Posts by tag: imola sport live

Cronaca 17 Gennaio 2021

Coronavirus, dopo il post su Facebook del figlio Lorenzo il bollettino medico dal Maggiore sulle condizioni di Gresini

Dopo il post su Facebook del figlio Lorenzo, in serata è arrivato il comunicato stampa del Gresini Racing Team sulle condizioni di Fausto Gresini. «Le condizioni cliniche generali di Fausto sono ancora gravi per il perdurare della polmonite da covid che compromette molto l’ossigenazione del sangue, rendendo necessario continuare la ventilazione meccanica concomitante a sedazione per mantenere sufficiente l’ossigeno nel sangue – ha detto il dottor Nicola Cilloni dall’ospedale Maggiore di Bologna -.Fortunatamente gli altri organi non sono attualmente danneggiati. Sono state pianificate delle manovre posturali e l’ausilio di particolari farmaci inalatori con l’obbiettivo di migliorare la respirazione». (r.s.)

Nella foto: Fausto Gresini

Coronavirus, dopo il post su Facebook del figlio Lorenzo il bollettino medico dal Maggiore sulle condizioni di Gresini
Sport 17 Gennaio 2021

Basket serie B, a Rimini il supplementare costa caro all’Andrea Costa

Sconfitta, nell’ultima giornata del girone d’andata, per l’Andrea Costa che esce sconfitta 90-78 dal campo di Rimini. 

Derby giocato punto a punto dalle due squadre. Nel secondo tempo, in avvio, meglio i rivieraschi ma è nel quarto parziale che i biancorossi, trascinati da Preti, Corcelli e Morara, firmano il clamoroso pareggio. Nel supplementare, però, l’attacco dell’Andrea Costa si inceppa ed a gioire sono i padroni d casa. Migliore in campo per la squadra di coach Moretti, Morara con una doppia doppia da 13 punti e 14 rimbalzi.

I biancorossi adesso torneranno in campo domenica 24 gennaio al palaRuggi (ore 18) contro Omegna, già battuta all’andata 95-80. (da.be.)

Rimini-Andrea Costa 90-78 dts (13-16; 38-40; 61-53; 71-71)

Nella foto (Isolapress): Jacopo Preti

Basket serie B, a Rimini il supplementare costa caro all’Andrea Costa
Cronaca 17 Gennaio 2021

Coronavirus, peggioramento per Fausto Gresini. Il figlio Lorenzo sui social: «Mio babbo è sempre stato in buona salute, state attenti»

Nella giornata di ieri, le condizioni di Fausto Gresini, ricoverato da settimane al Maggiore di Bologna causa Coronavirus, sono peggiorate. Ad annunciarlo il figlio Lorenzo con un post su Facebook. «Ciao a tutti, ieri babbo ha avuto un peggioramento con febbre alta, non mi piace dilungarmi in spiegazioni sui social, scrivo principalmente per aggiornare gli amici vicini e lontani che ci seguono, ma soprattutto per sensibilizzare – si legge sulla sua pagina -. Si dice che colpisca persone che hanno altre patologie o anziane, ma io conosco mio babbo e vi garantisco che prima di questo virus è sempre stato un 59enne in piena salute come tanti altri, inoltre seguo e mi sono state riportate storie di persone che hanno 10-11 anni in meno di lui e in piena salute che ora lottano e si trovano nella stessa situazione. Questo per dirvi di stare assolutamente attenti e se non volete farlo per voi fatelo per gli altri. Un pensiero e un abbraccio a medici, infermieri, famiglie e a chiunque lotti contro questo mostro invisibile». (r.s.)

Nella foto: Fausto Gresini

Coronavirus, peggioramento per Fausto Gresini. Il figlio Lorenzo sui social: «Mio babbo è sempre stato in buona salute, state attenti»
Sport 16 Gennaio 2021

Basket serie B, niente rimonta questa volta per Ozzano: alla fine arriva il ko casalingo contro Firenze

Ko per la Sinermatic Ozzano che, nell’ultimo turno del girone d’andata, cade in casa 82-72 in casa contro Firenze.

Esordio tra i biancorossi per il neo arrivato Montanari. Decisivo, ai fini del risultato finale, il terzo quarto: la squadra di coach Grandi non è riuscita a tenere il passo dei toscani, nemmeno grazie alle ottime prove ancora di Chiusolo e Mastrangelo (16 punti a testa). 

Nel prossimo turno la Sinermatic sarà impegnata ad Empoli (sabato 23, ore 18). (da.be.)

Sinermatic-Firenze xx-xx (11-17; 34-36; 48-60)

Nella foto (Isolapress): Chiusolo e Mastrangelo   

Basket serie B, niente rimonta questa volta per Ozzano: alla fine arriva il ko casalingo contro Firenze
Cronaca 16 Gennaio 2021

Entro gennaio partiranno i lavori per la costruzione della barriera antirumore di via dei Colli

Prenderanno il via entro la fine di gennaio i lavori di costruzione della barriera antirumore di via dei Colli, in autodromo. Lunga 186 metri, avrà un’altezza di 5 metri fuori terra, articolata in un muretto di base in cemento armato alto 1 metro, su cui poggia la barriera di 4 metri di altezza, con i sostegni in acciaio corten e le schermature in vetro. La barriera è posizionata tra la carreggiata della strada e la recinzione della pista, nel tratto di via dei Colli che corre all’interno dell’autodromo, poco dopo l’uscita della Variante alta, in direzione curva della Rivazza. Il costo dell’intervento è di circa 260 mila euro, finanziati da Con.Ami. I lavori dovranno essere completati entro il 31 marzo di quest’anno, cioè prima del Gran Premio di F.1 in programma il 18 aprile prossimo.

La sua realizzazione è importante perché la barriera svolge la funzione di ridurre l’impatto acustico sulle residenze limitrofe, nonché verso la città, con abbattimento sonoro ed effetti positivi non solo nelle giornate a più alto impatto per l’attività dell’autodromo ma anche per tutte le altre attività di pista. Ad aggiudicarsi la commessa è stata l’impresa Nuova Via srl, di Salerno, che in questi giorni sta completando l’acquisto dei materiali necessari all’avvio dei lavori, avvalendosi anche di imprese del territorio per la subfornitura.

«La nostra priorità è riportare l”Autodromo al centro della scena internazionale, perseguendo allo stesso tempo l”obiettivo di rendere la struttura sostenibile e attenta alle problematiche acustiche. Con il ritorno della Formula 1 dimostriamo che abbiamo voglia di avere eventi di grandissimo livello e nello stesso tempo viene ridotto il numero di giornate rumorose» commenta Elena Penazzi, assessore all’autodromo del Comune di Imola. Da parte sua Fabio Bacchilega, presidente di Con.Ami, sottolinea: «Si tratta di un intervento importante, che ha l’obiettivo di mitigare l’impatto acustico sul territorio. Il nostro impegno è quello di consentire l’attività dell’autodromo, che rappresenta un asset di grande rilievo per tutto il territorio del Consorzio per le sue ricadute economiche».  Sulla stessa lunghezza d’onda anche il presidente di Formula Imola, Gian Carlo Minardi: «Un passo importante nell’ottica della mitigazione del rumore. Siamo in totale sintonia con gli interventi riguardanti le problematiche acustiche perché l’attenzione all’ambiente è uno dei cardini del mandato del cda di Formula Imola». (da.be.)

Foto Isolapress

Entro gennaio partiranno i lavori per la costruzione della barriera antirumore di via dei Colli
Sport 16 Gennaio 2021

Torrasi e Piovanello, raggi di sole per l’Imolese

Sole in cielo, Maria Sole in campo ad arbitrare e il sole della vittoria. Insomma, raggi luminosi per l’Imolese, che ha battuto 2-0 il Matelica, interrompendo la striscia negativa e ritrovando la vittoria dopo 3 mesi esatti. Le reti sono arrivate nella ripresa dai piedi di Torrasi (un gol e un assist) e Piovanello, il migliore in campo. Che sia stata la scintilla che chiedeva mister Catalano si vedrà presto, visto che si torna in campo sabato, ancora al Galli, contro la corazzata Padova.

La cronaca. L’Imolese attacca verso il Tamburello, ma la partita non decolla. A meno che non si voglia prendere in considerazione una buona azione avvolgente dei rossoblù, che si conclude al 5’ con un tiro dal limite di Torrasi, leggermente alto. Ancora meglio all’11’ la conclusione di Provenzano (uno dei più vivi ad inizio match), sempre da fuori area, un po’ defilato sulla sinistra: la sfera però termina a fil di palo. Più apprezzabile l’Imolese nel primo quarto d’ora, rispetto ai verdoni marchigiani. Al 19’ si fa vedere il Matelica, che pian piano cresce: da un fallo di Alboni (ammonito) nasce una punizione che va direttamente in porta, ma Siano è pronto a deviare. Dopo poco nasce un’altra punizione (lontana ma abbastanza centrale) che Volpicelli calcia bene, leggermente alta. Al 34’ si rivede l’Imolese, dopo una ventina di minuti di nulla. Piovanello giostra bene e serve Lombardi sulla destra: il numero 25 si accentra e spara, ma il suo tiro è deviato in corner. L’occasione più grossa del match arriva al 38’, quando Balestrero entra in area e con la punta del piede riesce a tirare in porta, sia pur sbilanciato. Qua Siano è costretto ad un intervento da applausi. Al 40’ il Matelica rischia la beffa, ma il possibile autogol di testa termina sul fondo. E dal corner Bentivegna tira direttamente in porta, con la bella parata di Cardinali. Ancora pericolosi i maceratesi al 42’, con la botta ravvicinata di Leonetti che va incredibilmente in cielo.

La ripresa. Al 4’ un bel sorriso. Torrasi intercetta un pallone della difesa, si infila e spara un rasoterra che si infila alle spalle di Cardinali. Al 12’ ci prova Piovanello (il migliore dei rossoblù), va 3 contro 3, si libera del suo uomo e di sinistro scocca un bel tiro da fuori, che però non inquadra lo specchio della porta, di poco alla sinistra del portiere. L’Imolese comunque ha un altro piglio, evidentemente il gol è servito a sbloccare qualcosa. Peccato che manchi ancora mezzora. E infatti Colavitto prova a cambiare tutto, mettendo su 4 uomini tutti insieme al minuto 19, mentre Catalano ha ancora la stessa formazione di partenza, almeno fino al 24’, quando entrano Morachioli per Bentivegna e Ingrosso per Della Giovanna, poi al 31’ Masala per Lombardi. L’Imolese pressa molto e, almeno nella prima mezzora della ripresa, rischia anche pochissimo. Il pericolo arriva al 36’, quando Ingrosso perde palla e lancia il contropiede del Matelica, ma Siano esce bene e Alboni chiude al meglio, evitando un gol assai probabile. Ultimi 5 minuti anche per Ventola e Angeli (sostituendo Polidori e un ottimo Alboni). Un super Piovanello va ancora come una scheggia anche al 47’ sulla fascia sinistra, anche se il suo servizio al centro per Morachioli è leggermente deviato. La gioia è al 51’, quando arriva la rete più meritata che ci potesse essere. Torrasi veloce in contropiede sulla destra, palla in mezzo e Piovanello corona una partita memorabile. (p.z.)

Imolese – Matelica 2-0 (0-0)

Imolese (4-3-3): Siano; Alboni (40’ Angeli), Pilati, Carini, Della Giovanna (24’ s.t. Ingrosso); Lombardi (31’ s.t. Masala), Torrasi, Provenzano; Piovanello, Polidori (40’ Ventola), Bentivegna (24’ s.t. Morachioli). All. Catalano.

Gol: 4’ s.t. Torrasi (I), 51’ Piovanello (I).

Torrasi e Piovanello, raggi di sole per l’Imolese
Sport 16 Gennaio 2021

Calcio serie C, mister Catalano si racconta tra Imolese e l’amicizia con De Zerbi

Una carriera da calciatore lunga più di 20 anni. Con 387 presenze nel calcio professionistico (118 in C1 e 269 in C2) e poi altri 4 campionati fra D, Eccellenza e Promozione. Un curriculum di tutto rispetto quello di Pasquale Catalano, ora allenatore dell’Imolese. Nato a Bari il 29 novembre 1971, dal 1998 risiede a Giulianova. Trapani, Arezzo, Giulianova, Messina, Spezia, Catanzaro, Foggia,Teramo, Cavese sono state alcune delle piazze che lo hanno visto protagonista. «Ero un regista classico – ha raccontato Catalano -. Ed essere diventato allenatore è stata anche una diretta conseguenza del ruolo che ricoprivo».

In quel Foggia allenato da Pasquale Marino c’era pure un certo Roberto De Zerbi.

«Era il trequartista. Dietro di lui a centrocampo agivamo io e Michele Pazienza, che poi ha fatto un’ottima carriera, giocando con Fiorentina Napoli, Juventus e Bologna. Là è nato un bel rapporto tra noi che va oltre il calcio. Roberto è un vero amico, oltre che una grande persona. Parliamo di qualcosa di speciale, che non c’entra col fatto che ora sia in serie A. Il rapporto sarebbe lo stesso anche se allenasse in Eccellenza».

Parlando dell’Imolese, in una squadra che si deve salvare c’è spazio per pensare al bel gioco?

«Questo è il dilemma. Io credo che bisogna coniugare praticità e buon calcio. Poi per un allenatore quello che conta è conquistare punti. Cosa che non abbiamo fatto né col Cesena, né col Gubbio. Di sole prestazioni non si sopravvive. Col Matelica (oggi, stadio Romeo Galli, inizio ore 15, ndr) dobbiamo assolutamente cambiare registro. Come invertire una tendenza così negativa? Facendo gol senza prenderne. Banale, ma è così. E anche se io vedo il calcio in modo diverso da chi pensa che una squadra per salvarsi debba restare in braccio al portiere, dico che adesso, prima di tutto, dobbiamo evitare di creare situazioni che ci portino a subire come è capitato a Gubbio. Se ci riusciamo, poi possiamo anche provare a vincere».

Il primo impatto con la società rossoblù come è stato?

«Ho trovato giocatori con dei valori, disponibili ad allenarsi con impegno. Hanno recepito che stiamo lavorando tutti per raggiungere lo stesso obiettivo. Le basi per risalire ci sono». (a.d.p.)

L’intervista completa su «sabato sera» del 14 gennaio.

Convocati Imolese

Portieri. Rossi, Siano. Difensori. Angeli, Carini, Cerretti, Della Giovanna, Ingrosso, Mele, Pilati, Tonetto. Centrocampisti. Alboni, D’Alena, Lombardi, Masala, Morachioli, Provenzano, Torrasi. Attaccanti. Bentivegna, Mattiolo, Piovanello, Polidori, Sabattini, Sall, Ventola.

Nella foto (Isolapress): il tecnico dell’Imolese Pasquale Catalano

Calcio serie C, mister Catalano si racconta tra Imolese e l’amicizia con De Zerbi
Cronaca 15 Gennaio 2021

Coronavirus, Fausto Gresini migliora a piccoli passi: «Il virus lo mette a dura prova, ma la forza di volontà è grande»

Continua, seppur a piccoli passi, il progresso delle condizioni di Fausto Gresini, sempre ricoverato presso il reparto di terapia intensiva dell’ospedale Maggiore di Bologna. A scriverlo, come da alcune settimane, è il Gresini Racing Team. «Le condizioni cliniche generali di Fausto Gresini sono stabili, ma ancora legate al perdurare dell’insufficienza respiratoria che lo lega al supporto con il respiratore – ha commentato il dottor Nicola Cilloni -. È sveglio, molto collaborativo e riesce a fare fisioterapia. La malattia lo mette a dura prova, ma la sua forza di volontà è sempre molto grande». (da.be.)

Nella foto (dalla pagina Facebook personale): Fausto Gresini in uno scatto prima dell’emergenza Coronavirus

Coronavirus, Fausto Gresini migliora a piccoli passi: «Il virus lo mette a dura prova, ma la forza di volontà è grande»
Cronaca 13 Gennaio 2021

Il Ct Cassani consegna la Bianchi del Tour 2000 del «Pirata» comprata all’asta a Tonina Pantani

Lo scorso dicembre la vendita all’asta dei cimeli di Marco Pantani che facevano parte della collezione esposta nel centro direzionale Mercatone Uno a Imola. Il lotto più gettonato è stato il numero 35, la bici Bianchi del Tour de France 2000, venduta per 66 mila euro alla cordata guidata dalla Dc’s Friends del Ct della Nazionale azzurra di ciclismo, Davide Cassani.

Oggi, nel giorno del 51° compleanno del Pirata, come promesso la bici è stata regalata al Museo Pantani di Cesenatico e consegnata direttamente alla mamma Tonina.  «Ho messo insieme una cordata con diversi amici – spiegò il Ct a sabato sera – perché ho ritenuto che quei ricordi non potevano essere divisi dall’immagine di Marco. Un grosso aiuto l’ha dato l’ingegner Carlo Pesenti, amministratore delegato dell’Immobiliare Spa, amico del ciclismo. Il pezzo più pregiato era la bici con cui Marco ha corso il Tour del 2000, quello con la sfida sul Ventoux con Armstrong. Erano lotti appartenuti a Luciano Pezzi e Romano Cenni e cercare di ottenerli è stato anche un atto di rispetto e riconoscenza nei loro confronti, oltre all’affetto verso Marco». (r.cr.)

Nella foto (Isolapress): il Ct della Nazionale Cassani consegna della bici a Tonina Pantani

Il Ct Cassani consegna la Bianchi del Tour 2000 del «Pirata» comprata all’asta a Tonina Pantani
Sport 13 Gennaio 2021

Lo «Sportivo 2020» di «sabato sera» è Marco Selleri con i suoi Mondiali

Marco Selleri è lo «sportivo dell’anno» secondo la giuria di sabato sera. Al termine di un 2020 imprevedibile, l’organizzatore mordanese è stato il più votato dai giornalisti locali per aver saputo riportare a Imola i Mondiali di ciclismo professionisti, 52 anni dopo la vittoria di Adorni nella prova iridata organizzata da Nino Ceroni.

Su «sabato sera» del 14 gennaio le interviste ad alcune delle persone che hanno lavorato a stretto contatto con lui negli ultimi 365 giorni e non solo. Date un’occhiata anche all’albo d’oro del premio istituito dal nostro settimanale e ai voti nome per nome della giuria. (r.s.)

Nella foto (Isolapress): Marco Selleri sul podio iridato insieme a Filippo Ganna

Lo «Sportivo 2020» di «sabato sera» è Marco Selleri con i suoi Mondiali

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast