Posts by tag: emergenza

Cronaca 12 Dicembre 2018

Permanenza massima 6 ore in pronto soccorso, indicazioni regionali e novità a Imola

«La Regione ci sta chiedendo un tempo di permanenza complessivo in pronto soccorso che tenda a non superare le 6 ore, noi ci riusciamo nell’81 per cento dei casi ma dobbiamo migliorare un po’ per arrivare al 90 per cento». Andrea Neri, direttore del presidio ospedaliero dell’Ausl di Imola, conferma l’indicazione sulla quale sta lavorando la Regione. Le lamentele per le lunghe attese in pronto soccorso si rincorrono da sempre. Ora l’assessorato alla Salute dell’Emilia Romagna ha chiesto un impegno specifico anche su questo, dopo l”attenzione degli ultimi anni sulle liste d”attesa di visite, esami e interventi chirurgici programmati.

Se consideriamo che i codici rossi devono essere visti immediatamente, i problemi arrivano con gli altri. «Da un punto di vista sanitario è importante quanto si aspetta prima della visita del medico – precisa Neri -, su questo, per quanto ci riguarda, abbiamo dei tempi buoni che vanno dai 33 minuti per i codici gialli, che sono il 35 per cento degli accessi, ai 116 dei verdi, ovvero il 49 per cento degli accessi, poco meno per i bianchi. Il nostro obiettivo non è essere velocissimi con chi non doveva venire in pronto soccorso – chiarisce Neri – ma essere bravi con le patologie che possono essere subdole, come i codici gialli, questa è la nostra prima missione».

Per il pronto soccorso di Imola, che lotta da sempre con le persone che, un po’ per «tradizione» e un po’ per comodità, vi si rivolgono impropriamente invece di andare dal medico di famiglia o alla guardia medica, una complicazione in più da gestire. I codici bianchi attualmente sono l’11,5 per cento. Numeri non da poco se consideriamo che «ogni giorno accedono al triage complessivamente 150 persone per un totale di 53.222 all’anno» dettaglia Patrizia Cenni, direttrice del dipartimento di Emergenza, «più o meno le stesse degli anni scorsi».

Neri e Cenni hanno ben chiaro il problema e ci stanno lavorando da più punti di vista. «Per prima cosa dall’1 ottobre è stato inserito un infermiere in più al triage per 12 ore al giorno» dettaglia Neri. Ora sono tre, più due solo per l’anagrafica fino alle 20. «L’infermiere in più è utile per i pazienti in attesa di rivalutazione dopo la visita medica e per gestire i piccoli sovraffollamenti». Inoltre, in previsione dei picchi influenzali «il bed manager sarà presente anche il sabato pomeriggio, la domenica e i festivi». Si tratta dell’infermiere incaricato di gestire i ricoveri, che tiene i rapporti con i reparti, nonché i pazienti e i famigliari dell’Obi, cioè i letti per le osservazioni brevi intensive della Medicina d’urgenza. Attivare rapidamente un ricovero significa ridurre la permanenza in pronto soccorso. (l.a.)

Altri particolari nell”articolo completo su «sabato sera» del 6 dicembre 

Nella foto il coordinatore infermieristico dell”emergenza Simone Cavini e il primario Patrizia Cenni

Permanenza massima 6 ore in pronto soccorso, indicazioni regionali e novità a Imola
Cronaca 1 Marzo 2018

Neve, scuole chiuse solo in vallata. Mezzi e forze dell'ordine al lavoro per la sicurezza delle strade

Alla fine la neve è arrivata. Copiosa su tutto il territorio, come previsto dall”allerta meteo diramata ieri dall”Arpa Er (valida fino alla mezzanotte di oggi), sta interessando da questa notte sia la collina che la pianura.

A Imola, così come a Castel San Pietro e Ozzano, le scuole sono rimaste aperte. Inoltre la Prefettura ha nuovamente posto il divieto di circolazione per i mezzi pesanti dalle ore 22 di ieri, fino a cessata esigenza in tutta la provincia di Bologna (qui il comunicato) e sono presenti pattuglie della Polizia municipale ai caselli dell”A14 di Imola e Castel San Pietro. A Ozzano, come si legge sulla pagina del Comune e sul profilo facebook del sindaco Luca Lelli, oggi non sarà garantito il servizio di post scuola alle Gnudi di Mercatale ,mentre il servizio di trasporto scolastico sarà garantito ad eccezione di alcune aree (l”ufficio scuola provvederà a contattare esclusivamente gli iscritti che non potranno utilizzare il servizio nella giornata odierna).

Viste le previsioni le scuole della vallata sono rimaste chiuse nella giornata di oggi e, per la giornata di domani, la situazione sarà vagliata nel pomeriggio. Non è da escludere un provvedimento analogo visto che, come si legge in una nota della Città Metropolitana di Bologna, già alcuni comuni montani hanno deciso la chiusura anche per venerdì 2 marzo. Al di là degli ovvi disagi, la situazione più complicata al momento è segnalata a Sassoleone sul fronte della viabilità, mentre i servizi di acqua, luce e gas sono garantiti.

In tutto il territorio sono comunque, in azione gli spazzaneve e i mezzi spargisale per rendere percorribili le strade principali e gli accessi ai luoghi pubblici. La Protezione civile raccomanda la massima prudenza negli spostamenti e la circolazione solo con veicoli dotati di pneumatici invernali e catene. Al momento, nonostante l”emergenza, non si registrano danni o interventi significativi da parte dei vigili del fuoco, della municipale o delle forze dell”ordine che continueranno a garantire la sicurezza dei cittadini.

Seguiranno aggiornamenti nelle prossime ore.

r.c.

Nelle foto: spazzaneve al lavoro, autobus, auto e bici sulla neve a Imola (Isolapress)

Neve, scuole chiuse solo in vallata. Mezzi e forze dell'ordine al lavoro per la sicurezza delle strade

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast