoltre la chiusura di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali e lo stop agli sport individuali e di squadra svolti in ogni luogo sia pubblico che privato. Permessi solo gli eventi e le competizioni sportive ritenute di interesse nazionale.

Inoltre, non obbligo, ma raccomandazione di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune. Fortemente raccomandato anche non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza, così come l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all”interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi.

Niente più banchetti e ricevimenti dopo matrimoni, comunioni e battesimi. Sospese le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo e casinò. Sospesi anche gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all”aperto. (da.be.)

Coronavirus, il premier Conte ha firmato il nuovo Dpcm. In giornata la conferenza stampa per illustrare le novità
Cronaca 20 Ottobre 2020

A Castello durante il mercato del lunedì prima multa a un ambulante senza mascherina

Prima sanzione per mancato uso della mascherina durante il mercato in centro storico. È successo lunedì 19 ottobre a Castel San Pietro, quando gli agenti della polizia locale hanno multato un ambulante che esercitava attività di vendita in via Matteotti senza mascherina, quindi ricevuto la sanzione prevista, pari a 400 euro.

«Continua la nostra capillare attività di controllo per la sicurezza dei cittadini a 360 gradi, con particolare attenzione al rispetto delle normative per la prevenzione del contagio da Covid-19 – sottolinea il comandante della polizia locale, Leonardo Marocchi -. Di fronte all’aggravarsi della situazione, è ancora più importante mettere in atto le misure che ci consentono di proteggere la salute nostra e di tutta la comunità: indossare la mascherina, evitare assembramenti e sanificare le mani. Facciamo appello al senso di responsabilità di tutti».

Nella foto: controlli della polizia locale di Castel San Pietro al mercato

A Castello durante il mercato del lunedì prima multa a un ambulante senza mascherina
Cronaca 18 Ottobre 2020

Coronavirus, le novità del nuovo Dpcm presentato dal premier Conte

In serata il premier Conte ha presentato il nuovo Dpcm (il testo qui) che, da domani, prevede norme ancora più restrittive di quelle adottate solo una settimana fa per contrastare l’emergenza Coronavirus.

L”attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a svolgersi in presenza, ma per contrastare la diffusione del contagio, le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adotteranno forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, che rimane complementare alla didattica in presenza, modulando ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e di uscita degli alunni, anche attraverso l’eventuale utilizzo di turni pomeridiani e disponendo che l’ingresso non avvenga in ogni caso prima delle 9. Bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, invece, posso restare aperti dalle ore 5 sino alle ore 24 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo, e sino alle ore 18 in assenza di consumo al tavolo. E” fatto obbligo per gli esercenti di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo, sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti. Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.

Per quanto riguarda gli sport di contatto sono consentiti «gli eventi e le competizioni riguardanti gli sport individuali e di squadra riconosciuti di interesse nazionale o regionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato italiano paralimpico (CIP) e dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva, ovvero organizzati da organismi sportivi internazionali». Palestre aperte, invece, come volevano i governatori, ma con riserva: le strutture hanno al momento una settimana di tempo per adeguarsi in maniera rigorosa ai protocolli.

Le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo sono consentite dalle ore 8 alle ore 21. I sindaci dispongono la chiusura al pubblico, dopo le ore 21, di vie o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private. Sono vietate le sagre e le fiere di comunità. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale ed i congressi, previa adozione di protocolli validati dal Comitato tecnico-scientifico, e secondo misure organizzative adeguate alle dimensioni ed alle caratteristiche dei luoghi e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro. Sono sospese tutte le attività convegnistiche o congressuali, ad eccezione di quelle che si svolgono con modalità a distanza. (da.be.)

Nella foto: il premier Conte durante la conferenza stampa di questa sera

 

Coronavirus, le novità del nuovo Dpcm presentato dal premier Conte
Cronaca 7 Ottobre 2020

Coronavirus, prorogato stato d’emergenza e mascherine obbligatorie

Questa mattina il Governo ha approvato un nuovo decreto legge al cui interno sono presenti le misure di contrasto al Coroanvirusin vigore fino al prossimo 15 ottobre. Stato di emergenza, invece, prorogato fino al 31 gennaio 2021. Tra le novità, da domani l’obbligo di indossare le mascherine anche all’aperto, nel caso in cui si è vicini a persone non conviventi. Niente obbligo se garantito l’isolamento, mentre bisogna sempre indossarla nei luoghi chiusi. Esclusi dal provvedimento i bambini sotto i 6 anni, le persone con patologie non compatibili con l’uso della mascherina e chi esce per svolgere attività sportiva.

Per i trasgressori sono previste multe da 400 a 1.000 euro. Entro il 15 ottobre poi è prevista l’uscita di un nuovo Dpcm che potrebbe confermare o aggiornare le regole anti Covid prorogate oggi. Infine, le Regioni potranno disporre provvedimenti ulteriormente restrittivi. Al momento evitato la chiusura anticipata degli esercizi pubblici. (da.be.)

Coronavirus, prorogato stato d’emergenza e mascherine obbligatorie
Cronaca 6 Settembre 2020

Coronavirus, nuovo Dpcm del Governo. Niente balli in discoteca e proroga dei divieti già in corso

Entra in vigore domani, lunedì 7 settembre, il nuovo Dpcm del Governo che sarà valido fino al 30 settembre. Il provvedimento, sostanzialmente, proroga i divieti già in corso e stabiliti con il decreto del 10 agosto scorso.

Confermato, quindi, il divieto di ballare nelle discoteche e restano ancora a porte chiuse le partite di calcio e tutti gli altri eventi sportivi. Confermato anche l’obbligo di mascherina al chiuso e all’aperto dove non può essere garantito il distanziamento, così come quello di sottoporsi a tampone per chi rientra dai 16 paesi considerati «a rischio». Passa invece all’80% la capienza massima consentita ai mezzi pubblici. La vera novità, invece, riguarda le coppie che da tempo non riescono a vedersi causa restrizioni anti-Covid: chi si trova all’estero potrà rientrare in Italia per raggiungere «la persona con cui ha una stabile relazione affettiva anche se non convivente». (da.be.)

Coronavirus, nuovo Dpcm del Governo. Niente balli in discoteca e proroga dei divieti già in corso
Cronaca 8 Agosto 2020

Coronavirus, nuovo decreto del premier Conte: ecco cosa cambia

Questa mattina il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm anti Coronavirus. Le disposizioni si applicano da domani, domenica 9 agosto, fino al prossimo 7 settembre.

Nei luoghi al chiuso accessibili al pubblico resta l’obbligo (tranne che per i bambini sotto i 6 anni e le persone disabili) di usare protezioni delle vie respiratorie, anche sui mezzi di trasporto e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza. La distanza di un metro è obbligatoria, salvo eccezioni validate dal Comitato tecnico scientifico. Si può continuare ad accedere nei parchi, nelle ville e nei giardini pubblici, ma solo nel rispetto del divieto di assembramento. Rimane vietato l’ingresso per chi proviene da Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana. Ripartono le crociere ma prima di imbarcarsi i viaggiatori dovranno sottoporsi  allo screening.

Lo sport di base può continuare, ma nel rispetto delle norme di distanziamento e senza alcun assembramento. E nelle Regioni dove la curva dell’epidemia è sotto controllo sono permessi anche gli sport da contatto. Via libera dunque al calcetto, nel rispetto delle linee guida.  Dal 1 settembre sarà possibile assistere a singoli eventi sportivi di minore entità, che non superino il numero massimo di 1.000 spettatori per gli stadi all’aperto e di 200 spettatori per impianti sportivi al chiuso. Riaprono anche i centri benessere e termali. Secondo le linee guida si deve «prevedere il contingentamento degli accessi nei locali per mantenere il distanziamento interpersonale di almeno 2 metri in tutti gli ambienti chiusi, salvo gli appartenenti allo stesso nucleo familiare, conviventi, persone che occupano la stessa camera o che in base alle disposizioni vigenti non siano soggetti al distanziamento interpersonale. (r.cr.)

IL TESTO DEL DPCM

Coronavirus, nuovo decreto del premier Conte: ecco cosa cambia
Cronaca 1 Aprile 2020

Coronavirus, il Governo prolunga le misure restrittive fino al prossimo 13 aprile

Questa sera il premier Conte ha firmato il nuovo Dpcm che prolunga le misure restrittive anti Coronavirus, adottate in tutto il Paese fino al 3 aprile, fino al prossimo 13 aprile compreso, giorno di Pasquetta. «Ora non siamo in condizione di allentare le misure – ha detto il premier – e non posso dire ora che dal 14 saremo liberi. Blocchi fino al 3 maggio? Presto per parlarne, anche se siamo costantemente al lavoro con gli esperti. Vi saranno poi due fasi successive: una fase 2 di convivenza con il virus ed una fase 3 di ripresa completa delle nostre vite e ritorno alla normalità».

L’unica novità riguarda la sospensione delle sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non, all”interno degli impianti sportivi di ogni tipo. Infine, sulla possibilità di un genitore di uscire a passeggio con i figli minori Conte ha chiarito come «non abbiamo affatto autorizzato l”ora del passeggio coi bambini. Abbiamo solo detto che quando un genitore va a fare la spesa si può consentire anche l”accompagno di un bambino. Ma non deve essere l”occasione di andare a spasso» (da.be.)

Coronavirus, il Governo prolunga le misure restrittive fino al prossimo 13 aprile
Cronaca 28 Marzo 2020

Coronavirus, il premier Conte: «Appena firmato un decreto per girare 4,3 miliardi di euro ai Comuni per l’emergenza alimentare»

«Lo Stato c’è e siamo consapevoli che tante persone soffrono». Con queste parole il premier Conte ha aperto pochi minuti fa la conferenza stampa, annunciando di aver «varato un provvedimento di urgenza, coinvolgendo i sindaci di tutti i comuni che sono di fatto le nostre sentinelle sul territorio nazionale».

Nello specifico, Conte ha firmato un Dpcm per girare la somma di 4,3 miliardi ai Comuni per l’emergenza alimentare: i sindaci potranno erogare già dalla prossima settimana buoni spesa per i cittadini più bisognosi. «Aggiungiamo, inoltre, con un’ordinanza delle protezione civile, 400 milioni a questo fondo, un anticipo che destiniamo ai comuni col vincolo di destinarlo alle persone che non hanno i soldi per fare la spesa. Da qui nasceranno buoni spesa ed erogazioni di generi alimentari» ha concluso il premier. (da.be.)

Nella foto: un frame della conferenza stampa del premier Conte

Coronavirus, il premier Conte: «Appena firmato un decreto per girare 4,3 miliardi di euro ai Comuni per l’emergenza alimentare»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast