Posts by tag: enduro motor valley

Cronaca 11 Ottobre 2019

Enduro Motor Valley raccoglie e porta via i rifiuti abbandonati

«E’ uno sporco lavoro, ma qualcuno lo deve pur fare». Con questo motto i volontari di Enduro Motor Valley hanno dedicato le loro attenzioni, anziché ai sentieri di montagna, alla strada Montanara, da Borgo Tossignano al confine con la Toscana.

«In verità siamo andati anche oltre – spiega Alessandro Monti, collaboratore di Tele Vallata – perché presso la  bellissima cascata di Moraduccio sapevamo di una discarica abusiva formatasi con i rifiuti abbandonati dai turisti che frequentano il fiume. La strada per arrivarci è impervia e parzialmente franata proprio nel tornante più stretto, quindi i mezzi del Comune di Firenzuola non riescono a scendere per far pulizia. E’ stata quindi utilissima una Mutt, mezzo tattico usato dagli americani in Vietnam, con relativo rimorchietto, in dotazione ad Enduro Motor Valley, per raggiungere il sito e rimuovere tutte le immondizie maleodoranti ed infestate da topi».

Contemporaneamente altri volontari, partiti da Fontanelice e Castel del Rio, si sono presi cura dei bordi della Montanara. «Abbiamo diviso il percorso in settori di 2 chilometri – spiega Riccardo Quercia, promotore dell’intervento – assegnandone uno a ciascun volontario. I rifiuti sono stati raccolti in grossi sacchi, che sono stati lasciati a bordo strada, dopodiché siamo passati a recuperarli».

Corrado Collina, originario di Borgo Tossignano ma ora trasferitosi a Fontanelice, si è fatto carico proprio del tratto di Montanara che divide questi due paesi. «Non pensavo – sbotta – che ci fosse così tanta robaccia: in poco più di 20 chilometri di strada 72 sacchi di almeno 5 chili l’uno, con più di un quintale di vetro raccolto a parte, sono purtroppo l’indicatore di una grande carenza di senso civico di molti nostri concittadini. La nostra vallata merita un rispetto maggiore! I sindaci di Fontanelice e Castel del Rio, che ci hanno seguiti da vicino durante questo nostro intervento, si faranno sicuramente promotori di campagne di sensibilizzazione e rispetto ambientale che sta diventando un tema sempre più urgente da affrontare». (r.cr.)

Enduro Motor Valley raccoglie e porta via i rifiuti abbandonati
Cronaca 8 Gennaio 2019

Epifania di lavoro tra guadi e cascate per i volontari dell'Enduro Motor Valley

Primo intervento del 2019 per i volontari dell”Enduro Motor Valley che, come da tradizione, si sono ritrovati domenica scorsa, giorno dell”Epifania. «Essendoci ancora poche ore di luce disponibili – spiega Simone Zaniboni, meccanico imolese – abbiamo lavorato vicino a Fontanelice, dove peraltro c’era un’opera importante da fare, ovvero ripristinare un guado su un percorso che collega via Cima con la zona di Fornione. Dopo aver rimesso a regime un ruscello secondario che aveva preso a scorrere lungo la strada erodendola completamente, abbiamo ripristinato il passaggio sul rio che è ora transitabile».

Un”altra squadra, intanto, era impegnata poco lontana nella pulizia dell”area attorno alla Cascata dei Due Salti dove alberi crollati, arbusti e rovi avevano reso impraticabili i sentieri circostanti, mentre altri si sono calati dall’alto per ripulire la pozza collocata fra la cascata superiore e quella inferiore. «Abbiamo approfittato della scarsa portata d’acqua attuale – spiega Marco Maccarelli, sommozzatore del gruppo Poca Pora Boys che, munito di muta, si è immerso in entrambe le pozze per ripulirle dalla vegetazione crollata – per un tipo di pulizia che va fatta periodicamente, onde evitare che le due cascate e le relative pozze vengano invase dalla vegetazione trasportata dalle piene del Rio di Gaggio. Ora però speriamo che un po’ di precipitazioni rimpinguino le sorgenti, perché avere così poca acqua a gennaio può essere preoccupante». (d.b.)

Foto gentilmente concessa dall”Enduro Motor Valley

Epifania di lavoro tra guadi e cascate per i volontari dell'Enduro Motor Valley
Cronaca 9 Maggio 2018

Festa della Liberazione… dei sentieri montani scomparsi con i volontari dell'Enduro Motor Valley

Quale miglior modo di festeggiare il 25 aprile, Festa della Liberazione, che dedicare la giornata al recupero di antichi sentieri sulle nostre colline, teatro di aspre battaglie proprio durante la Seconda guerra mondiale? I volontari di Enduro Motor Valley si sono così dati da fare per continuare l’opera di aprire il sentiero che dal rio della Caspa si inoltra nel rio di Gaggio. «Il sentiero, ora scomparso, correva lungo il rio e congiungeva la valletta a lato di monte Cappello con il fondovalle e quindi con Fontanelice – spiega Giorgio Bambini, che è anche socio Cai -. Ci sono ancora i resti di un piccolo ponte in muratura e di una diga in sasso. Purtroppo decenni di abbandono hanno cancellato questo sentiero ed il rio è pericolosamente ingolfato di alberi crollati e frane che formano delle pericolose dighe che possono saltare in occasione di piene del torrente».

Uno dei volontari che ha seguito soprattutto la messa in sicurezza del torrente è Simone Zaniboni di Imola, bagnato fino al collo, ma soddisfatto del lavoro. «L’intervento di oggi conclude un periodo molto impegnativo per noi, le nevicate dell’inverno scorso ci hanno obbligato a lavorare praticamente tutti i fine settimana per riaprire i percorsi».

r.c.

Nella foto: volontari al lavoro

Festa della Liberazione… dei sentieri montani scomparsi con i volontari dell'Enduro Motor Valley

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast